NJ Devils
2
LA Kings
3
fine
(2-1 : 0-1 : 0-1)
Seattle Kraken
0
FLO Panthers
1
1. tempo
(0-1)
VAN Canucks
STL Blues
04:00
 
dalla-mostra-al-romanzo-da-real-bodies-a-guasti
‘Body World’, Londra 2018 (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
9 ore

‘Tuo padre, mia madre, Lucia’ e Giovanni Truppi

La città di Napoli che arriva prima della musica, un mestiere cui essere fedeli, Capossela con cui duettare a Sanremo: il cantautore si racconta
La recensione
13 ore

Osi in Auditorio: Riccardo Minasi e lo Sturm und Drang

Di giovedì al Lac, splendida interpretazione costellata d’impetuosi contrasti dinamici, ma anche di momenti di serenità danzante
Culture
14 ore

‘Sulle vittime dell’Olocausto non si specula’

La fondazione si dice ‘profondamente delusa’ per il modo in cui è stata effettuata l’inchiesta riguardo al delatore che tradì la famiglia della ragazza
Cinema
16 ore

‘3/19’ di Silvio Soldini, al Lux l’anteprima col regista

Il film con Kasia Smutniak esce in Ticino il 27 gennaio. Anteprima aperta al pubblico martedì 25 gennaio alle 20 a Massagno
Spettacoli
17 ore

Christoph Marthaler, ‘Aucune idée’ al Lac

Martedì 25 e mercoledì 26 gennaio, il geniale regista zurighese torna a Lugano con il suo lavoro più recente
Culture
1 gior

Baricco dall‘ospedale: ’Ho la leucemia, farò il trapianto’

A darne l’annuncio lo stesso scrittore su social, la diagnosi 5 mesi fa
Arte
2 gior

‘Sotto la lampada’, la famiglia Giacometti alla Rtr

Diretto dalla regista engadinese Susanna Fanzun, il film segue le tracce misteriose che hanno portato al successo questa famiglia originaria di Stampa
Spettacoli
2 gior

Adele in lacrime cancella tutti i suoi concerti a Las Vegas

‘Metà della mia squadra ha il Covid ed è stato impossibile finire di preparare lo spettacolo’
Culture
2 gior

Sonnenstube, creare cultura attorno al luogo comune

Il collettivo e spazio d’arte luganese è alla ricerca di una struttura in Ticino per sviluppare il progetto vincitore degli Swiss Art Awards 2021
Teatro Sociale
2 gior

Il mondo di Thomas e il suo ‘Libro di tutte le cose’

Domenica 23 gennaio alle 16 al Sociale, dal romanzo di Guus Kuijer, con Lorenzo Bassotto, Roberto Maria Macchi, Cinzia Morandi e Viviana Gysin
28.11.2021 - 15:130
Aggiornamento : 16:03

Dalla mostra al romanzo, da ‘Real bodies’ a ‘Guasti’

‘Real bodies, i corpi del mistero’, mostra a Lugano dal 16.12, è lo spunto per la lettura del romanzo di Giorgia Tribuiani, nato da un’analoga esposizione

L’esposizione ‘Real bodies’ è un’eccellente occasione per segnalare il romanzo ‘Guasti’ (Voland, Roma, 2017) di Giorgia Tribuiani che, prendendo spunto da una mostra analoga, porta il lettore a confrontarsi con dilemmi che vanno oltre la scabrosità dell’esibizione di corpi umani la cui provenienza è piuttosto discussa.

La protagonista di Guasti, infatti, per un mese intero visita, giorno dopo giorno, la mostra ‘Body World’, tra le cui opere si trova il corpo plastinato del suo compagno. Questi era stato un celebre artista, che aveva esposto le proprie fotografie nei musei del mondo intero; morendo, aveva espresso la volontà di divenire lui stesso un’opera d’arte nelle mani del dottor Tulp, l’anatomopatologo che trasforma i corpi umani in opere.

Giada, la narratrice, si trova pertanto nell’impossibilità di prendere congedo dal proprio amato, di elaborare il lutto e ricominciare a vivere. Passa allora le sue giornate davanti al simulacro del suo uomo e, in una sorta di diario, raccoglie ricordi, emozioni e riflessioni che vertono su questioni universali e astratte, come il senso della vita, della morte, dell’arte, e nel contempo si interroga sulla sua stessa vicenda esistenziale, entrando così in un vortice senza fondo: per quali ragioni un individuo cede il proprio corpo all’arte? Fino a che punto è un diritto individuale disporre del proprio corpo, soprattutto nei confronti della persona che lo ha amato e accompagnato quasi per una vita?

Ecco allora che anche la relazione di coppia è indagata secondo nuovi punti di vista: Giada, tra orrore e commozione, sonda le ragioni per cui non sa staccarsi dalla visione del suo compagno trasformato in oggetto artistico e allinea ricordi e prospettive inedite sulla propria vita: rilegge il proprio amore incondizionato e la dedizione al compagno, il ruolo suo di modella, quasi di comparsa accanto a una celebrità, finendo col vedere tutta la propria vita precedente sotto nuova luce.

Il lettore si trova così coinvolto nella ridda di sentimenti che travolgono la protagonista: amore, disperazione, rabbia, ansia, recriminazione, gelosia nei confronti di chi, in un certo modo, si insinua in quella che lei ancora percepisce come un’intimità fisica con il corpo del suo uomo.

La narrazione avviene in una prosa coinvolgente che genera una sorta di accelerazione nell’arco dei trenta capitoletti, numerati in un conto alla rovescia verso la decisione che sarà risolutiva per Giada (e che, ovviamente, non rivelerò); questa prende forma e matura grazie agli incontri che avvengono nello spazio temporale e fisico della mostra: nominerò qui solo il “vigilante del piano di sotto”, una figura tanto enigmatica quanto fondamentale; poi i visitatori, le cui reazioni di fronte agli oggetti esposti sono all’origine della scoperta di scorci sempre nuovi sulla realtà esposta, e infine, naturalmente, i giornalisti e i critici d’arte, fino al collezionista, il cui ruolo – quasi necessariamente – mette a nudo la conflittualità insita nei sentimenti di Giada.

Il lettore si trova in tal modo a seguire un percorso che, partendo da una mostra dalle caratteristiche tanto torbide quanto provocatorie, induce a riflettere attorno a questioni profondamente umane.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved