ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
11 ore

Poi appare Paolina Bonaparte. E noi ci perdiamo con lei.

Tra le opere di Galleria Borghese per la mostra ‘Meraviglia senza tempo. Pittura su pietra a Roma tra Cinquecento e Seicento’, e la meraviglia del Canova.
Spettacoli
11 ore

È San Valentino anche a teatro, ecco gli eventi al Foce

Dall’omaggio a Gaber ai balli caraibici, dagli spettacoli sulle e con le donne alla Riviera adriatica in foto
Culture
12 ore

‘Leggere Lolita a Teheran’, voce (e sostegno) alle donne

Al Lac una riflessione sulla situazione in Medioriente con brani dal libro di Azar Nafisi; ma anche la danza de ‘Gli anni’ con Marta Ciappina
Sanremo
13 ore

Un altro Sanremo dei record (scuse di Blanco incluse)

Giorno due, conferenza tre. Davanti ai numeri ci sono tutti ‘più’. Il sindaco di Sanremo: ‘Non si è mai parlato tanto di fiori come quest’anno’
musec
13 ore

La rivoluzione occidentale dell’arte agli antipodi

A Villa Malpensata, dal 10 febbraio al 1° ottobre, è esposta una settantina di capolavori d’arte dei Mari del Sud, opere della Collezione Brignoni
Culture
14 ore

‘Di alberi e di guerra’ agli ‘Eventi letterari’ del Monte Verità

A inaugurare l’undicesima edizione del festival (30 marzo-2 aprile) sarà l’incontro con Giuliano da Empoli, autore de ‘Il mago del Cremlino’
Spettacoli
15 ore

La solitudine di Ulisse e la cecità umana

Stasera al Lac si replica lo spettacolo di Lina Prosa diretto da Carmelo Rifici. Ottima prova degli interpreti, notevoli le musiche di Zeno Gabaglio.
Sogno o son Festival
16 ore

Giorgia e Sanremo, parole dette bene

Dal 1993 a oggi, ogni sua apparizione all’Ariston è degna di essere ricordata: ‘Torno per rimettermi in gioco, anche se non ho mai smesso di farlo’
Sogno o son Festival
18 ore

Sanremo s’è desta, Blanco devasta

Prima serata, la lezione di educazione civica di Benigni, quella di diseducazione del rapper (?), che rende meno bella la Festa della Repubblica
Sogno o son Festival
22 ore

Sanremo, comanda Mengoni (le pagelle, prima serata)

Nella notte della Repubblica, alla fine della gara, ‘Due vite’ è in testa, Elodie è seconda, Anna Oxa ultima. I voti e la classifica generale
Osi al Lac
laR
 
27.11.2022 - 15:32
Aggiornamento: 17:32

Con Mahler nella modernità

L’Orchestra della Svizzera italiana, Markus Poschner e il baritono Christian Gerhaher, solista: cronaca di un giovedì stupefacente

di Enrico Colombo
con-mahler-nella-modernita
© OSI / L. Sangiorgi
Poschner (sx) e Gerhaher

Un programma esteso dagli anni Ottanta dell’Ottocento agli anni Trenta del Novecento nel concerto dell’Orchestra della Svizzera italiana diretta da Markus Poschner con solista il baritono Christian Gerhaher.

‘Blumine’ (1884), tempo di una sinfonia e otto Lieder della raccolta ‘Des Knaben Wunderhorn’ (1888-1901) di Gustav Mahler (1860-1911), la Sinfonia ‘Mathis der Maler’ (1934) di Paul Hindemith (1895-1963).

‘Blumine’, che si traduce "raccolta di fiori", è un andante, secondo tempo di un poema sinfonico in cinque tempi, scorporato da Mahler, quando trasformò il poema sinfonico nella sua prima sinfonia dall’organico gigante. Sono dieci minuti di musica risparmiati da questo gigantismo, certamente una introduzione appropriata ai programmi sinfonici anche per orchestre dall’organico quasi cameristico come la nostra, che giovedì, leggermente squilibrata all’inizio con i fiati che prevaricavano gli archi, guidata dall’eccellente tromba solista ha occupato progressivamente lo spazio sonoro ed è giunta in equilibrio perfetto alle note finali pizzicate dall’arpa.

I Lieder eseguiti sono stati: ‘Der Schildwache Nachtlied’, ‘Wer hat dies Liedlein erdacht?’, ‘Rheinlegendchen’, ‘Das irdische Leben’, ‘Wo die schönen Trompeten blasen’, ‘Revelge’, ‘Der Tamboursg’sell’, ‘Urlicht’. Nel bel programma di sala, sotto il titolo ‘Con Mahler nella modernità’, Christian Gerhaher scrive che in queste opere il compositore "esprime nel modo più drastico e compiuto le sue convinzioni umanistiche". Penso allora a Theodor W. Adorno che scrisse: "Qui Mahler trasse dalla sua nevrosi la forza di un’espressione la cui serietà superò ogni limitazione estetica". È intrigante pensare a testi elaborati all’inizio dell’Ottocento dagli scrittori Achim von Arnim e Clemens Brentano, rivestiti da una musica che si proietta nel Novecento. È stato affascinante vivere l’esecuzione di giovedì. Solo i veterani delle sale da concerto che hanno conosciuto Dieter Fischer-Dieskau o Thomas Quasthoff hanno già ascoltato dal vivo interpreti di Lieder dello stesso livello di Christian Gerhaher. E ci ha inorgoglito la constatazione che il direttore e l’orchestra erano assolutamente al suo livello. L’esecuzione degli otto Lieder è durata cinquanta minuti in una sala calata in un silenzio assordante e, quando si è spenta l’ultima nota Poschner con la mano destra alzata ha prolungato il silenzio per forse un minuto.

"Mathis der Maler" è Matthias Grünewald l’autore intorno al 1515 del Polittico di Isenheim, custodito adesso nel museo di Colmar. È il titolo di un’opera alla quale lavora Paul Hindemith, quando sta per essere travolto dall’avvento del nazismo, che lo costringerà a lasciare la Germania. L’opera avrà infatti la sua prima esecuzione allo Stadttheater di Zurigo. Riuscirà invece ad avere ancora una prima esecuzione a Berlino diretta da Wilhelm Furtwängler la Sinfonia estratta dall’opera, che è piuttosto una Suite in tre tempi ispirati a tre pannelli del polittico: ‘Concerto degli Angeli’, ‘Deposizione’ e ‘La tentazione di Sant’Antonio’.

Markus Poschner e l’Orchestra della Svizzera italiana ne hanno dato un’interpretazione stupefacente, con contrasti dinamici, scelte ritmiche, colori timbrici originali e curatissimi, che hanno lasciato gli ascoltatori esterrefatti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved