ULTIME NOTIZIE Culture
Società
2 ore

A come... abbronzatissimi. Anzi no: lo dice Tik Tok

Allarme per incidenza record di cancro alla pelle in Australia, e il social network censura sfide e video... roventi
Microcosmi/Microcinema
8 ore

Il cinema, la Valle, la Finlandia

Storie di architettura al Cine-Teatro Blenio, dove s’incontrano Giampiero Cima, Alvar Aalto e Aki Kaurismaki
Spettacoli
10 ore

Per i Guns N’ Roses solo rose, niente pistole

La popolare band fa causa a un negozio di armi online reo, a suo dire, di averne plagiato il nome
Musica
19 ore

Glastonbury per l’addio di Elton John in Gran Bretagna

Sir Elton ha scelto la kermesse estiva come ultima tappa britannica del suo Farewell Yellow Brick Road
Culture
20 ore

‘Orizzonti filosofici’, è la volta di Eugenio Lecaldano

Martedì 6 dicembre alle 20 al Centro Leoni a Riazzino, il noto filosofo italiano tratterà la concezione dell’identità personale secondo David Hume
Culture
22 ore

Addio a Vittorio Barino

Regista di teatro e di televisione, legato tanto al dialetto quanto alla lingua italiana, è morto all’età di 87 anni. Il ricordo di Flavio Sala
Spettacoli
1 gior

Lugano applaude Umberto Tozzi, una canzone è per sempre

Tutte le strade portano sempre a ‘Gloria’, alla quale il ‘Gloria Forever Tour’ è dedicato: canti di gruppo e, alla fine, Palacongressi in piedi
Culture
1 gior

‘Musica come cura’, ultimo appuntamento

‘Musica e coesione sociale’ è il titolo dell’incontro conclusivo, lunedì 5 dicembre alle 18 al Campus Est dell’Usi a Lugano
Scienze
1 gior

Ecco cosa causa le eruzioni esplosive di Etna e Stromboli

I due vulcani, generalmente di tipo effusivo, a volte manifestano eventi esplosivi a causa di nanocristalli che rendono il magma denso e causano bolle
Spettacoli
1 gior

Un premio ‘negativo’ per l’emiro del Qatar

Il festival dell’umorismo di Arosa ha assegnato il ‘Pupazzo di neve dell’anno 2022’ a Tamim bin Hamad Al Thani per il suo disprezzo per i diritti umani
Spettacoli
1 gior

È morto Brad William Henke, star di ‘Orange Is the New Black’

L’attore è morto nel sonno a 56 anni per cause ancora non rese note. Suo il ruolo dell’agente Piscatella nella serie Netflix e quello di Bram in ‘Lost’
Spettacoli
1 gior

La battaglia di Arbedo tra donne e Cabaret

Mercoledì al Sociale PonteatriAmo rivisita lo scontro di 600 anni fa tra milanesi e confederati, sul copione inconfondibile di Renato Agostinetti
11.09.2022 - 17:17
Aggiornamento: 20:31

Lo scrittore Javier Marias è morto

Nato a Madrid settant’anni fa, è stato uno degli esponenti più significativi della generazione contemporanea

Ansa, a cura di Red.Cultura
lo-scrittore-javier-marias-e-morto
Mr. Tickle
1951-2022

Dato più volte tra i favoriti alla vittoria del Premio Nobel, traduttore, giornalista, autore di ‘Tutte le anime’, ’Domani nella battaglia pensa a me’ e ‘Berta Isla’ aveva raccontato lui stesso di scrivere senza una mappa, avendo però una bussola: "Non è che non sappia dove voglio andare, ma non conosco la strada da percorrere, comincio senza sapere molto di quello che racconterò, non cambio nulla dei miei romanzi, come non possiamo cambiare nulla del nostro passato".

Le zone d’ombra, il non detto, il non rivelato, l’impossibilità di conoscere se stessi e le persone più vicine sono la materia che ha sempre stimolato la sua scrittura dove temi universali come il matrimonio, il tradimento, l’amore, i segreti si sono sempre accesi di una nuova e a volte inquietante luce.

Figlio del filosofo Julián Marías e dell’insegnante Dolores Franco, nipote del singolare regista Jesús Franco, Javier Marias era nato il 20 settembre 1951 a Madrid in una famiglia di intellettuali anti-franchisti. Ha trascorso lunghi periodi dell’infanzia negli Stati Uniti dove il padre insegnava. Laureato in letteratura inglese all’Università Complutense di Madrid ha insegnato per un periodo all’Università di Oxford e negli Stati Uniti e ha tradotto in spagnolo importanti autori di lingua inglese da Thomas Hardy a Joseph Conrad e da Yeats a Stevenson.

Fin dall‘esordio nel 1971 con ‘I territori del lupo’, un romanzo particolare in cui 85 pellicole cinematografiche nordamericane visionate a Parigi erano diventate un ’opera letteraria, è stato evidente il suo sperimentalismo e la rottura con la tradizione letteraria spagnola. Sono seguiti ’Traversare l’orizzonte’ e nel 1978 El monarca del tiempo.

Tra i suo romanzi: ‘Un cuore così bianco‘, ‘Gli innamoramenti’, ’Così ha inizio il male’. Il grande successo internazionale è arrivato con ‘Tutte le anime’ che ha per protagonista un docente spagnolo a Oxford, con lo shakesperiano ‘Domani nella battaglia pensa a me’ in cui un ghost writer va a casa della donna sposata con cui ha una relazione e lei muore all’improvviso tra le sue braccia e con ’Il tuo volto domani’.

Con il suo ultimo romanzo, ‘Tomas Nevinson’ aveva vinto a giugno il Premio Gregor Von Rezzori. "Quasi un monito che ci ricorda di continuare a coltivare i pensieri larghi" come sottolineava la motivazione della giuria. Il libro non è un seguito ma "forma una coppia" con il fortunatissimo ‘Berta Isla’, il suo primo romanzo ad avere come titolo il nome di un personaggio. Un romanzo incentrato su una spia, con cui aveva raggiunto l’apice di un percorso intorno al segreto da cui tutti, più o meno, siamo toccati. "Bisogna nascondere una parte di se stessi, non le cose terribili, non ingannare, ma non bisogna mai rivelare tutto di se" aveva raccontato lo scrittore all’ANSA al Salone del Libro di Torino nel 2018.

Nell’ultimo romanzo di 600 pagine Tomas Nevison, scomparso da dodici anni e dato per morto anche dalla moglie Berta Isla, torna nei servizi segreti e l’ordine che deve eseguire è dei più atroci: individuare e uccidere una donna che nel 1987 aveva preso parte ad alcuni attentati dell’Ira e dell’Eta. Tanti i riferimenti e le citazioni letterarie - da Shakespeare a Baudelaire, da William Blake a Dante - come accade spesso nei viaggi che si compiono con le opere di Marias.

Tanti i prestigiosi premi ricevuti dallo scrittore spagnolo tra cui il prestigiosissimo Rómulo Gallegos, il Prix Femina Etranger e molti i riconoscimenti avuti in Italia come il Premio Internazionale Bottari Lattes Grinzane e il Nonino. Marias, che parlava molto bene in italiano, era convinto che "non bisogna mai raccontare tutto, ma lasciare una parte di mistero per sorprendere sempre chi ti sta accanto" ed è quello che ha fatto con la sua vita e con la straordinaria opera di creatività che sono i suoi romanzi.

ANSA/ATS/RED

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved