Diritti d'autore

Suisa, nuovo fatturato record nel 2023

Incassati 206,6 milioni di franchi, di cui 176 sono stati distribuiti. È il miglior risultato di sempre dopo il primato fatto registrare nel 2022

Mai così in grande
20 giugno 2024
|

Lo scorso anno Suisa, cooperativa di autori ed editori di musica attiva nella gestione dei diritti d'autore, ha realizzato il miglior fatturato di sempre, dopo un primato già conseguito nel 2022. L'ente ha incassato 206,6 milioni di franchi, di cui 176 sono stati distribuiti, indica una nota ufficiale.

L'attività principale, ovvero la gestione dei diritti d'autore in Svizzera e all'estero, ha generato ricavi per 198,1 milioni (+9,8%), composti in particolare dai diritti di trasmissione (62,7 milioni, -0,3% su base annua), da quelli di esecuzione (57,6 milioni, +22,0%) e dalle attività in rete (47,3 milioni, +13,2%), dati presentati durante l'assemblea generale tenutasi ieri a Berna. Il forte incremento dei diritti di esecuzione, a quasi due anni dalla fine della crisi del coronavirus, si spiega soprattutto con l'aumento nel settore dei concerti, in cui lo scorso anno Suisa ha incassato 27 milioni di franchi (+43,7%). Anche le entrate derivanti dalla diffusione di musica online in Svizzera e all'estero hanno registrato una forte crescita. Il trend può essere ricondotto ai proventi delle offerte di video on demand in Svizzera e a quelli conseguiti dalla filiale Suisa Digital Licensing, responsabile della concessione di licenze delle piattaforme in linea estere.

“Benché negli ultimi anni le emittenti abbiano ampiamente beneficiato dell'aumento degli spot pubblicitari, questo genere di commesse tende sempre più verso la pubblicità in rete, dove è possibile interagire in maniera più mirata con i gruppi che si vogliono raggiungere”. È così che Suisa spiega le entrate pressoché immutate dei diritti di trasmissione. Suisa che grazie agli “eccellenti” risultati di esercizio è stata in grado di versare ad autori e a editori di musica “un importo senza precedenti”: la somma di ripartizione ammonta infatti a 176 milioni di franchi, ossia il 9,8% in più rispetto al 2023. Per 100 franchi incassati dai diritti d'autore, la cooperativa corrisponde a compositori, parolieri ed editori di musica circa 87 franchi, si legge nella nota.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