ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
1 ora

Enrico Fagone tra l’Osi e il Grammy®

Ha diretto la London Symphony Orchestra, solisti Saunghee Lee (clarinetto) e JP Jofre (bandoneon) nel cd ‘Aspire’. È candidato all’Oscar della musica.
Culture
10 ore

Manipolazione psicologica è la parola più diffusa nel 2022

Il termine inglese è gaslighting e si rifà a una pièce teatrale del 1938, dalla quale sono stati tratti due celebri film
Arte
11 ore

È record di vendita per la regina Elisabetta II in blu di Warhol

La serigrafia della defunta monarca è stata battuta all’asta a Toronto per 853mila dollari
Scienze
11 ore

Risuscitati virus zombie rimasti per millenni nel permafrost

Il cambiamento climatico agisce anche sul terreno tipico delle regioni fredde: il più antico agente patogeno risale a 50mila anni fa ed è tuttora infetto
Culture
12 ore

Laurea non più essenziale per posizioni da top manager

Per diverse grandi aziende come Google o Ibm i criteri principali per le assunzioni diventano ora esperienza e capacità
Musica
12 ore

L’Osi ‘Back to school’ tra gli studenti della Commercio

Nella Biblioteca cantonale di Bellinzona il secondo pomeriggio-concerto per avvicinare i giovani alla classica
Musica
12 ore

Lettere d’amore vendute all’asta, firmato Robert Zimmermann

Oltre quaranta messaggi sono stati battuti per 670mila dollari. Bob Dylan, intanto, si scusa per le firme apposte da una macchina sul suo recente libro
Scienze
13 ore

La Grande barriera corallina continua a degradarsi

Canberra chiamata a ‘fare di più’ dopo aver messo in campo sforzi ‘senza precedenti’ come evidenziato dall’Unesco
Arte
14 ore

L’opera di Alberto Giacometti trova una nuova casa a Parigi

Il Musée & École custodirà la più grande collezione al mondo, aprirà nel 2026 e sorgerà nell’edificio di Air France, situato nell’Esplanade des Invalides
Classica
14 ore

Beethoven, Mozart, Franck e Schubert con il flauto di Pahud

Il concerto del flautista Emmanuel Pahud accompagnato al pianoforte da Alexander Melnikov si svolgerà lunedì 5 dicembre, alle 20.30, al Lac di Lugano
Culture
15 ore

‘La nave dei folli’ di Brant è tornata a Friburgo

L’incunabolo di fine Quattrocento sottratto ai frati cappuccini dagli Stati Uniti è tornato alla Biblioteca universitaria cantonale, grazie all’Ambasciata
Cinema
17 ore

Castellinaria porta ‘Europa’ al PalaCinema di Locarno

Il quarto appuntamento della rassegna ‘10 Film Festival @ PalaCinema’ ospita il Festival del cinema giovane, giovedì 1° dicembre, alle 18
La recensione
17 ore

Vivian, Edward e Pretty Bryan

Doppio sold out al Lac per l’ottimo ‘Pretty Woman - Il musical’, due ore di buon umore con musiche di Bryan Adams (ti piace vincere facile)
Culture
18 ore

Il settore culturale ha sofferto il Covid, nonostante gli aiuti

I dati pubblicati dall’Ufficio di statistica rilevano come nel 2020 siano diminuiti impieghi e imprese attivi nell’ambito nella Svizzera tedesca e romanda
Conferenza
18 ore

Incontro su tabù e lo stigma per le vittime di violenza sessuale

La Biblioteca cantonale di Bellinzona ospita la serata con ospiti Valentina Mira e Angela Andolfo Filippini, venerdì 2 dicembre, alle 18
Culture
22 ore

Da Hannah ad Anna, le tante facce della Valle Bavona

Il lucernese Kurt Koller ci parla del suo film ‘Vento di vita vera’ in programma martedì 29 all’Otello di Ascona, con la presenza del regista
Castellinaria
1 gior

Per tutte le Anna Frank del mondo

Highlights della cerimonia di chiusura, palmarès e pensieri in libertà con Flavia Marone, presidente, e Giancarlo Zappoli, direttore artistico
Culture
1 gior

Scienza, violenza, arpa elettrica, Ayo: al via il dicembre Lac

Primo atto il primo dicembre, con ‘Feeling Science’, fusione tra teatro e scienza
Sanremo
1 gior

Ecco gli ultimi quattro nomi, ora Sanremo Giovani è al completo

Amadeus ha annunciato i cantanti provenienti da Area Sanremo che si aggiungono agli otto finalisti: Colla Zio, Fiat 131, Noor, Romeo & Drill
La recensione
1 gior

Diretti da Mencoboni, in quattro per Monteverdi

Voces suaves, Concerto Scirocco, Männeroktett Basel, Coro Clairière: al netto delle scelte interpretative, il pubblico applaude
Fumetto
08.10.2021 - 10:22

Giovanni e Giovanna in volo per la libertà

L’antifascista Bassanesi che volò da Lodrino a Milano e la giovane attivista di fantasia dei giorni nostri s’incontrano nel fumetto di Olmo Cerri e Micha Dalcol

giovanni-e-giovanna-in-volo-per-la-liberta
Giovanna

La storia dice che l’11 luglio del 1930 bombardò Milano di volantini, 150mila in tutto, caricati a bordo di un monomotore Farman F200 introdotto in Svizzera con regolare documentazione doganale e fatto decollare dalla campagna di Lodrino. A bordo c’erano lui, Giovanni Bassanesi – diplomato maestro elementare, fotografo, fotoreporter, infatuato del volo di D’Annunzio benché sofferente di mal d’aria – e il disegnatore romano Gioacchino Dolci, due del movimento rivoluzionario ‘Giustizia e Libertà’, punto di riferimento dell’antifascismo. I volantini, tutti riportanti il motto “Insorgere! Risorgere!”, furono sganciati sui tetti del capoluogo lombardo poco dopo mezzogiorno; a missione compiuta, nel suo volo di ritorno, Bassanesi lasciò dapprima Dolci a Lodrino per poi decollare nuovamente alla volta di Zurigo. Il volo finì molto prima, sul passo del Gottardo dove il velivolo, complice la fitta nebbia, terminò disastrosamente la sua corsa. Gli esiti: una gamba fratturata, non il peggiore dei mali per qualcuno che aveva ottenuto il brevetto di pilota non più di venti giorni prima, la cattura e il processo a Lugano, da cui i quattro mesi di reclusione, nel frattempo già scontati, per contravvenzione alle disposizioni della navigazione aerea.

‘Giovanni Bassanesi – In volo per la libertà’ potrebbe essere il riassunto di questa breve storia, quella di un uomo che sfidò il fascismo anche dal cielo; ma è soprattutto il titolo della graphic novel di Olmo Cerri con le illustrazioni di Micha Dalcol, pubblicata dalle Edizioni svizzere per la Gioventù (Esg), realizzata con la collaborazione dell’Associazione Amici di Giovanni Bassanesi, nata nel maggio del 2010 allorché Lodrino si rifiutò d’intitolargli, a Bassanesi, almeno una strada. Amici che oggi ne salvaguardano la memoria e che nel 2010 ne finanziarono il monumento posto sul luogo da cui decollò. «Ho l’impressione che ci si trovi di fronte a una storia ancora molto attuale», dice Cerri, portandoci dentro la pubblicazione. «In Bassanesi c’è idealismo, c’è coraggio, c’è la dimensione del volo che mi affascina sempre e il suo andare contro l’ordine costituito, quel far qualcosa d’illegale ma giusto. È una storia che può ancora raccontare qualcosa».

Ed è quello che fa, nelle trenta pagine disegnate da Micha Dalcol un po’ in bianco e nero – la vicenda del 1930 – e un po’ a colori – la giovane attivista per il clima Giovanna, e i compagni di classe da lei coinvolti in una sua ricerca su Bassanesi – a rendere l’alternanza tra lotte per la libertà e per un futuro migliore lontane settant’anni ma dai tratti similari. «Ho scelto di raccontare la storia vera dell’antifascista in bianco e nero – spiega Dalcol – e con un tratto più realistico, più duro, trattandosi di una vicenda dai risvolti piuttosto drammatici, da mettere in relazione con Giovanna, ragazza dei nostri giorni, a colori, con uno stile più distaccato dalla realtà, più libero, non proprio infantile ma certamente più alla portata di tutti. Ho lavorato su queste differenze per mostrare il fatto che questa storia è sì di fantasia, ma potrebbe anche essere reale». Cerri: «L’introduzione di Giovanna è un modo per attualizzare il tema, vista la radice comune tra le due storie, il voler cambiare lo status quo. Giovanna è anche una chiave per entrare nella storia, visto che la stiamo raccontando a bambini delle scuole elementari o a ragazzi delle medie, una chiave di lettura dell’evento storico».


Milano, 11 luglio 1930

Il fascismo spiegato ai bambini

Raccontare cosa sia stato (e cosa ancora sia) il fascismo ai giovanissimi è «una bella sfida», dice ancora Cerri. «I fumetti rendono il messaggio più attrattivo, coinvolgente. È chiaro che si tratta di un racconto abbastanza impegnativo a più livelli, non semplicissimo, ma avevamo già un buon riscontro da parte di diversi docenti sulla potenzialità attrattiva soprattutto nel Bellinzonese e a Lodrino in particolare, data dal fatto che ciò di cui raccontiamo si è svolto proprio lì. Ma la storia può essere in sé godibile anche se non se ne conosce bene il contesto: alcuni spunti sono nella narrazione, ma il sentimento d’ingiustizia l’hanno vissuto tutti, anche bimbi che non sanno nulla di quanto accadde in Europa al tempo».

Olmo e Dalcol si erano già calati su Bassanesi nel 2011, lavorando a un cortometraggio incentrato sul volo in uno degli atelier di Tikinò, ma con molto meno tempo a disposizione (un challenge cinematografico di 24-48 ore). «Sentivamo l’esigenza di fare ancora qualcosa». Cortometraggio, fumetto: cosa manca? «Forse una serie tv», replica Cerri, risposta che fa sorridere ma nemmeno troppo: «Quando si parla di lui si ricorda sempre il momento del volo, l’apice del suo eroismo, ma Bassanesi ha perseguito per anni il suo ideale di libertà, di giustizia e di pace, pagandone le conseguenze durissime delle sue scelte radicali, ricadute anche sulla famiglia, che comunque gli è stata sempre solidale. A partire dalla sua compagna Camilla Restellini. Tutta la sua vita meriterebbe un film». L’esilio, l’espulsione da mezza Europa, la persecuzione fascista, gli internamenti plurimi, fino a quello definitivo nel manicomio criminale di Montelupo Fiorentino nel quale morì a soli 42 anni. Netflix ci tirerebbe fuori un paio di stagioni almeno.

‘Giovanni Bassanesi – In volo per la libertà’ (acquistabile su www.sjw.ch/giovanni-bassanesi-in-volo-per-la-liberta.html) ha un suo vernissage. Domani, sabato 9 ottobre, alle 17 nella palestra delle Scuole elementari del Comune di Riviera, gli autori lo presentano al pubblico. «Proveremo a descrivere il percorso creativo che ci ha portati a preparare questo lavoro, raccontando alcune delle fonti più interessanti, come un verbale d’interrogatorio di Bassanesi molto dettagliato e un testo veramente toccante scritto da Camilla Restellini che racconta alla nipote tutta la storia della sua famiglia non risparmiando le tante ombre di questa vicenda. Spiegheremo in che modo abbiamo lavorato, come si passa da un fatto storico alla sceneggiatura fino alle tavole a fumetto vere e proprie». Compreso un prezioso inedito: il documento di un sindacalista che in gioventù, alle prese con una ricerca scolastica su Bassanesi (un po’ come succede a Giovanna), intervistò il fu consigliere di Stato Argante Righetti del quale domani, appena digitalizzata dal nastro magnetico, si ascolteranno la voce e il pensiero.


‘Devi guardare dritto davanti a te, verso l’orizzonte’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved