risparmi-alla-rsi-in-6-rischiano-il-licenziamento
Il direttore Mario Timbal ha presentato un piano di riorganizzazione aziendale (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Ceresio Estate
7 ore

‘Ciò che piace’ al Trio Quodlibet

Schubert, Penderecki e Beethoven, domenica 3 luglio alle 19 nella Chiesa di Santa Maria Assunta a Sorengo. Intervista alla violista Virginia Luca
Scienze
11 ore

Covid, gatto infetta la veterinaria con uno starnuto

È la prima volta che viene confermato un caso di trasmissione da gatto a uomo
Arte
12 ore

‘Genova città fragile’ a Lugano fino al 15 luglio

Proroga per la mostra ‘Genova città fragile. Una città in mostra’ che rimane nella Limonaia di Villa Saroli fino al 15 luglio
Spettacoli
12 ore

JazzAscona una nottata all’insegna delle note di mescolanza

Domani sera le proposte musicali del festival vedranno susseguirsi sui palchi le Sister Cities Band, con Ari Teitel, Four Deb, Nojo 7, Ashlin Parker
Spettacoli
12 ore

Crivellaro e Bovet aprono il Festival organistico di Magadino

Martedì 5 luglio si terrà il 1° concerto della 60esima edizione che è dedicato a uno dei fondatori e al connubio fra sonorità dell’organo ed elettroniche
Culture
16 ore

Simenon: ‘Con la pietà di Čechov e la spietatezza di Gogol’

Scrittore della mediocrità, si dice, perché la conosceva bene. Non solo ne era circondato, ma vi era ben piantato. Ma scriveva ininterrottamente.
Spettacoli
17 ore

Niente Metallica, in 11’000 chiedono il rimborso del biglietto

Rischio deficit per gli organizzatori dell’‘Out in the Green’ di Frauenfeld, rimasto orfano all’ultimo, causa Covid, della band più attesa
Spettacoli
23 ore

Sean Ardoin: il cajun nelle vene

Erede e innovatore della grande tradizione creola, il musicista zydeco spiega perché è importante coltivare e promuovere la propria eredità culturale
Arte
1 gior

Thomas Hoepker, protagonista di una mostra e un film

La Bildhalle di Zurigo dedica al fotografo Magnum una retrospettiva. E domani esce nelle sale svizzerotedesche il documentario di Nahuel Lopez.
07.09.2021 - 20:02

Risparmi alla Rsi, in 6 rischiano il licenziamento

Il piano di risparmio da 8 milioni prevede una riduzione di 45 posti, di cui 6 esclusi da piano sociale e pensionamenti. Sindacato e direzione sperano di ridurre l’impatto

Inizia il processo di trasformazione della Rsi di Mario Timbal: oggi il direttore della radiotelevisione svizzera di lingua italiana ha presentato al personale la riorganizzazione di processi decisionali e di produzione, un progetto che ha anche il compito di attuare le misure di risparmio annunciate, a livello Ssr, nel corso del 2020

Una riduzione di 8 milioni e 45 posti di lavoro a tempo pieno, 11 dei quali già soppressi grazie alla fluttuazione naturale del personale; dei rimanenti 34 posti che dovranno essere tagliati entro la fine del 2022, a non rientrare tra pensionamenti e piano sociale della Ssr sono 6 persone che rischiano quindi il licenziamento. «Speriamo di poter ridurre questo numero» ci spiega Maria Chiara Fornari, presidente del sindacato Ssm Ticino. «Ma la preoccupazione non riguarda solo questi 6 colleghi ma tutti i tagli che non prendiamo alla leggera perché rischiano di ridurre la qualità e la professionalità, soprattutto in alcuni settori come il Dipartimento operazioni».

Il sindacato ha ora alcuni giorni per analizzare le misure decise dalla direzione e proporre correttivi. «Anche nel 2018 avevamo potuto elaborare un piano alternativo alle proposte della direzione – spiega Fornari – solo che non era andata benissimo perché non avevamo avuto accesso a informazioni importanti: alla fine siamo dovuti andare in conciliazione davanti a Christian Vitta». Questa volta? «Vedremo: c’è un altro direttore, ma la responsabile delle risorse umane è la stessa. Partiamo pieni di speranza e di voglia di impegnarci in questo esercizio del piano alternativo».

Ottimista sulla riuscita della consultazione è anche il direttore della Rsi Timbal. «Da quando sono arrivato ci sono già stati un po’ di alti e bassi, nei rapporti con il sindacato, ma mi piace pensare che queste schermaglie siano servite a conoscerci l’un l’altro, a prendere le misure. In queste ultime settimane abbiamo avviato un buon dialogo e sono fiducioso che si possa arrivare a ridurre ulteriormente l’impatto di queste misure. Avranno tutto il nostro supporto».

Uno dei temi di confronto tra azienda e sindacati riguarda chi paga il conto più salato dei tagli, tra dirigenti e dipendenti. «Queste misure toccano il 3,5% dei dipendenti con contratto collettivo ma arrivano quasi al 5% dei quadri perché c’è una semplificazione dell’organigramma di due dipartimenti» spiega Timbal. Riorganizzazione che, così come presentata, il sindacato accoglie positivamente. Tuttavia, precisa Fornari, «non dimentichiamo che i lavoratori Ccl hanno già pagato molto negli ultimi anni, anni in cui invece i quadri sono addirittura aumentati di numero». I dati dell’Ufficio cantonale di statistica mostrano che nel 2020 direttori e quadri sono aumentati di cinque unità (da 74 a 79), mentre il totale del personale è passato da 1142 a 1123.

Per quanto riguarda i collaboratori esterni? «Le misure toccheranno anche loro» risponde Timbal. «Sappiamo che si tratta di una situazione complicata perché siamo in una regione in cui per certe professioni c’è poco mercato. Chiaramente non possiamo applicare il piano sociale Ssr con personale a prestito o ditte esterne ma siamo riusciti a realizzare un accantonamento che ci permette di lavorare sui termini di disdetta: le ore che saranno tolte».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
mario timbal rsi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved