la-nuova-casa-di-rete-uno-e-rete-tre-alla-rsi
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
1 ora

Depeche Mode in lutto: è morto l’ex tastierista Andy Fletcher

Fondatore insieme a Martin Gore e David Gahan della band synth pop britannica, aveva sessant’anni, l’annuncio sui canali ufficiali della band britannica
Spettacoli
2 ore

Gran Bretagna, Kevin Spacey incriminato per aggressione sessuale

La procura ha deciso per l’incriminazione del Premio Oscar in base ai risultati condotte da Scotland Yard su episodi datati di almeno un decennio.
Sulla croisette
2 ore

Cannes, Elvis e gli altri

Quello di Luhrmann su Elvis Presley è un biopic non sempre convincente; straordinario è ‘Tori e Lokita’ dei fratelli Dardenne; delude Claire Denis
Arte
2 ore

Mario Comensoli, c’erano una volta gli uomini in blu

Per i cent’anni dell’artista, lo Spazio Officina ospita, dal 29 maggio al 24 luglio 2022, le opere dedicate agli immigrati italiani
Naufraghi.ch
3 ore

Il massimo di diversità nel minimo spazio

‘Un Occidente prigioniero’, due saggi di Milan Kundera appena riuniti in volume da Adelphi
Spettacoli
4 ore

È morto l’attore Ray Liotta

Recitò in ‘Quei bravi ragazzi’ di Scorsese e molti altri film. Prossimo alle nozze, sarebbe deceduto nel sonno nella Repubblica Dominicana
Danza contemporanea
8 ore

Lugano Dance Project si prepara al venerdì di ‘Fables’

Si inizia alle 11 con Cristina Kristal Rizzo; alle 21 la nuova creazione della coreografa canadese Virginie Brunelle
Festival della Musica
13 ore

La lirica torna ad Arbedo con il ‘Quartet’

Domenica 5 giugno alle 17.30 presso la sala Multiuso del Centro Civico, un concerto ispirato al film di Dustin Hoffman
Musica
13 ore

Joya Marleen regina degli Swiss Music Awards

Tre candidature e tre riconoscimenti per la 19enne cantautrice di San Gallo. En plein (due su due) anche per Kunz. Tribute Award postumo a Endo Anaconda
Culture
14 ore

‘Cantiere della gioventù 1971-2021’ un ricordo a Casa Rusca

A 51 anni dal suo esperimento, tra spunti musicali e parlati, domenica 29 maggio dalle 14 alle 18 a Locarno un incontro/dibattito
Musica
14 ore

Matt Elliott a Chiasso, un ritorno

Visto e ascoltato in passato allo Spazio Lampo, mercoledì 1° giugno all’ex bar Mascetti
Spettacoli
1 gior

Tyler ricasca nella droga, salta la tournée degli Aerosmith

Il frontman della popolare rock band ricoverato (volontariamente) in un centro di riabilitazione. Annullati i concerti di giugno e luglio
Musica
1 gior

Houstones, dipendenza da ‘Adderall’ (il nuovo singolo)

Con videoclip annesso, torna a cantare in inglese il quartetto Savarino-Pfister-Cuomo-Maggini, aspettando il nuovo album, dopo l’estate)
Danza contemporanea
1 gior

Michel Gagnon, vi racconto il ‘mio’ Lugano Dance Project

Il direttore del Lac lo ha voluto fortemente, da oggi fino al 29 maggio nella Lugano capitale della danza contemporanea
servizio pubblico
laR
 
07.09.2021 - 22:55
Aggiornamento : 23:15

La nuova casa di Rete Uno e Rete Tre alla Rsi

Il direttore Mario Timbal spiega la decisione di mettere Rete Due nel Settore cultura mentre le altre due reti vanno al Dipartimento programma di Matteo Pelli

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

 

Le misure di risparmio presentate oggi dalla Rsi si inseriscono in una riorganizzazione dei processi decisionali e produttivi. «Da una parte abbiamo la semplificazione degli organigrammi di alcuni dipartimenti per avere un processo di decisione e di valutazione più snello, più rapido e anche più partecipativo; dall’altra parte lavoriamo sull’agilità della produzione, iniziando dall’analisi della produzione interna» spiega il direttore Mario Timbal. Un ruolo chiave lo rivestirà il ‘Commissioning Board’, il comitato dei programmi che sarà attivo da fine mese: «Un organismo trasversale, con compiti editoriali e che lavorerà a stretto contatto con la parte di produzione per cercare nuovi standard, nuovi formati, per accogliere le idee provenienti da tutta l’azienda. Sarà questo il cuore della gestione creativa dell’azienda». 

 

Quanto alla riorganizzazione dei dipartimenti, prevede il passaggio degli archivi dal Dipartimento programma e immagine a quello Cultura e società con l’obiettivo di meglio valorizzarne l’importanza culturale. E poi le radio: attualmente Rete Uno, Rete Due e Rete Tre, ognuna con un suo responsabile, fanno parte del Dipartimento cultura e società, nel settore Offerta lineare diretto da Sergio Savoia; in futuro Rete Due passerà al settore Cultura – per il quale sarà aperto un concorso per il ruolo di responsabile – mentre Rete Uno e Rete Tre confluiranno, insieme a Savoia, nel Dipartimento programma e immagine guidato da Matteo Pelli.

Mario Timbal, perché separare le tre radio?

Per ragioni funzionali. Rete Due entra nella ‘verticale’ della cultura perché quello è il suo ruolo e il suo mandato. E Rete Due ha, rispetto alle altre due reti, una costruzione più simile a quella televisiva, con programmi autonomi realizzati da redazioni; Rete Uno e Rete Tre hanno invece un flusso, dato dalla musica e dagli animatori, all’interno del quale ospitano alcune trasmissioni. Nella sua nuova collocazione Rete Due entrerà nelle competenze che poi andranno su tutti i vettori, mentre Rete Uno e Rete Tre ospitano i programmi realizzati dall’informazione, dalla cultura, dall’intrattenimento e per questo vanno sotto il Dipartimento programmi.

E si perdono i responsabili di rete.

A Rete Due resta Sandra Sain mentre per Rete Uno e Rete Tre ci sarà Sergio Savoia, coordinatore di entrambe le reti e poi il ‘Commissioning Board’ che al momento è concentrato soprattutto sulla televisione ma che assumerà un’importanza anche per la radio. Così facendo semplifichiamo la parte decisionale.

Ma Rete Uno e Rete Tre non potevano restare nell’attuale dipartimento?

Non sono Cultura e intrattenimento: il flusso delle due radio è programma. Ma credo che la domanda sia un’altra domanda.

In effetti sì: ha voluto dare Rete Uno e Rete Tre a Matteo Pelli?

Non è una stata una scelta ‘ad personam’. Chiaramente Matteo Pelli ha una grande conoscenza di radio, soprattutto per quanto riguarda i flussi con gli animatori: credo che lui e Sergio Savoia siano tra le persone più competenti in materia di radio in Ticino o almeno in Rsi e adesso lavoreranno insieme.

Questa riorganizzazione è anche una misura di risparmio?

Porta a un risparmio, ma i motivi di questa scelta sono funzionali. Andremo a mappare tutti i flussi decisionali e produttivi all’interno dell’azienda cercando di semplificare ogni passaggio non essenziale.

Per la guida del settore Cultura sarà aperto un concorso. Che tipo di profilo cercherete?

Spero di farmi stupire dai profili che arriveranno: vorrei figure che mostrino diversità perché la cultura in gran parte è questo, è diversità. Il concorso l’ho voluto aperto perché non credo ci sia un profilo unico: certo la conoscenza dell’azienda e della cultura del territorio sono punti importanti, ma vogliamo anche punti di vista, appunto, diversi.

Vista l’importanza della Rsi per la vita culturale della Svizzera italiana, e vista l’importanza della cultura per la Rsi, ho voluto aprire al massimo lo spettro e dare la possibilità a tutto il mondo culturale di pensare a delle proposte.

È già capitato che dei concorsi si chiudessero senza candidati di rilievo. Potrebbe accadere anche in questo caso?

Potrebbe, ma visto il dibattito che c’è stato intorno alla cultura alla Rsi sarebbe un peccato. 

Scoprire che, tra tutte le persone che si sono giustamente espresse criticamente nei confronti della Rsi, nessuno si fa avanti adesso che c’è la possibilità di contribuire sarebbe per me una delusione.

Leggi anche:

Risparmi alla Rsi, in 6 rischiano il licenziamento

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
mario timbal matteo pelli rete due rsi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved