(Epfl)
Scienze
17.05.2019 - 08:180
Aggiornamento : 03.06.2019 - 14:23

Epfl, così ti coltivo i talenti

Il Politecnico federale di Losanna lancia una campagna di raccolta fondi per favorire l'arrivo di studenti capaci e dotati

 Cos’hanno in comune il fondatore di Logitech – Daniel Borel – e l'astronauta Claude Nicollier? Entrambi hanno studiato all'EPFL. «I migliori studenti apportano un contribuito decisivo al successo della nostra università: dopo la laurea diventano ricercatori, fondatori di startup e sviluppatori di prodotti straordinari in tutti i continenti», afferma Pierre Vandergheynst, Vicepresidente della didattica presso l'EPFL e Presidente della campagna, sottolineando l'importanza per l'università di disporre di talenti eccezionali. Per offrire le migliori condizioni di studio possibili a questi talenti, la Campagna 50-Fifty dell'EPFL promuove la raccolta di fondi tra aziende, fondazioni e donatori privati, sostenendo quindi gli studenti eccellenti nei tre livelli degli studi universitari di laurea, master e dottorato. Vandergheynst descrive le finalità della campagna come segue: «Le borse di studio consentono agli studenti eccellenti di concentrarsi completamente sui loro studi, garantendo il massimo rendimento a lungo termine nell’EPFL». Gli studenti meritevoli possono richiedere i fondi delle borse di studio in varie fasi. I migliori studenti del corso di laurea riceveranno 10'000 franchi svizzeri. Per il livello del Master, la borsa di studio ammonta a 32.000 franchi svizzeri. Con una nuova formazione aziendale, l’EPFL aiuta per tre anni 30 dottorandi in un progetto pilota di formazione all’imprenditorialità, al management e alla gestione dei progetti. «La coltivazione dei talenti rende i nostri studenti più appetibili nel settore dell'industria e della ricerca», ha affermato Vandergheynst.

Il modello anglosassone come riferimento

Il programma di promozione previsto dalla campagna 50-Fifty finanzia l'EPFL sulla base del modello anglosassone attraverso la raccolta di fondi. «Con i loro contributi, aziende, ex studenti e filantropi forniscono un sostegno mirato agli studenti e alle studentesse e allo stesso tempo contribuiscono a consolidare la fucina di talenti eccezionali forniti dall'EPFL per soddisfare la forte domanda dei giovani talenti. I donatori e le donatrici di ogni tipo possono offrire un contributo diretto, rapido ed efficace», spiega Nathalie Fontana, Direttrice della Filantropia nell'EPFL. Per l'EPFL l'importanza di promuovere in modo mirato i talenti eccezionali è sottolineata da personaggi noti del mondo degli affari e della ricerca che si sono schierati come paladini della campagna: Diane Bernard-Bruls, Déborah Heintze, Thierry Lombard, Philippe Petitpierre e Silvio Napoli. «Avendo studiato io stesso all'EPFL, so che le basi per una carriera si plasmano durante la fase di formazione. Con la campagna 50-Fifty, l’EPFL si dà l’obiettivo di attirare ancora più giovani di talento, offendo loro l’opportunità di sviluppare il loro percorso e, allo stesso tempo, di rafforzare il suo potenziale di scuola di riferimento per le tecnologie del futuro. Questa è la ragione del mio sostegno al programma», ha dichiarato Silvio Napoli, alumno di EPFL e Presidente del Consiglio di amministrazione della Schindler.

Potrebbe interessarti anche
Tags
campagna
talenti
studenti
studio
fondi
vandergheynst
raccolta fondi
laurea
formazione
campagna 50-fifty
© Regiopress, All rights reserved