ANA Ducks
1
MIN Wild
2
fine
(0-0 : 1-1 : 0-1)
curzut-le-parole-della-poesia-mai-cosi-importanti-come-oggi
Fabio Pusterla (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
2 ore

Oleh Sencov, regista dal gulag

Dopo cinque anni di prigionia il dissidente ucraino è passato anche a Lugano per presentare ‘Numbers’, film distopico e profetico
Arte
14 ore

‘Tempo sospeso e facezie’, Renzo Ferrari a Lugano

Le opere 2020-2021. Inaugurazione sabato 16 ottobre alle 17 nel porticato della Biblioteca Salita dei Frati
Teatro
16 ore

Emanuele Santoro, la nuova stagione teatrale

Le novità sono Edgar Allan Poe, l’Ubu Re di Alfred Jarry e lo spettacolo ‘Stupidi-tà’. Si comincia sabato e domenica al Paravento con Dürrenmatt
Castellinaria
16 ore

Il Castello d’Onore a Milena Vukotic

Amata e apprezzata da cinema e teatro, vincitrice di un Nastro d’argento e più volte vicina al David, ha lavorato con i più grandi registi
Spettacoli
17 ore

Festival diritti umani, Nanau tra corruzione e fiducia

Il regista rumeno presenta il suo documentario ‘Colectiv’, seguendo il lavoro dei giornalisti che hanno denunciato i problemi del sistema sanitario
Netflix
17 ore

‘Squid Game’: dopo la serie, il videogioco

Dalle indiscrezioni, si tratterebbe di un videogame del genere ‘battle royale’, simile a Fortnite e Pubg, che ben si adatterebbe alla trama
Arte
22 ore

Il Banksy semidistrutto venduto a 22 milioni di euro

‘Love is in the Bin’, battuto ieri da Sotheby’s, era in origine ‘Girl with Balloon’, tagliuzzato nel 2018 tramite un meccanismo nascosto nella cornice
L'intervista
1 gior

Giacomo Poretti, storia di un infermiere

Prima di Aldo e Giovanni, Giacomo ha lavorato all’Ospedale di Legnano, 11 anni in corsia finiti in ‘Chiedimi se sono di turno’, stasera e domani al Lac
Culture
1 gior

Covid cultura, più tempo per i progetti di ristrutturazione

77 le richieste giunte al Cantone per le riconversioni delle imprese culturali. Prorogato il termine per presentare le domande
Libri
1 gior

I finalisti del Premio Chiara in dialogo a Lugano

Aspettando il verdetto di domenica a Varese, sabato 16 ottobre alle 17.30 s’incontrano alla Biblioteca cantonale
Casa della Letteratura
1 gior

Per ‘Cari Vicini’ s’incontrano Ilma Rakusa e Anna Ruchat

A Lugano il 16 ottobre alle 18.30, moderate da Jacqueline Aerne, per l’incontro in collaborazione con la Literaturhaus di Zurigo
Disney+
1 gior

‘The Beatles: Get Back’, la tre giorni di Peter Jackson

Il 25, 26 e 27 novembre su Disney+ la docuserie originale realizzata dal regista del Signore degli Anelli con filmati inediti restaurati
Spettacoli
1 gior

Festival diritti umani, il cinema dell’assurdo di Sencov

Il regista ucraino ha diretto, dal campo di prigionia russo, un film distopico e surreale
Culture
14.10.2021 - 08:210
Aggiornamento : 08:42

Curzùt, le parole della poesia: ‘Mai così importanti come oggi’

Con Fabio Pusterla dentro l‘edizione 2021, venerdì 15 ottobre a Monte Carasso: ’L’arte ci aiuta a non rassegnarci’

«L’anno prossimo contiamo di tornare nell’atmosfera particolare, e quasi direi magica, di Curzùtt». Fabio Pusterla rassicura gli affezionati. Per questa volta, la seconda di seguito, Poesia Curzùt si svolge «al piano», ovvero al convento di Monte Carasso e non nella chiesa San Barnard, sulla collina. L’incontro coi poeti, interamente gratuito, è fissato per domani, venerdì 15 ottobre. «Nel 2020 – spiega Pusterla – la situazione sanitaria ci aveva obbligato a rinunciare anche alle modalità tradizionali della manifestazione, trasformandola in una serie nutrita di incontri con allievi e insegnanti della Scuola Cantonale di Commercio a Bellinzona. Quest’anno, dovendo organizzare tutto in anticipo, non ci è sembrato opportuno tornare a Curzùtt, perché qualche mese fa non potevamo essere certi che la cosa fosse possibile. Così, abbiamo deciso di trasferirci provvisoriamente al Convento di Monte Carasso, ma di mantenere la struttura tradizionale: nel pomeriggio l’incontro con gli studenti della SCC e del Liceo Lugano 2; la sera quello con il pubblico».

Raimondi e Di Corcia

Riassunti in breve, sono questi i contenuti della giornata: alle 15, all’aperto, sotto i portici, l’incontro con le scuole sulla poesia con Laura Di Corcia e Stefano Raimondi, coordinato da Pusterla; a seguire, dalle 17.30, aperitivo offerto; a partire dalle 19, serata pubblica nel salone del convento con letture dei poeti citati, domande e interventi, oltre alla presentazione del quadernetto, pure offerto al pubblico. Addentrandoci nella scelta degli autori invitati: «Pur senza darci regole troppo ferree – continua Pusterla – abbiamo sempre tenuto d’occhio due fattori: la combinazione di poeti per così dire di lungo corso e di poeti più giovani, e l’attenzione al territorio. Quest’anno infatti la scelta è caduta su Stefano Raimondi, un poeta milanese che ha pubblicato molti libri (uno, Le città degli orti, da Casagrande di Bellinzona), di poesia e di riflessione critica, e su Laura Di Corcia, che vive e lavora come insegnante nella Svizzera italiana, e che ha pubblicato due libri importanti (l’ultimo, recentissimo, si intitola Diorama) e una biografia in forma di intervista del poeta Giancarlo Majorino, oltre a numerosi interventi giornalistici su giornali e riviste. Non va dimenticato però un terzo fattore: gli autori invitati a Curzùtt devono essere capaci di dialogare con un pubblico non specialistico, che va conquistato con la qualità dei testi ma anche con il calore umano; e tanto Stefano quanto Laura corrispondono senza dubbio a questo profilo ideale. Se dovessimo riassumere la loro attività poetica in due immagini, potremmo azzardare che per Stefano Raimondi la poesia è “una stretta di mano” (così si intitolava un opuscolo che anni or sono accompagnava la sua presenza a Zurigo); per Laura Di Corcia una costante metamorfosi, dentro la storia umana e dentro la natura».

Riepilogando

Pusterla: cos’è ‘Poesia a Curzùtt’, come e quando nasce? «È nato sei anni fa dall’idea di valorizzare culturalmente gli spazi e l’atmosfera di un luogo davvero particolare, splendidamente restaurato e ora offerto a tutti i visitatori. Emblema della manifestazione sono stati subito i gamberetti d’acqua dolce che appaiono, curiosamente, sull’affresco dell’Ultima Cena nella chiesa romanica di San Barnard, lungo il sentiero che da Curzùtt conduce verso il ponte tibetano, e che ora si possono vedere anche sui Quaderni di Curzùtt, che ogni anno pubblicano i testi dei poeti invitati insieme alle immagini di un artista. Piccoli animali a prima vista fuori luogo; forme di vita minimali e resistenti; elementi di stupore e di speranza. Forse mai come quest’anno, con alle spalle un anno abbondante di confinamento, preoccupazioni e rinunce, i gamberetti di Curzutt, come le parole della poesia, sono ciò di cui maggiormente abbiamo bisogno». E come s’inserisce la poesia, all’uscita del nostro confinamento? «La poesia, il linguaggio artistico e simbolico sono qualcosa di profondo e di impalpabile, che da sempre accompagna l’avventura umana, e che ci consente di affrontare le avversità, tanto individuali quanto collettive, senza dimenticare che la realtà ostile davanti a noi non è l’unica realtà; che è sempre possibile immaginare altre forme di vita e di convivenza civile, e ricordare nel contempo quelle che ci hanno preceduto. Così la poesia e l’arte in genere ci aiutano a non rassegnarci, a non arrenderci: a continuare a cercare e, forse, a coltivare la speranza».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved