simenon-con-la-pieta-di-echov-e-la-spietatezza-di-gogol
Keystone/Str
Lo scrittore belga Georges Simenon, nella sua casa di Épalinges, nel Canton Vaud
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
3 ore

Pardi per tre, una condanna alla selezione

Sokurov e Fahdel non erano nelle corde: la Giuria, evidentemente figlia del suo tempo, ha premiato la libertà espressiva più che regole e grammatica
Il ricordo
5 ore

Piero Angela e la gentilezza della scienza

Raccontare la scienza con garbo, chiarezza e senso della meraviglia: nel giorno dei funerali, le lezioni del grande divulgatore morto sabato a 93 anni
L'intervista
9 ore

Marco Solari: ‘Lascio un Festival più forte e in crescita’

La decisione è presa, il 76esimo sarà il suo ultimo da presidente: ‘Ma ora nessuna retrospettiva, ho semplicemente annunciato i prossimi passi’
Musica
21 ore

‘Clarinetto d’improvviso’, il Santilli d’agosto

Prosegue il ciclo di concerti di Marco Santilli, atteso ad Ascona il prossimo 26 agosto e a Bellinzona il giorno dopo
Culture
21 ore

A Biasca il primo Festival di letteratura per l’infanzia

Quarantotto eventi spalmati su tre giorni: al via martedì 16 agosto, per proseguire venerdì 14 e sabato 15 ottobre
Culture
22 ore

Pier Paolo Pasolini ad Airolo, una rassegna

A cent’anni dalla nascita dell’intellettuale italiano, dal 16 al 19 agosto una rassegna cinematografica a lui dedicata, curata da Nina Altoni
L’intervista
23 ore

Martin Suter, triviale come una libellula

Documentario atipico, ‘Alles über Martin Suter. Ausser die Wahrheit’ ha chiuso il Festival. Lo scrittore svizzero parla di sé (e risponde alla NZZ...)
Musica
1 gior

Rimini chiede che il ballo liscio sia patrimonio dell’Unesco

‘È una rappresentazione della vita e dei sentimenti’, dice il sindaco. Di recente si è espresso in questo senso anche Morgan, col plauso di Renzo Arbore
Culture
1 gior

Torna ‘Io sono vivo, voi siete morti’, Dick visto da Carrère

Apparso per la prima volta nel ’93, è un viaggio nella mente di Philip K. Dick, l’autore del ‘Cacciatore di androidi’ da cui è tratto il film Blade Runner
Scienze
1 gior

Roche lancia un test per la risposta immunitaria

Dovrebbe permettere di capire meglio le infezioni da coronavirus. Farà la sua apparizione sui mercati che riconoscono le marcature Ce
Spettacoli
1 gior

Trovati i riceventi per gli organi di Anne Heche

Staccati i macchinari a cui era attaccata l’attrice, cerebralmente morta dopo il grave incidente stradale
Scienze
1 gior

Le lucciole preferiscono accoppiarsi lontano dai ‘riflettori’

La luce artificiale troppo forte rende faticosa la riproduzione. L’inquinamento luminoso ha degli effetti sul declino di alcune popolazioni di insetti.
laR
 
30.06.2022 - 12:33
Aggiornamento: 16:27
di Marco Stracquadaini

Simenon: ‘Con la pietà di Čechov e la spietatezza di Gogol’

Scrittore della mediocrità, si dice, perché la conosceva bene. Non solo ne era circondato, ma vi era ben piantato. Ma scriveva ininterrottamente.

André Gide aveva tutti i suoi "Simenon" in uno scaffale dell’ingresso e quando incontrò il giovane romanziere, in una festa organizzata da Gallimard, lo chiuse in una stanza e gli fece mille domande sui suoi libri: gli ambienti, i personaggi, il "metodo". Gli chiese anche: «Quando è nato il suo personaggio?»; «Maigret?», rispose Simenon. «No! Lei».

