ULTIME NOTIZIE Culture
Microcosmi/Microcinema
2 ore

Il cinema, la Valle, la Finlandia

Storie di architettura al Cine-Teatro Blenio, dove s’incontrano Giampiero Cima, Alvar Aalto e Aki Kaurismaki
Spettacoli
4 ore

Per i Guns N’ Roses solo rose, niente pistole

La popolare band fa causa a un negozio di armi online reo, a suo dire, di averne plagiato il nome
Musica
14 ore

Glastonbury per l’addio di Elton John in Gran Bretagna

Sir Elton ha scelto la kermesse estiva come ultima tappa britannica del suo Farewell Yellow Brick Road
Culture
15 ore

‘Orizzonti filosofici’, è la volta di Eugenio Lecaldano

Martedì 6 dicembre alle 20 al Centro Leoni a Riazzino, il noto filosofo italiano tratterà la concezione dell’identità personale secondo David Hume
Culture
17 ore

Addio a Vittorio Barino

Regista di teatro e di televisione, legato tanto al dialetto quanto alla lingua italiana, è morto all’età di 87 anni. Il ricordo di Flavio Sala
Spettacoli
19 ore

Lugano applaude Umberto Tozzi, una canzone è per sempre

Tutte le strade portano sempre a ‘Gloria’, alla quale il ‘Gloria Forever Tour’ è dedicato: canti di gruppo e, alla fine, Palacongressi in piedi
Culture
21 ore

‘Musica come cura’, ultimo appuntamento

‘Musica e coesione sociale’ è il titolo dell’incontro conclusivo, lunedì 5 dicembre alle 18 al Campus Est dell’Usi a Lugano
Scienze
23 ore

Ecco cosa causa le eruzioni esplosive di Etna e Stromboli

I due vulcani, generalmente di tipo effusivo, a volte manifestano eventi esplosivi a causa di nanocristalli che rendono il magma denso e causano bolle
Spettacoli
23 ore

Un premio ‘negativo’ per l’emiro del Qatar

Il festival dell’umorismo di Arosa ha assegnato il ‘Pupazzo di neve dell’anno 2022’ a Tamim bin Hamad Al Thani per il suo disprezzo per i diritti umani
Spettacoli
1 gior

È morto Brad William Henke, star di ‘Orange Is the New Black’

L’attore è morto nel sonno a 56 anni per cause ancora non rese note. Suo il ruolo dell’agente Piscatella nella serie Netflix e quello di Bram in ‘Lost’
Spettacoli
1 gior

La battaglia di Arbedo tra donne e Cabaret

Mercoledì al Sociale PonteatriAmo rivisita lo scontro di 600 anni fa tra milanesi e confederati, sul copione inconfondibile di Renato Agostinetti
laR
 
29.09.2022 - 21:16

Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini

L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio

di Giovanni Medolago
come-sta-la-terra-chiedilo-a-marco-paolini
Ieri, mercoledì 28 settembre, al Campus Supsi di Mendrisio, con Michela Daghini

La Supsi raggiunge 25 anni di attività costellati da un crescente successo: i 244 studenti del debutto sono diventati oggi quasi seimila! Tra le varie iniziative proposte per sottolineare l’evento, spicca ‘Emergenza Terra’, un ciclo di conferenze che ha preso il via mercoledì scorso, quando nella sede di Mendrisio è arrivato l’attore/attivista Marco Paolini per cercare qualche risposta agli interrogativi – ispirati dal grande Immanuel Kant – "Cosa debbo sapere? Cosa posso fare? Cosa posso sperare?". Il drammaturgo, regista e scrittore bellunese (classe 1956) ha esordito a sua volta con una domanda: "Che ci faccio io, qui, in un’università?". È stata una delle poche battute di Paolini, il quale ci ha sì abituati al suo modo di raccontare ben nutrito dall’ironia e che però si è fatto serio, molto serio affrontando la vexata quaestio del cambiamento climatico.

Benedetta Primavera (silenziosa)

Accompagnato sul palco dalla giornalista radiofonica Michela Daghini, ha ricordato un aspetto della protesta dei ‘gilets jaunes’ francesi forse sottovalutata dai media: "In campagna elettorale si scagliarono contro l’inerzia del governo uscente e, facili profeti, anche di quello entrante. Denunciavano anche il fatto che spostare nel tempo il problema, senza un accenno di soluzione, è criminogeno". Anche i media sono finiti nel suo mirino: "Le piogge acide ormai non fanno più notizia, non ci sono più nei sommari dei Tg". L’ecologia? "È un collante tra tante discipline che, presa una per una, non riescono a cavare che pochi ragni dal buco. Ma rimane un neologismo che molte volte decliniamo male, suffragando tuttavia l’idea che siamo parecchio in ritardo".

Dopo un plauso a Papa Francesco per la sua enciclica ‘Laudato si’’ che riecheggia la preghiera del suo santo omologo di Assisi e dove denuncia la stretta connessione tra crisi ambientale e crisi sociale, Paolini ha ricordato la figura e l’opera di Rachel Carson, cui va il merito d’aver lanciato il movimento ambientalista con il long seller ‘Primavera silenziosa’. Silenziosa perché, già in quel lontano 1962, cominciavano a sparire tordi, merli e fringuelli. Ammoniva quasi poeticamente la biologa/zoologa statunitense: "Più riusciremo a focalizzare la nostra attenzione sulle meraviglie e le realtà dell’universo, meno dovremmo trovare gusto nel distruggerlo!". Con l’aiuto del Presidente JFK riuscì a ottenere la messa al bando del famigerato Ddt, prodotto chimico che prometteva miracoli prima che venissero alla luce i suoi nefasti effetti collaterali.

Sardine

"Per un attore – ha poi confessato Paolini – è quasi imbarazzante dover correre in aiuto agli scienziati. La mia arma è il teatro, con cui cerco di evidenziare quelle ‘trappole evolutive’ che inducono il pubblico, dinnanzi a dati eloquenti, a pensare sì, vabbè, ma chi se ne frega!". Attenzione anche alla cosiddetta "maledizione del consumatore", con l’industria che offre prodotti altamente inquinanti per poi concludere… ma sei tu che li compri! L’industria è altresì abilissima nel ricorrere al ‘greenwashing’, che sovente ha il sapore amaro della bugia, della verità nascosta sotto una coltre di polvere soffiata negli occhi: il mio prodotto rispetta l’ambiente, si rassicura. Poi vai a vedere da vicino (occhio alle etichette e ai foglietti illustrativi!) e ti accorgi che, guarda caso, c’è qualche componente dannosa.

Paolini ha infine sottolineato l’importanza di un disegno comune: "Magari non imboccheremo subito la strada giusta, ma dobbiamo muoverci". Però non poteva congedarsi se non con una battuta: "Ormai anche le sardine sono Prozac-dipendenti: vanno spavaldamente verso gli squali provocandoli con frasi tipo dài, fatti sotto… fammi vedere chi sei!".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved