ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
1 ora

‘72 Seasons’, il ritorno dei Metallica con album e tour

Il nuovo lavoro della storica band metal americana uscirà il 14 aprile 2023 e sarà seguito da un lungo giro di concerti fra Usa e Europa
Libri
1 ora

Le ciliege della costa del Mar Nero

Pubblichiamo un estratto dalla prima sezione del terzo capitolo ‘Üsküdar’ tratto dal libro ‘Un inverno a Istanbul’, tradotto da Laura Bortot
Musica
3 ore

Enrico Fagone tra l’Osi e il Grammy®

Ha diretto la London Symphony Orchestra, solisti Saunghee Lee (clarinetto) e JP Jofre (bandoneon) nel cd ‘Aspire’. È candidato all’Oscar della musica.
Culture
12 ore

Manipolazione psicologica è la parola più diffusa nel 2022

Il termine inglese è gaslighting e si rifà a una pièce teatrale del 1938, dalla quale sono stati tratti due celebri film
Arte
13 ore

È record di vendita per la regina Elisabetta II in blu di Warhol

La serigrafia della defunta monarca è stata battuta all’asta a Toronto per 853mila dollari
Scienze
13 ore

Risuscitati virus zombie rimasti per millenni nel permafrost

Il cambiamento climatico agisce anche sul terreno tipico delle regioni fredde: il più antico agente patogeno risale a 50mila anni fa ed è tuttora infetto
Culture
14 ore

Laurea non più essenziale per posizioni da top manager

Per diverse grandi aziende come Google o Ibm i criteri principali per le assunzioni diventano ora esperienza e capacità
Musica
14 ore

L’Osi ‘Back to school’ tra gli studenti della Commercio

Nella Biblioteca cantonale di Bellinzona il secondo pomeriggio-concerto per avvicinare i giovani alla classica
Musica
14 ore

Lettere d’amore vendute all’asta, firmato Robert Zimmermann

Oltre quaranta messaggi sono stati battuti per 670mila dollari. Bob Dylan, intanto, si scusa per le firme apposte da una macchina sul suo recente libro
Scienze
15 ore

La Grande barriera corallina continua a degradarsi

Canberra chiamata a ‘fare di più’ dopo aver messo in campo sforzi ‘senza precedenti’ come evidenziato dall’Unesco
Arte
16 ore

L’opera di Alberto Giacometti trova una nuova casa a Parigi

Il Musée & École custodirà la più grande collezione al mondo, aprirà nel 2026 e sorgerà nell’edificio di Air France, situato nell’Esplanade des Invalides
07.09.2022 - 22:28

Lettere dalla Svizzera alla Valposchiavo, la seconda edizione

Annunciati i nomi del festival interamente dedicato alla produzione letteraria svizzera nelle quattro lingue nazionali, dal 7 al 9 ottobre prossimi

lettere-dalla-svizzera-alla-valposchiavo-la-seconda-edizione
Alessandro Belluscio
Di sabato e domenica, tornano i laboratori per i giovanissimi

Si apre venerdì 7 ottobre alle 20 a Poschiavo (Grigioni) con la performance di musica e letteratura di Melinda Nadj Abonji e Simone Keller la seconda edizione di Lettere dalla Svizzera alla Valposchiavo, per chiudersi il 9 ottobre dopo avere ospitato – tra sabato e domenica – Elisa Shua Dusapin, Yari Bernasconi, Olimpia de Girolamo, Silvia Ricci Lempen, Rut Plouda, Bruno Pellegrino e la già citata Melinda Nadj Abonji. Sono questi i nomi del festival interamente dedicato alla produzione letteraria svizzera nelle quattro lingue nazionali, che torna in nome del plurilinguismo, una delle più grandi ricchezze della Svizzera. Fra gli aspetti più amati e caratterizzanti del festival, come già nella passata edizione, gli autori invitati resteranno a Poschiavo per tutto il fine settimana, con la volontà di creare un’occasione di effettivo scambio e cantiere creativo, che è il cuore del progetto.

‘Case’ è il tema dell’edizione 2022. "Quelle in cui viviamo o i luoghi in cui ci riconosciamo parte di una comunità, ma sono case anche quelle che a volte ci imprigionano, quelle che si devono lasciare in fuga da guerre, persecuzioni o mancanza di prospettive", scrivono gli organizzatori. Sono case anche "quelle che accolgono, quelle che offrono lo spazio di una nuova identificazione e proteggono".

Gli ospiti

Venerdì 7 ottobre alla Casa Torre di Poschiavo si sposano le affinità tra Melinda Nadj Abonji e Simone Keller. Con il suo romanzo "Tauben fliegen auf" (‘Le colombe spiccano il volo’), Melinda Nadj Abonji – amante della musica, cantante – ha vinto il Premio svizzero del libro e il Deutscher Buchpreis. Simone Keller, pianista, recentemente insignita del Premio svizzero di musica, s’interessa di letteratura e si esibisce in numerosi teatri, da ultimo il Theater sogar con lo spettacolo ‘Extensions’. Le due artiste hanno lavorato insieme per la prima volta in occasione del Festival unerhört! 2019.

Sabato 8 ottobre dalle 10, l’incontro tutto in italiano di Fabiano Alborghetti e Yari Bernasconi (Premio Terra Nova 2016, Premio svizzero di letteratura 2022). Alle 11.30, l’incontro in francese e in italiano tra Walter Rosselli e la giovane scrittrice svizzera Elisa Shua Dusapin (Premio Robert Walser 2016, il Prix Alpha 2017, Premio Svizzero di letteratura 2019, National Book Award for Translated Literature 2021). Alle 14, sempre Rosselli dialogherà con la poetessa Rut Plouda (in romancio e italiano). A seguire, dalle 16, in collaborazione con Lia Rumantscha, ‘La maschina da furtüna da Herr Widerstand’, spettacolo umoristico sulla ricerca della felicità, adatto a un pubblico di tutte le età, in romancio, italiano e tedesco.

Nella serata di sabato, alle 20, il dialogo in italiano e tedesco fra Ruth Gantert, responsabile della rivista di letteratura svizzera Viceversa, e Usama Al Shahmani, che al festival farà la prima presentazione grigionese del suo ultimo romanzo ‘Der Vogel zweifelt nicht am Ort, zu dem er fliegt’ (Limmat Verlag), pubblicato a fine agosto, e non ancora tradotto in nessuna delle altre lingue nazionali. Per l’occasione il festival ha incaricato il suo traduttore per l’italiano, Sandro Bianconi, che ha già tradotto i suoi due precedenti romanzi, di tradurre un breve estratto dal testo appena uscito. Domenica 9 ottonre, dalle 10, Carlotta Bernardoni-Jaquinta sarà in dialogo con la scrittrice Olimpia De Girolamo; alle 11.30, Ruth Gantert presenterà il numero 16 della rivista Viceversa Letteratura insieme a Silvia Ricci Lempen (Premio Svizzero di letteratura 2021, incontro in tedesco e italiano). Nel pomeriggio, dalle 14, l’incontro in francese e italiano tra Yari Bernasconi e Bruno Pellegrino.

Sarà Melinda Nadj Abonji (Deutscher Buchpreis e Schweizer Buchpreis 2010) che, dopo averlo aperto con la performance d’inaugurazione del venerdì sera, a chiudere il festival alle 16, sempre in dialogo con Ruth Gantert. Nelle giornate di sabato 8 e domenica 9, al festival di Poschiavo trovano nuovamente spazio i laboratori per i bambini dai 5 ai 12 anni (info: www.lettereallavalposchiavo.ch).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved