Fiorentina
6
Genoa
0
fine
(3-0)
Lakers
5
Langnau
3
fine
(1-1 : 1-2 : 3-0)
COL Avalanche
2
MIN Wild
1
2. tempo
(2-0 : 0-1)
SJ Sharks
4
LA Kings
1
1. tempo
(4-1)
ARI Coyotes
2
MON Canadiens
1
1. tempo
(2-1)
Seattle Kraken
CHI Blackhawks
23:00
 
maybe-a-concert-raissa-aviles-oltre-la-forma-concerto
'È partito tutto dal riflettere sulla mia identità artistica...'
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
3 ore

Scoperto il primo pianeta ovale come una palla da rugby

’Scovato’ grazie al satellite Cheops dell’Esa. Si chiama Wasp-103b, è a 1’800 anni luce da noi e compie un’orbita in meno di un giorno.
Culture
3 ore

Sostegno alla cultura, rinnovati gli accordi triennali

Prolungato li sostegno per il periodo 2022-24 per le associazioni culturali attive nei sei principali comuni e per i Circoli del cinema
Culture
4 ore

‘Traditi dagli ebrei’, disse Otto Frank: un libro lo conferma

Il padre di Anna lo affermò nel 1948. In ‘Chi ha tradito Anne Frank’ di Rosemary Sullivan, l’indagine che ha portato a questa conclusione
Covid e cultura
4 ore

Scuole musica e federazione bandistica chiedono deroga al Decs

Nella lettera indirizzata a Manuele Bertoli ‘l’inaccettabile discriminazione tra giovani ticinesi impegnati nella formazione musicale e coetanei svizzeri’
Cinema Teatro Chiasso
5 ore

Massimo Lopez & Tullio Solenghi Show: si recupera il 10 aprile

Riprogrammato il concerto con i due mattatori annullato lo scorso 8 gennaio
Cinema
5 ore

Visions du Réel, Marco Bellocchio ospite d’onore

L’omaggio di Nyon al regista, sceneggiatore e produttore italiano prevede una retrospettiva e la presentazione di un nuovo documentario.
Musica
6 ore

Raggiunto accordo sull’eredità di Prince: vale il doppio

Il lascito del ‘folletto’ è di 156,4 milioni di dollari, quasi il doppio della stima precedente. Gli eredi potrebbero sfruttare la vendita del catalogo
Scienze
9 ore

In 500 anni si è estinto il 10% delle specie conosciute

Lo dice uno studio coordinato tra università delle Hawaii e Museo di storia naturale di Parigi pubblicato su Biological Reviews
Jazz in Bess
11 ore

Suisse Diagonales Jazz, Lombardi & Salis prima dei Mohs

Secondo appuntamento ticinese del festival svizzero: alle 20.30 i 30 anni di sodalizio dei due ticinesi; alle 22 il quartetto capitanato da Kysk e Valazza
Culture
12 ore

‘Shoah, tempo e memoria’, concerto-lettura per non dimenticare

Mercoledì 26 gennaio alle 19.15 alla Biblioteca di Bellinzona, pianoforte e voce narrante aspettando la giornata della memoria
Musica
12 ore

Riccardo Minasi guida l’Osi in Auditorio

Giovedì 20 gennaio alle 20.30 allo Stelio Molo, il violinista e direttore d’orchestra in un concerto incentrato sul romanticismo tedesco
Società
1 gior

È morto Monsieur Pigeon, clochard dal grande cuore

Il senzatetto Giuseppe Belvedere, protagonsita del bel documentario di Antonio Prata, è stato trovato senza vita a Parigi
La recensione
1 gior

‘Una famiglia vincente’, Will Smith nel regno di King Richard

Alla ricerca dell’Oscar, imbolsito quel che serve, è il megapapà di Venus e Serena in un film in cui tutti (o quasi) sanno tenere in mano una racchetta
Spettacoli
1 gior

L’Osi, Kowalski e la musica dalla Polonia bigotta

Primo concerto della stagione in Auditorio dell’Orchestra della Svizzera italiana. Alla guida dell’Osi, il Konzertmeister Robert Kowalski
Culture
1 gior

È morto lo stilista italiano Nino Cerruti

Tra i protagonisti della moda del Novecento, negli anni Sessanta arruolò Armani
Teatro Sociale
 
22.09.2021 - 22:280

‘Maybe a concert’, Raissa Avilés oltre la forma-concerto

’C’è teatro, movimento, lavoro sul corpo, e musica’. Sabato 25 settembre, primo atto della stagione 21-22 del Sociale. A colloquio con la protagonista

‘Forse’ è la parola dell’anno. Anzi, degli ultimi due. Ma con le incertezze che paiono finalmente diradarsi, ‘Maybe a concert’ (Forse un concerto) non significa che il concerto è in forse, ma che Raissa Avilés esplora i limiti della tradizionale forma-concerto. ‘Maybe a concert’, sabato 25 settembre alle 20.45, è il primo atto della stagione 21-22 del Teatro Sociale, fresco d’annuncio. Avilés è artista ticinese che sulle stesse assi portò ‘Verso Suelto’, quello sì un concerto, la tradizione latinoamericana jazzisticamente riletta da chi ha sangue anche messicano. Con l’anno nuovo la ritroveremo con Margherita Saltamacchia e Rocco Schira nella riproposizione de ‘Il dolore’, ma ora è il momento del suo spettacolo. «È da un anno che lo stiamo pensando e che ci stiamo lavorando», ci dice in una pausa delle lunghe prove forzatamente «a singhiozzo». Colpa del Covid, certo, «ma anche colpa della mia voglia di lavorare con le persone che stimo e che vivono tutte al di fuori del Ticino. Escluso forse Rocco Schira (arrangiamento scenico e costumi, ndr.), che è comunque mezzo zurighese».

Per dirla tutta, «mi sono voluta complicare la vita», dice Avilés sorridendo. A partire dal fatto che ‘Maybe a concert’ non è solo un concerto, lo dice il titolo, ma una riflessione sull’aspetto puramente performativo dello stesso. «È partito tutto dal riflettere sulla mia identità artistica, al di là della dicotomia ‘attrice che canta / cantante che fa l’attrice’. Per molto tempo ho pensato di dovermi identificare, o definire, e mi sono chiesta perché mai avrei dovuto farlo, visto che credo di potermi definire attraverso la non definizione. Ma ci vuole comunque un linguaggio, e questo spettacolo nasce appunto da una ricerca su questo aspetto, oltre che come ulteriore rivendicazione del non volere etichette sul mio lavoro». Da qui è scaturita «un’intera riflessione sul modo di vivere contemporaneo, sulla necessità di brandizzazione cui tutti in generale, non solo noi artisti, siamo sottoposti, sul bisogno di classificazione, sui social media, la comunicazione digitale nel suo insieme che ci priva dell’esperienza condivisa e la sostituisce con le impressioni, cosa che obbliga a essere chiari, veloci, costantemente produttivi e comunicativi, azioni un tempo più lente».

‘Fai quello che vuoi con ciò che sai fare’

L’amore nell’era dello smembramento dei valori, il rapporto con la produttività nell’apogeo del capitalismo, il ruolo dell’immagine nella costruzione dell’Io, la patria, la purezza, il sacro. Sono i temi scaturiti dal lavoro sulle canzoni svolto da Avilés nel periodo Covid con Balàzs Vàrnai, compagno di Master all’Accademia Dimitri. L’arrangiamento di quanto prodotto è stato affidato ad Alix Logiaco, collaboratore di lunga data. Alla regia dello spettacolo, un altro compagno di Master: «Ho chiesto a Raul Vargas Torres di occuparsene, e di aiutarmi in questa ricerca. Raul è artista che stimo molto e che mette sempre in discussione la forma, le forme. Ho pensato che sarebbe stata la persona giusta per accompagnarmi in questo percorso, di cui sono molto soddisfatta». Vargas è colui che le ha detto «sei una performer, fai quello che vuoi con ciò che sai fare», e in ‘Maybe a concert’ «c’è teatro, c’è movimento, c’è il lavoro sul corpo. Abbiamo cercato di unire corpo e voce e l’immaginario che scaturiva dalle canzoni, i perché che hanno portato alla composizione dei brani, o alla loro scelta», cosa che riguarda tanto gli inediti quanto alcuni classici che ‘Maybe a concert’ mette in gioco. «Il che non significa narrare i brani, ma veicolarne lo stato emotivo e fisico, farne scorrere la sensazione attraverso il corpo, trasportarli nell’universo d’appartenenza».

Smontare e ricomporre

Attingendo dalla comunicazione ufficiale, sul palco del Sociale va in scena “il gioco di smontare e ricomporre il repertorio”, che non significa cambiare l’ordine dei brani in scaletta, ma “fare emergere i materiali grezzi e primari che li hanno generati”. «Abbiamo scelto di non rispettare la gerarchia dei linguaggi in un concerto, in cui la musica detta le regole, non per mancanza di rispetto, ma per rispettarla ulteriormente, per fare in modo che le componenti dello spettacolo si potenzino le une con le altre e non semplicemente si scambino di livello». Fra tutte le incognite del debutto, insieme all’ansia sana della ‘prima’, quella generalmente riassumibile in ‘guai se un giorno venisse a mancare’, qualche certezza c’è: «Due buoni motivi per venire a teatro sabato? Le canzoni sono belle, è una forma scenica non frequente da vedere qui, è uno spettacolo divertente e intenso». E i motivi sono già tre. Per finire: ‘Maybe a concert’ si può considerare il primo tirare le somme di un’artista? «È più trovare un mio linguaggio scenico preciso», conclude Avilés prima di tornare alle prove. «Non so dove mi porterà questo lavoro, non so se si svilupperà in altri progetti. Ciò che m’interessa è continuare a investigare lungo questa via». (www.raissaaviles.com)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved