taskforce-culture-normalita-lontana-si-prolunghi-il-sostegno
’Non ingannino i segnali di leggera ripresa’ (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Danza contemporanea
12 min

Il weekend del Lugano Dance Project

Nella Lugano città della danza, è tempo per ‘A space for all our tomorrows’ di Annie Hanauer, una delle tre prime assolute, di Lorena Dozio e molti altri
Culture
1 ora

Addio ad Antonio Pelli, voce della ‘Domenica popolare’

Si è spento all’età di 73 anni, 33 dei quali trascorsi tra l’informazione e l’intrattenimento, rigorosamente radiofonico
Culture
7 ore

Ultimi giorni di ‘Villi Hermann: in viaggio con la fotografia’

Gli inediti scatti del cineasta ticinese sono esposti fino al 29 maggio alla Casa Rotonda di Casserio, sede dell’Archivio Donetta in Valle di Blenio
Culture
7 ore

Compagnia Finzi Pasca, il laboratorio poi l’incontro

Con Maria Bonzanigo, dal 6 al 10 luglio un laboratorio pratico sul gesto invisibile tra coreografia, teatro e musica; il 16 luglio l’incontro-conferenza
Culture
8 ore

Bob Dylan ha registrato una nuova ‘Blowing in The Wind’

Sarà incisa su di un unico esemplare in alluminio ricoperto di lacca, all’asta da Christie’s a Londra il 7 luglio. La stima: 600mila dollari/1 milione
Spettacoli
9 ore

È morto il batterista degli Yes Alan White

Lo annunciano su Twitter la famiglia e la band. White ha fatto parte del gruppo progressive rock britannico per quasi quarant’anni
La recensione
13 ore

La ‘Danger zone’ di Top Gun

Al netto di piccole, inevitabili sbavature, ‘Top Gun: Maverick’ è un sequel divertente e spettacolare. Anche la nostalgia per gli anni Ottanta è benvenuta
Musica
20 ore

Depeche Mode in lutto: è morto il tastierista Andy Fletcher

Fondatore insieme a Martin Gore e David Gahan della band synth pop britannica, aveva sessant’anni. L’annuncio sui canali ufficiali della band britannica
Spettacoli
21 ore

Gran Bretagna, Kevin Spacey incriminato per aggressione sessuale

La procura ha deciso per l’incriminazione del Premio Oscar in base ai risultati condotte da Scotland Yard su episodi datati di almeno un decennio.
Covid e Cultura
03.11.2021 - 20:40

Taskforce Culture: ‘Normalità lontana, si prolunghi il sostegno’

Nel 2022 due terzi degli operatori del settore dovranno affidarsi agli aiuti: un sondaggio rivela gli effetti persistenti della crisi Covid sulla cultura

Parla il sondaggio condotto a ottobre dall’ufficio di ricerca Ecoplan per conto di Taskforce Culture, fotografando lo stato in cui versa la cultura in Svizzera al termine del secondo anno di pandemia e sondando le prospettive future. E la fotografia dice di un settore in cui la normalità è ancora lontana se, nel 2022, due terzi degli operatori del settore culturale
dovranno ancora fare affidamento sui sostegni. “Interromperli alla fine di quest’anno – scrive Taskforce Cultura – causerebbe un danno enorme a chi è già stato gravemente colpito dalla crisi Covid, riducendo sconsideratamente l’efficacia degli aiuti prestati nei mesi scorsi». Pur facendo “il minimo necessario”, le misure adottate “si stanno comunque dimostrando efficaci e la loro implementazione sta ormai funzionando quasi alla perfezione”. Da cui l’invito al Parlamento a prolungare i dispositivi di sostegno fino alla fine del 2022.

Per gli interpellati, nel 2020 gli aiuti hanno rappresentato circa un terzo dei loro guadagni. Nel 2021, gli stessi equivalgono a più di un quarto. Lo scorso anno, il fatturato di due terzi dei partecipanti è stato inferiore dell’80% del salario dell’anno precedente, tenendo conto degli aiuti. La percentuale di lavoratori culturali con un salario annuale di meno di 40mila franchi è passata dal 46% (2019) al 61% (2020) e 57% (2021). Situazione parimenti tesa per le imprese culturali: circa i tre quarti indicano che la cifra d’affari dello scorso anno è inferiore dell’80%; per circa la metà, addirittura sotto il 40% di quella realizzata abitualmente prima della pandemia. Calo ancor più drastico in ambiti di vendita e prevendita biglietti, calata nel 2020 del 20% per la metà delle imprese interpellate. Poco cambia, pur in leggero aumento, per l’anno in corso. Il cielo è tutt’altro che limpido anche per le associazioni culturali: Nel 2020, il 61% degli intervistati dichiarava rimeno del 20% di entrate regolari; nell’anno in corso, per una buona metà tale flessione è confermata.

Non ingannino, quindi, i segnali di leggera ripresa: stando ai dati, solo il 21% dei professionisti della cultura intervistati afferma di avere di nuovo un volume d’incarichi paragonabile a quello pre-pandemia. Per il 23% degli intervistati, prenotazioni e incarichi per il 2022 risultano ridotti della metà rispetto agli anni precedenti, e per il 42% degli intervistati il volume si è ridotto ad appena il 25%. Tirando le somme, il 45% si aspetta di realizzare al massimo l’80% di guadagno rispetto all’epoca pre-Covid 19.

In base all’attuale legge Covid, i sostegni se ne andranno alla fine del 2021. Il Consiglio federale ha proposto la loro proroga al Parlamento e Taskforce sottolinea come i risultati del sondaggio confermino l’assoluta necessità del prolungamento: stante l’impossibilità di una normalizzazione nel 2022, il 65% degli interpellati indica che continuerà a dipendere dalle misure di sostegno nel 2022, e così succederà per due terzi delle imprese culturali e il 58% delle associazioni culturali. “Per più della metà di essi, senza aiuti – chiude Taskforce Cultura – la situazione peggiorerebbe in modo significativo, grave o addirittura letale”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus crisi covid cultura sondaggio taskforce culture
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved