NY Rangers
PHI Flyers
01:00
 
Detroit Red Wings
Seattle Kraken
01:30
 
TOR Leafs
COL Avalanche
01:30
 
OTT Senators
VAN Canucks
01:30
 
come-sopravvivere-a-una-mamma-siciliana-anche-ad-ascona
Il figlio di Milano
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
2 ore

Gran finale a Manno per ‘Se la va, la gh’a i röd’

La Compagnia Teatrale Flavio Sala chiude la tournée del garage Pistoni il 3 e il 4 dicembre alle 20.30 e il 5 dicembre alle 16 nella Sala Aragonite
Streaming
4 ore

Netflix e affini, solo in Svizzera si paga così tanto

La Confederazione è una miniera d‘oro per il servizi di streaming. Lo segnala, sulla base di confronti, il periodico K-Tipp (che suggerisce ’aggiramenti’)
Musica
6 ore

I Måneskin, manco a dirlo, gli italiani più ascoltati al mondo

Non in Italia però, dove l’artista più popolare è Sfera Ebbasta e il singolo più ascoltato è ‘Malibù’ di Sangiovanni. Questo dicono i dati di Spotify
Cinema
9 ore

In sala ‘È stata la mano di Dio’ di Paolo Sorrentino

Presentato a Venezia 78, Leone d’argento, candidato agli Oscar per l’Italia, esclusivamente nei cinema ticinesi giovedì 2 dicembre
Culture
9 ore

Altroquando, i vincitori del concorso letterario

Aspettando la sua alternativa cinematografica, al via il 3 dicembre, l’Associazione rende pubblici nomi e titoli dei primi tre classificati
Libri
11 ore

‘Il piccolo principe’ in Sursilvano, Surmirano e Vallader

Ristampato nei tre idiomi grigionesi il capolavoro della letteratura internazionale di Antoine de Saint-Exupéry, dopo attenta revisione editoriale
Culture
12 ore

Rsi, la Cultura cambia con Vanni Bianconi

Lo scrittore, poeta e traduttore sarà il nuovo responsabile del settore. “Convinto dalla voglia di cambiamento, ma la qualità rimane centrale” ci ha detto
Spettacoli
1 gior

Elio De Capitani finalmente al Lac con ‘Diplomazia’

L’attore interpreterà il generale tedesco che doveva radere al suolo Parigi. Uno spettacolo che avrebbe dovuto debuttare a Lugano nel 2020
Culture
1 gior

‘Informazione Rete Uno alla deriva’; ‘No, sempre al centro’

La Rsi risponde all’Associazione per la difesa del servizio pubblico che ieri aveva parlato di ‘chiaro indebolimento del palinsesto informativo’
Culture
1 gior

Crowdfunding: un milione di franchi in buoni Liber

Grande successo per la campagna del settore svizzero dei libri concepita per alleviare le perdite subite da autrici, autori, case editrici e librerie
Cinema
1 gior

‘Loving Highsmith’ apre le 57esime Giornate di Soletta

Il ritratto della scrittrice statunitense Patricia Highsmith, che raggiunse la fama con Hitchcock, nel documentario della basilese Eva Vitija
Musica
1 gior

Barocchisti e Coro Rsi dal ‘De Profundis’ al ‘Gloria’

Diretti da Diego Fasolis, sabato 11 dicembre alle 20.30 a Lugano-Besso, Auditorio Stelio Molo, in collaborazione con la Rsi
Teatro San Materno
25.10.2021 - 21:400
Aggiornamento : 22:03

Come sopravvivere a una mamma siciliana (anche ad Ascona)

Martedì 26 e mercoledì 27 ottobre, ‘Aspettando Manon’, spettacolo scritto da Luca Mazzone tratto dal libro di Alberto Milazzo. In scena, Giuseppe Lanino

Manon vive al civico 72 di viale Ortigia a Palermo, conduce una vita di uncinetto, gossip con le amiche e sfide a chi ha i figli migliori. Manon di figli ne ha due e li sognava avvocato uno e medico l’altro, e invece il destino ha riservato loro, ha riservato a lei, tutt’altro; destino che apre una crepa profonda e, nonostante tutto, divertente sulle certezze della donna e sulla sua infelicità.

‘La morale del centrino’, romanzo di Alberto Milazzo, palermitano trasferitosi a Milano esattamente come uno dei figli del suo romanzo ("Il figlio di Milano”, appunto), è diventato per il teatro ‘Aspettando Manon’, drammaturgia di Luca Mazzone, Giuseppe Lanino in scena per una versione beckettiana dell’opera di Milazzo, una produzione Teatro Libero di Palermo al Teatro San Materno di Ascona martedì 26 e mercoledì 27 ottobre alle 20.30. «Quella che esiste tra noi e il San Materno è una lunga collaborazione», ci dice Mazzone, direttore del teatro siciliano, fresco di viaggio che lo ha portato in Ticino. «Condividiamo produzioni reciproche, grazie anche al Festival Presente/Futuro, progetto di mobilità internazionale che si occupa di promuovere la giovane creatività emergente, garantendo residenze, ospitalità in altri teatri e in altri spazi. Tiziana Arnaboldi ha aderito, pertanto ospitiamo anche danzatori, laddove i progetti sono focalizzati sulla danza, e noi veniamo a presentare produzioni di drammaturgia contemporanea che è la nostra vocazione primaria».

Di Manon, qualcuno ha scritto che “si friggerebbe anche la colazione”, attestato di sicilianità, e forse più: «È un colore legato alle figure materne del sud», continua Mazzone. «Si dice spesso che nel nord Italia resiste il retaggio del patriarcato; io mi ritrovo sempre a dire che, in realtà, da questo punto di vista la Sicilia è sempre stata un passo avanti, perché le madri e quindi le donne hanno più potere nelle dinamiche familiari di quanto ne abbiano i mariti, e dunque gli uomini. La figura di Manon è emblematica, in quanto madre che ha generato un figlio maschio e che, in qualche modo, regola la di lui vita». Con le parole del romanzo: “Se tu vuoi fare l’autore, io come minimo sono coautrice della tua intera esistenza”, detto a un figlio che fugge a Milano per lavorare nel teatro, «gioco ambivalente – l’autorialità – sul significato della parola». L’altra metà del titolo del romanzo, d’altra parte, dice il resto: «‘Come sopravvivere a una mamma siciliana’ è un titolo forte sì, ma anche carico di sarcasmo».

Denunciare con leggerezza

Lo spettacolo ha già toccato diverse regioni d’Italia: «Le dinamiche siciliane sono più accese, come i nostri paesaggi, aspri ma con contrasti molto forti. Allo stesso modo, le relazioni hanno un tocco di passionalità in più e il rapporto madre-figlio del racconto è anch’esso fatto di passione e tonalità accese», forti anche di un tema che si muove lungo l’intera storia, presente e attuale: «L’omotransfobia, il rapporto di Manon con l’omosessualità del figlio, giocato comunque con ironia e leggerezza, in modo sottile come solo i siciliani riescono a essere. In Sicilia c’è un proverbio che recita così: “La migliore parola è quella che non si dice”, emblematico del modo di relazionarsi, e cioè quei silenzi carichi di senso più di quanto riescano a essere le parole». Pur in maniera «non violenta, emerge chiaro il problema dell’accettazione nei confronti della tematica del coming out».

Tecnicamente parlando, «il libro è un racconto in prima persona, con una sua dimensione di scrittura teatrale già abbastanza evidente, anche se con una ricca dotazione di rimandi, immagini, racconti che s’intrecciano». Diventato monologo – «Uno dei modi migliori per rendere costruire un personaggio solido e forte come quello del figlio» – ‘Aspettando Manon’ è ricondotto a una scrittura teatrale giocata sull’assenza: «Mentre il libro offre anche parti ideologiche di narrazione tra madre e figlio, a teatro invece un personaggio così forte come Manon non poteva che essere atteso, non poteva che farsi attendere». E in questo caso, unica anticipazione concessaci, «l’attesa è quella di una cerimonia molto, molto importante...». (informazioni: www.teatrosanmaterno.ch)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved