storia-di-mali-traditori-assassini-e-uomini-giusti
www.unfattoumano.it
30 anni fa la strage di Capaci
ULTIME NOTIZIE Culture
Teatro
15 ore

‘Peter Brook ha vissuto il teatro, la sua vita, fino alla fine’

David Dimitri, presidente della Fondazione Dimitri di Verscio: ‘Aveva un’opinione forte e precisa sul teatro, che doveva avere senso e smuovere’
Spettacoli
19 ore

Ceresio Estate, Vittorio Ghielmi con la viola da gamba a Gandria

Il concerto nell’ambito della rassegna estiva si svolgerà domenica 10 luglio, nella chiesa parrocchiale del borgo lacustre
Scienze
20 ore

Evaporazione accelerata per oltre un milione di laghi nel mondo

Non c’è solo la siccità tra le conseguenze del riscaldamento climatico. Annualmente si perdono in media 1’500 chilometri cubi di acqua
Spettacoli
21 ore

Camaleonti in lutto: Cripezzi morto dopo un’esibizione

La storica band italiana perde il cantante e tastierista. Il decesso è avvenuto nella notte, dopo un concerto a Pescara
Teatro
22 ore

Il regista britannico Peter Brook è morto

Fra i maestri della drammaturgia del Novecento, Brook è deceduto all’età di 97 anni a Parigi, dove si era stabilito da metà anni Settanta
Teatro
23 ore

Peter Grimes: ‘Un dramma fatale sul destino dell’uomo’

Il mare tempestoso come metafora e allegoria della vita. L’opera dell’autore britannico Benjamin Britten è di scena al Teatro la Fenice di Venezia
Scienze
1 gior

Vaiolo delle scimmie, riscontrati sintomi atipici

Uno studio ha rivelato che le persone affette dall’attuale epidemia ha accusato meno febbre e più lesioni genitali
Spettacoli
1 gior

Forever Marilyn, il mito della diva tra foto e memorabilia

A sessant’anni dalla sua morte (avvenuta il 4 agosto 1962), a Torino si inaugura oggi una mostra piena di chicche
Spettacoli
1 gior

Per Vasco il bilancio del tour è... ‘Senza parole’

Dopo un tour che in un mese l’ha portato in giro per tutta Italia, il rocker si dice ‘Travolto e stravolto da 701’000 dichiarazioni d’amore’
Incontri
1 gior

Officina Beltrami. Cogliere il rumore del mondo

Intervista all’autore di ‘Il mio nome era 125’ e ‘Cercate Fatima Ribeiro!’, ma anche di tanto altro. Matteo racconta i suoi passi nella narrazione.
Spettacoli
2 gior

Ida Nielsen è ‘una tipa tosta, tostissima’, da bass heavy funk

Carriera personale ed eredità artistica di Prince: a colloquio con la Funk Princess che questa sera sarà sul palco di Ascona con The Funkbots, dalle 23.30
23.05.2022 - 15:54
Aggiornamento: 18:03

Storia di mali, traditori, assassini e uomini giusti

‘Un fatto umano’ racconta la storia del pool antimafia attraverso un bestiario chiamato a dare forma al peso etico-morale degli uomini che rappresenta

Ripubblichiamo un contributo apparso nelle nostre pagine nel 2012

23 maggio 1992, Capaci. 19 luglio 1992, via D’Amelio. Sono passati trent’anni dalle stragi di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, che hanno sconvolto e segnato il passato dell’Italia della Prima Repubblica. Eventi terribili, culmine di quattordici anni di storia altrettanto violenti quanto oscuri che hanno origine alla fine degli anni Settanta, momento in cui nella Penisola tutte le forze di giustizia e la popolazione sono concentrate sugli atti terroristici; mentre in Sicilia la mafia, protetta dalla cappa di silenzio, si consolidava ed espandeva.

Poi, nella Palermo degli anni Ottanta, all’interno di Cosa Nostra scoppia una guerra sanguinaria innescata dai Corleonesi, che contemporaneamente colpiscono anche lo Stato a seguito di indagini e arresti all’interno dell’organizzazione. In questo clima difficile, malgrado le connivenze che intrecciano le istituzioni, la società e Cosa Nostra, malgrado un comportamento "emotivo, episodico, fluttuante" della politica, alcuni uomini armati di senso dello Stato intraprendono la lotta alla mafia.

Un fatto umano. Storia del pool antimafia (Einaudi-Stile libero, 2011; www.unfattoumano.it) è un graphic novel un po’ datato che narra questi quattordici anni di lotta contro Cosa Nostra, riportando alla memoria tutti gli eventi che hanno segnato la storia del pool antimafia, gli uomini eccezionali che l’hanno composto, la sua lotta alla criminalità organizzata: dalle prime leggi di contrasto, le indagini e operazioni, ai processi istruiti, ma anche alle sconfitte subite e patite che hanno significato la perdita soprattutto di uomini e di importanti passi avanti compiuti nella strategia giudiziaria. I tre autori, Manfredi Giffone, Fabrizio Longo e Alessandro Parodi, hanno compiuto un lavoro immenso protrattosi sull’arco di sette anni. Da una parte sostenuto dalla ricerca accurata per mezzo di una bibliografia corposa (libri, verbali dei processi, quotidiani, documenti), dall’altra da fotografie per la restituzione figurativa dei personaggi; ricerche che hanno creato un fumetto di reportage, in cui la cronaca si fonde con l’immagine.

La narrazione è affidata alle mani esperte di Mimmo Cuticchio, puparo erede dell’antica tradizione orale dei cuntisti siciliani (personaggio reale e tuttora vivente), che dà vita a pupi dalle forme zoomorfe. Così sale sulla scena del teatro, situato in piazza Kalsa, una sorta di bestiario che reinterpreta ulteriormente i personaggi della vicenda cristallizzandone, attraverso l’associazione ad animali, le caratteristiche. Per cui si incontra un Giovanni Falcone in sembianze di gatto, Paolo Borsellino e Carla Del Ponte hanno le fattezze di cane, Salvatore Riina è un cinghiale, Silvio Berlusconi una iena, Giulio Andreotti un pipistrello e così via.

L’iconografia dei personaggi ha dunque un significato ulteriore, caratteriale, che ne dà il peso etico-morale e permette di creare i rapporti fra un personaggio e l’altro: cinghiali, bufali eccetera sono ‘uomini d’onore’; cani e gatti raffigurano in gran maggioranza gli uomini di giustizia. Mentre nelle zone grigie, fra legalità, crimine, imprenditoria e politica si scorge un serraglio di animali abituato a vivere fra il giorno e la notte, fra luce e ombra.

Un fatto umano, dopo trent’anni, restituisce con incisività e bellezza una delle pagine più tristi e interessanti della storia della Repubblica, una vicenda umana vissuta sì da "assassini e traditori", ma anche, e soprattutto, da uomini forti disposti a perdere la vita per il senso dello Stato e la fiducia che riponevano nella giustizia. Un fumetto che non vuole essere dunque la banale celebrazione della memoria storica destinata a un solo giorno di rito, bensì un racconto ripetuto che attraverso le vicende umane possa ricordare sempre la necessità di una continua lotta per la giustizia, perché: "Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
giovanni falcone mafia pool antimafia strage capaci
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved