ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
37 min

Addio all’attrice Annie Wershing, star di ‘24’

Recitò anche in ‘Bosch’ e fu la regina dei Borg in ‘Star Trek’. È morta a soli 45 anni dopo due anni di battaglia contro il cancro
Spettacoli
44 min

Sanremo 2023, ora i duetti sono ufficiali

Di venerdì a duettare con gli artisti in gara, tra gli altri, Eros Ramazzotti, Edoardo Bennato, Salmo, Arisa, Carla Bruni. L’elenco completo
Spettacoli
45 min

È morta Lisa Loring, fu la prima Mercoledì della Famiglia Addams

L’attrice aveva 64 anni ed è deceduta in seguito ad un ictus. Suo il ruolo della figlia di Gomez e Morticia nella serie originale degli anni Sessanta
Musica
58 min

Il violoncello di Jean-Guihen Queyras in Auditorio con l’Osi

Il programma del terzo appuntamento della stagione allo Stelio Molo di Lugano, giovedì 2 febbraio, propone brani da Bach a Haydn e Ligeti
Scienze
2 ore

Il Covid resta un’emergenza internazionale

Per il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, ‘il virus conserva la capacità di evolversi in nuove e imprevedibili varianti’
Spettacoli
4 ore

La febbre del calcio con Stefano Accorsi al Lac è ‘Azul’

Lo spettacolo scritto e diretto da Daniele Finzi Pasca arriva a Lugano con quattro rappresentazioni, da giovedì 2 a domenica 5 febbraio
fumetto
5 ore

Il fumettista svizzero Panchaud vincitore ad Angoulême

Grazie a ‘La Couleur des choses’, l’artista è stato premiato lo scorso fine settimana al 50esimo Festival international de la bande dessinée
concerto
6 ore

La mostra dedicata a Marcel Dupertuis chiude in musica

In occasione del finissage al Museo Vela di Ligornetto, domenica 12 febbraio, si esibirà il duo composto dall’arpista Ziveri e dal sassofonista Creola
L’intervista
11 ore

Marco Paolini, contro la solitudine doppiamente ‘Sani!’

Nel disequilibrio generale, il maestro del teatro di narrazione porta in scena un’iniezione di fiducia: giovedì 2 e venerdì 3 febbraio al Teatro Sociale
Culture
21 ore

‘Out of Me, Inside You’, Francesca Sproccati a Villa dei Cedri

Dal 10 al 12 febbraio, la performance semifinalista del Premio Schweiz 2020 e finalista del Premio svizzero della Performance 2022
Rassegna
22 ore

I documentari di ‘Ticino Archeofilm’, seconda edizione

Giovedì 9, venerdì 10 e sabato 11 febbraio, sette opere relative a grandi scoperte e a siti archeologici di fama internazionale. Al Lux di Massagno.
Scienze
22 ore

Long Covid, ecco perché affiora la stanchezza cronica

Scoperto il meccanismo che la provocherebbe in una persona su tre: il deficit di un aminoacido prodotto naturalmente dall’organismo
La recensione
23 ore

Ricco e colto, buzzurro ma sensibile: ‘Quasi amici’!

A Chiasso, il Cinema Teatro applaude a ogni cambio di scena Paolo ‘Driss’ Ruffini e Massimo ‘Filippo’ Ghini, nell’adattamento teatrale del film francese
Musica
1 gior

Justin Bieber vende diritti musicali per 200 milioni dollari

La star del pop ha firmato con Hipgnosis Songs Capital, sostenuta da Blackstone, e segna l’ennesima acquisizione di un catalogo musicale di successo
Video
Musica
1 gior

‘Rush!’ dei Måneskin è primo anche in Svizzera

Pubblicato lo scorso 20 gennaio, l’album della band italiana comanda anche in Italia, Francia, Giappone, Belgio, Paesi Bassi e Lituania
Musica
1 gior

Addio a Tom Verlaine, frontman dei Television

Chitarrista e cantante, pioniere della scena punk degli anni 70, si è spento a Manhattan dopo breve malattia.
Culture
1 gior

Sgarbi: ‘Il logo Bergamo-Brescia è di insolente bruttezza’

Il sottosegretario contro la grafica delle capitali della Cultura: ‘Un particolare di un dipinto di Caravaggio sarebbe stato più rappresentativo’
Culture
laR
 
21.09.2022 - 05:30
Aggiornamento: 09:41

Le ‘Scritture’ di Valentina Grignoli

Unica ticinese tra gli allievi della scuola di drammaturgia itinerante diretta da Lucia Calamaro. Sabato a Mestre porta in scena la sua ‘creatura’

le-scritture-di-valentina-grignoli
Sardegna Teatro
Giorni di Sardegna

Ha dimestichezza col palcoscenico, con la propria voce alla radio e pure con le interviste, a patto che le interviste le faccia lei. Per questa volta Valentina Grignoli sta dall’altra parte del microfono, quale allieva di ‘Scritture’, scuola di drammaturgia diretta da Lucia Calamaro, regista, attrice, docente e, appunto, drammaturga italiana. Dallo scorso aprile fino allo scorso settembre, Calamaro – tre Premi Ubu (l’Oscar del Teatro in Italia) per ‘L’origine del mondo’ – ha accompagnato dodici allievi nella stesura di un testo teatrale inedito. Undici di queste drammaturgie, in forma di mise en espace, vengono ora presentate al pubblico di Venezia e Mestre.

Andando per ordine. Presidente di Giuria del rinomato Premio Riccione, due anni fa Lucia Calamaro ha creato ‘Scritture’, scuola di drammaturgia itinerante che mette in rete sei istituzioni teatrali con lo scopo di formare gli autori di domani. Sei istituzioni di cui una svizzera, il Lac. «Ho partecipato senza crederci – racconta Grignoli – anche solo per mettermi alla prova, o semplicemente perché mi piace scrivere per il teatro, ma non ho mai fatto leggere quasi nulla. Amo il lavoro di Lucia Calamaro e mi sono detta: "Male che vada avrà letto qualcosa di me"». Questo era lo spirito al momento di compilare il bando; «al settimo cielo» è l’umore registrato una volta ricevuta conferma di essere tra i prescelti, undici italiani e una ticinese, da aprile a settembre in giro per l’Italia: Teatro Bellini di Napoli, Teatro Stabile di Bolzano, poi il Teatro di Sardegna all’Argentiera e, prima di Riccione Teatro e Venezia, il Lac in giugno. A Bolzano, col seminario tenuto da Graziano Graziani di Radio 3 Rai, la stesura degli inediti ha lasciato il posto alla filosofia, alla sociologia e alla letteratura in rapporto al mondo circostante, visto che il mondo circostante era il tema dell’anno.

Intermediari

«‘Scritture’ è un percorso lungo il quale Calamaro ti accompagna affinché il tuo testo abbia tutti i requisiti per essere portato in scena», spiega Valentina. «I nostri progetti sono stati rivisti, rivoltati come calzini, cambiati in corso d’opera, anche completamente». E questo perché «un conto è scrivere un testo per un lettore, cosa che faccio anche come giornalista, altro è scrivere un testo che possa andare in scena, passando attraverso più intermediari, l’attore, il pubblico. La cosa bella della formazione è stata proprio quella di capire cosa funziona e cosa meno in ottica di palcoscenico, in un interessante lavoro di scrittura con al fianco una persona di spessore che per ogni argomento portava una conoscenza, una bibliografia, confrontati continuamente con il suo giudizio e con quello degli altri». E poi «la maggior parte dei partecipanti al corso sono attori professionisti, anche molto bravi, il bello è stato anche scrivere cose che il giorno dopo sarebbero state messe in scena da loro, per discuterne la funzionalità».

‘Gli altri’ sono Alessandro Paschitto, Denise Diaz, Stefano Ferrara, Andrea Bizzarri, Paola Rota, Alberto Fumagalli, Andrea Maffei, Tommaso Lombardo, Jacopo Panizza e Caterina Guzzanti. «Tra noi regnava uno spirito bellissimo di ascolto, di aiuto reciproco, dati dal trovarci tutti sulla stessa barca, timorosi quanto basta vista la vetrina importante, perché a Venezia e Mestre tutti i direttori artistici dei teatri coinvolti verranno a vederci». È timorosa anche gente navigata? «Sì, perché questi testi parlano del mondo ma anche molto di noi, per cui puoi anche essere navigatissimo ma se ti ritrovi a mettere in scena qualcosa di te, non puoi non chiederti come verrai recepito, se sarai capito». Nessuno porta in scena i propri cavalli di battaglia, dunque: «No, non si può, i cavalli di battaglia sono stati subito riconosciuti e smantellati all’entrata».

Avanti veloce, poi indietro tutta

La ‘Scrittura’ che Valentina porta in scena, la sua mise en espace, s’intitola ‘ffwd/rew’. «La difficoltà principale, come detto, era riuscire a far funzionare uno scritto per la scena, assicurarsi che non fosse troppo letterario e narrativo. E in ‘ffwd/rew’ è dal narrativo che parto, per inserire poi espedienti scenici». Ovvero: chi è sul palco parla del mondo circostante, dell’attualità, anche quella più cruda, cercando di comprendere, giustificare, capire. È il ffwd, da ‘fast forward’, l’avanti veloce. E poi arriva il ‘rew’, il rewind, l’indietro tutta, e «la scena se la prende l’autrice per raccontare ciò che sta dietro quel che è stato detto, spiegando cosa prova veramente un’autrice quando scrive queste cose, svelando pensieri molto più primitivi, di pancia, nei quali, con dolore, possiamo ritrovarci». Pensieri, per dirla con dolcezza, «non politically-correct».

Più facile a vedersi che a dirsi, ‘ffwd/rew’ è ora «il potenziale trailer di un lavoro che potrebbe includere più attori, una scenografia, la musica», conclude l’autrice. «Potrebbe prendere altre direzioni, potrei riscriverlo in modo più organico, potrebbe pure diventare un romanzo. Ma è un punto di partenza e sono felice di essere arrivata fin qui». Sabato 24 settembre ‘ffwd/rew’ va in scena al Teatro del Parco di Mestre: «L’ho appena riletto e mi sono detta che potevo dare l’intervista…» (ride, ndr). Dunque, anche se è diverso da com’era in principio, lo ami ugualmente? «Come un figlio, partorito dopo tutte le fatiche del mondo, una sofferenza bellissima, come ogni lavoro che contempli la creazione».


Lac
Giorni di lago (al centro, Lucia Calamaro)

© Regiopress, All rights reserved