È facile rischiare di darsi al folklore quando si parla di Simenon: per via delle famose donne, l’amore per il denaro, il whisky e quello che un tale panorama può provocare nel lettore. Nulla di interessante o illuminante sulla scrittura. E una volta di più, trattandosi di uno scrittore, si dovrà pensare alla scrittura. Il suo biografo Pierre Assouline racconta del metodo che non può che apparire stupefacente, dati i risultati: un capitolo al giorno per otto giorni, qualche giorno di riposo, tre altri per le correzioni. Se si quantifica il "qualche giorno" in cinque, sono sedici giorni in tutto. Due libri al mese. Non tutti i libri sono di otto capitoli ma i tempi restano incredibili.

Delle 200 pagine de ‘La casa dei Krull’ – che di capitoli ne ha tredici – soltanto le ultime quattro non sono cupe. Sono luminose e grottesche, forse deludenti, e sono ambientate a Stresa. Tutte le altre hanno per sfondo un paese francese di cui non si fa il nome. Né si fanno date, ma siccome il romanzo è stato scritto nel ’38 immaginiamo facilmente, forse sbagliando o forse no, che la cupezza sia quella che porterà a una guerra mondiale.

Chi è il vero protagonista de ‘La casa dei Krull’? Hans, il cugino sventato e mistificatore, piombato dal nulla nella casa degli zii, primo ad apparire e che occupa di sé tutta la prima metà? Oppure Joseph sul quale, pagina dopo pagina, s’infoltiscono i sospetti per la morte della ragazza ritrovata nel canale? Cornelius il patriarca che lavora alle sue ceste, muto come la statua di un santo, al quale tutto è fatto arrivare più che attutito. Se il protagonista sia lui, si potrà stabilirlo solo nelle ultime pagine. Riguardo alle donne, due specialmente concorrono al ruolo. La zia Maria che tesse la vita e le vite della famiglia, le tesse o le contiene, poco meno impenetrabile del marito. La tremolante Liesbeth, che scoprirà prima di tutti la spregiudicatezza di Hans, e sulle cui note al pianoforte sembra reggersi tutta la casa, ugualmente tremolante. O sul punto di esplodere. E poi il paesaggio, l’ambiente, come sempre in Simenon.

Il giovane tedesco Cornelius Krull si è fermato in Francia, mette su famiglia e apre un emporio. Ma loro saranno sempre "i tedeschi", anzi i crucchi. E quando l’ennesima vittima ritrovata nel canale è scoperta nei giorni in cui è da loro Hans…

Più spietatezza del solito in questo "Simenon", e meno pietà del solito. La pena che manca ce la mette il lettore. Per Liesbeth e per Cornelius, per Joseph, per l’altra figlia Anna. E riguardo ad Hans: quanto avrà di Simenon lo spregiudicato e seduttore, cinico cugino? Gli scrittori hanno un limite in comune, insieme a tutti gli altri, personali: l’impossibilità di restare del tutto fuori dalle proprie creature. Tutte hanno un po’ di chi scrive, e una ne ha tanto.

Simenon è lo scrittore della mediocrità, si dice, perché la conosceva bene. Non solo ne era circondato, ma vi era ben piantato dentro lui stesso («se l’avessi conosciuto a trent’anni, confessa Assouline, non avrei voluto essere suo amico»). Lo catapultavano fuori dalla mediocrità i libri e la scrittura. Ma scriveva ininterrottamente, sicché anche qui la vita non ci è di aiuto.

«Respiro la sola felicità di cui sia capace – una coscienza attenta e amica». Non è Simenon, ma Camus. Lo sguardo lucido e attento, amico delle cose malgrado il grigiore nel quale sono immerse. L’adesione alla vita in ogni suo aspetto, vincendo a volte la ripugnanza. "Se non amassi il grigiore, che occupa o tocca ogni cosa, me compreso, cosa amerò?". Così pensa Simenon. E scrive di conseguenza – a voler usare una formula facile –: "Con la pietà di Čechov e la spietatezza di Gogol’".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cechov simenon
© Regiopress, All rights reserved