laRegione
Nuovo abbonamento
Hilary Swank (© Dick Thomas Johnson from Tokyo, Japan)
ULTIME NOTIZIE Culture
L'intervista
34 min
Morricone e la morte: 'Consapevole, come tutti i grandi'
L'autonecrologio, 'ulteriore segno di genialità'. Il ricordo di Alessandro De Rosa, con lui a quattro mani in 'Inseguendo quel suono', l'autobiografia
Culture
11 ore
Non devi dimenticare! E non ti dimenticheremo Maestro Morricone
È importante ricordarlo anche per il suo impegno per il mondo, per non far dimenticare il dolore e la bellezza del vivere. Dalla Shoah fino a Genova.
Musica
15 ore
Ennio Morricone, musica delle immagini
Non solo musica giustapposta alle immagini, ma temi e sviluppi la cui sonorità inglobi le immagini. È l’uso metaforico del suono che Morricone ha inventato
Scienze
16 ore
Il campo magnetico terrestre cambia più in fretta del previsto
Simulazioni condotte in Inghilterra gettano nuova luce sulla velocità dei suoi cambiamenti di direzione
Libri
16 ore
'Ragnatele nella...': l'ufficio stampa insulta la blogger
Anche la Gabriele Capelli Editore di Mendrisio prende le distanze dai post sessisti del Taccuino, furioso per una recensione negativa.
Culture
19 ore
Chiasso, il cartellone del Cinema Teatro arriverà a settembre
Il direttore Armando Calvia scrive agli abbonati. Ancora troppe le incognite per molte compagnie teatrali, di danza e agenzie soprattutto italiane
Culture
22 ore
Addio a Ennio Morricone: la sua musica per il cinema
Premio Oscar, autore di alcune tra le più belle colonne sonore, qualche giorno fa era caduto e s'era rotto il femore. Aveva 91 anni. Nel 2018 l'intervista a laRegione
Arte
1 gior
Quando poesia e arte si incrociano e lasciano un segno
Samuele Gabai racconta il suo progetto‘“Quaderni in Ottavo’, con incisioni che si alternano a testi inediti di poeti contemporanei
Arte
1 gior
E il Teatro Sociale di Bellinzona si fa vedere
Lo stabile, monumento storico d'importanza nazionale, apre le porte alle visite gratuite dal 9 luglio al 5 settembre. Un viaggio nelle sue architetture
Culture
1 gior
Claudio Marazzini rieletto alla guida della Crusca
Il linguista è stato nominato presidene dell’accademia per il suo terzo e ultimo mandato che avrà termine nella primavera 2023
Culture
1 gior
Pro Helvetia sostiene 21 autrici e autori
Tra i vincitori delle borse letterarie della fondazione per la cultura, anche i ticinesi Vanni Bianconi, Andrea Fazioli e Giorgio Genetelli
Ritratti
2 gior
Il lungo volo di Biriki
Incontriamo Bruna Ferrazzini e l’uccellino da lei creato: leggero, curioso, contagioso. E libero
Spettacoli
2 gior
Marco Solari: essenziale un Festival in presenza
Locarno 2020 avrà anche delle proiezioni in sala, presentate giovedì. Ma dovrà rinunciare a Piazza Grande e alla Rotonda, “palla al piede necessaria”
Locarno Festival
17.07.2019 - 11:480
Aggiornamento : 18:57

Un Festival 'fuori norma'. Con un Pardo per Hilary Swank

Dalla realtà virtuale al nuovo Premio Utopia che sarà consegnato a enrico ghezzi, le novità di Locarno 72, prima edizione diretta da Lili Hinstin

Locarno72 (anzi #Locarno72 per riprendere l'hashtag ufficiale del pardo) ma quella che si aprirà il prossimo 7 agosto sarà anche Hinstin01 perché – e a scriverlo è la stessa direttrice artistica nella sua introduzione – "tutte le scelte di una prima edizione suonano come un manifesto".

Qualche assaggio lo abbiamo avuto con le consuete anticipazioni; adesso che abbiamo (quasi) tutto il programma – presentato poco fa a Berna e ancora nel pomeriggio a Bellinzona – si può provare a farsi un'idea del “Festival fuori norma” che “si concede grandi rischi ” (citiamo sempre dall'introduzione) aprendosi al nuovo.

La realtà virtuale e l'Utopia di enrico ghezzi

E il nuovo è sicuramente la realtà virtuale alla quale il Festival apre nelle competizioni ufficiali – avremo un film in VR sia nella sezione Moving Ahead, nuovo nome di Signs of Life, sia tra i Pardi di domani dove scopriremo How to Tell A True Immigrant Story di Aggie Ebrahimi Bazaz – e con una rassegna speciale per la quale sette istituzioni sono state invitate a proporre un’opera in realtà virtuale che rispondesse al tema Gender Bender come omaggio al lavoro di John Waters, Pardo d’onore di quest'anno.

E già che parliamo di premi: al già lungo elenco di pardi se ne aggiunge uno nuovo, il Premio Utopia che sarà consegnato a enrico ghezzi (minuscole sue), critico e autore televisivo "che ha realizzato il sogno di Rossellini e Straub di una televisione come strumento democratico e politico per eccellenza" (parole di Lili Hinstin). 

La Piazza Grande di Tarantino e Godard

Dire Locarno film festival vuol ovviamente dire Piazza Grande, anima glamour della manifestazione che la direttrice vuole comunque unire a quelle che definisce "intense visioni d’autore". Così il primo giorno di programmazione ufficiale avremo il corto di Jean-Luc Godard Lettre à Freddy Buache (omaggio al critico da poco scomparso) seguito da Magari, opera prima di Ginevra Elkann.
Sempre in Piazza – qui tutto il programma – troveremo due perle da Cannes: Once Upon a Time... in Hollywood di Quentin Tarantino (il 10 agosto) e Diego Maradona di Asif Kapadia (il 15), poi un thriller psicologico (Instinct, primo film di Halina Reijn con Carice van Houten), un film d’azione claustrofobico (7500, primo film di Patrick Vollrath, con Joseph Gordon-Levitt), un film giudiziario (La Fille au Bracelet di Stéphane Demoustier), una commedia romantica fuori di testa (Notre dame di Valérie Donzelli). Senza dimenticare le sei proiezioni in seconda serata che compongono la nuova rassegna "Crazy Midnight", tra cui troviamo il Cecil B. DeMented del già citato John Waters.

Concorso e giuria

Concorso internazionale ricco e variegato: dal documentario Fi Al-Thawra (During Revolution) di Maya al-Khouri del collettivo Abounaddara al ritorno del grande cineasta Pedro Costa con Vitalina Varela, straziante ritratto politico di una capoverdiana che arriva in Portogallo dopo 25 anni di attesa. Film di grandi autori come Koji FUKADA, Ulrich Köhler, Henner Winckler e Rabah Ameur-Zaïmeche e cineasti già acclamati a livello internazionale (João Nicolau, Damien Manivel, Eloy Enciso, Rúnar Rúnarsson, Yosep Anggi Noen, PARK Jung-bum), fino ai primi film di nuovi registi quali Nadège Trebal, Basil da Cunha, Maura Delpero, Maya Da-Rin, Mina Mileva e Vesela Kazakova.

Il non facile compito di districarsi in questa varietà sarà affidato alla giuria guidata dalla regista e scrittrice francese Catherine Breillat, nota per le sue opere provocatorie quali Romance (1999) e Pornocrazia (Anatomie de l'enfer, 2003).

Un pardo per Hilary Swank

Tra le novità annunciate oggi, il Leopard Club Award che il 9 agosto sarà consegnato a Hilary Swank, interprete di Million Dollar Baby e Boys Don’t Cry per i quali l'attrice ha vinto due Oscar e che saranno proiettati nell'ambito del festival.
Altri premi svelati oggi: il Vision Award Ticinomoda a Claire Atherton e il Premio Cinema Ticino a Fulvio Bernasconi.

Allegati
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved