Salernitana
0
Atalanta
0
2. tempo
(0-0)
Ajoie
4
Ambrì
0
3. tempo
(3-0 : 0-0 : 1-0)
Bienne
3
Davos
0
3. tempo
(0-0 : 2-0 : 1-0)
Zugo
1
Friborgo
1
3. tempo
(1-1 : 0-0 : 0-0)
Langnau
2
Zurigo
6
3. tempo
(0-1 : 1-4 : 1-1)
Lakers
5
Losanna
1
3. tempo
(2-0 : 2-0 : 1-1)
Ginevra
3
Lugano
5
3. tempo
(1-1 : 1-2 : 1-2)
in-piazza-grande-cinquant-anni-dopo
Nel 1971
ULTIME NOTIZIE Culture
Libri
3 ore

Pizzicannella, ‘Rito di passaggio’: niente sarà più come prima

Per i quattro protagonisti, e per l’autore del romanzo Alessio Pizzicannella, al suo esordio letterario per Baldini+Castoldi: l’intervista
Arte
11 ore

Morto lo scrittore e pittore grigionese Jacques Guidon

Nato a Zernez nel 1931, aveva lavorato come insegnante prima di intraprendere diversi viaggi di studio e di lavoro in Europa, Stati Uniti, Messico e Canada
Arte
1 gior

‘Paesaggi a confronto’ a Villa dei Cedri

Dal 18 settembre a Bellinzona, curato da Carole Haensler, l’omaggio alla pittura paesaggistica elvetica dalla seconda metà del XIX secolo alla Prima guerra mondiale
Spettacoli
1 gior

Concerto per l’infanzia, al Fevi c’è Loredana Bertè

Si aggiunge ai grandi nomi del tradizionale appuntamento locarnese. Sabato 18 settembre alle 21, tappa ticinese del ‘Figlia di... Summer Tour’
Culture
1 gior

L’Accademia di architettura secondo Walter Angonese

Il nuovo direttore, entrato in carica al posto di Riccardo Blumer, ha incontrato la stampa per parlare delle sfide che attendono l’istituzione
Culture
1 gior

Il teatro spagnolo piange Alfonso Sastre

Figura intellettuale di lunga traiettoria e caratterizzata dall’impegno politico anti-franchista e di sinistra, si è spento nei Paesi Baschi
Spettacoli
1 gior

Addio a Jane Powell, star di ‘Sette spose per sette fratelli’

Stella hollywoodiana, si è spenta nel Connecticut all’età di 92 anni. Recitò con Fred Astaire in ‘Sua altezza si sposa’
Musica
1 gior

Il Jazz Cat Club ricomincia da De Piscopo-Moroni-Zunino

’Around Pino’ è il concerto in programma lunedì 20 settembre alle 20.30 al Teatro del Gatto di Ascona, dedicato da De Piscopo all’amico fraterno Pino Daniele
Musica
1 gior

Il tour d’addio di Elton John slitta al 2023, Zurigo inclusa

Colpa del dolore persistente all’anca dopo una caduta, per la quale è prevista l’operazione. L’appuntamento all’Hallenstadion è rimandato per il 1° e il 2 luglio 2023
Musica
1 gior

Rod Stewart torna inedito con ‘The Tears of Hercules’

Il singolo ‘One More Time’ è già pubblicato, l’album esce il 12 novembre: ‘Credo che questo sia il mio miglior album in molti anni’, scrive l’artista britannico
Rsi
1 gior

‘Kabul prima del buio’, appunti di viaggio

Tra le pieghe del documentario con Philippe Blanc, che con Roberto Antonini ha raccontato per la Rsi la capitale afghana poco prima del ritorno dei talebani
Culture
2 gior

Paravento autunno-inverno, da Lady Macbeth a ‘Transumanze’

La nuova stagione prende il via sabato 25 settembre con ‘Io, signora di Glamis’. Sabato 2 e domenica 3 ottobre, il Teatro delle Radici
Spettacoli
2 gior

Settimane musicali, due giorni di concerti

Venerdì la pianista bulgara Plamena Mangova con l’Orchestra sinfonica di Basilea, sabato una fiaba musicale per i bambini
Spettacoli
2 gior

Chailly e la Filarmonica della Scala a LuganoMusica

Con loro il ventiseienne Emmanuel Tjeknavorian, violinista austriaco di origine armena
Locarno 74
04.08.2021 - 12:120
Aggiornamento : 15:35

In Piazza Grande, cinquant'anni dopo

Era il 1971 quando il Festival, dopo gli anni del Grand Hôtel, approdava con il progetto di Livio Vacchini in quello che adesso è il suo simbolo e immagine

C’è chi preferisce i film del Concorso internazionale, o i cortometraggi dei Pardi di domani, la Retrospettiva, la Semaine de la critique o – perché no? – gli eventi alla Rotonda ma tutto il pubblico di Locarno riconosce che questo festival dalle tante anime ha al centro Piazza Grande, simbolo e immagine della manifestazione da cinquant’anni. La prima proiezione si è tenuta infatti nel 1971, quando la 24ª edizione si era aperta con ‘Un’anguilla da 300 milioni’ di Salvatore Samperi con Ottavia Piccolo.
Ma il festival di Locarno all’aperto ci è nato: la prima edizione, nel 1946, si tenne infatti nel parco del Grand Hôtel Locarno con uno schermo all’epoca tra i più grandi per questo genere di proiezioni: 8 metri per 7, come riporta Gabriele Neri nell’articolo pubblicato dalla rivista ‘archi’ nel 2018 dedicato a Luoghi e architetture del cinema. Il parco poteva accogliere un migliaio di spettatori e il tutto era stato allestito in tempi molto rapidi dopo che i cittadini luganesi avevano bocciato la realizzazione di un teatro all’interno del Parco Ciani per ospitare la Rassegna internazionale del film. La prima edizione del festival premiò René Clair per il suo ‘Dieci piccoli indiani’ (‘And Then There Were None’) dal romanzo di Agatha Christie, ma quell’anno furono anche proiettati ‘Roma, città aperta’ di Roberto Rossellini e ‘Ivan il Terribile’ di Sergej Ėjzenštejn.
Avanti veloce fino agli anni Sessanta quando sia per questioni economiche – un aumento dell’affitto del parco, dovuto a nuovi progetti da parte del Grand Hôtel – sia per motivi artistici, il festival rinunciò alle proiezioni all’aperto, giudicate poco adeguate per il tipo di film che si voleva proporre. In quegli anni la direzione del festival passò da Vinicio Beretta a Sandro Bianconi, presto affiancato da Freddy Buache, i quali diedero al festival “una sua precisa identità sul piano dei va­lori artistici e culturali, realizzando un programma di opere di giovani registi e di giovani cinematografie nazionali che non fosse pretesto di mondanità e di evasione, ma stimolo per discussio­ni, confronti e occasione d’informazio­ne per il pubblico e gli ambienti cinematografici svizzeri”. Questa citazione viene dalla lettera con cui i due direttori, nell’ottobre del 1970 e dopo aver diretto cinque edizioni del festival, diedero le proprie dimissioni a causa del mancato sostegno politico e “l’indifferenza, l’incom­prensione e l’ostilità dell’opinione pub­blica”. In un’intervista a Guglielmo Volonterio – che più tardi pubblicò un libro sulla storia del festival, ‘Dalle suggestioni del Parco alla grande festa del cinema’, Marsilio 1997 –, Bianconi parlò di “ghetto culturale”: “Il festival è completamente isolato, la popolazione non s’interessa, gli ambienti cinematografici sono assenti, le autorità po­litiche ci danno sussidi minimi, non c’è nessuna collaborazione e nessun intervento”.
La direzione passò a un comitato di sette membri, presieduto dall’avvocato Luciano Giudici che decise per un compromesso: nelle sale cittadine pellicole diciamo più “specialistiche”, mentre quelle per il grande pubblico sarebbe state proiettate all’aperto. Ma dove? Il parco del Grand Hôtel non era più disponibile e si valutarono varie alternative, dallo stadio al Parco della pace.
Alla fine si decise per Piazza Grande, affidando il progetto ai due architetti che stavano studiando il piano di protezione del centro storico, Luigi Snozzi – che per i troppi impegni lasciò l’incarico – e Livio Vacchini. La piazza all’epoca era aperta al traffico ed è interessante leggere, nei giornali dell’epoca, a fianco del programma del film le indicazioni per la circolazione modificata: di fatto il Festival in Piazza Grande è stato un primo esperimento di un nuovo modo di fruire dello spazio pubblico urbano. Di nuovo, il tempo a disposizione era poco: il festival si sarebbe tenuto in agosto e l’incarico venne attribuito a maggio; una fortuna, avrebbe poi riconosciuto Vacchini dal momento “non hanno avuto tempo di criticare”.
Un enorme schermo, largo ben 22 metri, che chiude lo spazio verso il lago, incastonato in una struttura di tubolari metallici, un migliaio di sedie posate liberamente sull’acciottolato e la cabina di proiezione, quasi una navicella spaziale realizzata montando assieme due vasche per piscine.
Negli anni lo schermo è stato ampliato, si sono affrontati altri problemi tecnici, legati in particolare all’audio, si sono valutate soluzioni per coprire la piazza proteggendo gli spettatori dalle intemperie – chi non si è ancora preso una “lavata”, cercando eventualmente riparo nei vicini portici? – e anche sedi alternative, tra cui la Rotonda. Ma dopo cinquant’anni Piazza Grande è ancora lì, con le sedie, la cabina e il grande schermo.

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved