oltre-le-frontiere-con-la-scrittrice-maylis-de-kerangal
Francesca Mantovani/Gallimard
Maylis de Kerangal
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
10 ore

‘Clarinetto d’improvviso’, il Santilli d’agosto

Prosegue il ciclo di concerti di Marco Santilli, atteso ad Ascona il prossimo 26 agosto e a Bellinzona il giorno dopo
Culture
10 ore

A Biasca il primo Festival di letteratura per l’infanzia

Quarantotto eventi spalmati su tre giorni: al via martedì 16 agosto, per proseguire venerdì 14 e sabato 15 ottobre
Culture
10 ore

Pier Paolo Pasolini ad Airolo, una rassegna

A cent’anni dalla nascita dell’intellettuale italiano, dal 16 al 19 agosto una rassegna cinematografica a lui dedicata, curata da Nina Altoni
L’intervista
11 ore

Martin Suter, triviale come una libellula

Documentario atipico, ‘Alles über Martin Suter. Ausser die Wahrheit’ ha chiuso il Festival. Lo scrittore svizzero parla di sé (e risponde alla NZZ...)
Musica
15 ore

Rimini chiede che il ballo liscio sia patrimonio dell’Unesco

‘È una rappresentazione della vita e dei sentimenti’, dice il sindaco. Di recente si è espresso in questo senso anche Morgan, col plauso di Renzo Arbore
Culture
15 ore

Torna ‘Io sono vivo, voi siete morti’, Dick visto da Carrère

Apparso per la prima volta nel ’93, è un viaggio nella mente di Philip K. Dick, l’autore del ‘Cacciatore di androidi’ da cui è tratto il film Blade Runner
Scienze
17 ore

Roche lancia un test per la risposta immunitaria

Dovrebbe permettere di capire meglio le infezioni da coronavirus. Farà la sua apparizione sui mercati che riconoscono le marcature Ce
Spettacoli
17 ore

Trovati i riceventi per gli organi di Anne Heche

Staccati i macchinari a cui era attaccata l’attrice, cerebralmente morta dopo il grave incidente stradale
Scienze
1 gior

Le lucciole preferiscono accoppiarsi lontano dai ‘riflettori’

La luce artificiale troppo forte rende faticosa la riproduzione. L’inquinamento luminoso ha degli effetti sul declino di alcune popolazioni di insetti.
IL RACCONTO
1 gior

Pomeriggio valdostano

Una passeggiata racconto fra le opere degli espressionisti svizzeri in mostra al Museo Archeologico Regionale di Aosta
L’INCONTRO
1 gior

Per fare cinema: trovare la propria strada e lottare

Kelly Reichardt, la regista ‘libera e coraggiosa’ è stata insignita del Pardo d’onore. Testimone della contemporaneità, narratrice in punta di piedi.
Spettacoli
1 gior

Boom di spettatori al Locarno Film Festival: +60,4%

Si chiude positivamente il bilancio della 75ma edizione del Festival del cinema: 128’500 gli spettatori complessivi alle proiezioni
Scienze
1 gior

Pensare stanca, fa accumulare sostanze tossiche nel cervello

Per i ricercatori vale il vecchi rimedio: riposare e dormire. ‘Ci sono molte prove che indicano che il glutammato viene eliminato durante il sonno’
Pardo Verde Wwf
1 gior

Un premio non si rifiuta mai: vince ‘Matter Out of Place’

Il documentario di Nikolaus Geyrhalter conquista il Pardo Verde Wwf come opera che meglio affronta una tematica ecologica
Locarno 75
1 gior

A ‘Last Dance’ e ‘Annie Colère’ gli ultimi due premi

Al primo è andato il Prix du Public UBS; al secondo, il Variety Piazza Grande Award.
Scienze
1 gior

Le ondate di calore pesano su corpo e mente

Dopo Covid-19 e guerra in Ucraina, le temperature eccessive minano la salute (anche psicologica) delle persone
Scienze
2 gior

La Luna ha ereditato dei gas nobili dalla Terra

La scoperta dei ricercatori del Politecnico di Zurigo premette di comprendere meglio la formazione del nostro satellite
Locarno 75
2 gior

Il Pardo d’oro è brasiliano: vince ‘Regra 34’ 

Quello diretto da Julia Murat è il Miglior film; Premio speciale Giuria a ‘Gigi la legge’; Pardo a ‘Tengo sueños eléctricos’, regia e interpretazioni
eventi letterari monte verità
laR
 
07.04.2022 - 08:32
Aggiornamento: 18:24
di Valentina Grignoli Cattaneo

Oltre le frontiere con la scrittrice Maylis de Kerangal

La scrittrice francese sarà ospite della decima edizione del festival letterario, ad Ascona e Locarno fino a domenica

Quali sono le nostre Odissee? Chi sono i nuovi Ulisse? Partendo dall’opera di James Joyce (che quest’anno compie 100 anni), ma senza dimenticare il mito originale, la decima edizione degli eventi letterari del Monte Verità porta gli scrittori contemporanei invitati a riflettere sul loro viaggio nell’ignoto. Un viaggio che spesso comporta l’abbattimento delle frontiere, simboliche, immaginarie o reali. Ed è proprio di queste che ci parlerà Maylis de Kerangal venerdì sera. Autrice francese di romanzi e raccolte di racconti pluripremiati, è conosciuta soprattutto per ‘Riparare i viventi’ (2013), ‘Nascita di un ponte’ (2010), ma anche ‘Lampedusa’ (2014), ‘Corniche Kennedy’ (2008) e tra i più recenti ‘Un mondo a portata di mano’ (2018).

Sono romanzi, pubblicati in italiano tutti per Feltrinelli, che sanno raccontare con estrema passione, scevri di giudizio o morale, il mondo dell’adolescenza, e più in generale il limite in cui spesso ci si trova a vivere. Insomma, da quella linea che separa la gioventù e la vita adulta ci si apre alle frontiere e ai confini anche tra territori, modi di essere e di vivere, e poi paesi. Per Maylis de Kerangal la letteratura è la chiave per addentrarsi proprio su quei confini, tra luci e ombre, sondando i limiti dell’esistenza.

Abbiamo voluto interrogare Maylis de Kerangal proprio rispetto alla sua passione per un periodo della vita unico che lei sa restituire in maniera così limpida e giusta nelle sue pagine. Si tratta spesso infatti di romanzi di formazione, che raccontano la crescita come ricerca di sé sullo sfondo del mondo contemporaneo. «È una mia caratteristica, che poi ho sviluppato definitivamente in ‘Un mondo a portata di mano’, vero e proprio Bildungsroman. Ciò che mi interessa di più è raccontare la metamorfosi, il movimento, un essere che cambia nel corso del tempo, un percorso di conoscenza. Questo può passare dall’acquisizione di un mestiere, come il romanzo che ho appena citato, ma anche una storia d’amore. Quello che amo di questo sguardo sull’adolescenza è che si tratta del tempo dell’attesa: c’è una grande disponibilità, il futuro non è ancora chiaro, le grandi decisioni che riguardano la vita non si sono ancora fossilizzate, siamo nel mondo del possibile. E in questo c’è qualcosa di molto stimolante».

I suoi romanzi affrontano diversi temi, dall’etica medica (penso a ‘Riparare i viventi’), alle questioni sociali riguardanti i giovani d’oggi (‘Un mondo a portata di mano’), al rapporto con le diverse arti, la loro conoscenza, e poi la geografia e l’architettura (‘Nascita di un ponte’, ‘Lampedusa’). Si potrebbe dire, però, che in comune tutti dicano una sorta di fratellanza, la storia di una comunità, di un gruppo sociale.

È vero, nei miei libri i personaggi appaiono sempre sotto forma di collettività. Da una parte quella della ‘Corniche Kennedy’, l’équipe medica di ‘Riparare i viventi’, poi la folla nel ‘Ponte’ e anche l’alleanza in ‘Un mondo a portata di mano’. Si tratta per me di un’idea teorica, una posizione rispetto al romanzo: non c’è mai un personaggio che si prende tutta la luce e lo spazio. Si tratta spesso di relazioni che implicano una molteplicità. Questo permette una scrittura polifonica che recupera diverse voci. Non c’è mai un personaggio solo.

Il fatto poi di interessarsi a più personaggi permette di recuperare le relazioni, che spesso riguardano una questione a me molto cara, la solidarietà. Si tratta quasi di epopee, dove con gli altri si costruisce un mondo in comune. La sfida è parlare di individui semplici per raccontare una collettività, un simbolo universale, un mito comune a tutti. Questo mi evita anche di dover suddividere il mondo tra buoni e cattivi, per esempio. C’è l’avversità, l’idea che ci si batta insieme per esistere con gli altri. Ci sono difficoltà, ma mai grandi principi di morale, semplicemente si combatte per superarle.

In ognuno di questi romanzi lei utilizza un linguaggio tecnico molto dettagliato, che dimostra un’ottima conoscenza di campi quali l’ingegneria, l’ambito medico, le tecniche pittoriche… come nasce l’idea di un suo romanzo, come compie le sue ricerche?

Quello che amo nel mio lavoro letterario, è la maniera di accoglierlo. Mi dirigo sempre verso mondi socialmente e culturalmente molto lontani da me, ambiti che non possiedo. C’è qualcosa che mi stimola e mi eccita nel vivere questa sorta di scoperte. E soprattutto sentire l’eco che queste storie hanno poi nella mia vita, nella mia intimità, è forte. Funziona così, una rêverie chiama la scrittura, questa poi mi porta alla lettura, all’incontro delle persone, alla visita dei luoghi. C’è sempre un’inchiesta che soggiace alla scrittura. Io poi cerco sì, di acchiappare il linguaggio dei diversi mondi che vado a esplorare.

Veniamo ora al suo intervento di venerdì sera in occasione degli Incontri letterari. Al centro sta il concetto di frontiera. Ve ne sono di diversi tipi, nei suoi romanzi, fisiche, simboliche, geografiche, umane, spirituali.

In ‘Corniche Kennedy’, vi sono dei ragazzi che passano tutto il tempo sulla riva del mare (linea di frontiera); in ‘Nascita di un ponte’ c’è la frontiera tra mondo urbano e mondo della foresta, e questi non comunicano; in Riparare i viventi c’è la frontiera tra la vita e la morte, tra un corpo e la società. Tutti i miei romanzi sono in fondo attraversati da diversi tipi di frontiera, pensiamo a ‘Lampedusa’. La sensazione cartografica del mondo contemporaneo, è il motore intimo del mio lavoro letterario, c’è come una nozione di libro cartografico, che cerca di unire spazi e luoghi. Questo permette di scrivere delle traiettorie, ci sono luoghi dove le frontiere non ci sono, altri dove sono più marcate. Ma sempre, su questa linea succedono molte cose: tornando a ‘Corniche Kennedy’, la riva è una striscia di terra porosa tra mare e città, tra il mondo delle pulsioni e quello delle leggi.

Per concludere, ci sono argomenti che secondo Lei possono essere raccontati solo attraverso la letteratura?

Sì, io penso addirittura che la letteratura possa raccontare l’indicibile. Possa mettere in forma il silenzio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
eventi letterari letteratura maylis de kerangal
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved