ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
2 ore

Shakira va alla sbarra, chiesti otto anni e due mesi

La cantante colombiana rinviata a giudizio per frode ai danni del fisco iberico. Dovrà pagare anche una multa di oltre 23 milioni di euro.
Letteratura
5 ore

La continua ricerca di Siddhartha

L’opera di Hermann Hesse compie il secolo di vita e conta innumerevoli ripubblicazioni, merito del carattere universale della figura protagonista
Spettacoli
5 ore

Chiasso, Edoardo Bennato torna al Cinema Teatro

Sei anni dopo, il ritorno del cantautore napoletano. L’appuntamento è per venerdì 3 marzo 2023 alle 20.30.
Ascona
7 ore

Sotto le stelle del Jazz Cat Club (la nuova stagione)

Bill Charlap, il nuovo Frank Salis, Uros Peric che omaggia Ray Charles. Brillano i Take 6, 10 volte Grammy. Parla Nicolas Gilliet, direttore artistico
Cinema
20 ore

‘Nostalgia’ di Mario Martone rappresenterà l’Italia agli Oscar

Scritto dallo stesso Martone con Ippolita di Majo, presentato a Cannes 2022, il film è ambientato nel rione Sanità a Napoli
Sconfinare Festival
20 ore

Capire il Metaverso con il professor Silvano Tagliagambe

La conferenza del filosofo della scienza si terrà venerdì 30 settembre alle 18, in Piazza del Sole a Bellinzona
Culture
20 ore

Dieci anni di Studio Foce, la nuova stagione artistica

Illustrata a Lugano la prima parte del cartellone 2022-2023. È affidata alla musica la festa del decennale: sabato 15 ottobre, Tre allegri ragazzi morti
Biografia
22 ore

Volevo una vita esagerata, cit. Axl Rose

In uscita le oltre trecento pagine aggiornate che raccontano la vita dei Guns n’ Roses e del loro frontman, dagli esordi fino al 2021
Classica
23 ore

Michele Mariotti e Marc Bouchkov aprono il ciclo Osi al Lac

Il direttore d’orchestra italiano e il violinista franco-belga si esibiranno su pagine di Brahms e Prokof’ev giovedì 29 settembre alle 20.30
Locarno Festival
01.03.2022 - 12:20
Aggiornamento: 14:54

L’immagine di Locarno75, un pardo per immaginare il futuro

Al concorso hanno partecipato più di 1’200 progetti provenienti da 80 Paesi da tutti i continenti: scelto quello dell’illustratore Vito Manolo Roma

l-immagine-di-locarno75-un-pardo-per-immaginare-il-futuro
Omaggio all’eredità novecentesca della manifestazione

Discontinuità rispetto alle precedenti scelte grafiche per raccontare un Festival aperto all’innovazione e alla sperimentazione di nuovi linguaggi. Così è spiegato il manifesto di Locarno75, scelto tra più di 1’200 progetti provenienti da 80 Paesi da tutti i continenti, risultato del concorso lanciato il 19 ottobre 2021 dopo il successo della prima edizione. Ha vinto il progetto ideato dall’illustratore Vito Manolo Roma (milanese, classe 1982), che per la giuria meglio di altri incarna il senso del 75esimo anniversario del Festival, celebrare una lunga storia d’arte e di cinema per avviarne una nuova.

L’immagine di Locarno75, che oltre a figurare sulla cartellonistica del Festival ne ispirerà i materiali promozionali e informativi, cartacei e digitali, è stata selezionata dalla direzione del Festival, Giona A. Nazzaro, Raphaël Brunschwig e Simona Gamba, e dall’Ufficio Comunicazione e Marketing guidato da Fabienne Merlet, avvalendosi delle competenze di un gruppo di consulenti esterni costituito da figure di primo piano del mondo della comunicazione, dell’arte e del cinema: Carlo Giordanetti (direttore creativo Swatch Group), Tobia Bezzola (direttore del MASI di Lugano), il regista Gabriele Mainetti (Freaks Out, Lo chiamavano Jeeg Robot) e Michele Jannuzzi (direttore Jannuzzi Smith e brand consultant del Festival).

Immagine dal carattere duplice, l’opera di Manolo Roma omaggia da un lato l’eredità novecentesca della manifestazione, con riferimenti alla pittura visionaria di nomi che vanno da Giorgio de Chirico a Salvador Dalí, e dall’altro incarna la commistione di forme e linguaggi dell’oggi tramite il tratto fumettistico, rotondo, la sottile ironia.

‘Se farà discutere sarò interessato a capire come’

Non è un cinefilo, è legato al cinema del passato. Lo ha colpito la cinematografia surrealista ed espressionista, è rimasto folgorato dagli anni Cinquanta e Sessanta, "un’epoca in cui si è fatto tutto quello che si poteva fare, in grado in un certo senso di creare l’eternità, immagini e immaginari che non invecchiano mai". Non è mai stato a Locarno e lo farà quest’anno, con il suo lavoro affisso ovunque. L’idea iniziale era un’altra. Galeotta fu una mostra sul surrealismo italiano, che gli ha fatto cambiare strada. "Ho sentito questa immagine più mia, meno vincolata alle logiche di una ‘commissione’". Così Vito Manolo Roma nell’intervista disponibile integralmente a questo indirizzo. "Prima di partecipare ho studiato la galleria dei manifesti del Festival e di fronte a tutta quella grafica e tipografia ho deciso di lavorare sull’illustrazione. Se farà discutere sarò interessato a capire come. Sicuramente un manifesto d’autore, se lo possiamo definire così, è un qualcosa che porta prestigio a chi ha il coraggio di farsene carico. Può essere una bella storia, forse un attimo fuori dagli schemi del classico manifesto festivaliero cinematografico".

A tutti i partecipanti al concorso, Locarno75 offrirà un accredito per l’edizione, e con esso la possibilità di continuare a essere parte della comunità del Festival.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved