NY Rangers
3
PHI Flyers
1
2. tempo
(2-0 : 1-1)
Detroit Red Wings
0
Seattle Kraken
0
1. tempo
(0-0)
TOR Leafs
3
COL Avalanche
1
1. tempo
(3-1)
OTT Senators
1
VAN Canucks
1
1. tempo
(1-1)
giovanni-e-giovanna-in-volo-per-la-liberta
Giovanna
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
3 ore

Gran finale a Manno per ‘Se la va, la gh’a i röd’

La Compagnia Teatrale Flavio Sala chiude la tournée del garage Pistoni il 3 e il 4 dicembre alle 20.30 e il 5 dicembre alle 16 nella Sala Aragonite
Streaming
6 ore

Netflix e affini, solo in Svizzera si paga così tanto

La Confederazione è una miniera d‘oro per il servizi di streaming. Lo segnala, sulla base di confronti, il periodico K-Tipp (che suggerisce ’aggiramenti’)
Musica
7 ore

I Måneskin, manco a dirlo, gli italiani più ascoltati al mondo

Non in Italia però, dove l’artista più popolare è Sfera Ebbasta e il singolo più ascoltato è ‘Malibù’ di Sangiovanni. Questo dicono i dati di Spotify
Cinema
10 ore

In sala ‘È stata la mano di Dio’ di Paolo Sorrentino

Presentato a Venezia 78, Leone d’argento, candidato agli Oscar per l’Italia, esclusivamente nei cinema ticinesi giovedì 2 dicembre
Culture
10 ore

Altroquando, i vincitori del concorso letterario

Aspettando la sua alternativa cinematografica, al via il 3 dicembre, l’Associazione rende pubblici nomi e titoli dei primi tre classificati
Libri
13 ore

‘Il piccolo principe’ in Sursilvano, Surmirano e Vallader

Ristampato nei tre idiomi grigionesi il capolavoro della letteratura internazionale di Antoine de Saint-Exupéry, dopo attenta revisione editoriale
Culture
13 ore

Rsi, la Cultura cambia con Vanni Bianconi

Lo scrittore, poeta e traduttore sarà il nuovo responsabile del settore. “Convinto dalla voglia di cambiamento, ma la qualità rimane centrale” ci ha detto
Spettacoli
1 gior

Elio De Capitani finalmente al Lac con ‘Diplomazia’

L’attore interpreterà il generale tedesco che doveva radere al suolo Parigi. Uno spettacolo che avrebbe dovuto debuttare a Lugano nel 2020
Culture
1 gior

‘Informazione Rete Uno alla deriva’; ‘No, sempre al centro’

La Rsi risponde all’Associazione per la difesa del servizio pubblico che ieri aveva parlato di ‘chiaro indebolimento del palinsesto informativo’
Culture
1 gior

Crowdfunding: un milione di franchi in buoni Liber

Grande successo per la campagna del settore svizzero dei libri concepita per alleviare le perdite subite da autrici, autori, case editrici e librerie
Cinema
1 gior

‘Loving Highsmith’ apre le 57esime Giornate di Soletta

Il ritratto della scrittrice statunitense Patricia Highsmith, che raggiunse la fama con Hitchcock, nel documentario della basilese Eva Vitija
Musica
1 gior

Barocchisti e Coro Rsi dal ‘De Profundis’ al ‘Gloria’

Diretti da Diego Fasolis, sabato 11 dicembre alle 20.30 a Lugano-Besso, Auditorio Stelio Molo, in collaborazione con la Rsi
Culture
1 gior

Tra libri d’artista e ‘Fluire’, Valsangiacomo in Biblioteca

Giovedì 2 dicembre alle 18 a Lugano, mostra/incontro con Mauro ‘Vals’ Valsangiacomo, fresco vincitore del premio Virgilio Masciadri
Spettacoli
1 gior

Joyce Elaine Yuille, The Gospel Times al Teatro del Gatto

La vocalist newyorkese, milanese d’adozione, incontra l’ensemble romagnolo Jazz Inc. Il risultato è live, giovedì 9 dicembre ad Ascona
LuganoMusica
1 gior

Martha Argerich al Lac con European Philharmonic of Switzerland

Lunedì 6 dicembre a Lugano. Dirige Charles Dutoit, in un connubio che arriva da Montreux 2018
Spettacoli
1 gior

‘Taac’, il Milanese Imbruttito sbarca al cinema

La grande popolarità della pagina social ha portato a un film con Germano Lanzoni, Claudio Bisio e Paolo Calabresi. Dal 7 dicembre
Spettacoli
2 gior

Tra jazz, nuove musiche e Florian Favre Trio

Il pianista a Jazz in Bess il 4 dicembre per la rassegna di Rete Due, con Manu Hagmann (contrabbasso) e Arthur Alard (batteria)
Spettacoli
2 gior

‘Liricomincio’ al Sociale, il ritorno di Ale e Franz

Cavalli di battaglia, pezzi inediti, situazioni riviste e riadattate. 25 anni di storia in scena martedì 30 novembre alle 20.45 a Bellinzona (con band)
Cinema
2 gior

‘Lede dignità’: gli eredi di Aldo Gucci contro ‘House of Gucci’

La produzione ‘non s’è curata d’interpellare gli eredi prima di descriverlo’ e, ‘ancor più censurabile’, ha trasformato Patrizia Reggiani in ‘una vittima’
Streaming
2 gior

I Simpsons vanno in piazza Tienanmen e Disney+ li oscura

Sul servizio streaming di Hong Kong non v’è traccia dell’episodio. Il gigante dell’intrattenimento non dà spiegazioni. Nemmeno il governo locale
Fumetto
08.10.2021 - 10:220

Giovanni e Giovanna in volo per la libertà

L’antifascista Bassanesi che volò da Lodrino a Milano e la giovane attivista di fantasia dei giorni nostri s’incontrano nel fumetto di Olmo Cerri e Micha Dalcol

La storia dice che l’11 luglio del 1930 bombardò Milano di volantini, 150mila in tutto, caricati a bordo di un monomotore Farman F200 introdotto in Svizzera con regolare documentazione doganale e fatto decollare dalla campagna di Lodrino. A bordo c’erano lui, Giovanni Bassanesi – diplomato maestro elementare, fotografo, fotoreporter, infatuato del volo di D’Annunzio benché sofferente di mal d’aria – e il disegnatore romano Gioacchino Dolci, due del movimento rivoluzionario ‘Giustizia e Libertà’, punto di riferimento dell’antifascismo. I volantini, tutti riportanti il motto “Insorgere! Risorgere!”, furono sganciati sui tetti del capoluogo lombardo poco dopo mezzogiorno; a missione compiuta, nel suo volo di ritorno, Bassanesi lasciò dapprima Dolci a Lodrino per poi decollare nuovamente alla volta di Zurigo. Il volo finì molto prima, sul passo del Gottardo dove il velivolo, complice la fitta nebbia, terminò disastrosamente la sua corsa. Gli esiti: una gamba fratturata, non il peggiore dei mali per qualcuno che aveva ottenuto il brevetto di pilota non più di venti giorni prima, la cattura e il processo a Lugano, da cui i quattro mesi di reclusione, nel frattempo già scontati, per contravvenzione alle disposizioni della navigazione aerea.

‘Giovanni Bassanesi – In volo per la libertà’ potrebbe essere il riassunto di questa breve storia, quella di un uomo che sfidò il fascismo anche dal cielo; ma è soprattutto il titolo della graphic novel di Olmo Cerri con le illustrazioni di Micha Dalcol, pubblicata dalle Edizioni svizzere per la Gioventù (Esg), realizzata con la collaborazione dell’Associazione Amici di Giovanni Bassanesi, nata nel maggio del 2010 allorché Lodrino si rifiutò d’intitolargli, a Bassanesi, almeno una strada. Amici che oggi ne salvaguardano la memoria e che nel 2010 ne finanziarono il monumento posto sul luogo da cui decollò. «Ho l’impressione che ci si trovi di fronte a una storia ancora molto attuale», dice Cerri, portandoci dentro la pubblicazione. «In Bassanesi c’è idealismo, c’è coraggio, c’è la dimensione del volo che mi affascina sempre e il suo andare contro l’ordine costituito, quel far qualcosa d’illegale ma giusto. È una storia che può ancora raccontare qualcosa».

Ed è quello che fa, nelle trenta pagine disegnate da Micha Dalcol un po’ in bianco e nero – la vicenda del 1930 – e un po’ a colori – la giovane attivista per il clima Giovanna, e i compagni di classe da lei coinvolti in una sua ricerca su Bassanesi – a rendere l’alternanza tra lotte per la libertà e per un futuro migliore lontane settant’anni ma dai tratti similari. «Ho scelto di raccontare la storia vera dell’antifascista in bianco e nero – spiega Dalcol – e con un tratto più realistico, più duro, trattandosi di una vicenda dai risvolti piuttosto drammatici, da mettere in relazione con Giovanna, ragazza dei nostri giorni, a colori, con uno stile più distaccato dalla realtà, più libero, non proprio infantile ma certamente più alla portata di tutti. Ho lavorato su queste differenze per mostrare il fatto che questa storia è sì di fantasia, ma potrebbe anche essere reale». Cerri: «L’introduzione di Giovanna è un modo per attualizzare il tema, vista la radice comune tra le due storie, il voler cambiare lo status quo. Giovanna è anche una chiave per entrare nella storia, visto che la stiamo raccontando a bambini delle scuole elementari o a ragazzi delle medie, una chiave di lettura dell’evento storico».


Milano, 11 luglio 1930

Il fascismo spiegato ai bambini

Raccontare cosa sia stato (e cosa ancora sia) il fascismo ai giovanissimi è «una bella sfida», dice ancora Cerri. «I fumetti rendono il messaggio più attrattivo, coinvolgente. È chiaro che si tratta di un racconto abbastanza impegnativo a più livelli, non semplicissimo, ma avevamo già un buon riscontro da parte di diversi docenti sulla potenzialità attrattiva soprattutto nel Bellinzonese e a Lodrino in particolare, data dal fatto che ciò di cui raccontiamo si è svolto proprio lì. Ma la storia può essere in sé godibile anche se non se ne conosce bene il contesto: alcuni spunti sono nella narrazione, ma il sentimento d’ingiustizia l’hanno vissuto tutti, anche bimbi che non sanno nulla di quanto accadde in Europa al tempo».

Olmo e Dalcol si erano già calati su Bassanesi nel 2011, lavorando a un cortometraggio incentrato sul volo in uno degli atelier di Tikinò, ma con molto meno tempo a disposizione (un challenge cinematografico di 24-48 ore). «Sentivamo l’esigenza di fare ancora qualcosa». Cortometraggio, fumetto: cosa manca? «Forse una serie tv», replica Cerri, risposta che fa sorridere ma nemmeno troppo: «Quando si parla di lui si ricorda sempre il momento del volo, l’apice del suo eroismo, ma Bassanesi ha perseguito per anni il suo ideale di libertà, di giustizia e di pace, pagandone le conseguenze durissime delle sue scelte radicali, ricadute anche sulla famiglia, che comunque gli è stata sempre solidale. A partire dalla sua compagna Camilla Restellini. Tutta la sua vita meriterebbe un film». L’esilio, l’espulsione da mezza Europa, la persecuzione fascista, gli internamenti plurimi, fino a quello definitivo nel manicomio criminale di Montelupo Fiorentino nel quale morì a soli 42 anni. Netflix ci tirerebbe fuori un paio di stagioni almeno.

‘Giovanni Bassanesi – In volo per la libertà’ (acquistabile su www.sjw.ch/giovanni-bassanesi-in-volo-per-la-liberta.html) ha un suo vernissage. Domani, sabato 9 ottobre, alle 17 nella palestra delle Scuole elementari del Comune di Riviera, gli autori lo presentano al pubblico. «Proveremo a descrivere il percorso creativo che ci ha portati a preparare questo lavoro, raccontando alcune delle fonti più interessanti, come un verbale d’interrogatorio di Bassanesi molto dettagliato e un testo veramente toccante scritto da Camilla Restellini che racconta alla nipote tutta la storia della sua famiglia non risparmiando le tante ombre di questa vicenda. Spiegheremo in che modo abbiamo lavorato, come si passa da un fatto storico alla sceneggiatura fino alle tavole a fumetto vere e proprie». Compreso un prezioso inedito: il documento di un sindacalista che in gioventù, alle prese con una ricerca scolastica su Bassanesi (un po’ come succede a Giovanna), intervistò il fu consigliere di Stato Argante Righetti del quale domani, appena digitalizzata dal nastro magnetico, si ascolteranno la voce e il pensiero.


‘Devi guardare dritto davanti a te, verso l’orizzonte’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved