laRegione
Nuovo abbonamento
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
9 ore
Rimandato al 2021 il lancio di Ariane 6
Inizialmente prevista a fine 2020, la messa in orbita del nuovo razzo europeo (progetto al quale collabora anche la Svizzera) slitta a causa del Covid-19
Scienze
11 ore
Meno rischio di declino cognitivo col lavoro d'ufficio
Le professioni da scrivania proteggono di più la mente rispetto a quelle che richiedono sforzo fisico, affermano ricercatori inglesi
Culture
12 ore
Morricone: 'Musicare Jenatsch? No, ma vi ringrazio'
La proposta giunta dai Grigioni mentre componeva Mission. La risposta? 'Una gentilissima lettera autografata dal Maestro, in cui declina l'offerta'
Culture
12 ore
Lac, da sabato in poi l'estate è 'en plein air'
Talk, reading con artisti e autori, concerti di classica e world music. Gratuitamente fino ai primi di settembre. Si apre con la letteratura, l'11 luglio
Video
Locarno 2020
14 ore
I futuri registi studiano al Locarno Kids HomeMade Movies
Videopillole didattiche sul sito del Festival. In cattedra anche Claude Barras. Il corto che vincerà il contest sarà proiettato in sala nel 2021
Spettacoli
19 ore
Usa, l'attrice Naya Rivera sparita nelle acque di un lago
Famosa per la serie "Glee", la 33enne era uscita in barca con il figlio di 4 anni. Si teme possa essere annegata
Cinema all'aperto
1 gior
Chiasso, Proiezione Grande Velocità: la scelta di Marco Müller
Lo storico-critico ha scelto 'The Night of the Hunter' (La morte corre sul fiume) di Charles Laughton. Lo presenterà giovedì 9 luglio, in prima persona
Scienze
21.05.2020 - 20:010
Aggiornamento : 22.05.2020 - 08:45

Arsenico nelle falde, fino a 220 milioni a rischio nel mondo

Il Politecnico di Zurigo ha mappato l'inquinamento nel mondo. Acqua potabile minacciata soprattutto in Asia e in Africa.

Tra 94 e 220 milioni di persone in tutto il mondo utilizzano acqua potabile potenzialmente contaminata da arsenico. È quanto emerge da una proiezione dei rischi globali, la più dettagliata mai sviluppata finora, elaborata dall'Istituto di ricerca sull'acqua del Politecnico federale di Zurigo (Eth).

Il 'modello di rischio' è stato sviluppato dal ricercatore Joel Podgorski dell'Istituto federale per l'approvvigionamento, la depurazione e la protezione delle acque (Eawag), indica oggi l'Eth in una nota. La mappa, che descrive in maniera accurata, dettagliata e su scala globale l'inquinamento da arsenico delle falde freatiche, è stata recentemente pubblicata sulla rivista specializzata 'Science'. L'Eawag è considerato uno degli istituti leader mondiali in questo campo.

Pozzi contaminati

Fermo restando che un terzo della popolazione mondiale ottiene l'acqua potabile e l'acqua per l'irrigazione dalle riserve idriche sotterranee, l'aumento demografico e la generale siccità di superficie stanno aumentando la pressione su questa risorsa. Ma l'Eawag mette in guardia: molti pozzi sono contaminati da arsenico di origine naturale.

Chiunque assuma questa sostanza, chimicamente definita come semimetallo, a lungo rischia danni al fegato, ai reni e al cuore, oltre che il cancro. Molti esperti considerano gli effetti sulla salute di quest'acqua potabile come "il più grande avvelenamento di massa nella storia dell'umanità", precisa la nota.

Anche in Africa

I ricercatori dell'Eawag hanno rilevato concentrazioni di arsenico tossico in Cambogia, Vietnam e nella regione amazzonica. Hanno anche sviluppato mappe regionali del rischio da arsenico per la Cina, il Pakistan e il Sud-Est asiatico. Podgorski e il suo team hanno ora sviluppato un modello di rischio globale.

Secondo i loro calcoli, tra 94 e 220 milioni di persone sono potenzialmente interessate dalla contaminazione da arsenico nell'acqua potabile. Oltre ad alcuni hotspot già noti, come alcune regioni dell'Asia meridionale e sudorientale, sono state identificate anche aree precedentemente sconosciute come il Sahel e altre regioni dell'Africa.

Tuttavia, precisa la nota, i modelli non sono sufficientemente dettagliati per determinare la contaminazione da arsenico dei singoli pozzi d'acqua sotterranea. Le mappe servono piuttosto come base per scoprire dove debbano essere effettuati test mirati sull'arsenico.

© Regiopress, All rights reserved