roberto-badaracco-fabri-fibra-cantera-vi-spiego-perche
Gulo/Ti-Press
A sinistra l’artista, a destra il vicesindaco
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
1 ora

Morti per tumore, il 44% a causa di fattori di rischio evitabili

Il fattore di rischio con maggiore impatto in ambo i sessi è il fumo. Seguono alcol, alimentazione scorretta, inquinamento ambientale e sesso non sicuro
Scienze
1 ora

Più problemi di memoria tra chi ha perso l’olfatto

Covid, secondo una ricerca dell’Hospital das Clínicas di San Paolo (Brasile) c’è una relazione tra la perdita sensoriale e la capacità cognitiva
Lac
2 ore

‘La traviata’ secondo Rifici

Da Rossini al capolavoro verdiano, che debutta il 2 settembre. Sulla scena che prende forma, a colloquio con il regista (aspettando Donizetti...)
Spettacoli
5 ore

‘Pretty Woman - Il Musical’, in novembre al Lac

Prevendite aperte. Con la colonna sonora affidata alla coppia Bryan Adams/Jim Wallace (ma Roy Orbison c’è), sabato 26 e domenica 27 novembre a Lugano
Culture
18 ore

Ombre su Placido Domingo: ‘Legato a rete di schiave del sesso’

Il tenore spagnolo agita nuovamente la cronaca argentina e internazionale. La sua voce nelle intercettazioni degli inquirenti.
Culture
21 ore

La lettera di Galileo del Michigan è un falso degli anni 30

Fu creato da un celebre contraffattore milanese che per anni ha sfornato ‘autografi d’autore’ per mantenere le sue sette amanti
Estate giallo-nera
1 gior

‘Quer pasticciaccio’ di Carlo Emilio Gadda

‘Quer pasticciaccio brutto de via Merulana’, 1957: scrittura che corre da ferma, personaggi promossi protagonisti appena nominati, spregiudicatezza
Culture
1 gior

‘Vento di vita vera’ a Moghegno, con musiche di Marco Zappa

Il film di Kurt Voller in anteprima sabato 20 agosto in piazza. La colonna sonora è del ticinese, atteso giovedì 18 agosto a Brusino Arsizio in Trio
Culture
2 gior

In Portogallo torna una vecchia antologia di Pessoa

Prima la biografia di Richard Zenith, ora l’antologia a cura dell’amico poeta e saggista Adolfo Casais Monteiro
Libri
2 gior

Il pane nell’arte, l’arte del pane

‘PaneArte’ (Dadò), interessante, anche se non esaustivo, cammino attraverso l’arte che si occupa del pane
Culture
2 gior

La Compagnia Tiziana Arnaboldi danza per Marguerite Arp

La Fondazione Marguerite Arp rende omaggio alla sua fondatrice sabato 20 e domenica 21 agosto alle 17, con una prima assoluta nel Ronco dei Fiori
Spettacoli
2 gior

Addio a Wolfgang Petersen, diresse ‘La storia infinita’ e ‘Troy’

Il regista tedesco aveva 81anni. Fra gli attori da lui diretti, Clint Eastwood, Dustin Hoffman, George Clooney, Harrison Ford e Brad Pitt
Spettacoli
2 gior

Manupia, tutti gli ‘Hit Single’ dal vivo ad Ascona

Alle 18, nel rinnovato ristorante/bar Al Torchio di via Borgo 47, la collaudata band ticinese dal vivo
15.06.2022 - 05:30
Aggiornamento: 09:29

Roberto Badaracco: ‘Fabri Fibra canterà, vi spiego perché’

Del rapper accusato di omofobia e incitamento allo stupro, nel silenzio del mondo del rap, parla il vicesindaco al nome del Lac e della Città

Fabri Fibra a Lugano si farà. Nel silenzio di rapper locali, esperti del settore, storici del rap, da noi interpellati senza avere risposte, nell’occasione sfumata dagli stessi per ribadire una volta per tutte o per l’ennesima volta la sacralità dell’arte, formulare un mea culpa o fornire una qualsiasi altra spiegazione (anche un ‘vaffa’), è la Città, e indirettamente il Lac, la sola a commentare le parole de Io l’8 ogni giorno, collettivo femminista che dal pomeriggio di lunedì chiede l’annullamento del concerto del rapper italiano in Piazza Luini. Le motivazioni sono nel comunicato stampa ufficiale e nelle parole di più militanti, raccolte su queste pagine nell’edizione di ieri. In sintesi – e riportando liriche di una certa crudezza estratte da alcuni brani del rapper – si chiede il foglio di via (artistico) a "un personaggio che da 20 anni costruisce la propria fama e profittabilità commerciale inneggiando pubblicamente all’odio e alla violenza contro le donne e le persone Lgbt". Se il mondo del rap glissa, Roberto Badaracco, che di Lugano è vicesindaco e del Lac è presidente, puntualizza.

Roberto Badaracco, vi chiedono di cancellare Fabri Fibra a Lugano…

Ho preso atto delle richieste che ci vengono fatte, ma il concerto viene mantenuto. Mi spiace che queste contestazioni sui contenuti dei testi arrivino soltanto ora, a concerto pronto, a biglietti venduti. Dico questo perché non si tratta di brani recenti. È innegabile che in passato Fabri Fibra si sia espresso decisamente oltre i limiti, come è vero che si sta parlando di canzoni che risalgono a dieci, quindici anni fa. Per quanto mi risulta, l’artista si è espresso sul fatto che la crudezza di molti suoi testi rappresentavano lo stato d’animo di un ragazzo di 16-18 anni. Oggi ci troviamo di fronte a un uomo che in Italia ha rivoluzionato un genere musicale, che ha dato una vera e propria svolta al rap. La vita è fatta anche di errori e cambiamenti.

Ha potuto visionare gli estratti dei brani di Fabri Fibra riportati nel comunicato del collettivo femminista?

Sì. Posso dire che siamo tutti a conoscenza del fatto che i contenuti del rap non siano paragonabili a quelli di altri generi musicali, che i testi si affidano a un linguaggio esplicito, provocatorio, e che è spesso lo specchio di una forma di disagio che è parte della cultura rap. È anche per questo motivo che il concerto non si svolgerà all’interno dal Lac. Ma la scelta di Piazza Luini si deve anche al desiderio di proporre uno spettacolo appositamente per i giovani, dando loro un luogo più adatto a quel tipo di musica e di concerto. Quanto ai contenuti dello spettacolo, abbiamo le rassicurazioni degli agenti dell’artista e degli organizzatori. Ci conforta che questo show, in cui viene presentato un nuovo disco che non mi risulta contenga nulla di omofobo od offensivo nei confronti delle donne, stia girando l’Italia, in Comuni e piazze. Con questo non voglio dire che gli episodi di cui si parla nel comunicato siano da dimenticare.

Unitamente alle accuse per l’invito a Fabri Fibra, dalle donne de Io l’8 ogni giorno ne arriva un’altra che parla di "gravi discriminazioni verso le moltissime artiste, musiciste, cantanti locali e internazionali che non state sistematicamente ignorate e sono sottorappresentate nei programmi dei principali festival". Cosa risponde?

È il passaggio che più mi infastidisce, perché la città di Lugano ha da sempre un occhio sensibile nel supportare ogni iniziativa di contrasto alla violenza sulle donne e in modo più esteso quella di genere. E da sempre si prodiga per una parità di proposte. Non solo per le estati culturali luganesi, ma per tutti gli eventi ci siamo prodigati affinché vi fosse un’equa presenza femminile e maschile. Una nuova iniziativa in questo senso, specificamente diretta al settore artistico femminile, sarà presto annunciata. Ma non voglio parlare di ‘più donne’ o ‘più uomini’, bensì di valori artistici conclamati, riconosciuti, per i quali non abbiamo mai fatto discriminazioni. Se dunque su Fabri Fibra è stato sollevato un problema vero, su quest’ultimo punto mi sento di dire che le accuse non hanno alcun fondamento, che si tratti di donne o mondo Lgbt. Insieme a Marco Borradori, non molto tempo fa, ho difeso coi denti il Gay Pride di Lugano da chi ci accusava di portare per le strade "uno spettacolo indegno".

Leggi anche:

Fabri Fibra a Lugano: ‘Si legittima la violenza sulle donne’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
badaracco donne fabri fibra
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved