attraente-e-inquietante-la-milano-di-giorgio-scerbanenco
Giorgio Scerbanenco, 1911-1969
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
1 ora

È morto l’illustratore Raymond Briggs

Fra i più amati dai bimbi, celebre il suo Pupazzo di neve. Tra le sue opere, anche la denuncia alla guerra
Culture
1 ora

Myanmar e Ucraina: Film Festival diritti umani, i primi titoli

Dal 19 al 23 ottobre a Lugano, i primi titoli: il pluripremiato ‘Myanmar Diaries’, di un collettivo birmano, e ‘Klondike’ di Maryna El Gorbach
Locarno 75
6 ore

‘Sermone ai pesci’ è il canto di un’umanità sconfitta

Il film di Baydarov è fra le proposte di oggi in Concorso insieme a ‘Serviam - Ich will dienen’, dove si calpestano i sentimenti dei personaggi
Culture
8 ore

A proposito di Robert Walser

Dalle parole ‘walseriane’ Dino Buzzati lo spunto per raccontare il poeta e scrittore svizzero, che fu sempre matto o non lo fu mai
L’intervista
11 ore

Sophie Marceau e le donne ‘di tutti i tempi’

Era in Piazza con ‘Un femme de notre temps’. Convive pacifica col manifesto generazionale che la lanciò, crede nel lavoro ‘ma è più utile l’esperienza’.
Locarno 75
18 ore

Fuori concorso una ‘Candy Land’ senza sconti

Crudele e spietato, diversi spettatori hanno lasciato la sala durante la proiezione. Ma il limite è la poca originalità registica
Musica
18 ore

Addio a Lamont Dozier, leggenda del soul

Fu uno dei più grandi cantanti soul della Motown, è morto all’età di 81 anni. Suoi i brani più famosi delle Supremes
Locarno 75
18 ore

In Piazza Grande la fine del ‘Tempo delle mele’

Da ‘Une femme de notre temps’ di Civeyrac, con Sophie Marceau quale attrice protagonista, emergono alcune criticità confessate dal regista stesso
Scienze
21 ore

In Asia i coronavirus selvatici infettano 60’000 persone l’anno

Nella quasi totalità dei casi i virus trasmessi dai pipistrelli non sono in grado di replicarsi e trasmettersi in maniera efficiente nell’uomo
Chilometro zero
23 ore

Sulla diffrazione poetica, incontro alla darsena del Parco Ciani

Serata con Maurizio Chiaruttini e il poeta Antonio Rossi, giovedì 11 agosto, dalle 18, alla darsena
Musica
23 ore

Il Duo Ferrazzini-Hauri in concerto a Ceresio Estate

Padre e figlio, violoncellisti, proporranno il loro concerto domenica 14 agosto, dalle 19, alla chiesa San Tommaso di Agra
Spettacoli
23 ore

Poesia e musica al Cima Norma Art Festival

Sabato 13 agosto, dalle 20, a Torre una serata dedicata a letture in versi con Fabio Pusterla, seguita dalla performance di Frigeri e dalla musica di Lanz
Estate giallo-nera
laR
 
25.06.2022 - 20:00
di Marco Stracquadaini

Attraente e inquietante, la Milano di Giorgio Scerbanenco

‘Traditori di tutti’, una scrittura dinoccolata come la figura dello scrittore, e che non somiglia a nessun’altra

"Ca’ Tarino fa parte di Romano Banco, che è una frazione di Buccinasco, che è un comune vicino a Corsico, che è vicino a Milano, praticamente è sempre Milano". Giorgio Scerbanenco divenne famoso per la ‘sua’ Milano, e una certa Milano si fece famosa, attraente o inquietante grazie ai romanzi di Scerbanenco. ‘Sua’ tra virgolette perché era di padre ucraino e madre romana, e visse fino a sedici anni a Roma.

Sei fai conto di non aver letto un solo giallo in vita tua, ne leggi uno di Scerbanenco e noti per prima cosa lo squallore. Ambiente, voci, parole non finte, o meglio non false rispetto all’argomento. Tutto è finzione quando diventa scrittura, ma c’è la falsa e la vera. La reale conquista, per la letteratura italiana degli anni Sessanta, è il territorio dello squallido urbano che mancava ancora ovunque e perfino nei gialli, che si muovono in sordidi ambienti. Tale virata si deve a lui. Duca Lamberti, protagonista degli ultimi quattro romanzi, nasce singolare non solo nel nome. Ex medico radiato dall’ordine per eutanasia, indolente e solerte, dubbioso e risoluto, in Traditori di tutti si ritrova una valigetta con dentro un mitra, e due morti, poi un altro, poi un altro tutti finiti nel Naviglio. Poi un altro ancora… La valigetta gliela lascia una donna, tornerà qualcuno a prenderla, lui nel frattempo, visto che è un medico, dovrà ‘ripristinare’ la verginità di lei che sta per sposarsi. Traffico d’armi e prostituzione, forse terrorismo, droga. Una catena di misfatti, malfattori e malfattrici che Duca Lamberti andrà tirando verso di sé, con l’esca della valigetta, stimolando da ognuno il tradimento di tutti.

Scerbanenco soffriva di non essere preso per italiano. Cambia con una ‘c’ la ‘k’ del cognome, italianizza il secondo nome e lo sceglie come primo. Dopo vari lavori tutti improbabili, fresatore, magazziniere, barrelliere, contabile, arriva ai settimanali Rizzoli: codirettore, responsabile delle rubriche di lettere, inizia a pubblicare romanzi a puntate. Romanzi rosa già con decise pieghe di giallo e di nero. Ma non far finire male un romanzo lo fa soffrire. Lo racconta Oreste Del Buono. Un romanzo rosa deve finire bene. E a un certo punto si stanca e nasce, con Duca Lamberti, ‘Venere privata’. È il 1966 e ha 55 anni. Quello stesso anno esce ‘Traditori di tutti’. È l’inizio della nuova unilaterale carriera – quella vera e interamente nera – che si interromperà, per la morte, dopo soli tre anni e due romanzi.

"Il profano – scrive – pensa che l’ispirazione sia qualche cosa di magico che chi scrive deve star lì ad aspettare (…) Ma non è così. Si scrive quando si vuole, e l’ispirazione, forse, non esiste. Come in tutte le cose, bisogna soltanto aver voglia di scrivere (…) Non è l’ispirazione che manca al poeta che guarda il cielo azzurro, è la voglia (…) A me piace scrivere. Ho scritto da per tutto, e nelle condizioni meno confortevoli. Non mi occorre né solitudine né silenzio né scrivanie speciali. L’unica cosa di cui ho bisogno è la macchina per scrivere – una qualsiasi, anche la più scassata – perché voglio vedere subito chiaro e ben allineato quello che scrivo".

Un talento feroce per la scrittura e un’esperienza del mondo maturata sulla conoscenza della cronaca e sulla propria vita. Capacità di osservazione e amore del dettaglio, curiosità onnivora, spregiudicatezza in ogni campo, inclusa quella verso il protagonista dei suoi ultimi e maggiori romanzi, del quale non si innamora. Distacco, gioco (sempre feroce) e disinvoltura anche verso la propria scrittura, che nasce e resta com’è quasi senza correzioni. Manca qualcosa per fare un vero scrittore, ma lui ce l’ha: coraggio e compassione, impietosità e pietà, amore-dolore per la vita con quello che c’è dentro.

Così è anche in ‘Traditori di tutti’. Una scrittura dinoccolata come la figura dello scrittore, e che non somiglia a nessun’altra. Una Milano vista di scorcio correndo in macchina, complice e insieme distante da ciò che vede accadere, colta di sorpresa da una smagliante primavera.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
estate giallo nera giorgio scerbanenco milano
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved