Venezia
1
Fiorentina
0
2. tempo
(1-0)
maybe-a-concert-raissa-aviles-oltre-la-forma-concerto
'È partito tutto dal riflettere sulla mia identità artistica...'
ULTIME NOTIZIE Culture
Lac
1 ora

Jean-Sélim Abdelmoula sostituisce Alexandra Dovgan

Per motivi di salute, martedì 19 ottobre la giovane pianista è sostituita dall’omologo svizzero, che propone Schubert, Debussy, Janacek, Fauré e Frank
Teatro Sociale
2 ore

‘Mein Fritz, il mio Leo’, Dürrenmatt e Sciascia in trasparenza

Un’indagine sulle affinità tra i due, di e con Margherita Saltamacchia e Anahì Traversi, in scena mercoledì 20 ottobre alle 20.45, in prima assoluta
Musica
4 ore

‘Easy On Me’, il divorzio di Adele sbanca Spotify

‘Easy On Me’, canzone che parla della separazione da Simon Konecki, ha polverizzato in 24 ore tutti i record sulla piattaforma
Musica
6 ore

Jazz in lutto, è morto Franco Cerri

Il grande chitarrista italiano si è spento a Milano all’età di 95 anni
Scienze
6 ore

Premio Möbius, un algoritmo per riparare le proteine

Intervista a Manolo Bellotto, presidente di Gain Therapeutics, dal Ticino al Nasdaq
Classica
7 ore

Swiss Chamber Concerts, al via la stagione 21-22

Il primo appuntamento dedicato a Leos Janáček si tiene giovedì 21 ottobre nell’aula magna del Conservatorio
Casa della Letteratura
7 ore

Francesco Permunian in dialogo con Fabio Pusterla

Irriverente, scanzonato, feroce, lo scrittore e poeta italiano a Lugano giovedì 21 ottobre alle 18.30
Cinema
9 ore

Tutto pronto per la 19esima Notte del cortometraggio

Venerdì 22 ottobre al Cinema Lux Art House di Massagno anche alcuni titoli nel programma del Locarno 2020
Arte
9 ore

Metamorfosi di Gianni Poretti a Bioggio

La mostra dello scultore del vetro è aperta fino al 12 dicembre prossimo presso la casa comunale
Spettacoli
1 gior

Altroquando festival svela il suo primo film

A Massagno il 3 e 4 dicembre, la prima edizione si aprirà con il film svedese Knocking, proposto in prima ticinese grazie a Nifff on Tour
Arte
1 gior

Arte, addio a Perilli, tra i padri nobili dell’astrattismo

Fondatore dello storico gruppo di ispirazione marxista Forma 1, Perilli aveva 94 anni
Culture
1 gior

I messaggi essenziali della poesia di Giampiero Neri

Il decano della poesia in lingua italiana ha pubblicato ‘Piazza Libia’ un percorso liberamente narrativo in cui emerge la sua natura antiretorica
La recensione
1 gior

From Bollani to Chiasso, cronaca di un colorato trionfo

Tra il blu e il verde, e ottimi Soloists, il pianista segna un’altra tacca al Cinema Teatro: ‘Un pubblico così bello che dovremmo portarcelo in tour’
Pensiero
1 gior

Salvatore Veca, un filosofo pubblico

In ricordo del pensatore italiano scomparso nei giorni scorsi
Microcosmi
1 gior

Uno spazio, un albero, le chiatte

Di rami che si aprono a ventaglio, e di poesie di Viola Poli. Partendo da Bellinzona, al ‘5b’, contributo culturale di Luca Berla
Teatro Sociale
 
22.09.2021 - 22:280

‘Maybe a concert’, Raissa Avilés oltre la forma-concerto

’C’è teatro, movimento, lavoro sul corpo, e musica’. Sabato 25 settembre, primo atto della stagione 21-22 del Sociale. A colloquio con la protagonista

‘Forse’ è la parola dell’anno. Anzi, degli ultimi due. Ma con le incertezze che paiono finalmente diradarsi, ‘Maybe a concert’ (Forse un concerto) non significa che il concerto è in forse, ma che Raissa Avilés esplora i limiti della tradizionale forma-concerto. ‘Maybe a concert’, sabato 25 settembre alle 20.45, è il primo atto della stagione 21-22 del Teatro Sociale, fresco d’annuncio. Avilés è artista ticinese che sulle stesse assi portò ‘Verso Suelto’, quello sì un concerto, la tradizione latinoamericana jazzisticamente riletta da chi ha sangue anche messicano. Con l’anno nuovo la ritroveremo con Margherita Saltamacchia e Rocco Schira nella riproposizione de ‘Il dolore’, ma ora è il momento del suo spettacolo. «È da un anno che lo stiamo pensando e che ci stiamo lavorando», ci dice in una pausa delle lunghe prove forzatamente «a singhiozzo». Colpa del Covid, certo, «ma anche colpa della mia voglia di lavorare con le persone che stimo e che vivono tutte al di fuori del Ticino. Escluso forse Rocco Schira (arrangiamento scenico e costumi, ndr.), che è comunque mezzo zurighese».

Per dirla tutta, «mi sono voluta complicare la vita», dice Avilés sorridendo. A partire dal fatto che ‘Maybe a concert’ non è solo un concerto, lo dice il titolo, ma una riflessione sull’aspetto puramente performativo dello stesso. «È partito tutto dal riflettere sulla mia identità artistica, al di là della dicotomia ‘attrice che canta / cantante che fa l’attrice’. Per molto tempo ho pensato di dovermi identificare, o definire, e mi sono chiesta perché mai avrei dovuto farlo, visto che credo di potermi definire attraverso la non definizione. Ma ci vuole comunque un linguaggio, e questo spettacolo nasce appunto da una ricerca su questo aspetto, oltre che come ulteriore rivendicazione del non volere etichette sul mio lavoro». Da qui è scaturita «un’intera riflessione sul modo di vivere contemporaneo, sulla necessità di brandizzazione cui tutti in generale, non solo noi artisti, siamo sottoposti, sul bisogno di classificazione, sui social media, la comunicazione digitale nel suo insieme che ci priva dell’esperienza condivisa e la sostituisce con le impressioni, cosa che obbliga a essere chiari, veloci, costantemente produttivi e comunicativi, azioni un tempo più lente».

‘Fai quello che vuoi con ciò che sai fare’

L’amore nell’era dello smembramento dei valori, il rapporto con la produttività nell’apogeo del capitalismo, il ruolo dell’immagine nella costruzione dell’Io, la patria, la purezza, il sacro. Sono i temi scaturiti dal lavoro sulle canzoni svolto da Avilés nel periodo Covid con Balàzs Vàrnai, compagno di Master all’Accademia Dimitri. L’arrangiamento di quanto prodotto è stato affidato ad Alix Logiaco, collaboratore di lunga data. Alla regia dello spettacolo, un altro compagno di Master: «Ho chiesto a Raul Vargas Torres di occuparsene, e di aiutarmi in questa ricerca. Raul è artista che stimo molto e che mette sempre in discussione la forma, le forme. Ho pensato che sarebbe stata la persona giusta per accompagnarmi in questo percorso, di cui sono molto soddisfatta». Vargas è colui che le ha detto «sei una performer, fai quello che vuoi con ciò che sai fare», e in ‘Maybe a concert’ «c’è teatro, c’è movimento, c’è il lavoro sul corpo. Abbiamo cercato di unire corpo e voce e l’immaginario che scaturiva dalle canzoni, i perché che hanno portato alla composizione dei brani, o alla loro scelta», cosa che riguarda tanto gli inediti quanto alcuni classici che ‘Maybe a concert’ mette in gioco. «Il che non significa narrare i brani, ma veicolarne lo stato emotivo e fisico, farne scorrere la sensazione attraverso il corpo, trasportarli nell’universo d’appartenenza».

Smontare e ricomporre

Attingendo dalla comunicazione ufficiale, sul palco del Sociale va in scena “il gioco di smontare e ricomporre il repertorio”, che non significa cambiare l’ordine dei brani in scaletta, ma “fare emergere i materiali grezzi e primari che li hanno generati”. «Abbiamo scelto di non rispettare la gerarchia dei linguaggi in un concerto, in cui la musica detta le regole, non per mancanza di rispetto, ma per rispettarla ulteriormente, per fare in modo che le componenti dello spettacolo si potenzino le une con le altre e non semplicemente si scambino di livello». Fra tutte le incognite del debutto, insieme all’ansia sana della ‘prima’, quella generalmente riassumibile in ‘guai se un giorno venisse a mancare’, qualche certezza c’è: «Due buoni motivi per venire a teatro sabato? Le canzoni sono belle, è una forma scenica non frequente da vedere qui, è uno spettacolo divertente e intenso». E i motivi sono già tre. Per finire: ‘Maybe a concert’ si può considerare il primo tirare le somme di un’artista? «È più trovare un mio linguaggio scenico preciso», conclude Avilés prima di tornare alle prove. «Non so dove mi porterà questo lavoro, non so se si svilupperà in altri progetti. Ciò che m’interessa è continuare a investigare lungo questa via». (www.raissaaviles.com)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved