ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
1 ora

Finisce all’asta un lampadario opera di Giacometti (l’Alberto)

Era stato acquistato per una cifra irrisoria, ma poi si è scoperto che vale una fortuna. La vendita da Christie’s verrà aperta il 28 febbraio
Illustrazione
5 ore

Contro il peso della guerra, Tove diede vita ai Mumin

Iperborea ripubblica a colori le storie della famiglia di troll che, con poesia e ironia, affrontano la quotidianità. Anche quella di oggi
classica
6 ore

Lo svizzero Aviel Cahn sarà direttore della Deutsche Oper Berlin

Il direttore teatrale, da quattro anni dirige il Grand Théâtre de Génève. Entrerà a pieno titolo nel ruolo tedesco nel 2026
Sanremo
6 ore

Il Sanremo di Morandi e Amadeus: ‘I superospiti sono in gara’

I temi della conferenza: dal bar di Monghidoro a Mahmood e Blanco, da ‘Volare’ a Zelensky, fino all’ordine di uscita delle prime due serate
Arte
7 ore

La pittura di genere e la sua funzione civile

Le opere di ‘Milano da romantica a scapigliata’ abitano le stanze del Castello Visconteo Sforzesco di Novara, fino al 10 aprile 2023
Sanremo
8 ore

Sanremo: Zelensky non in video, invierà un testo

Lo leggerà Amadeus. Il direttore di Rai 1, Stefano Coletta: ‘Il presidente non ha mai specificato che sarebbe stato un videomessaggio’
musica
8 ore

Una Tantum Trio apre i concerti ‘apérijazz’ 2023

Il concerto proposto da Jazz in Bess si svolgerà mercoledì 8 febbraio, alle 18
Spettacoli
8 ore

La forza dei pregiudizi in ‘Andorra’ di Max Frisch

Il Theater Kanton Zürich mette in scena al Teatro Sociale di Bellinzona la storia del giovane Andri, martedì 7 febbraio alle 20.30 (introduzione alle 20)
Arte
9 ore

I ‘Nuovi orizzonti’ di Joan Miró in mostra a Berna

Il Centro Paul Klee ospita fino al prossimo 7 maggio un’esposizione che mette in luce le opere tardive dell’artista spagnolo
Covid e Cultura
03.11.2021 - 20:40

Taskforce Culture: ‘Normalità lontana, si prolunghi il sostegno’

Nel 2022 due terzi degli operatori del settore dovranno affidarsi agli aiuti: un sondaggio rivela gli effetti persistenti della crisi Covid sulla cultura

taskforce-culture-normalita-lontana-si-prolunghi-il-sostegno
’Non ingannino i segnali di leggera ripresa’ (Keystone)

Parla il sondaggio condotto a ottobre dall’ufficio di ricerca Ecoplan per conto di Taskforce Culture, fotografando lo stato in cui versa la cultura in Svizzera al termine del secondo anno di pandemia e sondando le prospettive future. E la fotografia dice di un settore in cui la normalità è ancora lontana se, nel 2022, due terzi degli operatori del settore culturale
dovranno ancora fare affidamento sui sostegni. “Interromperli alla fine di quest’anno – scrive Taskforce Cultura – causerebbe un danno enorme a chi è già stato gravemente colpito dalla crisi Covid, riducendo sconsideratamente l’efficacia degli aiuti prestati nei mesi scorsi». Pur facendo “il minimo necessario”, le misure adottate “si stanno comunque dimostrando efficaci e la loro implementazione sta ormai funzionando quasi alla perfezione”. Da cui l’invito al Parlamento a prolungare i dispositivi di sostegno fino alla fine del 2022.

Per gli interpellati, nel 2020 gli aiuti hanno rappresentato circa un terzo dei loro guadagni. Nel 2021, gli stessi equivalgono a più di un quarto. Lo scorso anno, il fatturato di due terzi dei partecipanti è stato inferiore dell’80% del salario dell’anno precedente, tenendo conto degli aiuti. La percentuale di lavoratori culturali con un salario annuale di meno di 40mila franchi è passata dal 46% (2019) al 61% (2020) e 57% (2021). Situazione parimenti tesa per le imprese culturali: circa i tre quarti indicano che la cifra d’affari dello scorso anno è inferiore dell’80%; per circa la metà, addirittura sotto il 40% di quella realizzata abitualmente prima della pandemia. Calo ancor più drastico in ambiti di vendita e prevendita biglietti, calata nel 2020 del 20% per la metà delle imprese interpellate. Poco cambia, pur in leggero aumento, per l’anno in corso. Il cielo è tutt’altro che limpido anche per le associazioni culturali: Nel 2020, il 61% degli intervistati dichiarava rimeno del 20% di entrate regolari; nell’anno in corso, per una buona metà tale flessione è confermata.

Non ingannino, quindi, i segnali di leggera ripresa: stando ai dati, solo il 21% dei professionisti della cultura intervistati afferma di avere di nuovo un volume d’incarichi paragonabile a quello pre-pandemia. Per il 23% degli intervistati, prenotazioni e incarichi per il 2022 risultano ridotti della metà rispetto agli anni precedenti, e per il 42% degli intervistati il volume si è ridotto ad appena il 25%. Tirando le somme, il 45% si aspetta di realizzare al massimo l’80% di guadagno rispetto all’epoca pre-Covid 19.

In base all’attuale legge Covid, i sostegni se ne andranno alla fine del 2021. Il Consiglio federale ha proposto la loro proroga al Parlamento e Taskforce sottolinea come i risultati del sondaggio confermino l’assoluta necessità del prolungamento: stante l’impossibilità di una normalizzazione nel 2022, il 65% degli interpellati indica che continuerà a dipendere dalle misure di sostegno nel 2022, e così succederà per due terzi delle imprese culturali e il 58% delle associazioni culturali. “Per più della metà di essi, senza aiuti – chiude Taskforce Cultura – la situazione peggiorerebbe in modo significativo, grave o addirittura letale”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved