ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
9 ore

Un chip per rilevare e prevenire i sintomi del Parkinson

È stato messo a punto dagli scienziati del Politecnico federale di Losanna. Utile anche nel campo dell’epilessia
Musica
10 ore

L’Orchestra della Svizzera romanda suonerà i Led Zeppelin

A curare gli arrangiamenti sarà il cantautore e produttore neozelandese Jaz Coleman, cantante della band britannica Killing Joke
Scienze
11 ore

San Francisco tassa le bibite zuccherate, calano i consumi

L’intento della ‘Soda Tax’ è quello di ridurre i casi di diabete e ipertensione e ha generato 15 milioni di entrate, impiegati in programmi salutari
Spettacoli
12 ore

Addio all’attrice Annie Wershing, star di ‘24’

Recitò anche in ‘Bosch’ e fu la regina dei Borg in ‘Star Trek’. È morta a soli 45 anni dopo due anni di battaglia contro il cancro
Spettacoli
12 ore

Sanremo 2023, ora i duetti sono ufficiali

Di venerdì a duettare con gli artisti in gara, tra gli altri, Eros Ramazzotti, Edoardo Bennato, Salmo, Arisa, Carla Bruni. L’elenco completo
Spettacoli
12 ore

È morta Lisa Loring, fu la prima Mercoledì della Famiglia Addams

L’attrice aveva 64 anni ed è deceduta in seguito ad un ictus. Suo il ruolo della figlia di Gomez e Morticia nella serie originale degli anni Sessanta
Musica
13 ore

Il violoncello di Jean-Guihen Queyras in Auditorio con l’Osi

Il programma del terzo appuntamento della stagione allo Stelio Molo di Lugano, giovedì 2 febbraio, propone brani da Bach a Haydn e Ligeti
Scienze
14 ore

Il Covid resta un’emergenza internazionale

Per il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, ‘il virus conserva la capacità di evolversi in nuove e imprevedibili varianti’
Spettacoli
16 ore

La febbre del calcio con Stefano Accorsi al Lac è ‘Azul’

Lo spettacolo scritto e diretto da Daniele Finzi Pasca arriva a Lugano con quattro rappresentazioni, da giovedì 2 a domenica 5 febbraio
fumetto
17 ore

Il fumettista svizzero Panchaud vincitore ad Angoulême

Grazie a ‘La Couleur des choses’, l’artista è stato premiato lo scorso fine settimana al 50esimo Festival international de la bande dessinée
concerto
18 ore

La mostra dedicata a Marcel Dupertuis chiude in musica

In occasione del finissage al Museo Vela di Ligornetto, domenica 12 febbraio, si esibirà il duo composto dall’arpista Ziveri e dal sassofonista Creola
L’intervista
23 ore

Marco Paolini, contro la solitudine doppiamente ‘Sani!’

Nel disequilibrio generale, il maestro del teatro di narrazione porta in scena un’iniezione di fiducia: giovedì 2 e venerdì 3 febbraio al Teatro Sociale
Culture
1 gior

‘Out of Me, Inside You’, Francesca Sproccati a Villa dei Cedri

Dal 10 al 12 febbraio, la performance semifinalista del Premio Schweiz 2020 e finalista del Premio svizzero della Performance 2022
Rassegna
1 gior

I documentari di ‘Ticino Archeofilm’, seconda edizione

Giovedì 9, venerdì 10 e sabato 11 febbraio, sette opere relative a grandi scoperte e a siti archeologici di fama internazionale. Al Lux di Massagno.
Scienze
1 gior

Long Covid, ecco perché affiora la stanchezza cronica

Scoperto il meccanismo che la provocherebbe in una persona su tre: il deficit di un aminoacido prodotto naturalmente dall’organismo
La recensione
1 gior

Ricco e colto, buzzurro ma sensibile: ‘Quasi amici’!

A Chiasso, il Cinema Teatro applaude a ogni cambio di scena Paolo ‘Driss’ Ruffini e Massimo ‘Filippo’ Ghini, nell’adattamento teatrale del film francese
Musica
1 gior

Justin Bieber vende diritti musicali per 200 milioni dollari

La star del pop ha firmato con Hipgnosis Songs Capital, sostenuta da Blackstone, e segna l’ennesima acquisizione di un catalogo musicale di successo
Video
Musica
1 gior

‘Rush!’ dei Måneskin è primo anche in Svizzera

Pubblicato lo scorso 20 gennaio, l’album della band italiana comanda anche in Italia, Francia, Giappone, Belgio, Paesi Bassi e Lituania
laR
 
13.09.2022 - 19:04
Aggiornamento: 14.09.2022 - 01:03

PalaCinema, dieci personalissime visioni di festival

‘10 Film Festival al PalaCinema’, ognuno col suo direttore artistico e un film da proiettarsi. Dal 15 settembre. A colloquio con Nadia Dresti

palacinema-dieci-personalissime-visioni-di-festival
Nella foto, Anna Magnani in ‘Roma città aperta’ (clicca sull’immagine per visualizzare il programma completo)

‘10 Film Festival al PalaCinema’. Spiegato per sommi capi: dieci appuntamenti nella Casa del Cinema e dell’Audiovisivo, uno al mese dal prossimo 15 settembre al primo giugno 2023, sulla coda del 75esimo e in testa al 76esimo. Dieci film scelti da dieci direttori artistici di altrettanti festival svizzeri, a Locarno ognuno con un titolo rappresentativo della propria rassegna, e ognuno di fronte alla sala a dire di sé, della propria manifestazione, delle proprie scelte, per un talk di circa trenta minuti che anticiperà la proiezione. «I festival omaggiano il cinema: perché, mi sono chiesta, non omaggiare coloro che omaggiano il cinema, dando loro la parola?».

Nadia Dresti, membro del Cda e del Consiglio direttivo del Locarno Film Festival, del quale fu anche vicedirettrice artistica nell’era Chatrian, è il motore dell’iniziativa. «Lo scopo è, da una parte, far conoscere il PalaCinema a livello svizzero, struttura che sta al cinema come il Lac sta alla musica, alla danza, allo spettacolo in generale. Dall’altra, senza fare concorrenza alle sale già esistenti, è veicolare il cinema d’autore verso il pubblico». Da qui, da Dresti – interprete di quel «lato autoriale» in più del rinnovato Cda del PalaCinema – arriva la rassegna.

Visioni

Giovedì 15 settembre alle 20.30, ‘10 Film Festival al PalaCinema’ apre con ‘Roma città aperta’, primo capitolo della cosiddetta Trilogia della guerra antifascista di Roberto Rossellini, completata da ‘Paisà’ (1946) e ‘Germania anno zero’ (1948). ‘Roma città aperta’ è la storia del cinema ma anche quella del Locarno Film Festival, in quanto nella rosa dei film della prima edizione di sempre, quella del 1946. A introdurre l’opera sarà Giona A. Nazzaro, direttore artistico del Locarno Film Festival, in dialogo con Vanni Bianconi, responsabile del settore Cultura della Rsi. Nella foto principale in questa pagina, l’elenco completo degli appuntamenti, coi relativi ospiti e film proiettati. Tutti anticipati dal talk: «Oltre che far capire al pubblico ticinese che Locarno è la locomotiva svizzera dei festival – prosegue Dresti –, questa è anche l’occasione per godere di più visioni personali di festival, per capirne le singole caratteristiche, e per comprendere che il settore svizzero lavora compatto per il bene del cinema». Perché «se a Cannes c’è la ‘Quinzaine’ che invita tutti i direttori del mondo a pranzo, perché non dovrebbe accadere in Svizzera?».

Rispondiamo con un domanda: vi è dunque armonia tra i festival? Anche tra Locarno e Zurigo? «Ve n’è. C’è forse meno compattezza a livello di sponsor, ognuno ha i propri, ma è il côté artistico a essere diverso. Personalmente, dico sempre che più festival ci sono e più si parla di cinema, più la gente torna a vedere i film sul grande schermo, in mezzo agli altri. Più se ne parla e più se ne comprende il mondo, lo si ama e lo si vuole scoprire. In quanto, in passato, direttrice ad interim non possiedo le caratteristiche della rivalità, semmai quelle della costruzione, del lavorare insieme, che è quello che dobbiamo fare, perché in questo momento il cinema non se la passa troppo bene…».

Italofonia

La risposta dei direttori artistici all’invito del PalaCinema è stata «unanime», pur con una piccola ‘imposizione’: «Ho chiesto loro di scegliere un film italofono o con sottotitoli italiani, magari limando un poco la libertà di scelta, ma la cosa è stata accettata. Credo che i ticinesi debbano difendere l’italofonia, anche perché film in lingua italiana non mancano nei festival svizzeri, e alcuni sono film ticinesi. Come la selezione di corti scelta da Kurzfilmtage Winterthur, cinque registi di questo cantone, inseriti nel progetto chiamato ‘Ticinema’». Qualche direttore artistico vorrebbe rilanciare, ospitando gli omologhi a casa propria, facendo di questo appuntamento, che non avrà per il momento un seguito, qualcosa di più continuativo. Per il momento, dunque, ‘10 Film Festival al PalaCinema’ riunisce l’eccellenza dei film festival svizzeri, quelli sostenuti finanziariamente dalla Confederazione: «Sono quelli riconosciuti, che hanno delle finanze, una struttura, un controlling, una programmazione valida, una rispettabilità che va oltre la Svizzera», precisa Dresti, dal 2012 al 2019 membro della Commissione federale del cinema. Rispettabilità ma anche «una specificità: i documentaristi conoscono Nyon, i ‘cortisti’ conoscono Kurzfilmtage Winterthur, il mondo dell’animazione il ‘Fantoche’ e quello del fantastico Neuchâtel. Ognuno ha la propria peculiarità, ecco perché Berna li sostiene».

Scelte

‘10 Film Festival al PalaCinema’, per concludere, «è una visione d’insieme di quello che è il paesaggio cinematografico-culturale svizzero. Abbiamo un’offerta enorme, se si calcolano le sale da cinema più i festival». Enorme è anche la produzione di film a livello mondiale, con cui i direttori artistici sono confrontati ogni volta, e per i quali s’impone una scelta: «Potrà essere interessante, al PalaCinema, capire la loro visione ora che il mercato sta cambiando, come vi si vogliono posizionare, se intendono aprirsi alle piattaforme oppure no, se sono a favore oppure contro, e come scelgono i film, se guardando al solo gusto del pubblico oppure privilegiando il proprio». E al di là dei meccanismi di scelta, «dico sempre che senza un presidente e un managing director un festival non esiste, ma che la persona più importante rimane il direttore artistico, ruolo fondamentale e stressante, che presuppone una cultura cinematografica profonda. Sono i direttori artistici a portare il contenuto, sono loro quelli sottoposti alla gloria o alla critica, sono loro a fare la differenza».


Nadia Dresti

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved