la-responsabilita-di-giovani-e-adulti-a-storie-controvento
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
5 ore

Vent’anni di magia, autenticità e di successi inaspettati

In occasione dell’anniversario importante del Vallemaggia Magic Blues, abbiamo fatto due chiacchiere con il promotore nonché cofondatore Fabio Lafranchi
Opera
15 ore

Carmen bifronte, fra nozione operistica e nozione letteraria

L’opera più fortunata di Georges Bizet è un punto fermo nei suoi successori per essere l’opera realista per antonomasia
Culture
17 ore

Ci sono ancora biglietti disponibili per Castle On Air

A Castelgrande di Bellinzona i concerti di Sangiovanni, Achille Lauro, Mahmood ed Elisa
Culture
18 ore

Si apre l’Ascona Music Festival con il ‘Duo Cattaneo’

La tredicesima edizione, con un tributo a César Franck, inizia venerdì 8 nella chiesa del Collegio Papio
Arte
18 ore

Ivan Turetskyy a Chiasso per la ricostruzione dell’Ucraina

Opere dell’artista sono esposte al Palazzo municipale, allo Spazio Officina, alla Biblioteca e al m.a.x museo fino al 24 luglio
Culture
18 ore

Mattia Bertoldi presenta ‘Il coraggio di Lilly’ a Bellinzona

Lo scrittore ticinese autore del romanzo storico sarà alla Biblioteca cantonale di Bellinzona martedì 26 luglio alle 18.30
Culture
18 ore

I dialetti e la loro poliedricità con Walter Arnold

‘Chilometro zero’: dialetti, miti, leggende e teatro alla Biblioteca cantonale di Bellinzona venerdì 22 luglio alle 18.30
Arte
18 ore

‘Esci dall’atelier ed entra nel cubo’, il legno in ogni forma

La mostra dell’Associazione svizzera degli scultori del legno prosegue fino al 13 luglio nella Piazza di Palazzo Franscini
Scienze
19 ore

Cern, riacceso il più grande acceleratore di particelle al mondo

A dieci anni dalla scoperta del bosone di Higgs il Large Hadron Collider (Lhc) pronto ad andare ancor più lontano nell’infinitamente piccolo
Spettacoli
21 ore

Novantacinque anni per la ‘Bersagliera’ di Subiaco

Taglia il traguardo delle 95 primavere Gina (Luigia) Lollobrigida, mito intramontabile del grande schermo italiano
Teatro
1 gior

‘Peter Brook ha vissuto il teatro, la sua vita, fino alla fine’

David Dimitri, presidente della Fondazione Dimitri di Verscio: ‘Aveva un’opinione forte e precisa sul teatro, che doveva avere senso e smuovere’
Spettacoli
1 gior

Ceresio Estate, Vittorio Ghielmi con la viola da gamba a Gandria

Il concerto nell’ambito della rassegna estiva si svolgerà domenica 10 luglio, nella chiesa parrocchiale del borgo lacustre
Scienze
1 gior

Evaporazione accelerata per oltre un milione di laghi nel mondo

Non c’è solo la siccità tra le conseguenze del riscaldamento climatico. Annualmente si perdono in media 1’500 chilometri cubi di acqua
Spettacoli
1 gior

Camaleonti in lutto: Cripezzi morto dopo un’esibizione

La storica band italiana perde il cantante e tastierista. Il decesso è avvenuto nella notte, dopo un concerto a Pescara
20.05.2022 - 08:48
Aggiornamento: 16:46
di Elena Spoerl

La responsabilità di giovani e adulti a Storie controvento

Al festival di letteratura per ragazzi lo scrittore francese Christophe Léon ha presentato il suo romanzo ‘Reato di fuga’

Gli incontri pubblici dell’ultimo Storie Controvento (www.storiecontrovento.ch) hanno incluso quello con lo scrittore Christophe Léon, a colloquio con Paolo Buletti nel cortile della libreria Casagrande di Bellinzona. Nato ad Algeri nel 1959, in Francia Léon ha pubblicato più di 30 romanzi per bambini e ragazzi: i temi a lui più cari sono la protezione dell’ambiente, i fatti di cronaca e i pericoli della globalizzazione. Il suo libro ‘Reato di fuga’ ha ricevuto nel 2016 il Premio Andersen e racconta dell’incontro tra Sébastien e Loïc. Il primo ha quattordici anni, i suoi genitori sono separati e un po’ immaturi, lui è viziato e quasi annoiato. Una sera suo padre investe una persona e non si ferma. Loïc ha diciassette anni, vive solo con sua madre e divide la sua vita tra la scuola e il lavoro in una fattoria, almeno fino al giorno in cui una macchina pirata investe sua madre.

Christoph Léon, in questo libro lei affronta un conflitto generazionale: il padre di Sébastien fugge dalle proprie responsabilità e così non gli dà certo il buon esempio…

Esattamente. La questione è sapere quale comportamento adotteremmo noi se fossimo stati al suo posto, e poi anche nel seguito. Più che di una fuga, quella del padre di Sébastien è una negazione, un diniego. Egli rimuove i fatti: il suo rango sociale e la sua situazione professionale fanno sì che egli abbia molto da perdere, per questo forse la sua reazione. Avviato un simile processo, è poi difficile per lui fare marcia indietro. Più che di un conflitto generazionale, sicuramente per il padre si tratta di una virata pericolosa, senza scampo.

Cosa pensa della frase "Se i genitori ritornano adolescenti, perché i figli dovrebbero diventare adulti"?

Penso che un adulto non è mai così adulto come nel momento in cui guarda l’animo di un bambino. E sì, è vero: chiediamoci come possono i bambini diventare adulti quando si vede cosa attualmente fanno molti adulti. Personalmente, mi piace questa citazione di Simone de Beauvoir: "Qu’est-ce qu’un adulte? Un enfant gonflé d’âge" ("Cos’è un adulto? Un bambino gonfio di anni").

Se un tempo i figli seguivano il modello dei genitori, oggi i giovani seguono i modelli di persone della stessa età?

Non so bene quali siano i modelli dei giovani oggi. Ci saranno diverse fonti a dipendenza degli interessi dei giovani (sport, artisti, genitori eccetera). In effetti mi sembra che nella nostra società, più in generale ma sempre a questo proposito, sia stata svalutata la nozione di rispetto. Rispetto verso l’adulto, dunque, ma anche nella direzione opposta, verso i giovani.

I genitori separati di Sébastien si riavvicinano alla fine della storia: un lieto fine?

Il finale è aperto, tocca al lettore scegliere. E se ho un’opinione, la tengo per me…

La gioventù ci mette in parecchio questione, a noi adulti: è sempre stato così o è una tendenza attuale?

La messa in questione degli adulti da parte dei giovani è cosa buona a condizione che sia argomentata. Per l’adulto non può che essere una cosa benefica e per il giovane è un’occasione di crescita e di opposizione. A mio parere i genitori dovrebbero più spesso dire no piuttosto che sì per incoraggiare i figli a difendere il proprio punto di vista, instaurando così il dialogo, cemento delle relazioni familiari.

Prendiamo la questione dei cambiamenti climatici… è di nuovo la nostra irresponsabilità che mette in pericolo il mondo, la vita, le nuove generazioni?

Non è la generazione giovanile a essere responsabile del cambiamento climatico, bensì noi, gli adulti, che con i nostri eccessi, il consumismo, la produzione ad ogni costo e l’avidità dell’economia capitalista lasciamo loro in eredità questo mondo sregolato, sia sul piano climatico, sia riguardo alla convivenza. Convivenza che è divenuta piuttosto un’arena, un luogo di competizione. Invece è solo condividendo, mettendo in comune le esperienze e attuando il motto "meno beni, più legami" che, almeno inizialmente, potremo ammortizzare lo choc climatico.

Nella sua storia si ha l’impressione che i genitori di Sébastien siano egoisti mentre la madre di Loïc ha buon cuore: anche una questione di status socio-economico?

È un’impressione un po’ caricaturale, ma non sbagliata. C’è un cliché, che vale quel che vale: il povero dà, il ricco prende. Spieghiamolo forse così: il padre di Sébastien possiede e ha paura di perdere quel che ha, di sicuro più della madre di Loïc. Un proverbio spagnolo dice molto giustamente: dal povero al ricco, due mani; dal ricco al povero, due dita.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
christophe léon letteratura storie controvento
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved