ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
11 ore

Giove fa il record di lune: altre 12 scoperte, ora sono 92

Il grande pianeta strappa il primato a Saturno che ne ha 83. I nuovi satelliti hanno un diametro compreso fra 1 e 3 chilometri
Culture
14 ore

A Bologna come a Pompei, anzi meglio

Una grande mostra al Museo di archeologia dedicata alla pittura romana, dalla ‘più grande pinacoteca dell’antichità al mondo’
Società
16 ore

Diabolik, Eva Kant compie 60 anni

L’esordio dell’affascinante compagna del protagonista nel terzo numero del fumetto nel ’53. La Zecca italiana emetterà una moneta da collezione
Microcosmi/Microcinema
17 ore

Cinelario. Esserci, è la parola.

A Menaggio, la sala animata da ‘cineD’AUTORE’ è un valore per una comunità piuttosto povera di iniziative culturali, uno spazio per creare relazioni
La recensione
19 ore

Accorsi e Finzi Pasca, gioie e dolori del calcio

Sala Teatro piena, giovedì sera al Lac, per la prima luganese di ‘Azul’
Culture
23 ore

La tensione verso l’infinito del testardo Anton Bruckner

A colloquio col Maestro Francesco Angelico, che dirigerà l’Ottava sinfonia del compositore austriaco con l’Orchestra sinfonica del Conservatorio di Lugano
Spettacoli
1 gior

È morto l’attore Sergio Solli, un pezzo di storia napoletana

Volto popolare di teatro e cinema, il parrucchiere partenopeo ha lavorato con diversi registi, da Eduardo De Filippo a Luciano De Crescenzo
Scienze
1 gior

La Terra ha un suo sosia. Si chiama Wolf 1069 b

Il pianeta, scoperto grazie al progetto Carmenes (attivo dal 2016) dista 31 anni luce dal nostro e verosimilmente potrebbe essere abitabile
Culture
1 gior

Addio a Paco Rabanne

Lo stilista spagnolo è morto all’età di 88 anni a Portsall, in Francia. Era ribelle e provocatorio.
conferenza
1 gior

I cambiamenti del clima fra percezione e scioperi

La Biblioteca cantonale di Bellinzona ospita un incontro del ciclo ‘La memoria e i ghiacci’, martedì 7 febbraio, alle 18.30
Scienze
1 gior

Chi mangia in modo sano spreca meno cibo

Donne, anziani e famiglie con due componenti i più inclini a seguire le linee guida per un’alimentazione corretta
arbedo
1 gior

‘Spazio Tempo’ opere di Natalia

In mostra all’Atelier Attila di Arbedo le opere della pittrice Mengoni David, visitabile da sabato 4 a domenica 19 febbraio 2023
Musica
1 gior

‘On&On’ di Iris Moné, la tristezza può diventare oro

La cantautrice ticinese, che vive a San Diego, è tornata in Ticino per stare vicino alla madre. Dagli ultimi giorni insieme a lei è nata una canzone
Spettacoli
1 gior

‘Figli di E.’, un dono e un vuoto grandi come solo l’amore

Domenica a ‘Storie’ il percorso di Marta e Tazio dopo la tragica scomparsa del papà Erminio Ferrari, in un toccante documentario di Fabrizio Albertini
Musica
2 gior

A Carlo, il Conservatorio in Festival

È una lunga dedica al Ciceri che non c’è più la seconda edizione dell’evento, dal 6 al 12 febbraio tra aule, Lac e altre sale da concerto cittadine
Lac
2 gior

Ulisse Artico solo fra i ghiacci

Lina Prosa reinterpreta gesta e peripezie del mito classico in un futuro apocalittico. Ne abbiamo parlato con Carmelo Rifici, nel ruolo di regista
Musica
2 gior

Bruno Maderna torna a casa con il suo ‘Satyricon’

Al Teatro Malibran di Venezia, un lavoro musicalmente perfetto, ben guidato da Alessandro Cappelletto. Non così lo spettacolo in generale.
Spettacoli
2 gior

Ornella Vanoni ha la febbre, salta il concerto di Lugano

Attesa il 3 febbraio al Palacongressi, la tappa luganese del tour ‘Le Donne e la musica 2023’ non ci sarà. I biglietti saranno rimborsati.
Spettacoli
2 gior

Israel Galván, il flamenco dell’Età dell’Oro

‘La Edad de Oro’ sabato 11 febbraio alle 20.30 al Lac, il grande bailador nel recupero di un’arte nel pieno del suo fulgore, qui infusa di modernità
Arte
2 gior

Gran Premio svizzero d’arte/Prix Meret Oppenheim, i vincitori

Premiati l’artista Uriel Orlow, il collettivo di architetti Parity Group e lo storico d’arte ed esperto di architettura Stanislaus von Moos
Spettacoli
2 gior

Locarno chiama, Peter Maffay risponde presente

Al rocker tedesco l’onore (e l’onere) di aprire l’edizione 2023 di Moon&Stars. Salirà sul palco di Piazza Grande giovedì 13 luglio
L'intervista
laR
 
09.11.2022 - 07:54
Aggiornamento: 18:06

L’esplosivo Krzysztof Urbański

Nuovo direttore ospite principale dell’Osi, domani al Lac: ‘L’Eroica non fu scritta con penna e inchiostro, ma con la dinamite’

l-esplosivo-krzysztof-urba-ski
Marco Borggreve
In programma la Sinfonia n.3 di Ludwig van Beethoven e il Secondo concerto per pianoforte di Fryderyk Chopin, in replica domenica alla Tonhalle di Zurigo

«È la composizione più scioccante di sempre. Dimentichiamoci per un attimo di tutto quello che è venuto dopo, e immaginiamoci nella sera in cui debuttò: nel 1804, il pubblico non poteva conoscere Brahms e Chaikovski, che nemmeno erano nati; immaginiamo di vivere in un mondo in cui esistono soltanto Haydn, Mozart, qualche altro compositore meno importante e nient’altro; immaginiamo di entrare in questa sala, probabilmente vestiti in modo elegante, parte di quell’élite cui era data la possibilità di assistere a un’anteprima così importante; e ci si immagini il sentire questa cosa…». Krzysztof Urbański si alza, e sul pianoforte verticale nel camerino della Rsi dedicato ai direttori d’orchestra deposita con la forza del defunto Jerry Lee Lewis, più che con quella di un pianista classico, grandiose dissonanze. «L’Eroica non fu scritta con penna e inchiostro, ma con la dinamite. Dopo avere sentito una cosa così, sono certo che tutti abbiano pensato che Beethoven fosse un folle…».

Krzysztof Urbański è il nuovo direttore ospite principale dell’Orchestra della Svizzera italiana. Per ‘Osi al Lac’ di domani, giovedì 10 novembre, il 40enne polacco si confronta con la Sinfonia Eroica di Ludwig van Beethoven e con il Secondo concerto per pianoforte di Fryderyk Chopin, avendo come solista il pianista americano Garrick Ohlsson. «Dopo l’Università della Musica Fryderyk Chopin di Varsavia divenni assistente al direttore d’orchestra; al primo che si ammalò, venne per me l’occasione di dirigere per la prima volta un’orchestra di professionisti: il solista fu Garrick Ohlsson. Lo fu anche per il mio primo concerto al di fuori della Polonia, a Gothenburg in Svezia, e per il mio primo con la Indianapolis Symphony Orchestra. Per questa occasione, chi altri avrei potuto chiamare?...

Krzysztof Urbański, dirigere non è stata la sua prima scelta: le andrebbe di ricordarci i suoi tentativi come chitarrista?

Suonare la chitarra non era esattamente un’aspirazione. Volevo studiare musica e non avevo nessun musicista in famiglia. In casa tutti mi dicevano "suona la chitarra, è un bellissimo strumento", così tentai d’iscrivermi alla scuola di musica scegliendo quello strumento, ma non passai l’esame di ammissione. Il mio vicino di casa, che già frequentava quella scuola, mi segnalò un posto vacante nella classe di corno; mi dissi che avrei potuto provarci, e che una volta dentro sarei potuto passare dal corno alla chitarra. Ma del corno francese alla fine m’innamorai, studiandolo per tanti anni prima di dedicarmi alla direzione.

Nemmeno i suoi gusti musicali, agli inizi, erano prettamente classici: se le dico ‘New Kids on The Block’?

(Ride, ndr) È la band della mia infanzia. In Polonia, negli anni 90, c’era anche il loro cartone animato. Fu la prima boy band, poi sarebbero arrivati i Take That e i Backstreet Boys. Avevo dieci, undici anni, cosa avrei potuto ascoltare se non ‘Step By Step’, ‘Tonight’…

Poi arrivò Michael Jackson…

Sì, poi mi rapì Michael Jackson. È buffo, sono partito dal pop per poi scoprire la musica classica. Forse si deve al fatto che, mi ripeto, nella mia intera, numerosa famiglia non c’era un solo musicista che potesse dirmi nulla sulla musica classica, tanto che quando scoprii Beethoven pensai che sarei morto di felicità.

Come lo scoprì, Beethoven?

Per puro caso. Alla fine del primo anno come studente di corno, quale premio per i miei buoni risultati mi fu regalata la musicassetta di ‘Immortal Beloved’, colonna sonora di un bellissimo film su Beethoven per il quale misero insieme alcune parti della sua musica. La ascoltai per due anni almeno. Ricordo che a quel tempo, non avendo alcun archivio in casa, registravo la musica dalla radio. Un giorno, anche qui per puro caso, registrai i primi cinque minuti del Don Juan di Richard Strauss, poi la cassetta finì; nessuno alla radio aveva annunciato la composizione, dunque non sapevo di cosa si trattasse; andai a scuola e chiesi all’insegnante di storia della musica. Fu così che scoprii Richard Strauss. In quei giorni comperai anche il mio primo lettore cd e iniziai a spendere tutto quello che avevo in cd: scoprii Stravinskij, ‘La sagra della primavera’ fu una religione per me, e tutta la mia attenzione si spostò sulla musica classica, nella quale trovai un universo di colori, di sapori che nemmeno sapevo esistessero. Dopo avere scoperto Beethoven e Strauss, tutta la mia attenzione si concentrò sull’orchestra, la cosa migliore al mondo. Ironia della sorte, dopo tanti anni di totale devozione alla musica classica, durante la pandemia sono tornato al pop e ora ascolto solo quello. La classica la ascolto quando lavoro, perché voglio dividere la mia vita professionale da quella personale. Credo sia più ‘igienico’ per il mio stato mentale trovare un buon balance, e il pop raggiunge livelli altissimi, ha geni assoluti.

Un nome?

Billie Eilish, la sua creatività è sbalorditiva.

Con l’annuncio del suo arrivo, la mente di molti è andata a ‘Star Wars’. Il Lac non ha dimenticato il suo omaggio a John Williams. In quell’occasione, lei disse che arriverà il giorno in cui Williams verrà affiancato a qualunque altro compositore classico…

C’è qualcuno su questa terra che non riconosce la musica di ‘Star Wars’? Basta un minuto, bastano un paio di battute, dall’Europa al Giappone, fino all’Artico, ammesso che lì vi sia qualcuno al quale chiedere... Ricordo il mio primo ascolto di quella colonna sonora: ogni volta che sento dire che John Williams è ‘solo’ musica da film, credo che potrei uccidere. È, ovviamente, una battuta. Auguro a Williams di vivere altri duecento anni almeno e di scrivere tanto altro, ma al momento è un 90enne e, inevitabilmente, un giorno smetterà di scrivere musica. Quel giorno la sua opera acquisirà ancor più valore. La annoverano nel pop, ma i due album con le filarmoniche di Berlino e Vienna, entrambi registrati per la Deutsche Grammophon, sono un segnale per il mondo intero della certezza di trovarci di fronte a un genio.

A soli quarant’anni, lei ha diretto orchestre sinfoniche in tutto il mondo: cosa porta con sé da quelle esperienze?

Di ognuna di queste orchestre amo qualcosa. La professionalità dei musicisti giapponesi, per esempio, la sinfonica di Tokio è tecnicamente impeccabile, silenziosa, a volte troppo. Diversa è quella statunitense, assolutamente professionale ma dai tempi di prova limitati, cosa che rende difficile creare legami. In Germania, invece, sono ‘viziati’ perché dispongono di tanto tempo per provare: magari la prima può essere un disastro, ma la seconda prova è già la perfezione. Dovessi creare l’orchestra dei miei sogni, si tratterebbe di raccogliere le cose migliori di tutte quelle dirette, ed è impossibile. Scegliendo troppa professionalità e tranquillità, e disciplina, probabilmente perderei l’interazione umana, comunque necessaria. Ecco, a questo proposito definirei l’Osi un blend di differenti virtù, dalle giuste proporzioni. I suoi musicisti mi danno gioia, suonano splendidamente, il loro approccio è superprofessionale, ma allo stesso tempo sono mentalmente aperti. È molto facile spiegare loro quello che chiedo, a volte nemmeno devo farlo, lo sanno già. Amo essere qui, sento davvero di essere a casa. E non per la vicinanza con Varsavia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved