ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
16 min

Abul Mogard nella cattedrale del suono

Con il naso all’insù, incursione nella Union Chapel di Londra per ascoltare l’ex 75enne serbo in pensione prestato alla musica
Culture
11 ore

Telmo Pievani, ‘Sconfinare’ nella grande natura

Intervista al filosofo della biologia, sabato primo ottobre a Bellinzona, per guardare al presente col tempo profondo dell’evoluzione
Culture
15 ore

‘Il Sentiero della Gioia’ di Thomas Morelli, anteprima Ticino

Alla presenza del regista, il film sarà proiettato sabato primo ottobre a Locarno-Muralto, il giorno dopo a Lugano-Paradiso
Arte
16 ore

Louise Nevelson al Museo d’Arte Moderna di Ascona

Dal 2 ottobre all’8 gennaio 2023, ‘Assembling Thoughts’, un’ottantina di opere che ripercorrono la poetica dell’artista ucraina, naturalizzata americana
Video
Netflix
16 ore

‘The Crown 5’ il 9 novembre, c’è il trailer

Con Imelda Staunton a interpretare la Regina Elisabetta arriva il quinto capitolo. Un’anticipazione di 40 secondi durante Tudum, evento Netflix per i fan
Cinema
17 ore

Addio a ‘Mildred’ di ‘Qualcuno volò sul nido del cuculo’

È morta all’età di 88 anni Louise Fletcher, la Mildred Ratched del film culto di Milos Forman, ruolo che le valse un Oscar
Culture
17 ore

Poletti e le marionette, ‘dall’antico Egitto a Elvis Presley’

Michel Poletti e Lucia Bassetti protagonisti della conferenza in programma alla Biblioteca cantonale di Lugano il prossimo 29 settembre
Società
1 gior

Con iPhone 14 si apre una nuova era nelle comunicazioni

L’avvento del nuovo ‘melafonino’ ha creato fermento nel mercato delle offerte di servizi per il pubblico
Culture
1 gior

‘Sergentmagiù, ghe riverem a baita?’

Ricordi e confessioni dentro ‘Il sergente dell’Altopiano’, documentario su Mario Rigoni Stern presentato a Castel San Pietro
Arte
1 gior

Pietro Sarto all’infinito

‘Metamorfosi infinite’ è la mostra che si apre oggi al Museo Villa dei Cedri, dedicata a un artista che ancora si sente ‘un ticinese nel Canton Vaud’
18.08.2022 - 21:50
Aggiornamento: 22:17

Ombre su Placido Domingo: ‘Legato a rete di schiave del sesso’

Il tenore spagnolo agita nuovamente la cronaca argentina e internazionale. La sua voce nelle intercettazioni degli inquirenti.

Ansa, a cura di Red.Cultura
ombre-su-placido-domingo-legato-a-rete-di-schiave-del-sesso
Keystone
Placido Domingo

Quattro mesi dopo essere tornato a calcare, applauditissimo, il prestigioso palcoscenico del Teatro Colón di Buenos Aires, il tenore spagnolo Placido Domingo agita nuovamente la cronaca argentina e internazionale per il sospetto di una sua complicità con un’organizzazione dedita a illeciti traffici sessuali.

La settimana scorsa, su disposizione del giudice federale Ariel Lijo, la polizia ha eseguito decine di perquisizioni nella capitale argentina nelle sedi di una più che sospetta Scuola di Yoga di Buenos Aires e nelle case dei suoi membri, arrestando 19 persone, sequestrando beni mobili e immobili, ed entrando in possesso di numerose intercettazioni telefoniche, in una delle quali risulterebbe inequivocabilmente la voce del tenore spagnolo. Gli inquirenti hanno confermato ufficialmente l‘esistenza delle intercettazioni che si riferiscono a Domingo, anche se hanno assicurato che per il momento l’artista non è accusato di nulla.

Due anni fa, fece il giro del mondo la notizia di un folto gruppo di donne statunitensi che avevano accusato l’81enne tenore di abusi sessuali. La vicenda fu da lui parzialmente confermata, ma l’impatto sui media lo costrinse comunque a chiedere scusa, a interrompere una collaborazione con la Metropolitan Opera di New York e a dimettersi dalla direzione dell’Opera di Los Angeles. Ora le intercettazioni non datate di cui dispone la giustizia argentina hanno riacceso i riflettori. Alcuni estratti sono stati trasmessi da radio e tv. In uno di essi, si può sentire un uomo, presumibilmente Domingo, parlare con una donna di nome Mendy al fine di organizzare con lei a New York un incontro sessuale. In un altro documento sonoro la stessa Mendy comunica al capo della Scuola di Yoga di Buenos Aires, Juan Percowicz, di essere riuscita finalmente a "confermare i piani" con "quell’uomo", che lei chiama ‘Plácido’.

L‘organizzazione guidata da Percowicz – 84 anni, fra le persone arrestate – è attiva da oltre 30 anni e già fra il 1993 e il 1994 ebbe gravi problemi con la giustizia, che l’aveva accusata di essere null’altro che una setta criminale a sfondo sessuale specializzata in clientela Vip. In quel momento, il giudice Mariano Bergés sostenne che con la copertura di argomentazioni pseudo filosofiche (teoria della trascendenza cosmica), e attraverso l’attività dello yoga, si reclutavano in realtà ragazze che venivano trasformate in ’schiave del sesso’, impegnate in incontri hard per raccogliere denaro a beneficio dell’organizzazione. Bergés spiegò anche che l’attività illecita si svolgeva e giustificava sotto la copertura di una teoria del ’geishato’ con cui si asseriva il dovere di "dimostrare amore per la gente". Per partecipare agli incontri si dovevano pagare 100 pesos dell’epoca. Percowicz respinse queste accuse affermando di essere solo un discepolo della ‘Scuola del Quarto cammino’, fondata dal russo Georghi Ivanovic Gurdjeff, e fu ascoltato dal giudice d’appello che assolse lui e i suoi collaboratori.

Oggi quelle accuse tornano però d’attualità, coinvolgendo anche personalità di grido, è il caso di Placido Domingo. Il giudice Lijo ritiene che l’organizzazione abbia reclutato persone almeno dal 2004, costruendo nel tempo "una struttura gerarchica e piramidale" cui partecipavano circa 179 studenti, distribuiti tra le sue varie sedi di Buenos Aires, Las Vegas, Chicago e New York.

Leggi anche:

Molestie, altre 11 donne accusano Placido Domingo

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved