laRegione
Nuovo abbonamento
sfruttare-i-ghiacciai-che-si-sciolgono-la-ricetta-dell-eth
foto ti-Press
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno Film Festival
40 sec
Pardi di domani, detto con una sola parola: 'Internazionali'
Online e in sala, d’oro e d’argento. ‘Meno film, ma non meno belli’. A colloquio con Charlotte Corchète, responsabile del comitato di selezione.
Scienze
52 min
Coronavirus, c'è la 'spia' dei casi gravi. L'immunità? Non dura
Gli interferoni potrebbero essere la chiave per evitare il degenerare dell'infezione. Gli anticorpi, invece, spariscono dopo qualche mese
Culture
3 ore
Vasi Comunicanti: ai confini della realtà (e del Ceresio)
Al via la seconda edizione. Piccoli eventi ripetuti piuttosto che grandi eventi, per creare un'unica, misteriosa e curativa 'Storia di lago' itinerante
Scienze
4 ore
L'infanzia felice protegge il cuore
Un ricerca dell'Università di Bristol conferma che a star bene non ci si ammala
Scienze
4 ore
Il destino segnato dei sistemi planetari
L'intelligenza artificiale è in grado di predire la sorte degli insiemi celesti
Cinema
9 ore
Kelly Preston ha perso la guerra contro il cancro, aveva 57 anni
L'attrice americana e moglie di John Travolta è deceduta a causa del tumore al seno, contro cui lottava da due anni
Spettacoli
11 ore
Lutto nel mondo del cinema: morta Kelly Preston
Moglie di John Travolta, aveva recitato in diversi film di successo, fra cui Jerrx Maguire. Aveva 57 anni
Culture
22 ore
La complessità delle parole dʼodio
Intervista al linguista Federico Faloppa, autore di ʻ#odio. Manuale di resistenza alla violenza delle paroleʼ
Arte
1 gior
Nesto Jacometti editore d'arte alla Casorella di Locarno
Il museo dedica una mostra al lascito di 1500 opere grafiche dell'editore locarnese attivo a Parigi e Ginevra nella prima metà del Novecento
Netflix
2 gior
Quella volta che Lars e Sigrit andarono all'Eurovision
Un 'islandese' Will Ferrell ne ha per tutti, americani inclusi, in una deliziosa parodia-tributo al concorso canoro europeo più kitsch di sempre.
Gallery
Arte
2 gior
Biennale Val Bregaglia, giochi semantici naturali
Artisti misurati con la cultura del luogo e con la sua storia. Gli interventi di Roman Signer, con la grande torre, e Alex Dorici, col pertugio nelle antiche mura
Scienze
14.11.2019 - 08:400

Sfruttare i ghiacciai che si sciolgono, la ricetta dell'ETH

Usare le aree liberate dai ghiacciai come bacini idrici potrebbe aumentare del 13% la produzione di energia idroelettrica

I glaciologi dell’ETH di Zurigo e del WSL hanno analizzato il potenziale mondiale di riserve idriche ed energia idroelettrica che lo scioglimento dei ghiacciai potrebbe offrire in seguito ai cambiamenti climatici.

A causa del riscaldamento globale, nei prossimi decenni la maggior parte dei ghiacciai è destinata a sciogliersi. Con i ghiacciai non si perderanno solo splendide meraviglie della natura, ma anche una funzione fondamentale per il ciclo dell’acqua. Infatti, le masse d’acqua presenti in alta montagna sono importanti riserve che alimentano i grandi sistemi fluviali e aiutano a compensare il deflusso a livello stagionale.
Senza i ghiacciai, nei mesi estivi la portata dei fiumi sarebbe notevolmente ridotta, cosa che in molte regioni avrebbe ripercussioni su disponibilità idrica, gestione energetica e agricoltura. Nel mondo scientifico è quindi già stata discussa l’idea di compensare il calo della funzione di accumulo dei ghiacciai con bacini idrici. 
Un gruppo di glaciologi dell’ETH di Zurigo e dell’Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio WSL riprende ora la discussione sui ghiacci in ritirata: in uno studio pubblicato su Nature, gli scienziati valutano il potenziale mondiale di riserve d’acqua ed energia idraulica fornito dalle aree che in futuro verranno liberate dai ghiacci in ritirata.


Usare le aree liberate dai ghiacciai come bacini idrici

Nel loro studio, il team di ricercatori guidati da Daniel Farinotti, professore di glaciologia presso l’istituto sperimentale di ingegneria idraulica, idrologia e glaciologia (VAW) dell’ETH di Zurigo e presso il WSL, ha analizzato circa 185’000 ghiacciai. Per questi siti, i ricercatori hanno calcolato un potenziale  massimo teorico di 875 chilometri cubi (km3) per il stoccaggio e un potenziale di energia idraulica totale massimo teorico di 1350 terawattora (TWh) all’anno.
«In totale, questo potenziale teorico corrisponde a circa un terzo della produzione attuale di energia idroelettrica in tutto il mondo. Tuttavia, solo una parte di questo potenziale sarebbe effettivamente realizzabile», ammette Farinotti.
Per ottenere una stima più realistica, i ricercatori hanno quindi sottoposto i siti a una prima prova di idoneità. Così facendo, hanno identificato circa il 40 % del potenziale totale teorico  come «possibilmente» idoneo, per un volume di 355 km3 e un potenziale di energia idraulica di 533 TWh all’anno. Quest’ultimo corrisponde a circa il 13 percento della produzione attuale di energia idraulica in tutto il mondo, ossia nove volte il fabbisogno di elettricità della Svizzera.
«Il volume di stoccaggio potenzialmente idoneo sarebbe sufficiente per trattenere circa la metà del deflusso annuale dai bacini di alimentazione presi in esame», afferma Farinotti. Inoltre, assumendo uno scenario climatico  medio, circa tre quarti del potenziale di accumulo potrebbero sgombrarsi dal ghiaccio e diventare disponibili entro il 2050.

Una stima prudente del potenziale

Per la loro analisi, i glaciologi hanno utilizzato un inventario globale dei ghiacciai e sistemato una diga di sbarramento virtuale all’estremità odierna di ciascuno ghiacciaio con una superficie superiore a 50‘000 metri quadrati situato al di fuori della regione subantartica. Quindi hanno ottimizzato le dimensioni dei bacini idrici regolando in modo opportuno l’orientamento e l’altezza delle dighe. Durante questa operazione, hanno anche fatto in modo di non limitarsi a massimizzare il profitto, ma anche di minimizzare l'impatto negativo sul paesaggio. Per calcolare il potenziale volume di stoccaggio dei 185’000 siti considerati, il team è ricorso a modelli altimetrici digitali del terreno subglaciale e a un modello numerico per l’evoluzione futura dei ghiacciai.

(Testo integrale:  www.wsl.ch/it/news/2019/11/bacini-dei-ghiacciai-come-serbatoi-dacqua.html ) 

 

© Regiopress, All rights reserved