laR+ Festate

La balera delle genti

Dopo l’aperitivo di Ul suu in cadrega, a Stabio venerdì e sabato scorsi, ecco Festate: il Festival di culture e musiche del mondo di Chiasso torna, questa sera e domani, con il palco principale, e quello ScenaOff, in piazza colonnello Bernasconi, con il contorno di postazioni delle Ong, proposte gastronomiche, gli appuntamenti della Giornata del rifugiato e il mercatino lungo Corso San Gottardo.

Sotto il titolo di “La balera delle genti”, si parte con Kt Gorique: già Premio svizzero della cultura e slammer dalla cadenza incisiva, è una delle stelle più luminose del firmamento musicale elvetico. Il suo hip hop unisce la matrice africana con il sound metropolitano in un genere che lei stessa definisce “future roots”. Un piede nel passato e uno nel futuro lo hanno anche gli Extraliscio, dal mix capace di lanciare il punk nelle balere: la musica che ha fatto ballare intere generazioni incontra le chitarre, l’elettronica e il rock. Dalle Antille francesi, via Lione, arrivano i Dowdelin, miscela di dancehall, R&B e ritmi gwoka. Gran finale poi con la diva della musica maliana Omou Sangaré: da decenni una delle artiste più rispettate della scena world internazionale, Omou canta in difesa dei diritti delle donne e dei popoli.

Ricco e all’insegna di afro, rap, ska e reggae, anche il programma di ScenaOff, che farà da controcanto ai concerti in piazza, con il consueto abbinamento band e dj.