ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
2 ore

Il Nobel per la Chimica 2022 a Bertozzi, Meldal e Sharpless

Il team è stato premiato per la ricerca sulla cosiddetta ‘chimica a scatto’, con applicazioni anche nella lotta contro i tumori
Culture
4 ore

La cappa plumbea che spaventa la destra

Marcello Veneziani ci parla del suo ultimo pamphlet, dedicato ai presunti eccessi del politically correct, della cancel culture e così via
Spettacoli
4 ore

‘Brad Pitt violento contro me e con i bambini’

Nuove accuse di Angelina Jolie all’indirizzo dell’ex marito. I fatti risalirebbero al settembre di sei anni fa
Arte
15 ore

Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti

Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
20 ore

L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata

Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
Musica
20 ore

Addio a Loretta Lynn, icona della musica country in Usa

La leggenda della musica country americana è morta a 90 anni. Figlia di un minatore, le sue canzoni cantavano della sua condizione sociale
Cinema
21 ore

James Bond e il cinema, la morte può attendere

Il 5 ottobre di sessant’anni fa l’esordio cinematografico del personaggio più longevo della storia del cinema. Ancora si cerca il successore di Craig
Scienze
21 ore

Una tarma ha nella saliva gli enzimi che sciolgono la plastica

La Galleria mellonella, nota anche come camola del miele, riesce a degradare il polietilene tramite due proteine individuate da un team italo-spagnolo
Teatro
22 ore

Bogdaproste e la forza centripeta In the Middle of Nowhere

Uno spettacolo e una performance sui palchi del Lac (Teatrostudio e Sala Teatro) chiudono la 31esima edizione del Fit Festival il 10 e l’11 ottobre
Spettacoli
23 ore

I Depeche Mode tornano dal vivo: anche la Svizzera nel tour 2023

La band britannica annuncia un nuovo tour dopo cinque anni per l’album ‘Memento Mori’ che farà tappa al Wankdorf di Berna l’11 giugno
Scienze
1 gior

Epilessia, alla base forse una iper-comunicazione cerebrale

Uno studio dell’Università di Padova evidenzia la correlazione con i livelli di integrazione fra più aree del cervello
Scienze
1 gior

Premio Nobel per la Fisica ad Aspect, Clauser e Zeilinger

I tre studiosi con le loro ricerche hanno aperto la strada ai potentissimi computer quantistici
L’intervista
1 gior

Un’altra indagine per Maurizio De Giovanni

Grazie al Caffè Gambrinus della sua Napoli, oggi abbiamo un bancario in meno e un grande giallista in più: venerdì 7 ottobre si racconta a Manno
Società
1 gior

Dagli scout alla lotta operaia: storia orale dell’Mgp

Un volume appena pubblicato raccoglie testimonianze e destini del Movimento giovanile progressista
Società
1 gior

Multa da un milione di dollari per Kim Kardashian

La star dei reality sanzionata per non aver rivelato il suo compenso per un post su Instagram in cui reclamizzava una società di criptovaluta
Fotografia
1 gior

È morto il fotografo che fece di Marilyn Monroe una leggenda

Douglas Kirkland aveva ritratto più di seicento celebrità. Era nato in Canada nel 1934 e sua è la foto che ritrae l’attrice con indosso solo un lenzuolo
Culture
2 gior

Il Nobel per la medicina all’archeologo del Dna

Premiato Svante Pääbo per le sue scoperte sul genoma degli ominidi. Il 67enne ha aperto un nuovo campo di ricerca
Musica
2 gior

Ottaviano e Aram, tra nuove musiche e Jazz in Bess

Sabato 8 ottobre doppia proposta: l’Eternal Love di Roberto Ottaviano e il sestetto di John Aram
Spettacoli
2 gior

‘Dimitri saliva sul palco e taaac, si accendeva la lampadina’

Duilio Galfetti ricorda il grande clown, al quale con Roberto Maggini e Pietro Bianchi dedicherà l’omaggio il 5 ottobre con canti e musica popolare
L'intervista
09.06.2022 - 19:29
Aggiornamento: 22:37

Christian Weidmann: ‘Osi esperienza enorme, in gran parte umana’

L’addio del Direttore artistico e amministrativo: ‘Pare una decisione anticipata o troppo affrettata, ma non lo è’. Le motivazioni

christian-weidmann-osi-esperienza-enorme-in-gran-parte-umana
Ti-Press
In carica dal primo agosto 2020, lascerà il prossimo 30 settembre

Resterà in carica fino al 30 settembre prossimo, "per poi concentrarsi sulla propria attività in Argovia, dove risiede tra l’altro il centro dei suoi interessi personali e familiari". Prima dei ringraziamenti ufficiali "per l’ottimo lavoro svolto" e gli auguri di futuri successi professionali, così l’Orchestra della Svizzera italiana, per voce della sua Fondazione (Fosi), si congeda da Christian Weidmann, dopo che lo stesso, nella seduta dello scorso 8 giugno, ha deciso di dimettersi dal ruolo di Direttore artistico-amministrativo dell’Osi, a nemmeno due anni dalla sua entrata ‘in servizio’. La storia di Weidmann a Lugano era iniziata il primo agosto del 2020 per infilarsi in uno dei periodi più complessi della storia dell’Osi, per l’ondata pandemica che ne ha messo a rischio il futuro sia dal punto di vista artistico che finanziario. Nel riassumerne l’operato, la Fosi parla comunque di un periodo pandemico "sfruttato al meglio" in chiave di sviluppo successivo, cita i nuovi formati introdotti – il progetto creativo ‘Tracce’, gli open-air – e quella ‘scommessa’ (vinta) chiamata ‘Presenza’ che ha appena visto protagonista Sol Gabetta. "Il Direttore Weidmann ritiene pertanto – si legge ancora nel comunicato ufficiale – che il momento sia propizio per un cambiamento ai vertici della Fosi, per permettere all’Orchestra di proseguire il suo percorso di crescita post-pandemico con un nuovo capitolo".

Christian Weidmann, due anni possono considerarsi un tempo assai breve: cosa l’ha portata a lasciare?

Sì, due anni sono un tempo breve, lo riconosco. Due anni di cui uno è coinciso con il lockdown, un tempo molto particolare, ma non si può dire che ci siamo fermati. Ci siamo organizzati per reagire alla situazione pandemica, lavorando comunque anche sul futuro. Si è inevitabilmente perso del tempo, perché progredire era assai difficile, ma la mia sensazione è che in questi due anni abbiamo concluso una fase di transizione nella storia dell’Osi, arrivata a me dopo Denise Fedeli. Una transizione caratterizzata da profondi cambiamenti, dallo staccarsi dalle strutture del passato. Sento che l’orchestra è adesso consolidata nella nuova era, anche dopo il Covid-19. In questo momento, mentre ci troviamo a buon punto con il contratto con la Rsi, abbiamo davanti a noi un momento di relativa calma per capire come prepararci ai grandi progetti futuri.

Perché non lei, dunque, a ‘completare l’opera’?

Le visioni artistiche, le strategie per il futuro non sono concetti pianificabili in un tempo di due anni. Ne servono almeno cinque o addirittura sette. Quando nel 2020 sono arrivato qui, ho pensato che cinque anni sarebbero bastati; ora, dopo la pandemia, il calcolo ricomincia da zero e se io non ho la sensazione di poter dare il 100 per cento – e il mio lavoro non si può fare al 98 – è bene che prenda una decisione con un certo anticipo. Non volevo iniziare la nuova fase, così ricca di processi importanti, lasciando le cose a metà. All’Osi serve ora una persona con un chiaro profilo che possa sposare gli obiettivi futuri, perché il futuro è ora più chiaro di due anni fa, e senza Covid forse non sarebbe stato così chiaro. La mia decisione, presa tenendo conto della mia vita familiare, parrebbe un po’ anticipata o presa in modo affrettato ma non lo è, perché i processi a volte si sovrappongono anche se non lo vogliamo, e per me sarebbe sbagliato ritrovarmi a dover ‘staccare’ proprio nel mezzo di uno di essi.

Sue parole del 2020 a questo giornale, nei giorni dell’insediamento: "Per me è un mondo nuovo, da scoprire". Quale mondo ha conosciuto?

Un mondo fantastico, un’orchestra di qualità, nell’insieme e con i suoi singoli personaggi. Ho trovato una grande famiglia che lavora unita, guidata da una visione artistica chiarissima. Ho sempre pensato e continuo a pensare che l’Osi sia una delle migliori orchestre di tutta la Svizzera, se non la migliore, per come esegue con la stessa intensità tanto concerti come quello di Vienna, che io considero un picco, che quelli al Lac. È qualcosa che sapevo, perché è stato anche il fascino della sua qualità a portarmi qui. L’Osi non è un orchestra qualsiasi. È vero che il suo centro è Lugano, ma è l’Orchestra della Svizzera italiana. Da grigionese, un po’ argoviese, conosco le dinamiche dei cantoni che non hanno un centro preciso ed è una bellissima esperienza che va a braccetto con il mio carattere. E l’Osi è sì l’internazionalità ma anche l’identificazione con il proprio territorio, e le collaborazioni con partner così numerosi sono estremamente interessanti.

La sua doppia funzione, artistica e amministrativa, ha influito sulla sua decisione?

No, perché il carico di lavoro con un ruolo soltanto non cambierebbe. Il doppio ruolo ha il vantaggio di rendere chiaro, soprattutto in situazioni non sempre chiare, chi prende le decisioni, pur in armonia con la direzione o con altri membri dello staff. Il doppio ruolo ha senso; certamente esistono alternative e sarà il Consiglio di Fondazione a decidere come proseguire. Se fossi stato soltanto direttore artistico, le cose non sarebbero state diverse. Come dicevo prima, parlando di percentuali d’impegno, per fare questo lavoro si è sempre al limite, e se non si è al limite le cose non vanno avanti.

Il comunicato stampa cita i passi fatti dall’Osi sotto la sua direzione: si sente soddisfatto del lavoro fatto?

Ho la grande soddisfazione di aver potuto vivere un’esperienza enorme e in gran parte umana, perché ho dovuto conoscere da un giorno all’altro una cinquantina di persone, i musicisti, lo staff, persone con le quali si lavora fianco a fianco. Sono entrato in contatto con tutto un ambito nuovo e con meccanismi che in Ticino sono diversi dagli altri cantoni. Siamo svizzeri ma la Svizzera è così diversa, non soltanto per la lingua. Sentire la ‘mia’ orchestra a Vienna, a Basilea o al Lac è un regalo che mi è stato fatto. Sono le esperienze umane, nel mio caso, che mi hanno fatto crescere. E le esperienze, per via del Covid, erano più intense, più problematiche, tutte situazioni che in inglese si dicono ‘priceless’ (senza prezzo, ndr), e che insegnano tanto.

Un momento che porterà con sé?

Posso indicare due picchi: il concerto a Vienna, ma soltanto come simbolo della qualità che si può vivere ogni volta anche al Lac e, dopo due anni di preparazione, ‘Presenza’ con Sol Gabetta, nell’incognita dell’esperimento, del come sarebbe stato, due concerti rischiosi per i quali non potevamo prevedere la reazione del pubblico. ‘Presenza’ è anch’esso un picco perché riunisce più aspetti, il solista di fama mondiale, l’orchestra e il suo direttore e, non di meno, la sala.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved