ULTIME NOTIZIE Culture
Mostra
14 ore

Il ‘caso Fontana’: opere, invenzioni e ingegno

La Pinacoteca Züst e l’Archivio del Moderno (Usi) promuovono l’esposizione della ‘azienda’ dell’architetto di Melide. Sabato 26 novembre, l’inaugurazione.
Spettacoli
15 ore

È morta Irene Cara, la voce di ‘Fame’ e ‘Flashdance’

L’iconica attrice e cantante aveva 63 anni. La sua l’interpretazione venne premiata con un Oscar come miglior canzone.
Castellinaria
16 ore

Castellinaria, ‘Where is Anne Frank!’ vince il Castello d’Oro

Al film d’animazione di Ari Folman il metallo più prezioso del Concorso Kids; nella categoria Young, Premio Tre Castelli all’iracheno ‘The exam’
Castellinaria
16 ore

‘L’ombra del giorno’, storia di Luciano e ‘Anna’

L’amore ai tempi del fascismo in ‘L’ombra del giorno’, bel film di Giuseppe Piccioni che chiude il 35esimo festival del cinema giovane (l’intervista)
Scienze
16 ore

Sta nascendo il gemello digitale del pianeta Terra

Messo in campo il budget più importante mai avuto nel settore: con i supercomputer, lo studio dei cambiamenti, a partire da quelli climatici
Cinema
1 gior

‘Il sergente dell’Altopiano’ sbarca a Venezia

Per l’edizione invernale del Cinema svizzero a Venezia, il 29 novembre doppia proposta Imagofilm Lugano
Letteratura
1 gior

Addio allo scrittore francese Christian Bobin

Le sue opere, tradotte in numerose lingue, annullano i confini tra prosa e poesia, narrazione e contemplazione
Culture
1 gior

I musei pubblicano la ‘Lista rossa d’emergenza’ per l’Ucraina

Per il Consiglio internazionale dei musei, uno strumento essenziale per la lotta contro il traffico illecito e per la protezione del patrimonio culturale
Culture
1 gior

Addio a Hans Magnus Enzensberger, faro del dopoguerra tedesco

La Germania piange l’intellettuale onnivoro che “impersonava libertà d’espressione”
Castellinaria
1 gior

Il sabato di Castellinaria (vademecum)

Aspettando il palmarès, gli appuntamenti conclusivi. Chiude ‘L’ombra del giorno’ di Giuseppe Piccioni, con Riccardo Scamarcio e Benedetta Porcaroli
Spettacoli
1 gior

Gospel & Spirituals, fra chiese e teatri della Svizzera italiana

La rassegna torna da giovedì 8 a venerdì 30 dicembre. Si parte con la Gospel Voices Family, nella chiesa di San Lorenzo a Losone
Concorso
1 gior

La più bella pubblicità è ‘Fortezza di Bellinzona’ di Variante

Premiata l’agenzia bellinzonese, che ha partecipato insieme a lucasdesign di Giubiasco, Newdeco Agency di Sant’Antonino e Visiva di Camorino
Scienze
1 gior

In pandemia prima volta con la depressione per una persona su 8

Il 13% degli over 50 durante la crisi del Covid ha sperimentato per la prima volta la patologia, soprattutto le persone a reddito più basso
Culture
1 gior

‘Musica come cura’, musicoterapia al centro del sesto incontro

‘Musicoterapia per le demenze e la riabilitazione neurologica’ è il titolo dell’incontro in programma lunedì 28 novembre alle 18 al Campus Est dell’Usi
Letteratura
27.09.2022 - 10:12
Aggiornamento: 19:40

La continua ricerca di Siddhartha

L’opera di Hermann Hesse compie il secolo di vita e conta innumerevoli ripubblicazioni, merito del carattere universale della figura protagonista

di Marco Stracquadaini
la-continua-ricerca-di-siddhartha
WikiMedia
Hesse fu Premio Nobel per la letteratura nel 1946

Prima della fine dell’articolo forse ritroverò i tre versi di Gottfried Benn che intendo condividere con i lettori. Ho letto che Benn fu assai duro nel commentare ‘Siddhartha’ di Hermann Hesse – che compie un secolo quest’anno –, ma in quei versi di tanti anni dopo, una trentina, senza accorgersene, in qualche modo riassumeva quasi tutto ‘Siddhartha’.

Ho anche letto che Hesse fu molto deluso dalle prime reazioni sul suo libro – che sottotitolò "poema indiano", e questa dovrebbe restare la prima definizione sul genere perché definizione d’autore –, reazioni che quasi non ci furono.

La sua delusione ci dice intanto che se le conquiste di Siddhartha personaggio sono tutte reversibili – ora scontento e ora sollevato, speranzoso, ora triste, quasi sempre sorridente, ora disgustato poi di nuovo animoso, spesso lieto, scherzoso – tanto più lo sono quelle dell’autore, uscito ormai dalla sua creazione. Ovviamente era presto per giudicare. Un secolo di riedizioni – in Italia siamo alla novantaduesima, solo per l’editore che ne possiede i diritti, Adelphi, e solo per una delle collane in cui è uscito – dimostrano che la delusione sarebbe presto passata.

La traduzione di Mila

La storia dell’editoria ci dimostra che un libro, quanto più è autentico e universale, tanto più è immune dalle traduzioni maldestre. Ne esce indenne o più forte di prima. Ma ‘Siddhartha’ ha avuto un traduttore d’eccezione in più di un senso. Musicologo prima che letterato, musicologo fuori dal comune perché poteva fare dei suoi libri, per forza di cose specialistici, un’opera di vera scrittura, Massimo Mila si ritrovò sulla scrivania un certo numero di testi di tema orientale, soggetto che cominciava ad andare molto bene in quel momento, nei primi anni Quaranta. Tieni, scegli il migliore secondo te, e traducilo. Così ha dovuto dirgli più o meno l’editore Frassinelli, o l’editor, che allora non si chiamava così. E Mila, abbastanza distante da quei temi, anzi più che diffidente, scelse ‘Siddhartha’ e lo tradusse come l’avrebbe tradotto Pavese, per fare un solo nome della sua cerchia di amici e colleghi. Possiamo permetterci un’altra esagerazione, gli ottant’anni di vita ormai del lavoro di Mila forse ce lo consentono: se Hesse fosse stato italiano, avrebbe scritto ‘Siddhartha’ più o meno così; con simile sicurezza e naturalezza, simile nitore.

Siddhartha arriva da noi oltre vent’anni dopo la prima pubblicazione. Aveva già fatto il giro d’Europa e del mondo, soprattutto della stessa India in cui era ambientato. Gli indiani di molte lingue, di una quarantina di dialetti, appresero i frutti della spiritualità del proprio Paese da uno scrittore tedesco. Frutti mescolati di cultura e filosofia tedesca inevitabilmente. E della religiosità pietistica dalla quale Hesse si sforzò di fuggire, adolescente, per ritrovarsi in un luogo non molto distante da adulto, per scelta. Qualcosa di simile era avvenuto per Siddhartha.

Quanto ha dovuto meditare il suo personaggio, con tutti gli altri – il barcaiolo Vasudeva, o Kamala l’amante, l’amico Govinda –, per darne un’espressione tanto viva? Proprio la vitalità distingue il protagonista: per cercarla lascia la casa dei genitori, per cercarla nel mondo e fuori da ogni autorità e ogni dottrina. Per sentirsi vivere e rifarsi una vita interiore, da solo, come fecero più o meno, in ogni ambito religioso, i fondatori di una nuova corrente o un nuovo ordine.

Autenticità, universalità

Siddhartha continua a cercare ancora oggi, e questo è ciò che più attrae in lui. Nessuna conquista è definitiva, non solo per umana interiore ambizione, ma per fragilità e scontentezza, come accade a tutti. Perciò continua a parlare a ognuno e il suo fascino non conosce ostacoli di lingua o di cultura. Siddhartha, bisogna ripeterlo, è il deluso e lo scontento, e perciò è il viandante, l’errante, l’inquieto e il quieto, è l’entusiasta e di nuovo il disilluso, il melanconico e l’illuso, lo speranzoso, quando è triste è al tempo stesso, tante volte, ilare, scherzoso ("Allora rise Siddhartha, alla maniera sua, mentre sul tono della sua voce si stendeva un’ombra di tristezza e anche un’ombra di canzonatura, e disse..."). Siddartha è il sorridente.

Lo immaginiamo sempre giovane e che non smette di andare. Gli unici momenti in cui non ci convince, o convince meno, è quando le conclusioni a cui è arrivato – che riferisce a Govinda, al barcaiolo, a se stesso – paiono convincere poco anche lui. Perché non è da Siddhartha "concludere". Cerca il bene, incessantemente: cosa sia il bene per sé, partendo dalla dolcezza che già possiede, ma non sa da dove vengano l’uno e l’altra. Come non lo sa Gottfried Benn in quei tre versi, in quel non-sapere tanto più desiderabile del sapere: "Mi sono spesso domandato e non ho trovato risposta, / da dove venga la dolcezza e il bene, / nemmeno oggi lo so e ora devo andare".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved