un-oggetto-tante-storie-i-libri-d-artista-opere-da-sfogliare
BN/Simon Schmid
Gian Paolo Minelli, Zona Sur, Barrio Piedra Buena, Buenos Aires Argentina 2001–2006, Ginevra: Attitudes, 2007
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
1 ora

Il Boccalino per il miglior film a ‘Petites’ di Lerat-Gersant

Il tradizionale premio della critica indipendente da 22 anni celebra i film presenti al Festival capaci ci toccare temi etici, morali e politici
Cinema
2 ore

Staccata la spina: è morta l’attrice Anne Heche

La 53enne era stata coinvolta in un incidente automobilistico una settimana fa. In coma da allora, sono state spente le macchine che la tenevano in vita
Culture
4 ore

Arzo, un ciclo d’incontri accompagna il Festival di narrazione

Big Data, stereotipi, frontiera e il G8 di Genova. Dal 18 al 21 agosto, parallelamente al Festival, alla Corte dei Miracoli di Arzo
Culture
4 ore

La storia del Grigioni italiano attraverso le teche Rsi

Sabato 20 agosto a Roveredo, nella Sala patriziale del comune. Modera Fabrizio Casati; sul palco, a commentare i filmati, Bruno Bergomi e Federico Jolly
Musica
5 ore

Vent’anni di Vallemaggia Magic Blues con tanto di record

Il 20esimo ha battuto per spettatori pure il 18esimo zeppo di star. A Gordevio in 1’700 per Philipp Fankhauser. Il Producing team è già al lavoro sul 2023
Locarno 75
6 ore

Il deserto di Adnane Baraka, tra mistero e complessità umana

Il regista unisce nomadi e scienziati che cercano tracce sull’origine della vita, e il documentario sulla ricerca diventa esperienza poetica e metafisica
Culture
6 ore

Spider-Man, compie 60 anni il più giovane dei supereroi Marvel

Creato nell’agosto del 1962 da Stan Lee, con la collaborazione geniale del disegnatore Steve Ditko, ha ritrovato nuova gloria al cinema con Sam Raimi
Spettacoli
7 ore

L’India rifà ‘Forrest Gump’, e c’è chi grida al boicottaggio

Centinaia di integralisti riuniti davanti ai cinema hanno cercato di impedire l’accesso al pubblico nell’Uttar Pradesh: ‘Ridicolizzate le divinità indù’
Locarno 75
9 ore

Zsuzsi Bánkuti è la nuova responsabile di Open Doors

Dalla guida ad interim a quella in prima persona: ‘Non vedo l’ora di scoprire e promuovere nuovi talenti provenienti da questa vibrante regione’
Spettacoli
10 ore

Anne Heche senza speranza: ‘È cerebralmente morta’

A una settimana dal terribile incidente, l’annuncio della famiglia. ‘Donerà gli organi’
Open Doors
12 ore

L’epopea dei profughi cubani che incrina il mito rivoluzionario

‘La opcíon cero’ di Marcel Beltràn è una testimonianza cruda dell’esodo dall’Isola delle Grandi Antille. ‘Una storia reale che non dà risposte’.
Culture
12 ore

È morto il fumettista Sempè, ‘padre’ del Piccolo Nicolas

Creò il celebre personaggio con René Goscinny, uno dei padri di ‘Asterix’. Firmò copertine del New Yorker e di Paris Match: tutta la Francia lo piange
Locarno 75
14 ore

Il sesso, i sessi, in concorso

Valentin Merz e ‘De noche los gatos son pardos’, premio LGBT (se ci fosse), e ‘Piaffe’, fiction d’esordio di Ann Oren
Arte
laR
 
06.07.2022 - 21:41

Un oggetto, tante storie. I libri d’artista, opere da sfogliare

Allo Spazio Officina presentazione della raccolta a cura Susanne Bieri. L’autrice: ‘Sono divertenti e alla portata di tutti’

