laRegione
Nuovo abbonamento
si-puo-essere-felici
‘Anche senza essere credenti, quella luce rende felici’ – una vetrata di Alfred Manessier
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
53 min

Cellule cordone ombelicale per curare malattie genetiche

Il sangue del cordone ombelicale è stato usato con successo per guarire 44 bambini con diverse e rare malattie genetiche
Video
Scienze
2 ore

Il sole e i falò: già una scoperta per l'europea Solar Orbiter

La sonda dell'Esa (realizzata assieme alla Nasa) non ha ancora raggiunto la sua orbita definitiva, ma ha già portato alle prime scoperte
Arte
22 ore

Garavee, l'arte di passaggio di Marco Scorti

Inaugurazione al Monte Verità della mostra del giovane artista luganese
Spettacoli
22 ore

Black Lives Matter a Hollywood

L'impegno per un’industria cinematografica più aperta e inclusiva. Di nuovo
Scienze
1 gior

Scoperta una stella che sfreccia contromano nella Via Lattea

Potrebbe essere ciò che resta dell'esplosione di una supernova, la stella dista 1.430 anni luce dalla Terra ed era stata scoperta nel 2015
Scienze
1 gior

Anche il solo suono della parola ‘virus’ aumenta lo stress

Una ricerca pubblicata su Psychological Science, rivela che il suono della parola stessa potrebbe avere l'effetto di aumentare la pressione sanguigna
Culture
1 gior

Il nuovo Finzi Pasca a settembre, 'sorprendente ma accessibile'

'Potrebbe inaugurare la nuova stagione del Lac', ha rivelato l'artista ticinese. 'Rispondiamo alla crisi in modo creativo'
Televisione
1 gior

'Lugano città del futuro', il Consiglio del pubblico critica 'Falò'

L'organo della Corsi: 'Mortificati dibattito, pluralità d'idee e qualità dell'analisi'. Tema 'affidato alla sola voce di un attore economico del settore'
Culture
1 gior

Percento culturale: tra i talenti della danza, una ticinese

Mara Peyer è tra i sei danzatori e danzatrici che si sono divisi gli oltre 86mila franchi assegnati da Migros in un concorso forzatamente online.
Cinema
1 gior

Recitò in 'Novecento': morta Carlotta Barilli

Fu al fianco di Totò e Vittorio Gassman. E di Gerard Depardieu, nel capolavoro di Bertolucci. Assieme a Paolo Bonacelli fondò la Compagnia del Porcospino
Culture
1 gior

Le storie del lago di Lorenzo Sganzini

Da Gandria a Riva San Vitale a Valsolda, itinerari tra arte e storia nel volume 'Passeggiate sul lago di Lugano'
IL RACCONTO
26.08.2019 - 06:200

Si può essere felici?

Si può essere felici con la bellezza, anche se parla delle disgrazie umane: a condizione di non dimenticare le disgrazie

Le cose si trasformano in ricordo appena le fai, s’incagliano nella sabbia come chiglie di battello in questo lago che s’increspa nel pomeriggio di luglio.

Sono a Neuchâtel, la mattina del sei agosto, e la cosa più strana che vedo sono le ciliege a diciotto franchi il chilo, al mercato di Place des Halles. Passo due volte davanti alla bancarella, ma non è un’allucinazione: il prezzo è scritto in rosso col pennarello indelebile. Allora decido di rinunciare. Il venditore con codino mi guarda sorridendo. Sulla bancarella vicina le insalate ricciute sono offerte con grazia, come fossero capigliature di donna.

Si può essere felici a Pontarlier? Sì, a condizione di sostare davanti alle vetrate di Manessier, nella chiesa parrocchiale. Anche senza essere credenti, quella luce rende felici.

Alfred Manessier, artista francese morto nel 1993, amico di Braque e di Bissière, sa comporre forme e colori in modo sempre nuovo come il musicista compone una sinfonia con poche note. È l’arte astratta. Che non è astratta, perché ha a che fare con il concreto delle idee, dei sentimenti, delle cose reali. Oggi, qui, vedo il blu del cielo, il rosso del fuoco, il giallo del grano.

Sono nella Franche Comté, ospite di un amico, sindacalista in pensione, che vive in una casetta isolata visitata dalla volpe. Un ambiente selvaggio, dove ospita un rifugiato del Burundi che passa il tempo a telefonare. Gli fanno compagnia tre cani di cui uno cieco. Un cane che curava le pecore e che, una volta persa la vista, era destinato ad essere abbattuto. Il mio amico Gilbert gli ha salvato la vita e ogni giorno lo porta a correre nelle praterie del Giura: perché anche il cane cieco ha diritto alla felicità.

***

Si può essere felici a Ornans? Sì, a condizione di visitare il Musée Courbet, recentemente rinnovato, e inaugurato in occasione del duecentesimo anniversario della nascita del maestro che ha rivoluzionato la pittura del suo tempo, nato proprio qui a Ornans. Qui si vedono rocce spettacolari, ocra e grige. Si scorge la Loue, imprigionata come un serpente in gole di roccia calcarea. Si vedono brume vaporare dopo i temporali.

Gustave Courbet, dopo il macello della Comune e sette mesi di detenzione in diverse prigioni parigine, nel maggio del 1873 si vide condannato dal tribunale civile della Senna a pagare la ricostruzione dell colonna Vendôme, simbolo della monarchia, abbattuta dai Comunardi. È così che fu costretto all’esilio in Svizzera: o paghi o sei costretto a morire in prigione, oppure a scontare trent’anni di esilio.

Oggi, a Ornans, tutto ruota intorno a Courbet, il maestro europeo del realismo. Visito il museo con Gilbert, l’ex sindacalista, e la sua amica Patricia, una solitaria che fa volontariato in Madagascar. Le opere di Courbet, provenienti dai più prestigiosi musei del mondo, dialogano con quelle di Yan Pei-Ming: la bestia feroce dei nostri giorni convive con la volpe con una zampa nella tagliola, la “Femme nue au chien” nel salotto borghese ottocentesco con la prostituta di Shanghai, il barcone dei disperati d’oggi con la spiaggia idilliaca di Etretat.

Si può essere felici con la bellezza, anche se parla delle disgrazie umane: a condizione di non dimenticare le disgrazie.

***

Ma al ritorno in patria la musica cambia. La felicità raggiunta d’improvviso scompare, come il pallone che fugge dalle mani del bambino nella famosa poesia di Montale. A farla scomparire è uno che mi sta davanti nello scompartimento dell’Intercity, la luce cattiva dei suoi occhi, il suo gesto di disappunto. Ha il fisico del lottatore svizzero, ma non la sua grazia bovina. Un bestione elegante con camicia azzurra, gilet e auricolari all’orecchio. Ora si mette gli occhiali scuri, forse per nascondere la cattiveria. Muto scavalca, urtandole, le gambe della sua vicina di colore. Che sia un membro dell’Unione Democratica di Centro, uno di quelli che odiano gli stranieri?

© Regiopress, All rights reserved