laRegione
Nuovo abbonamento
Dalla morte di Giulio Cesare al vulcano Okmok (Foto Nasa)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
17 ore
Ascona, tre serate di Jammin’ for New Orleans
Una cinquantina di concerti organizzati da JazzAscona con band ticinesi, svizzere e italiane da giovedì 2 a sabato 4 luglio
Culture
17 ore
Covid-19, da Suisa un aiuto da 1,5 milioni
La società di diritti d'autore ha istituito un fondo per compositori, autori ed editori musicali per compensare le perdite dell'annullamento di eventi
Arte
17 ore
I sei artisti vincitori del Premio culturale Manor 2020
Il riconoscimento a sostegno dei giovani artisti svizzeri è andato anche alla ticinese Marta Margnetti che a novembre esporrà al Masi di Lugano
Spettacoli
18 ore
Da Piazza Grande alla Ssr, il Pardo a casa
Il Locarno film festival porta dodici film, passati negli ultimi anni in Piazza Grande, alla Rsi
Scienze
18 ore
Cern, osservata una nuova particella esotica fatta da 4 quark
La scoperta, che potrebbe aiutare a comprendere la forza che tiene assieme i nuclei degli atomi, effettuata nell'ambito dell'esperimento LHCb
Scienze
1 gior
Seimila anni buttati via
L'aumento accelerato della temperatura media cancella millenni di clima temperato
Scienze
1 gior
Il bosco fa respirare l'Europa
Le foreste concorrono ad assorbire ogni anno 806 milioni di tonnellate di anidride carbonica
Scienze
2 gior
La discriminazione di genere c’è anche dove non si vede
Secondo una ricerca, preconcetti sull'abilità lavorativa delle donne presenti soprattutto in chi pensa che la parità sia stata raggiunta
Spettacoli
2 gior
The show must go on. Nonostante la pandemia
Le difficoltà per il settore degli eventi rimangono, come ci spiega Gabriele Censi: Senza il pubblico il settore degli eventi morirebbe.
Scienze
2 gior
Cina, scoperto un virus potenzialmente pandemico
Studiosi lo hanno identificato ed è simile a quello resonsabile dell'influenza H1N1 che causò vittime e paure nel 2009
Spettacoli
2 gior
Premio d’onore del cinema svizzero per Markus Imhoof
Il regista premiato per “la sua perpetua ricerca dell'umanità, che mescola politica e aneddoti personali”
Scienze
23.06.2020 - 22:400

Come un vulcano ha compromesso il regno d'Egitto

Una gigantesca eruzione vulcanica in Alaska ha modificato il clima, accompagnando una delle transizioni politiche più importanti della storia occidentale

La storia è fatta da uomini e donne: così siamo abituati a pensare al passato tra battaglie, rivoluzioni, invasioni, riforme. Ma c’è un altro modo di leggere la storia, partendo non dagli esseri umani e dalle loro decisioni, ma dal clima: un approccio divenuto popolare con l’interessante saggio di Wolfgang Behringer ‘Storia culturale del clima’ (pubblicato in italiano da Bollati Boringhieri), in cui gli ultimi millenni di *Homo sapiens* vengono ripercorsi riconducendo, pur con qualche forzatura, i grandi eventi ai mutamenti climatici occorsi nella storia. Senza determinismo: l’idea non è che temperatura e umidità da soli costruiscano la storia, ma guardare come le società umane si sono adattate, o hanno cercato di adattarsi, ai cambiamenti climatici. E magari renderci conto di cosa potrebbe portare il riscaldamento globale in corso, ma questo è un altro discorso.

Tornando alla storia climatica e sociale, una nuova ricerca sembra confermare come il legame tra eventi climatici e umani: secondo uno studio pubblicato negli scorsi giorni sui ‘Proceedings of the National Academy of Sciences’ al quale ha anche collaborato l’Oeschger-Zentrum für Klimaforschung dell’Università di Berna, l’eruzione di un vulcano in Alaska avrebbe contribuito alla caduta del Regno tolemaico d’Egitto e al passaggio di Roma da Repubblica a Impero, una tra le più importanti transizioni politiche della storia occidentale.

Il vulcano Okmok, sulle isole Aleutine al largo dell’Alaska, ebbe una grande eruzione nel 43 a.C., l’anno dopo l’assassinio di Giulio Cesare. L’esplosione lasciò un cratere di 10 chilometri di diametro, ma soprattutto proiettò gas sulfurei e ceneri oltre i 30 chilometri di quota: secondo quando ricostruito dal team di ricerca interdisciplinare, goccioline di acido solforico sarebbero rimaste nell’atmosfera per più di due anni, causando un periodo freddo all’interno di quello che gli storici del clima chiamano Optimum climatico, un periodo di tempo mite durato dal Terzo secolo a.C. fino al Quarto secolo dopo Cristo.

Gli studiosi hanno analizzato alcune carote di ghiaccio provenienti dalla Groenlandia e dalla Russia, trovando uno strato ben conservato di cenere vulcanica finissima che ulteriori analisi hanno confermato proveniva dal vulcano Okmok. Ma la ricerca non si è fermato alla geochimica: si è infatti andati alla ricerca di tracce storiche di questo brusco cambiamento climatico. E diverse fonti riferiscono di un freddo insolito – da 3 a 7 gradi di meno – che ha portato a pessimi raccolti, carestie, epidemie e disordini nella regione mediterranea.

In tutta l'Europa meridionale non solo faceva freddo, ma era anche umido; e di conseguenza, i raccolti molto scarsi. Secondo i calcoli dei ricercatori bernesi, le precipitazioni estive sono state tra il 50 e il 120% superiori al normale e in autunno ha addirittura piovuto quattro volte di più del solito.

Le conseguenze dell'eruzione vulcanica per l'Africa orientale sono state ben diverse. Il monsone estivo si è spostato a sud, compromettendo l’annuale inondazione del Nilo in Egitto. Un’iscrizione fa riferimento di importanti carestie, celebrando un governatore locale che è riuscito a trovare cibo per la popolazione affamata nonostante l’assenza della piena del Nilo.

Questa ricerca “ci permette di ripensare la storia antica, in particolare per quanto riguarda l’ambiente e il clima, e di arrivare a una visione dinamica e tridimensionale della società”, ha affermato uno degli autori,
Joe Manning dell’Università di Yale. Aggiungendo che attualmente l’isola di Okmok è abitata da circa 40 persone (e 7’500 bovini): ironico, ha concluso Manning, che proprio un evento avvenuto in una località remota e apparentemente insignificante abbia contribuito a plasmare la storia dell’Occidente.

© Regiopress, All rights reserved