È poco conosciuto persino dagli appassionati d’arte e se tanto ci dà tanto, è oggetto misterioso per i profani. Eppure può essere davvero tanto divertente, «perché con ognuno di essi si scopre una storia diversa». Parola di esperta, l’autrice del volume ‘Schweizer Künstlerbücher – Livres d’artistes suisses – Libri d’artista svizzeri – Swiss artists’ books’ e conservatrice delle raccolte grafiche alla Biblioteca nazionale svizzera di Berna, che prova a rispondere alla domanda su cosa sia un libro d’artista. «È proprio questa la questione di base, che mi ha portata a realizzare questo libro: lo scriva nell’articolo – esordisce con una sonora risata Susanne Bieri –. Sono partita dal fatto di non sapere precisamente cosa fosse un libro d’artista. Può sembrare un po’ strano, dal momento in cui da quasi trent’anni mi occupo della collezione di stampe e disegni alla Biblioteca nazionale, dove si trova la più grande collezione di libri d’artista in Svizzera». Dopo i tre anni che le ha richiesto la stesura di quella che è la prima panoramica critica sui libri d’artista svizzeri, è arriva alla conclusione «che le definizioni sono praticamente tante quanti sono i libri d’artista. Per provare a spiegare: è un libro che è se stesso un’opera d’arte; non è sull’arte, ma un oggetto d’arte».

Oggetto che per parecchio tempo ha fatto l’interesse per lo più degli specialisti. «Perché in un certo senso è chiuso su se stesso, a volte non si vede che è un’opera d’arte – spiega Bieri –. Dall’esterno può apparire un libro come tanti ed è solo aprendolo, che si capisce e si avverte che è qualcosa di più di un volume solito». Alla sua difficile diffusione a un pubblico più ampio contribuisce anche il fatto che «non può essere esposto bene: se ne vede solo la copertina o una pagina o due pagine. Lo si deve avere in mano, per apprezzarne il contenuto; che è davvero variato e non si limita alla sola pittura: si va dalla fotografia alla scultura; poi ci sono artisti il cui lavoro artistico è produrre proprio questo tipo di volumi o musei che ritengono più interessante realizzano un libro d’artista al posto del tradizionale catalogo delle opere in mostra».

Al giorno d’oggi possedere una di queste opere d’arte è alla portata delle tasche di un pubblico assai più ampio rispetto a quello élitario dei collezionisti. «Nella produzione contemporanea, ad esempio, ci sono pezzi a cinque franchi o addirittura gratuiti. I libri d’autore non sono più un lusso come invece certi volumi del passato, che hanno raggiunto prezzi folli». Negli ultimi vent’anni le pubblicazioni di questo genere di libri hanno visto una rinascita sia a livello nazionale che internazionale; sono nate fiere che li espongono (Bologna, Torino, nell’ambito di ArtBasel, per citarne alcune) e ci sono editori che si occupano unicamente di questo settore. «Una spinta in tal senso è stata la scoperta o la riscoperta, da parte dei giovani, della stampa come forma di espressione. Stampa che è diventata vieppiù semplice e abbordabile in termini di costi e con delle semplici fotocopie si poteva dar vita a delle opere».

Unico nel suo genere

In 408 pagine ‘Schweizer Künstlerbücher – Livres d’artistes suisses – Libri d’artista svizzeri – Swiss artists’ books’ analizza lo sviluppo e la rilevanza del fenomeno in Svizzera, partendo dalla collezione di libri d’artista della Biblioteca nazionale. Uno studio effettuato anche sulla base di 112 interviste fatte a specialisti (storici d’arte, collezionisti, case editrici), cui Susanne Bieri ha posto 450 domande ricevendo 650 tra annotazioni e aneddoti. Uno scambio che tratta 1’500 titoli che testimoniano lo sviluppo e la rilevanza del fenomeno in Svizzera in un arco temporale che va dai codici miniati altomedievali alle attuali fanzine; facendo dunque dell’opera di Bieri un compendio enciclopedico di libri d’artista unico nel suo genere.

Il volume sarà presentato oggi, giovedì 7 luglio, allo Spazio Officina di Chiasso (ore 18), introdotto e illustrato dall’autrice (che è anche presidente del Comitato scientifico del m.a.x. museo), con interventi di Caterina De Pietri (direttrice Artphilein Edizioni), Simona Martinoli (direttrice Fondazione Marguerite Arp), Nicoletta Ossanna Cavadini (direttrice m.a.x. museo e Spazio Officina).

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
arte libri artista spazio officina susanne bieri
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved