30.12.2021 - 17:45
Aggiornamento: 18:43

Cinema svizzero in italiano, è più difficile spuntarla

Le riflessioni di Ivo Kummer, capo della sezione cinema dell’Ufficio federale della cultura (Ufc)

Ats, a cura de laRegione
cinema-svizzero-in-italiano-e-piu-difficile-spuntarla
Ivo Kummer (Keystone)

Il 48% dei lungometraggi svizzeri prodotti nel 2021 sono in tedesco, il 38% in francese e il 14% in italiano. Per i documentari, le cifre sono rispettivamente 51%, 41% e 8%. Secondo Ivo Kummer, capo della sezione cinema dell’Ufficio federale della cultura (Ufc), le ragioni di questa situazione sono nella natura delle cose.

La percentuale della popolazione svizzera di lingua italiana è piuttosto piccola, attorno all’8%, e oltretutto anche in Europa si parla molto meno italiano che tedesco o francese, il che limita il potenziale internazionale, rileva Kummer.

Alla Svizzera italiana “manca inoltre una città delle dimensioni di Zurigo, Losanna o Ginevra, dove vengono prodotti quasi il 90% dei film svizzeri”, aggiunge Kummer. Per le stesse ragioni, molte meno pellicole svizzere sono proiettate nelle sale cinematografiche del Sud delle Alpi, dato che ce ne sono di meno. Infine, pochi film della Svizzera tedesca o francese vengono tradotti in italiano e l’Italia, con i prezzi dei biglietti più bassi, è alle porte.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved