from-bollani-to-chiasso-cronaca-di-un-colorato-trionfo
Francesca Agosta/Ti-Press
Da Via dei Matti n. 0 a via Dante Alighieri n. 3
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
1 min

Il Duo Kirsch stasera al Foce

Uno stile che unisce repertorio classico e musica tradizionale
Culture
13 ore

Aurelio Galfetti, il ricordo di Nicola Navone

Il vicedirettore dell’Archivio del Moderno ricorda l’architetto ticinese scomparso domenica sera
Spettacoli
16 ore

‘Risvegli’, da Oliver Sacks al Teatro Foce

Finalmente ha debuttato lo spettacolo di Mirko D’Urso tratto dal saggio dello psichiatra e scrittore
Scienze
19 ore

Meteorite di mezzo chilo caduto in Vallese. ‘Non cercatelo’

Grande come un mandarino, si è schiantato il 29 novembre su un ghiacciaio in Val de Bagnes e non è stato trovato. L’esperto: ‘Non fatelo, è pericoloso.’
Culture
1 gior

Dove va l’informazione della rinnovata Rete Uno

Dopo le critiche, Reto Ceschi espone le sue priorità: qualità e approfondimento ‘ma l’informazione deve stare su una rete che ha un pubblico forte’
Spettacoli
1 gior

Altroquando, un tranquillo week end di paura

All’insegna dell’horror di qualità, si è tenuta la prima edizione del festival dedicata al cinema di genere
Spettacoli
1 gior

Tutto in una notte. Ma che emozione con ‘Diplomazia’ al Lac

Elio De Capitani e Ferdinando Bruni hanno portato a Lugano lo scontro per salvare Parigi tra il generale nazista e il console svedese
Spettacoli
1 gior

Gardi è morta, viva la Gaia!

Al Cinema Teatro di Chiasso Hanna, l’alter ego della celebre clown, è morta: applausi del pubblico tra resurrezioni, vendette e gran senso per la scena
Spettacoli
1 gior

Happy Days, Fonzie mette all’asta memorabilia serie tv

L’appuntamento è per mercoledì 8 dicembre nelle sale della casa d’aste Bonhams di Los Angeles
Spettacoli
1 gior

È morto Toni Santagata

A renderlo noto la moglie del cantante, Giovanna, tramite l’agenzia stampa italiana Ansa. Santagata, all’anagrafe Antonio Morese, aveva 85 anni
Spettacoli
2 gior

Morandi, Ranieri, Zanicchi: ok, Sanremo è giusto (più o meno)

Non si può dire che non ve ne sia per tutti i gusti: Elisa, Emma, Noemi, trapper quanto basta, ex vincitori quanto basta. E Achille Lauro, ovviamente
Musica
3 gior

Il Duo Kirsch sul ponte del tempo

Martedì 7 dicembre al Teatro Foce, Stefano Moccetti (chitarra) e Anton Jablokov (violino), progetto nato tra il Csi e il lockdown
Spettacoli
3 gior

Pignotta-Incontrada, impegnatissimi in ‘Scusa sono in riunione’

I quarantenni di oggi tra reality, social e un ‘Ti posso richiamare?’. A Chiasso, Cinema Teatro, giovedì 9 dicembre. A colloquio con Gabriele Pignotta
Arte
3 gior

Un’annunciazione al m.a.x. museo per l’Avvento

Un piccolo ma prezioso dipinto di ‘Dionisio il fiammingo’ è uscito dai caveau dello Swiss Logistics Center per le feste
Spettacoli
3 gior

80VogliaDiMina nella sua Cremona (aspettando Lugano?)

Nek, Audio 2 e Frankie hi-nrg mc e 8 voci femminili per una festa di compleanno rinviata dal lockdown. Al Teatro Ponchielli di Cremona (per ora...)
Culture
3 gior

TaM, anche in Ticino ci si incontra al museo

Cinque appuntamenti a dicembre per l’iniziativa che vuole favorire la conoscenza delle opere esposte e di nuove persone
Spettacoli
3 gior

L’Incontro del teatro svizzero fa tappa al Lac

Dall’8 al 15 dicembre la ‘wandermobil’ con gli spettacoli selezionati dall’appuntamento teatrale sarà a Lugano
Spettacoli
3 gior

Finalmente Max Frisch, finalmente ‘Olocene’

Al Teatro Sociale uno spettacolo atteso tre anni, per la regia di Flavio Stroppini, con Margherita Saltamacchia e Rocco Schira. Dal 7 al 12 dicembre.
Spettacoli
4 gior

Alle radici della musica con ‘Gospel & Spirituals 2021’

I sei concerti di Free Green Music dall’8 al 30 dicembre tra Losone, Bellinzona, Locarno, Airolo e San Bernardino. Il programma.
Galleria foto
Arte
4 gior

Alla Stazione Centrale di Milano, immersi nel mondo di Banksy

Una performance artistica immersiva riproduce le opere dell’ignoto artista britannico che sono state rubate, distrutte o vendute
Spettacoli
4 gior

Saliamo in Paradiso con ‘Il cosmonauta Dante’

Conferenza-spettacolo di Anna Pegoretti e Laura Anzani, scritta in collaborazione con Leonardo Ricci. Il 13 dicembre alla Scuola cantonale di commercio
La recensione
17.10.2021 - 13:240
Aggiornamento : 17:16

From Bollani to Chiasso, cronaca di un colorato trionfo

Tra il blu e il verde, e ottimi Soloists, il pianista segna un’altra tacca al Cinema Teatro: ‘Un pubblico così bello che dovremmo portarcelo in tour’

[…] Capitolo primo. “Adorava Chiasso. La idolatrava smisuratamente”. No, è meglio: “La mitizzava smisuratamente. Ecco. Per lui, in qualunque stagione, questa era ancora una città che esisteva in bianco e nero e pulsava dei grandi motivi di George Gershwin”. No, fammi cominciare da capo. Capitolo primo. “Era troppo romantico riguardo a Chiasso, come lo era riguardo a tutto il resto. Trovava vigore nel sottile andirivieni della folla e del traffico. Per lui, Chiasso, significava belle donne, tipi in gamba che apparivano rotti a qualsiasi navigazione…” (…) No, aspetta, ci sono: “Chiasso era la sua città, e lo era sempre stata” […]

Applicare l’inizio di ‘Manhattan’ di Woody Allen al Mendrisiotto ci serve per collocare la Rapsodia in blu di George Gershwin in contesti più ticinesi. Trattasi di esercizio di stile magari fine a sé stesso, ma in fondo di notte le strade s’assomigliano tutte. Tant’è. Tutto esaurito da un paio di settimane, il Cinema Teatro diventa la Carnegie Hall e la Settima strada nella città che non dorme mai diventa via Dante Alighieri 3, la strada dell’arte a Chiasso, traversa di Via dei Matti n. 0, strada della musica recentemente a lui intitolata: Stefano Bollani che qui suona Gershwin non è solo un gioco di specchi, ma anche i vent’anni dalla riapertura di una sala che ha visto transitare “premi Nobel, premi Oscar, vincitori dei più importanti concorsi di musica e di danza, vere star della musica e della televisione”, dice il direttore artistico Armando Calvia celebrando la ricorrenza e introducendo l’evento di ieri sera, “che ci riporta nella vera dimensione del fare teatro, cioè vivere del rapporto che si realizza tra ciò che accade su di un palcoscenico come questo e il suo pubblico”.

Ufficialità concluse. Davanti a un pubblico di vaccinati, col Cinema Teatro (detto alla Sandro Ciotti) gremito in ogni ordine di posti, Stefano Bollani in pantaloni chiari e camicia ugualmente chiara ma a fantasia floreale tendente all’arancione apre da solo al pianoforte con la rassicurante ‘Someone To Watch Over Me’, con quel “qualcuno che guarda su di noi” (decisamente il caso, o il Divino, se preferite) che un anno e mezzo dopo ci permette di vivere, da vivi, il momento: «La serata è stata chiamata ‘Da Gershwin a Bollani’ – dice il pianista poco dopo – e quindi ho pensato di cominciare con una canzone di Gershwin, compositore americano che non c’è più dal 1937. Il brano successivo invece era di un compositore italiano ancora vivente». Che è ‘Villa Incognito’, il Bollani dei titoli di coda del film d’animazione Disney-Pixar ‘Soul’. «Quella che ascolterete questa sera – dice ancora – è un’alternanza tra pezzi di Gershwin e di Bollani, un po’ come si fa nelle mostre d’arte contemporanea, che si mette Leonardo Da Vinci vicino a Jeff Koons. A voi cercare di capire qual è l’aggancio. Magari vi accorgerete che Bollani ha preso qualcosa da Gershwin, ma magari anche il contrario…».


Stefano Bollani con Gabriele Evangelista al contrabbasso, Bernardo Guerra alla batteria e la United Soloists Orchestra (foto: Francesca Agosta, Ti-Press)

Licenze, lacrime e pappagallini

È lungo il filo della migliore ironia da entertainer propria del protagonista che in ‘From Gershwin to Bollani’ sempre si passa di capitolo in capitolo. E il secondo capitolo è la ‘Cuban Ouverture’ (nata ‘Rumba’) scritta da Gershwin nel 1932 in vacanza all’Avana, esplosione di vita condotta in porto dalla giovane United Soloists Orchestra diretta da Arseniy Shkaptsov, con gli ottoni fisicamente sospesi a mezz’aria e sul palco energia e precisione d’intenti (e visto il gran caldo in sala, via le giacche nere e tutti in camicia). Di lì, a successione invertita rispetto ai programmi di sala, si passa ai quattro movimenti del Concerto Verde per pianoforte e orchestra, non prima che siano introdotti i fidi Gabriele Evangelista al contrabbasso e Bernardo Guerra alla batteria. Verde perché dedicato al chakra del cuore, verde perché «dovrebbe essere scritto e suonato col cuore. Tenetene conto». E sullo struggente Quarto movimento, una volta concluso l’annunciato ‘scherzo’ del Terzo («Lo insegnano al Conservatorio, qualsiasi cosa succeda, l’importante è che finiate tutti insieme. Funziona sempre, ancora oggi»), il cuore si gonfia di stima.

Il glissato di clarinetto, che un colonnista dell’American Heritage un giorno definì “riconoscibile quanto l’inizio della quinta di Beethoven”, è il segnale per la Rapsodia in blu, ottovolante sul cui ‘Leggiero’, omoni alla nostra destra che a fatica stanno tra le sedie della balconata possono anche scoppiare in lacrime senza ritegno, dopo (e prima) che Bollani e Gershwin s’incontrino nei rispettivi momenti solistici, con l’italiano a prendersi licenze e applausi (quattro minuti). Rompe le file, l’orchestra, ma resta sul palco in posture informali ad assistere al bis in forma di trio jazz per pappagallino (‘Ho perduto il mio pappagallino’ da ‘Que bom’ del 2018, lì con Hamilton de Holanda), in una pacifica guerra tra Bollani e Guerra, in solo tutti-contro-tutti che porta all’applauso finale (quattro minuti). Si chiude con trio e orchestra a far l’inchino insieme, a tempo, gli uni di fianco agli altri come sul palco fanno le stelle del rock and roll.

‘Se mi dite dove siete domani veniamo a sentirvi’

Dopo aver (ri)fatto suo Gershwin, Bollani fa sua una vecchia boutade da intrattenitori che più o meno fa così: “Siete un pubblico fantastico, se mi dite dove siete domani veniamo a sentirvi”. Poco fuori il camerino, tra Soloists che vanno e vengono e copie di ‘Que bom’ e ‘Piano variations on Jesus Christ Superstar’ che si fanno autografare, smessa la camicia fantasia per una più chitarristica maglietta Pat Metheny (a strisce orizzontali), Bollani è raggiante: «Stavo proprio discutendo con il tour manager (raggiante anch’egli, ndr) del fatto che questo pubblico è talmente bello che dovremmo portarlo in tour con noi, dovrebbe diventare parte integrante dello spettacolo. Al momento non so come la cosa si possa fare, forse con un sistema di pullman…». Più concretamente parlando: «Ho vissuto una magnifica sensazione anche soltanto entrando sul palco. Un teatro pieno di questi tempi era qualcosa d’inedito. C’era un entusiasmo molto particolare e ci ha presi tutti, credo che si sia percepito. Non ci eravamo più abituati da un pezzo, questa è la verità». L’ultima parola è per l’Orchestra dei Solisti Uniti: «Sì, con tutti loro c’è una bella intesa, e lo sai qual è il motivo? Sono giovani».


‘Era un pubblico così bello che dovremmo portarcelo in tour’ (foto: Francesca Agosta, Ti-Press)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved