Musica
22.03.2022 - 14:08
Aggiornamento: 14:36

I Vesperali tornano in Cattedrale

Al via il 27 marzo con la Messa di Palestrina musicata da J.S. Bach; il 3 aprile Fabio Pusterla racconta Alda Merini, che avrà la voce di Pamela Villoresi

i-vesperali-tornano-in-cattedrale
Ti-Press
Un ritorno

Furono creati quasi quarant’anni fa per la Quaresima e il tempo di Pasqua. I Vesperali tornano, a pandemia che si spera superata, nella loro sede abituale, ovvero nella Cattedrale di San Lorenzo a Lugano, con al centro un programma musicale ispirato alle opere di più alto contenuto religioso o spirituale e ai relativi artisti, esteso a un pubblico non solo legato alla Chiesa, e dal carattere tardo-pomeridiano, come dal termine che dà il titolo alla rassegna.

Il programma 2022 inizia domenica 27 marzo alle 17 (entrata libera) con ‘Una Messa di Palestrina strumentata da J.S. Bach’ due secoli dopo. Ai cantori – il Coro Clairière e il Coro giovanile del Conservatorio, diretti da Brunella Clerici – si aggiungono gli strumenti a fiato antichi del Concerto Scirocco. Domenica 3 aprile alle 17 (entrata libera), Alda Merini raccontata da Fabio Pusterla, una produzione del Teatro della Parola diretto da Claudio Laiso, con Pamela Villoresi a dare voce alla poetessa milanese deceduta nel 2009.

Martedì 12 aprile alle 20 (entrata libera), la seconda parte dei Responsori della Settimana Santa, capolavoro di Tomas Luis da Vitoria (1548-1611), alternati al canto dei salmi in gregoriano, affidati all’Ensemble De Labyrinto diretto da Walter Testolin, per la polifonia, e a More Antiquo, diretto da Giovanni Conti, per il canto gregoriano. Il 27 marzo, la testimonianza sarà offerta da don Giuseppe Grampa, voce ambrosiana; il 12 aprile dallo scrittore emiliano Brunetto Salvarani (info: www.vesperali.com).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved