ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
2 ore

Il Nobel per la Chimica 2022 a Bertozzi, Meldal e Sharpless

Il team è stato premiato per la ricerca sulla cosiddetta ‘chimica a scatto’, con applicazioni anche nella lotta contro i tumori
Culture
4 ore

La cappa plumbea che spaventa la destra

Marcello Veneziani ci parla del suo ultimo pamphlet, dedicato ai presunti eccessi del politically correct, della cancel culture e così via
Spettacoli
5 ore

‘Brad Pitt violento contro me e con i bambini’

Nuove accuse di Angelina Jolie all’indirizzo dell’ex marito. I fatti risalirebbero al settembre di sei anni fa
Arte
16 ore

Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti

Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
20 ore

L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata

Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
Musica
20 ore

Addio a Loretta Lynn, icona della musica country in Usa

La leggenda della musica country americana è morta a 90 anni. Figlia di un minatore, le sue canzoni cantavano della sua condizione sociale
Cinema
21 ore

James Bond e il cinema, la morte può attendere

Il 5 ottobre di sessant’anni fa l’esordio cinematografico del personaggio più longevo della storia del cinema. Ancora si cerca il successore di Craig
Scienze
22 ore

Una tarma ha nella saliva gli enzimi che sciolgono la plastica

La Galleria mellonella, nota anche come camola del miele, riesce a degradare il polietilene tramite due proteine individuate da un team italo-spagnolo
Teatro
22 ore

Bogdaproste e la forza centripeta In the Middle of Nowhere

Uno spettacolo e una performance sui palchi del Lac (Teatrostudio e Sala Teatro) chiudono la 31esima edizione del Fit Festival il 10 e l’11 ottobre
Spettacoli
1 gior

I Depeche Mode tornano dal vivo: anche la Svizzera nel tour 2023

La band britannica annuncia un nuovo tour dopo cinque anni per l’album ‘Memento Mori’ che farà tappa al Wankdorf di Berna l’11 giugno
Scienze
1 gior

Epilessia, alla base forse una iper-comunicazione cerebrale

Uno studio dell’Università di Padova evidenzia la correlazione con i livelli di integrazione fra più aree del cervello
Scienze
1 gior

Premio Nobel per la Fisica ad Aspect, Clauser e Zeilinger

I tre studiosi con le loro ricerche hanno aperto la strada ai potentissimi computer quantistici
L’intervista
1 gior

Un’altra indagine per Maurizio De Giovanni

Grazie al Caffè Gambrinus della sua Napoli, oggi abbiamo un bancario in meno e un grande giallista in più: venerdì 7 ottobre si racconta a Manno
Società
1 gior

Dagli scout alla lotta operaia: storia orale dell’Mgp

Un volume appena pubblicato raccoglie testimonianze e destini del Movimento giovanile progressista
Società
1 gior

Multa da un milione di dollari per Kim Kardashian

La star dei reality sanzionata per non aver rivelato il suo compenso per un post su Instagram in cui reclamizzava una società di criptovaluta
Fotografia
1 gior

È morto il fotografo che fece di Marilyn Monroe una leggenda

Douglas Kirkland aveva ritratto più di seicento celebrità. Era nato in Canada nel 1934 e sua è la foto che ritrae l’attrice con indosso solo un lenzuolo
Culture
2 gior

Il Nobel per la medicina all’archeologo del Dna

Premiato Svante Pääbo per le sue scoperte sul genoma degli ominidi. Il 67enne ha aperto un nuovo campo di ricerca
Rsi
laR
 
12.07.2022 - 09:02
Aggiornamento: 16:41

Spiando Leo Zanier, ‘pericoloso sovversivo’

A colloquio con Mattia Lento, autore del radiodramma ‘Zanier. Il poeta migrante e la rivoluzione’, su Rete Due dal 13 al 15 luglio e dal 18 al 22 luglio

spiando-leo-zanier-pericoloso-sovversivo
Primo maggio a Berna nel 1973: lavoratori italiani manifestano (nel riquadro, Leonardo Zanier)

Ha messo le mani negli archivi della polizia politica di Zurigo per riportarci tutti all’epoca dello Statuto dello stagionale (abolito giusto vent’anni fa), ai giorni della prima iniziativa Schwarzenbach (l’espulsione di massa dalla Svizzera di migliaia di persone senza passaporto), al tempo delle battaglie del movimento dei lavoratori migranti in cerca di giustizia sociale. Il risultato della ricerca di Mattia Lento, in collaborazione con Manuela Ruggeri, è confluita in ‘Zanier. Il poeta migrante e la rivoluzione’, radiodramma in onda su Rete Due dal 13 al 15 luglio e dal 18 al 22 luglio, sempre alle 13.30, prodotto da Francesca Giorzi e diretto da Flavio Stroppini. «Zanier è la figura che ho scelto per raccontare un mondo. Non volevo santificarlo, né farne un’agiografia», ci spiega Lento. E Zanier è Leonardo ‘Leo’ Zanier (1935-2017), poeta e sindacalista, educatore e attivista sindacale, friulano della Carnia spostatosi dapprima in Marocco e poi a Zurigo per diventare – in quanto figura di riferimento dell’emigrazione italiana in Svizzera – uno dei soggetti più spiati dalla polizia politica elvetica.

‘Zanier. Il poeta migrante e la rivoluzione’ alterna poesia e prosa, nel funzionale incastro con materiale d’archivio inedito e soprattutto con le ‘fiches’ della polizia politica a lui riservate, oggi conservate allo Stadtarchiv di Zurigo, spunto offerto a Lento per raccontare il protagonista attraverso lo sguardo di due poliziotti, un ticinese e un bregagliotto, sulle tracce del "pericoloso sovversivo" (dopo l’emissione, l’opera radiofonica sarà disponibile all’indirizzo www.rsi.ch/radiodrammi).

Mattia Lento, perché proprio Zanier?

A colpirmi sono stati i racconti di molte persone politicamente attive nel mondo della migrazione italiana e spagnola, spiati dalla polizia. In particolare mi ha colpito la storia di Lisetta Rodoni, proprietaria della Libreria italiana di Zurigo, oggi chiusa, spiata per anni dalla polizia e anche dai vicini, sempre cordiali con lei, una doppia faccia dalla quale Lisetta restò assai segnata. Il marito Sandro, un ticinese di Biasca, fu uomo importantissimo del Pci, rappresentò una sorta di trait-d’union tra Partito del lavoro, Pci e mondo della migrazione italiana.

C’è stata una conoscenza diretta con il ‘pericoloso sovversivo’?

Lo incontrai per la prima volta al 50esimo dalla fondazione della Libreria italiana. Non posso dire di aver avuto con lui un rapporto profondo. Io vengo dalla ricerca, ho studiato cinema, ho fatto un post-dottorato con il Fondo Nazionale Svizzero occupandomi dei rapporti tra migrazione italiana e cinema svizzero e Zanier, oltre all’importanza in ambiti di formazione e diritti, fu anche l’artefice del forte impulso giunto ai cineclub delle colonie libere. Se vogliamo, Zanier l’ho più studiato che conosciuto. Tra i nostri incontri ricordo la visione di un film insieme, credo si trattasse di un’opera di Bizzarri. In Zanier s’incarnano la mia volontà di raccontare un mondo della migrazione italiana organizzato e combattivo insieme al trauma della repressione politica.

Quali le fonti, gli spunti per la drammaturgia?

Di Zanier ho approfondito la vita e l’opera, grazie anche a Paolo Barcella, storico della migrazione italiana e autore della sua biografia. Ogni episodio è aperto da un testo di Zanier. Da poesie, in particolare, che fungono da ‘accompagnamento’, a introdurre il tema della puntata o a fare riferimento a un contenuto che emerge dall’episodio. Le schede della polizia zurighese sono state per me spunto ma anche importante fonte in chiave di ricostruzione dei fatti. Zanier stesso, delle sue ‘fiches’, dice: "Quando avrò l’Alzheimer questi documenti mi diranno cosa ho fatto". Sono schede a volte quasi ridicole, nei confronti delle quali non tutti hanno reagito male, alcuni le hanno anche derise per quel misto paradossale di acribia e raffazzonaggine. Una scheda, in particolare, mi è servita come struttura di un’intera puntata: è una fiche pubblicata anche da Paolo Barcella nella quale si legge di quello che pare un inseguimento da cinema americano, un’azione messa in atto per cercare di prevenire chissà quale azione sovversiva per scoprire poi che si trattava solo di una tombolata. La miccia che ha portato al radiodramma è stata proprio questa scheda, e il mio progetto iniziale era quello di costruire l’intera drammaturgia sulle schede stesse, ma sarebbe stato impossibile. Ho dovuto fare riferimento a testimonianze, a interviste dirette, quelle con Marco Mona, o con Bruno Cannellotto, sindacalista anch’egli spiato, amico di Zanier. E poi c’è un po’ di fantasia: i poliziotti sono due italofoni, figure magari un pochino inverosimili, ma ispirate a racconti dei diretti testimoni.

È un attimo, rileggendo questa fetta di storia, immaginarsi ‘Le vite degli altri’…

Anche la mia mente è andata al modello Ddr. Negli anni 60 in Svizzera c’era lo spauracchio dell’espulsione, e Rodoni sarebbe dovuto essere espulso almeno dieci volte, ma lo salvò l’essere ticinese. Sì, il modello è presente, e Zanier si chiede proprio quanto questa attività abbia portato a una sorta di Berufsverbot (legge federale tedesca che esclude dall’impiego pubblico soggetti dalle idee politiche radicali o estremiste, ndr). Nel radiodramma cito il ruolo del datore di lavoro dello Zanier, che sembra coprirlo in quanto il suo dipendente è gran lavoratore, è qualificato. Probabilmente al datore di lavoro non interessava l’attività politica, ma la sua resa lavorativa. E Zanier chiama di suo rispetto e ammirazione. Ho scoperto, studiandolo, che è l’inventore del concetto di albergo diffuso, per esempio. Ecco, sugli altri suoi ruoli sociali, alla fine, si potrebbe scrivere un opera radiofonica a sé.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved