locarno75-pardo-alla-carriera-a-costa-gavras
KG Productions
Costa-Gavras, l’11 agosto in Piazza Grande
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
26 min

Canta in Piazza la lotta femminile di Annie Colère

Il film di Lenoir, in Piazza oggi, racconta le battaglie delle donne per il diritto all’aborto: una storia che invita alla rivolta cosciente e civile
Locarno 75
38 min

Piazza Grande di domani: Bataclan e ‘Imitation of Life’

Prima della proiezione dei due film, verrà consegnato il Pardo d’onore Manor alla regista statunitense Kelly Reichardt
Spettacoli
3 ore

Steve Martin dice addio alla carriera di attore

L‘attore ha alle spalle quasi 60 anni di carriera. Attualmente è impegnato nella serie televisiva ‘Only Murders in the Building’
Sostiene Morace
4 ore

Ma col domenicale in pausa estiva, io con chi faccio polemica?

Mancano gli affondi sulla ‘kultura’ e lo sperpero di soldi pubblici del Festival. Ma restando al cinema, quant’è bello ‘Last Dance’
Chilometro zero
4 ore

Una matinée dedicata al tema della toponomastica al femminile

L’appuntamento è proposto nel solco della rassegna Chilometro zero, lunedì 22 agosto, alle 9, in Biblioteca cantonale a Lugano
Prix au Public
6 ore

Lattina di Feldi con pezzi di sottotitoli

Sfilate di direttori artistici, il tormentone sul Ceneri, le donne che non sudano (e altre storie locarnesi)
Piazza Grande
6 ore

Il Pardo alla carriera a Costa-Gavras, poi ‘Annie Colère’

È il programma di questa sera, che dalla storia di Annie porta al noir d’esordio del grande regista, che ritira il suo premio
In Concorso
8 ore

Immagini dell’immondizia e di un’umanità persa

‘Matter Out of Place’ dell’austriaco Nikolaus Geyrhalter vs ‘Regra 34’ della brasiliana Julia Murat: emozioni contrastanti
Estate giallo-nera
10 ore

Borges, raccontare l’infamia per amore del coraggio

‘Storia universale dell’infamia’, sette storie di Jorge Luis Borges, che di scrivere racconti aveva tanta paura
Locarno 75
11 ore

La normalità non binaria dell’adolescente Robin

A colloquio con Trevor Anderson, tra i Cineasti del presente con ‘Before I Change My Mind’, uno dei film più sorprendenti di questa 75esima edizione
Locarno 75
14 ore

Non sapeva di sognare, Piazza Grande è un sogno che s’avvera

La regista Caterina Mona ci parla di ‘Semret’, suo primo lungometraggio proiettato mercoledì sera a Locarno. ‘Sentivo che era un film necessario’
L’intervista
17 ore

Suoni e visioni di Laurie Anderson

Così è motivato il Vision Award ritirato ieri in Piazza: ‘Niente nella musica, nel teatro, nel cinema, nella danza e nella videoarte sarà più lo stesso’
Locarno 75
1 gior

‘Semret’, in Piazza il peso dello stupro

Caterina Mona merita un applauso tutto suo per un film sincero, capace di dire dell’oggi, dei migranti che fatichiamo a vedere, apprezzare, custodire.
Moda
1 gior

Addio a Issey Miyake, il ‘sarto del vento’

Aveva 84 anni. Era anche conosciuto per aver disegnato il dolcevita nero indossato dal fondatore di Apple, Steve Jobs
Spettacoli
1 gior

I Golden Globes tornano su Nbc nel 2023

Dopo lo scandalo sulla diversità e lo stop della messa in onda quest’anno
Locarno Film Festival
08.06.2022 - 15:04
Aggiornamento: 19:11

Locarno75, Pardo alla carriera a Costa-Gavras

‘È un atto dovuto’, commenta il direttore artistico Giona A. Nazzaro annunciando il premio al regista greco-francese, maestro del cinema di denuncia

Maestro greco-francese del cinema d’impegno civile in un Festival che dal 1946 è sinonimo di libertà, Costa Gavras ritirerà il Pardo alla carriera Ascona-Locarno durante il 75esimo Locarno Film Festival. La consegna del riconoscimento è programmata per giovedì 11 agosto in Piazza Grande; il giorno dopo, al Forum @Spazio Cinema, il regista converserà con il pubblico, cui Locarno75 riproporrà i due titoli che hanno dato avvio alla sua carriera: ‘Un homme de trop’ (Shock Troops, 1967) e ‘Compartiment tueurs’ (The Sleeping Car Murders, 1965).

Il Pardo alla carriera Ascona-Locarno a Costa-Gavras celebra il suo cinema di denuncia, il racconto delle ingiustizie, condotto senza censure facendo luce su alcuni dei capitoli più oscuri della nostra storia. Con‘Z’ (1969), definito come il primo grande film politico della nostra epoca (Premio Oscar per il Miglior film straniero), Costa-Gavras ha fatto luce sulla Grecia dei colonnelli; con ‘L’aveu’ (The Confession, 1970), sui processi staliniani; con Missing (1982), sul coinvolgimento della CIA nel golpe cileno del 1973; con ‘Hanna K.’ (1983), sul conflitto israelo- palestinese e, in tempi più recenti, ‘Le capital’ (Capital, 2012), film sulla corruzione del sistema finanziario. I due Oscar, l’Orso d’oro, una Palma d’oro e un premio della giuria a Cannes, insieme ai molti altri riconoscimenti assegnatigli dai maggiori festival mondiali, sono il miglior richiamo del cinema alla responsabilità collettiva, mai così attuale come in questi giorni.

Il direttore artistico del Locarno Film Festival, Giona A. Nazzaro: "Il Pardo alla carriera a Costa-Gavras è un atto dovuto. Si tratta, probabilmente, del cineasta che maggiormente ha interrogato la storia del ventesimo secolo senza mai farsi abbagliare dalle ideologie. Pur essendo definito ‘cineasta politico’, Costa-Gavras è soprattutto uno straordinario autore dotato di un senso della forma e dello stile portentoso. Senza mai arenarsi nelle secche del manierismo autoreferenziale, ha saputo rinnovarsi e mettersi in gioco instancabilmente. Costa-Gavras incarna un’idea nobilissima del cinema come strumento di avanzamento e conoscenza che non ha mai rinunciato a dialogare con il pubblico, offrendo sempre un’idea schietta di divertimento e intrattenimento".

Fra le vincitrici e i vincitori del Pardo alla carriera nelle scorse edizioni vi sono Francesco Rosi, Claude Goretta, Bruno Ganz, Claudia Cardinale, Johnnie To, Harry Belafonte, Peter-Christian Fueter, Sergio Castellitto, Víctor Erice, Marlen Khutsiev, Bulle Ogier, Mario Adorf, Jane Birkin, Fredi M. Murer e, nel 2021, Dante Spinotti.

Costa-Gavras, la biografia

Costa-Gavras, pseudonimo di Kōnstantinos Gavras (Loutra Iraias, Grecia, 1933), a 22 anni si trasferisce a Parigi per studiare all’Institut des Hautes Études Cinématographiques (Idhec), esordendo come assistente alla regia per autori come René Clair e Jacques Demy. Il suo primo film, Compartiment tueurs (The Sleeping Car Murders, 1965), poliziesco ampiamente elogiato dalla critica, riuniva alcuni degli attori francesi più noti del periodo, come Yves Montand e Simone Signoret, così come il successivo Un homme de trop (Shock Troops, 1967), adattamento di un romanzo di Jean-Pierre Chabrol ambientato durante la resistenza francese, con Michel Piccoli. Con Z, ispirato al testo di Vasilīs Vasilikos, la sua consacrazione mondiale è stata coronata da due premi al Festival di Cannes nel 1969 (Premio della giuria e Prix d’interprétation masculine a Jean-Louis Trintignant), da due Oscar nel 1970 (Miglior film straniero e Miglior montaggio), e da decine di altri riconoscimenti.

Il taglio politico presente nel film si ritroverà anche in molti dei titoli successivi, come L’aveu (The Confession, 1970), Hanna K. (1983), Betrayed (1988) e Music Box (1989), per cui Costa-Gavras ha ricevuto l’Orso d’oro alla Berlinale nel 1990, oltre a una candidatura agli Oscar per la protagonista Jessica Lange. Nel 1979, il regista si è invece ispirato a un romanzo di Romain Gary per Clair de femme (Womanlight), dramma intimista con Romy Schneider e Yves Montand. A questo titolo ha fatto seguito il suo primo film americano, Missing, con cui nel 1982 ha ottenuto la Palma d’oro e il premio per il miglior attore, andato a Jack Lemmon, al Festival di Cannes, e nel 1983 un Oscar per la miglior sceneggiatura non originale. Conseil de famille (Family Council, 1986), con Johnny Hallyday e Fanny Ardant, ha segnato l’incursione di Costa-Gavras nella commedia, mentre La petite apocalypse (The Little Apocalypse,1993), fra le sue opere più premonitrici, tramite la satira scoperchiava il cinismo della sinistra intellettuale fattasi classe dirigente.

Con Mad City (1997), interpretato da Dustin Hoffman e John Travolta, Costa-Gavras ha ritratto le mistificazioni del giornalismo televisivo, per poi realizzare, nel 2002, uno dei suoi film più discussi, Amen (2002) e, nel 2005, Le couperet (The Ax, 2005). Nel 2009, il regista ha intrapreso un’odissea moderna con Eden à l’Ouest (Eden Is West, 2009), in cui Riccardo Scamarcio veste i panni di un migrante in fuga dal proprio paese. Il film più recente di Costa-Gavras è Adults in the Room (2019), sulla crisi finanziaria esplosa in Grecia nel 2015. Il regista è anche apparso come attore in tre film di John Landis: Spies Like Us (1985), The Stupids (1996) e Burke and Hare (2010). Nel 2007 è stato rieletto Presidente della Cinémathèque Française, carica che riveste tuttora.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
costa-gavras locarno film festival pardo alla carriera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved