27.07.2022 - 20:42
Aggiornamento: 21:41

Morto lo scrittore Uri Orlev, raccontò la Shoah ai bambini

Sopravvissuto ai lager nazisti, si è spento a Gerusalemme. Aveva 93 anni. Tra le sue opere: ‘Soldatini di piombo’.

Ansa, a cura di Red.Cultura
morto-lo-scrittore-uri-orlev-racconto-la-shoah-ai-bambini
Uri Orlev

Lo scrittore Uri Orlev – noto a livello internazionale per i suoi libri sulla Shoah destinati ai bambini – è morto a Gerusalemme all’eta’ di 93 anni. Sarà sepolto nel vicino kibbutz di Maaleh ha-Hamishà, di cui è stato un membro per diversi anni.

Orlev era nato in Polonia con il nome di Jerzy Henryk Orolowsky. All’inizio della Seconda Guerra Mondiale il padre fu arruolato nell’esercito polacco; nel 1940 la famiglia fu rinchiusa nel ghetto di Varsavia, nel 1943 la madre si ammalò e fu uccisa dai nazisti. Jerzy e il fratello, dopo essersi nascosti da una parente, furono scoperti e internati nel lager di Bergen Belzen, fino a quando furono liberati dalle forze statunitensi.

Orlev è poi immigrato in Israele e ha vissuto in alcuni kibbutzim. Si è in seguito trasferito a Gerusalemme dove, negli anni Sessanta, ha iniziato la sua attività letteraria.

Fra le sue opere maggiori, tradotte in molte lingue: ‘Soldatini di piombo’, ‘La bestia d’ombra’, ‘Come è difficile essere un leone’ e ‘L’isola in via degli uccelli’, che è ambientato nel ghetto di Varsavia. «Lo Stato di Israele – ha affermato il premier Yair Lapid, figlio di un sopravvissuto alla Shoah – ha perso oggi uno dei suoi maggiori scrittori per l’infanzia e per la gioventù».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved