ULTIME NOTIZIE Culture
Microcosmi/Microcinema
3 ore

Il cinema, la Valle, la Finlandia

Storie di architettura al Cine-Teatro Blenio, dove s’incontrano Giampiero Cima, Alvar Aalto e Aki Kaurismaki
Spettacoli
5 ore

Per i Guns N’ Roses solo rose, niente pistole

La popolare band fa causa a un negozio di armi online reo, a suo dire, di averne plagiato il nome
Musica
14 ore

Glastonbury per l’addio di Elton John in Gran Bretagna

Sir Elton ha scelto la kermesse estiva come ultima tappa britannica del suo Farewell Yellow Brick Road
Culture
15 ore

‘Orizzonti filosofici’, è la volta di Eugenio Lecaldano

Martedì 6 dicembre alle 20 al Centro Leoni a Riazzino, il noto filosofo italiano tratterà la concezione dell’identità personale secondo David Hume
Culture
17 ore

Addio a Vittorio Barino

Regista di teatro e di televisione, legato tanto al dialetto quanto alla lingua italiana, è morto all’età di 87 anni. Il ricordo di Flavio Sala
Spettacoli
19 ore

Lugano applaude Umberto Tozzi, una canzone è per sempre

Tutte le strade portano sempre a ‘Gloria’, alla quale il ‘Gloria Forever Tour’ è dedicato: canti di gruppo e, alla fine, Palacongressi in piedi
Culture
21 ore

‘Musica come cura’, ultimo appuntamento

‘Musica e coesione sociale’ è il titolo dell’incontro conclusivo, lunedì 5 dicembre alle 18 al Campus Est dell’Usi a Lugano
Scienze
1 gior

Ecco cosa causa le eruzioni esplosive di Etna e Stromboli

I due vulcani, generalmente di tipo effusivo, a volte manifestano eventi esplosivi a causa di nanocristalli che rendono il magma denso e causano bolle
Spettacoli
1 gior

Un premio ‘negativo’ per l’emiro del Qatar

Il festival dell’umorismo di Arosa ha assegnato il ‘Pupazzo di neve dell’anno 2022’ a Tamim bin Hamad Al Thani per il suo disprezzo per i diritti umani
Spettacoli
1 gior

È morto Brad William Henke, star di ‘Orange Is the New Black’

L’attore è morto nel sonno a 56 anni per cause ancora non rese note. Suo il ruolo dell’agente Piscatella nella serie Netflix e quello di Bram in ‘Lost’
Spettacoli
1 gior

La battaglia di Arbedo tra donne e Cabaret

Mercoledì al Sociale PonteatriAmo rivisita lo scontro di 600 anni fa tra milanesi e confederati, sul copione inconfondibile di Renato Agostinetti
29.09.2022 - 21:14

Dal bio all’ambiente, l’utopia moderna del Monte Verità

Sabato 1 ottobre presentazione in anteprima di ‘Back to Nature’, nuovo volume su una colonia che ha anticipato molti temi oggi attuali

dal-bio-all-ambiente-l-utopia-moderna-del-monte-verita
Il nuovo volume è a cura di Nicoletta Mongini, Chiara Gatti e Sergio Risaliti

La collina delle utopie vista da diverse angolazioni. Dall’idea nata a conclusione dell’esposizione su Monte Verità al Museo Novecento di Firenze, è nato ‘Back to Nature’ (edito da Lindau), nuovo libro che verrà presentato in anteprima sabato 1 ottobre (ore 18.30, auditorium Monte Verità).

«In un primo momento si era pensato a un catalogo, poi si è optato per una pubblicazione slegata dal contesto della mostra», ci spiega Nicoletta Mongini, che con Chiara Gatti (critica e storica dell’arte, direttrice museo MAN Nuoro) e Sergio Risaliti (direttore Museo Novecento Firenze) cura l’opera. La motivazione per un nuovo libro, indica la responsabile cultura della Fondazione Monte Verità, è stata quella di «dare una lettura meno storica, poiché soprattutto in italiano i libri che ci sono per lo più narrativi. ‘Back to Nature’ propone invece una lettura un po’ più critica, partendo anche da una visione che ci ha abbastanza accompagnati nella mostra di Firenze. Ossia considerare Monte Verità un laboratorio di avanguardia e modernità di oltre cento anni fa. Questo elemento negli ultimi anni è diventato ancor più attuale, evidenziando la modernità direi di tutta un’area».

Il volume presenta approfondimenti tematici accompagnati dai ritratti dei principali personaggi, che hanno caratterizzato la storia della comunità asconese. Ai contributi dei tre curatori, si aggiungono testi scientifici di Riccardo Bernardini (psicoterapeuta e segretario scientifico della Fondazione Eranos), Luca Scarlini (saggista e story teller) e Gianfranco Tuzzolino (professore di Composizione architettonica e presidente del Polo territoriale Universitario di Agrigento).

Disponibile in italiano dal 21 ottobre nelle principali librerie e nei negozi online, la pubblicazione uscirà anche in inglese. «Per noi questo è un elemento importante e prezioso, perché finora la bibliografia in questa lingua non era nutrita, nonostante Monte Verità abbia un pubblico anche parecchio internazionale, con persone che vengono un po’ da tutto il mondo».

‘Un laboratorio di idee’

In un viaggio «alla ricerca della libertà, in un luogo dove è stata respirata l’utopia vera e sognato un mondo diverso», ‘Back to Nature’ accompagna all’alba del Novecento. «Ai pionieri di un vivere oggi invero assai attuale, sotto molteplici aspetti. Anzitutto i fondatori della colonia sulle colline affacciate sul Lago Maggiore avevano già iniziato a rilevare il problema dell’ambiente e dell’inquinamento e della necessità di perseguire un benessere dell’uomo. Ad esempio con una dieta vegetariana, le attività all’aperto, il vivere la natura in modo diretto e quotidiano. Tendenze che stanno tornando – prosegue Mongini –; pensiamo solo a tutte le stimolazioni nate con e dopo la pandemia. Sia come riflessione su come stiamo su questa Terra, sia come momenti forzati di riflessione e ritorno a vivere di ciò che abbiamo intorno a noi. Ma le tematiche sollevate allora e oggi più che mai presenti sono diverse: il femminismo e i diritti delle donne, portati fin dall’inizio da Ida Hofman, che nel gruppo dei fondatori è forse stata quella che più di tutti ha dato una direzione al vivere quotidiano e per la quale il tema della parità diritto uomo e donna era molto presente; l’architettura che si innesta nel luogo; il pacifismo, oggetto di molti approfondimenti e scritti. Come si vede, sono parecchi i temi che vediamo essere oggi effettivamente ancora problematiche importanti e sempre più sentite. Per questo Monte Verità è stato davvero un laboratorio di idee, che ha anticipato diverse contro culture. Pensiamo ancora al ruolo del corpo: fino a pochi anni prima doveva essere coperto, censurato, nascosto; sulle alture di Ascona furono tra coloro che lo liberarono. Non è stato un caso che la danza sia arrivata qui, richiamata anche da questa attenzione messa sul corpo». SME

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved