in-memoria-di-matteo-mengoni-pianista-e-musicista
fonte: www.matteomengoni.ch
Matteo Mengoni
ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
17 min

‘Like Dew in the Sun’, l’Ucraina di Peter Entell al GranRex

Lunedì 30 maggio alle 20.30 a Locarno un film che nel 2016 analizzava le ragioni dei conflitti in Ucraina
Culture
29 min

A Bellinzona l’esempio di vita di Leonardo Sciascia

Mercoledì primo giugno alle 18.30 la presentazione del volume ‘Il tenace concetto. Leonardo Sciascia: la letteratura, la conoscenza, l’impegno civile’
Culture
3 ore

Anche la poesia abita a Soletta

Alla vigilia delle Giornate letterarie, abbiamo incontrato Yari Bernasconi, Anna Ruchat e Fabiano Alborghetti
Spettacoli
11 ore

Al Teatro Foce c’è ‘La fine del mondo’

Martedì 31 maggio alle 20.30, una riflessione sulla catastrofe ambientale scritta da Fabrizio Sinisi e diretta da Claudio Autelli
Musica
13 ore

‘Frequenze libere’, chiudono Heike Fiedler e Natalie Peters

Interazione tra la parola e la musica per il gran finale di domenica 29 maggio allo Spazio Elle di Locarno
Spettacoli
13 ore

Cannes dalla musica di Bowie ai corpi di Cronenberg

In Concorso sono arrivati gli attesi David Cronenberg e Park Chan-wook, ma il miglior film è ‘Nos Frangins’ (I nostri fratelli) di Rachid Bouchareb
La recensione
14 ore

LuganoMusica, quando l’improvvisazione incontra Čajkovskij

Gabriela Montero e Mirga Gražinyté-Tyla, con gradite sorprese, per un finale di stagione che non è stato solo ‘il classico concerto’
Spettacoli
15 ore

Luminanza, terzo anno per il ‘reattore teatrale’

Aperto fino al 10 luglio il bando per il percorso di formazione in drammaturgia teatrale
Teatro San Materno
21 ore

Pierre Byland ed Enrico Ferretti, ‘Due etologi’ al San Materno

Sabato 4 giugno alle 20.30, spettacolo tragicomico contemporaneamente in lingua italiana e francese
Spettacoli
1 gior

Stewart Copeland, Irene Grandi e le streghe della Val d’Ossola

Debutta in luglio ‘The Witches Seed’, opera lirica dell’ex Police con inserti rock dell’interprete italiana e canzoni di Chrissie Hynde dei Pretenders
Spettacoli
1 gior

Springsteen torna in tour nel 2023: toccherà Svizzera e Italia

‘The Boss’ si esibirà al Letzigrund di Zurigo il 13 giugno 2023. Prevista anche una data a Monza il 25 luglio 2023. Biglietti in vendita da lunedì
Culture
1 gior

Addio a Miss.Tic, celebrità della street art

Fu antesignana dei graffiti, prima osteggiata poi rivalutata. Si è spenta all’età di 66 anni.
Scienze
1 gior

I pianeti con due soli ospitali per la vita

Lo indica uno studio pubblicato su Nature dal gruppo dell’Università di Copenaghen guidato da Jes Kristian Joergensen
Culture
1 gior

Storia di mali, traditori, assassini e uomini giusti

‘Un fatto umano’ racconta la storia del pool antimafia attraverso un bestiario chiamato a dare forma al peso etico-morale degli uomini che rappresenta
Spettacoli
1 gior

Fedez e J-Ax fanno pace e lanciano un festival gratuito a Milano

Una lunga chiamata fra i due ha risolto una serie di dissidi ed è sfociata nella proposta di tenere un evento di beneficenza il 28 giugno in piazza Duomo
The deep NEsT
1 gior

Vera Gheno, sociolinguista, nel nido di Bandecchi e La Rosa

Incontrata in occasione del festival ‘Generando’, è l’ospite della nuova puntata (su YouTube, Spotify e sul sito www.thedeepnest.com)
Musica
10.01.2022 - 19:42

In memoria di Matteo Mengoni, pianista e musicista

Da Bellinzona a Friborgo per restarvi, in nome della musica. Nando Snozzi: ‘Ogni volta che ho speso del tempo con lui mi sono sentito migliore’

di B.D.

Nella primavera del 2020, i brani del suo ‘Confinement’, affidati alla pagina facebook. Poi altri post, fino alla fine dell’anno: “Il mio caro compagno di musica è andato via per raggiungere le stelle”, scriveva su facebook Sylvie Bourban, con lui dal vivo e in un album intitolato ‘Même pas mal’. Era il 31 dicembre e qualcuno, poche ore dopo, condivideva con un Piccolo Principe. Pianista, musicista, compositore, improvvisatore, Matteo Mengoni, ticinese di nascita, se n’è andato a 57 anni poco prima che arrivasse il nuovo anno per una malattia “sopportata con coraggio e perseveranza”, come ricordano i suoi cari. Uomo di musica fin da giovanissimo, era approdato a Friborgo a metà anni Ottanta, nella città dove “tutto è cominciato per caso”, dice il musicista in uno speciale di Rsi News: “Per me Friborgo è diventata New York. Qui ho trovato l’apertura. Trent’anni fa non c’era un conservatorio in Ticino, e quando in una città c’è un conservatorio di jazz, di musica classica, l’apertura verso gli stili differenti è enorme”. La centralità, la vicinanza con Losanna e Zurigo, un’apertura trasferita nella sua musica e della quale oggi testimonia chi gli è stato vicino. In quel video, intitolato ‘Bellinzona-Friborgo solo andata’, Mengoni è ripreso a fianco di uno degli alunni di ‘Musica viva’, scuola da lui fondata nel 1995, e naturalmente davanti al suo pianoforte, dal quale sono usciti i cd ‘Alba piano solo’, il suddetto ‘Même pas mal’, il piano solo ‘Azur’, e poi ‘Beauté ma Toute Droite’ come Duô Hatti, fino al più recente ‘Matteo Mengoni Trio’, con Andy Aegerter (batteria) e Pierre-André Dougoud (basso).

Dapprima autodidatta, Mengoni si è formato dal punto di vista pianistico, compositivo e improvvisativo con Jacques Demierre a Ginevra, dal 1985 fino al 1990, prima di passare sotto le ali più classiche dell’argentino Gerardo Vila, a Berna, e per i corsi di musicologia dell’Università di Friborgo con Luigi Ferdinando Tagliavini, con le percussioni come strumento complementare studiate con Adama Dramé, percussionista del Burkina Faso. Tutto è confluito poi in differenti formazioni svizzere in ambiti latin, jazz, tango, tra cui l’ensemble ‘Artigiani’. Il ricordo ticinese più vicino nel tempo è ‘Ipotesi per un’utopia’, azione scenica di e con Nando Snozzi, progetto datato 2018, con musica affidata a Mengoni e altri ticinesi. Rocco Lombardi, alla batteria in quel progetto: «Abbiamo suonato non conoscendoci ed è stato bello. Matteo era una gran persona, un uomo simpatico, intelligente, dotato di umorismo e dalla grande cultura musicale. Musicalmente, è stato tutto molto ‘aperto’, essendo quella una collaborazione batteria-pianoforte/tastiere. Ci siamo ascoltati e intesi subito». In quell’occasione c’era anche Raissa Avilés: «Ricordo tanta gentilezza e piacevolezza, rare. È stato davvero bello, mi ha fatta sentire ‘comoda’. Per lui la musica era condivisione, indipendentemente dalle conoscenze o capacità che ognuno ha. Mi è dispiaciuto molto ricevere la notizia». A chiudere, l’amico fraterno, per una collaborazione iniziata 15 anni fa, chiusa da un ultimo contatto, tre settimane fa: «Ci ha uniti la comune scelta di vita – dice Snozzi – basata sulla passione, e idee comuni che ci hanno spinto a lavorare spesso insieme. Ogni volta che ho speso del tempo con lui mi sono sentito migliore». Il resto, l’artista lo affida alle parole scritte per l’ultimo saluto:

"Ho conosciuto Matteo durante il pranzo nunziale di Natalia ed Elio. Ero seduto accanto a Lui. Non l’avevo mai visto prima. Iniziammo a parlare e subito ci fu un’intesa di tesi temi e testimonianze che vertevano attorno alle scelte di vita. Le nostre idee confluivano nei territori dell’arte e della musica. Matteo si rivelò una persona gentile e determinata, un menestrello e un saggio. Diventammo complici nel vivere l’attrazione dell’arte. Con altri compagni d’avventura creammo degli spettacoli dove lui suonava la mia pittura e io dipingevo la sua musica, e tutti assieme avevamo un’intesa nella dichiarazione d’intenti.

Matteo dava le note ai testi e complice nel creare la colonna sonora delle azioni sceniche. La nostra amicizia cresceva e diventava terreno di scambi di idee e impulsi creativi. Era una persona che nel gruppo portava gentilezza e intelligenza. Matteo era un uomo generoso, curioso e felice di condividere momenti elettivi nell’arte e vivere la semplicità nell’amicizia. Attorno al tavolo mangiavamo, gustando cibi e buon vino e il tempo passava sereno.

Eravamo convinti che la musica, la pittura e i testi avrebbero alleviato i momenti di smarrimento e l’assenza di certezze che viaggiavano nell’arco vitale! Si cercava una modalità per alleggerire l’esistenza in un mondo dell’arte irto di insidie e gelosie e riuscivamo a resistere non concedendo niente nel nostro lavoro e credendo fermamente nell’arte e nella vita.

Con la sua musica ha lasciato tracce e ricordi indelebili che ci accompagneranno per tutto il tempo che ci resta… Grazie Matteo… Addio amico”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
friborgo matteo mengoni musicista nando snozzi pianista raissa aviles rocco lombardi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved