ULTIME NOTIZIE Culture
L’intervista
2 ore

Ma tu lo sai almeno cosa è uno stupro?

A colloquio con la scrittrice Valentina Mira, ospite di un incontro a Bellinzona dove si è discusso di violenza di genere e del concetto di vittima
Spettacoli
12 ore

Dalla corsa di Dix alla vita di Foer, con la musica di Savoretti

Tre appuntamenti con altrettanti ospiti d’eccezione per Lugano arte e cultura dal 13 al 17 dicembre prossimi, sempre alle 20.30
Arte
13 ore

Tradizione e sperimentazione nelle opere di Mattia Barbieri

L’artista lombardo sarà l’ultimo ospite dei Visarte Talks di quest’anno. L’appuntamento è per il 6 dicembre, dalle 18.30, allo Studio Foce di Lugano
Spettacoli
18 ore

Parigi conta i giorni per la riapertura del Grand Rex

Dopo un restauro durato tre anni torna a splendere lo storico cinema indipendente dalla facciata Art déco fondato l’8 dicembre 1932
Società
23 ore

Clooney, vittima di sessismo: ‘Mi davano schiaffi sul sedere’

L’attore americano sessantenne ha confessato di essere stato ‘oggettificato’ durante le riprese di una sitcom
Illustrazione
1 gior

Cesare Lombroso e la fissa per il cranio

La controversa figura del medico, antropologo e criminologo è raccontata dal volume illustrato di Stefano Bessoni. Ma non è un libro per bambini.
Letteratura
1 gior

Addio allo scrittore francese Dominique Lapierre

Autore del best-seller ‘La città della gioia’, dalla Francia all’India, raccontava gli ultimi. È morto all’età di 91 anni.
Società
1 gior

Gli italiani? Un terzo della vita lo passano online

Trent’anni (su una speranza media di 82 anni) vengono spesi in rete. Lo indica un’indagine del servizio virtuale NordVpn
Spettacoli
1 gior

Sanremo da Giorgia ai Cugini di campagna (avete letto bene)

Oxa, Mengoni, Grignani, Paola e Chiara, Elodie, Madame, Articolo 31, Ultimo. Amadeus annuncia i primi 22: presto altri 6 nomi da Sanremo Giovani.
la recensione
1 gior

Silvio Orlando torna bambino a Parigi-Belleville

L’attore e regista ha portato lo spettacolo tratto dal romanzo di Émile Ajar sul palco del Teatro di Locarno, sabato 3 dicembre. In replica domenica 4.
Libri
1 gior

‘L’autunno in cui tornarono i lupi’, storie di uomini e animali

Mario Ferraguti entra nelle teste di entrambi e dipana pensieri reconditi, elabora cause ed effetti, svela un legame arcaico e complesso.
Società
2 gior

A New York la palma di città più cara al mondo

La Grande Mela soffia il primato (durato un anno) a Tel Aviv, che scivola sul terzo gradino del podio, preceduta anche da Singapore
Società
2 gior

A come... abbronzatissimi. Anzi no: lo dice Tik Tok

Allarme per incidenza record di cancro alla pelle in Australia, e il social network censura sfide e video... roventi
20.04.2020 - 18:58

No, non sarà il futuro a salvare il clima

Dalla fusione nucleare alle pompe di anidride carbonica, una ricerca mette in guardia dalle promesse tecnologiche per contrastare il riscaldamento globale

di Ivo Silvestro
no-non-sara-il-futuro-a-salvare-il-clima

Aspirare l'anidride carbonica dall'atmosfera, pensando di poter addirittura arrivare a delle "emissioni negative" di gas a effetto serra; centrali a fusione nucleare per avere energia pulita; sistemi per "riparare" i ghiacciai che si fondono sempre più velocemente o ancora spargere negli strati superiori dell'atmosfera particelle per riflettere i raggi solari.
Sono alcune delle soluzioni tecnologiche al cambiamento climatico di cui si discute: alcune a confine tra scienza e fantascienza – l'idea delle particelle riflettenti nella stratosfera è ad esempio la premessa di Snowpiercer, film post-apocalittico del regista premio Oscar Bong Joon-ho –, altre in sperimentazione: vicino a Zurigo una start-up legata al politecnico ha un impianto di aspirazione dell'anidride carbonica, senza dimenticare il reattore sperimentale del progetto Iter, in costruzione in Francia.
Innovazione che certamente possono dare il loro contributo al contenimento del riscaldamento globale, così come hanno fatto e continueranno a farlo in futuro tecnologie per migliorare l'efficienza energetica o lo sfruttamento di fonti rinnovabili come l'eolico e il solare. Tuttavia questo "ottimismo tecnologico" può essere controproducente, come scrivono Duncan McLaren e Nils Markusson del Lancaster Environment Centre nel loro articolo 'Why relying on new technology won't save the planet', pubblicato su Nature Climate Change, chiedendo di porre fine al lungo ciclo di annunci di nuove tecniche e conseguenti rimodulazioni degli obiettivi nella lotta ai cambiamenti climatici. "Per quarant'anni, i provvedimenti per il clima sono stati ritardati dalle promesse tecnologiche e le promesse attuali sono ugualmente pericolose. Il nostro lavoro rivela come tali promesse abbiano ingrandito le aspettative per regole più efficaci disponibili in futuro, aprendo a una incessante politica di procrastinazione e interventi inadeguati", hanno commentato i due autori.

McLaren e Markusson hanno ricostruito la storia di questo ottimismo tecnologico, non necessariamente accompagnato da cattive intenzioni, anzi: se certo a qualcuno è convenuto esagerare i possibili miglioramenti futuri per proseguire con politiche scarsamente ecologiche, in molti casi si tratta di valutazioni compiute in buona fede, ma non per questo meno dannose. Ogni nuova promessa tecnologica, da una maggiore efficienza energetica a nuovi sistemi per segregare l'anidride carbonica, ha non solo messo in discussione pratiche già studiate e in parte implementate, ma ha anche contribuito ad abbassare il senso di urgenza della lotta ai mutamenti climatici. Il continuo slittamento delle scadenze per gli obiettivi che la politica si è data nella lotta al riscaldamento globale è lì a mostrarlo.

I due autori hanno identificato cinque fasi nella politica climatica internazionale, cinque periodi nei quali promesse tecnologiche purtroppo non sempre mantenute hanno ridefinito scadenze e obiettivi nella lotta al riscaldamento globale.
La prima fase, indicativamente rappresentata dalla Conferenza sull'ambiente di Rio de Janeiro del 1992, punta alla stabilizzazione della concentrazione di gas a effetto serra, appoggiandosi agli sviluppi nell'efficienza energetica, lo sfruttamento su larga scala di depositi di carbonio e l'energia nucleare. Poi il summit di Kyoto del 1997, incentrato sulle percentuali di emissioni da ridurre, grazie non solo all'efficienza energetica, ma anche all'introduzione di nuovi combustibili maggiormente puliti e alla cattura e sequestro del carbonio. La terza fase identificata da McLaren e Markusson coincide grosso modo con la conferenza delle Nazioni unite sui cambiamenti climatici del 2009 a Copenaghen: gli obiettivi non sono più incentrati sulla riduzione delle emissioni, ma sulla concentrazione nell'atmosfera dei gas serra, il tutto accompagnato dalle promesse sullo sfruttamento energetico delle biomasse. Abbiamo poi, nella quarta fase, i budget di emissioni, da rispettare o compensare "acquistando" tonnellate di anidride carbonica, un sistema che si appoggia a tecnologie con emissioni negative (come le già ricordate pompe ad anidride carbonica). Infine, gli Accordi di Parigi del 2015 con al centro l'incremento delle temperature e le tecnologie mitigare gli effetti di caldo e siccità.

"Riporre le nostre speranze in tecnologie ancora più nuove non è una scelta saggia" concludono i ricercatori, auspicando una soluzione incentrata prima di tutti su cambiamenti culturali, sociali e politici. Solo a quel punto si potrà seriamente pensare a fusione nucleare, sequestro di carbonio, ricrescita dei ghiacciai eccetera.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved