andri-snar-magnason-e-il-tempo-della-crisi-climatica
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
6 ore

Margot Robbie nel prequel di ‘Ocean’s Eleven’

Secondo le prime indiscrezioni, la trama sarebbe ambientata negli anni ’60 in Europa, lontano da Las Vegas
Musica da camera
7 ore

Verbano Musica Estate, il ritorno è nell’Aria

Tra Locarno, Ascona e Cannobio, dal 29 maggio al 19 giugno, la seconda edizione, illustrata da Tommaso Maria Maggiolini, direttore artistico
Cinema
9 ore

Simboli, culture, società: torna OtherMovie Lugano Film Festival

Dal 25 al 31 maggio tra Mendrisio, Lugano e Massagno, con ‘un programma che rilassi, visto il momento’, dice il direttore Drago Stevanovic
Cannes 75
9 ore

Cannes, ci sono film al posto delle nuvole

Emozioni in ‘Armageddon Time’ di James Gray; altre ancora in ‘EO’ di Jerzy Skolimowski. ‘Harka’, di Lotfy Nathan, è una testimonianza
Culture
19 ore

La responsabilità di giovani e adulti a Storie controvento

Al festival di letteratura per ragazzi lo scrittore francese Christophe Léon ha presentato il suo romanzo ‘Reato di fuga’
Musica
1 gior

Frequenze libere, Trio Libelle allo Spazio Elle

Raphael Loher, Nils Fischer e Silke Strahl per il sesto appuntamento della rassegna, domenica 22 maggio alle 17.30 a Locarno
Concerti
1 gior

Enrico Pieranunzi a Jazz in Bess

Tra i più noti e apprezzati protagonisti della scena jazzistica internazionale, è atteso domenica 22 maggio alle 20.30
Danza
1 gior

Manca poco al Lugano Dance Project

Tra mercoledì 25 e domenica 29 maggio, Lugano si trasforma nella città della danza
Spettacoli
1 gior

Dagli Aphrodite’s Child a ‘Blade Runner,’ addio a Vangelis

Il compositore greco, autore di celebri colonne sonore e tastierista della band prog-rock con Demis Roussos è morto oggi a 79 anni
Streaming
1 gior

Fughe di notizie su ‘Stranger Things’, Netflix nella bufera

Tra le carte di un Monopoly promozionale, ve ne sarebbero alcune che rivelerebbero particolari della trama ancora top secret della quarta stagione
Cinema
1 gior

‘Marx può aspettare’ di Bellocchio all’Otello di Ascona

In versione originale italiana con sottotitoli in tedesco, il documentario presentato a Cannes nel 2021
Cannes 75
1 gior

Tom Cruise inonda il cielo sulla Croisette

Era il giorno di ‘Top Gun: Maverick’, ma anche del Bellocchio di ‘Esterno notte’, Aldo Moro diventato serie. E di due film in concorso non ‘globalizzati’
Società
1 gior

Prodigio di libertà e indipendenza: è Anna Kuliscioff

Alla Biblioteca cantonale di Locarno, domani sera, una conferenza per conoscere una delle protagoniste del socialismo e del femminismo italiani
Arte
1 gior

L’aridità andina del fotografo Gian Paolo Minelli

Alla Polus di Balerna fino al 9 giugno ‘Aridez’, progetto scaturito da un lungo viaggio sulle Ande
L’intervista
1 gior

Dodi Battaglia, ‘Inno alla musica’ e ai Beatles (Days)

Stasera a Bellinzona in Piazza del Sole, l’ex Pooh tra grandi successi e brani del nuovo album. ‘Quando sul palco mi volto, vedo ancora Stefano’
Musica
2 gior

Cyrille Aimée, gran finale di stagione al Jazz Cat Club

Dopo ben tre rinvii, lunedì 23 maggio ad Ascona per chiudere la 14esima stagione
Cinema
2 gior

Oscar 2023, cambiano le regole: i film devono uscire nelle sale

Il Board dell’Academy ha cambiato alcune regole. Nella categoria della miglior canzone originale abbassato da cinque a tre i brani presentabili
Spettacoli
2 gior

La Venere nera, thriller gotico a Losone

Basato sul racconto ‘La Venere d’Ille’ di Prosper Mérimée, sabato 21 maggio alle 20.30
Spettacoli
2 gior

LuganoMusica nel segno di György Ligeti e dei giovani

Presentata la stagione musicale 2022-23 del Lac, da Maurizio Pollini e la Concertgebouw ai giovani direttori Tjeknavorian e Mäkelä
Cinema
2 gior

Cannes festeggia i suoi 75 anni inneggiando al cinema

Brillano ‘Coupez!’ di Michel Hazanavicius, scelto da Thierry Fremaux per inaugurare l’edizione, e ‘For the Sake of Peace’, prodotto da Forest Whitaker
Società
2 gior

Roma, i carabinieri chiudono il Piper: ‘Risse e violenze’

Aperto nel 1965 nel quadrante Nord della capitale, ha rappresentato la risposta in salsa romana ai locali della ‘Swinging London’.
Musica
2 gior

L’Osi in San Biagio con Martijn Dendievel e Johan Dalene

Il 25enne direttore d’orchestra belga e il 21enne violinista svedese, il 16 giugno alle 20.30, si cimentano con Mozart e Mendelssohn
Musica
2 gior

Tra il Convento e Curzútt, in arrivo Monte Carasso in Jazz

Il 25 maggio all’Antico Convento delle Agostiniane i parigini ALT; il 2 giugno nel nucleo di Curzútt Danilo Boggini Hot Club de Suisse e i Lost in Swing
Spettacoli
2 gior

Festival Master Accademia Dimitri, la seconda settimana

Altre due tavole rotonde internazionali di teatro e altri spettacoli, a partire da domani
Culture
2 gior

La vita in fuga di Ulas Samchuk, la morte per fame dell’Ucraina

Un contributo di Carlo Ossola sul romanzo del 1934 ‘Maria. Cronaca di una vita’, la cui traduzione italiana sarà presentata giovedì 19 maggio al Lac
Spettacoli
2 gior

Netflix licenzia per far fronte al rallentamento della crescita

Si tratta di circa 150 dipendenti, la maggior parte negli Usa. Poche settimane fa l’azienda aveva annunciato per la prima volta una perdita di abbonati.
Culture
3 gior

Peter Sloterdijk, sulla fobocrazia nell’Aula Magna Usi

In presenza, giovedì 19 maggio alle 20.30 a Lugano, la conferenza ‘Paura di uscire dalla fobocrazia’
Spettacoli
3 gior

A Chiasso il Mullener-Hernandez-Giovanoli Trio

‘Le Stanze dell’arte’ vanno in archivio all’insegna del jazz giovedì 19 maggio alle 20.30 nel Cinema Teatro
laR
 
01.09.2021 - 05:30
Aggiornamento : 08:12

Andri Snær Magnason e il tempo della crisi climatica

Intervista all’autore e attivista ambientale islandese, tra gli ospiti della 15ª edizione di ChiassoLetteraria, dal 1° al 5 settembre

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

La crisi climatica è anche una questione di linguaggio, delle parole con cui raccontiamo l’impatto delle attività umane, di come ci rappresentiamo i tempi con cui cambiano l’essere umano e l’ambiente.

Andri Snær Magnason è alla ricerca delle parole giuste: lo scrittore e attivista islandese – alcuni ricorderanno il funerale al ghiacciaio Okjokull, con la ‘Lettera al futuro’ scritta appunto da Magnason – sarà tra gli ospiti della 15ª edizione di ChiassoLetteraria, festival che si apre questa sera con una serata di musiche e poesie persiane (programma completo su chiassoletteraria.ch). Magnason presenterà, sabato 4 settembre alle 15.30, il suo libro ‘Il tempo e l’acqua’ (Iperborea), ma la nostra intervista non può che iniziare dall’ultimo rapporto dell’Ipcc, il documento del Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico da poco pubblicato. Per il clima abbiamo meno tempo, dobbiamo fare di più e dobbiamo farlo più in fretta. «Alcuni hanno accusato i ricercatori di essere allarmisti, di esagerare i pericoli» ci spiega Magnason. «In realtà sono molto cauti: i rapporti dell’Ipcc sono documenti prudenti, perché devono essere approvati da vari Paesi e ogni frase viene attentamente vagliata. Il fatto che in un rapporto dell’Ipcc troviamo affermazioni così forti è un segnale che dovremmo prendere sul serio».

Perché c’è questo negazionismo verso l’emergenza climatica?

Una delle principali ragioni è che il dibattito è politicizzato. Per capirne i motivi dobbiamo tornare agli anni Ottanta, quando le persone iniziavano a dare retta agli scienziati e ad agire basandosi sul loro lavoro. Ma il tema è stato dirottato dalle lobby che hanno cercato di erodere la fiducia nella scienza. Le compagnie petrolifere hanno investito miliardi di dollari per minare la comprensione scientifica della popolazione, per creare confusione. Così una persona è portata a credere che la questione sia scientificamente ancora aperta, che sia tema di controversie tra scienziati.

Quello che è stato fatto è stato prendere voci molto marginali, a volte anche voci estranee alla scienza, e le si è elevate al livello delle grandi organizzazioni scientifiche mondiali: la popolazione è stata deliberatamente confusa e questo anche da parte di alcuni movimenti politici. Penso che la storia condannerà tutto questo come una delle più grandi azioni malvagie dell’umanità e mi aspetto che, come adesso vediamo in tribunale chi ha commesso crimini di guerra, tra non molto verrà giudicato anche chi ha guidato questa campagna di disinformazione.

Si è costruita una controversia dove invece c’è un consenso condiviso.

Sì e il consenso si è ulteriormente rinforzato: gli incendi, le ondate di calore e gli altri fenomeni sono prove schiaccianti ed è sempre più difficile essere scettici. Ma è importante non limitarsi a creare paura: bisogna anzi insistere che è ancora possibile evitare gli effetti peggiori e che ogni cosa che facciamo è importante. Non dobbiamo pensare di aver perso ogni speranza, non è questo il messaggio del rapporto dell’Ipcc.

La paura non è quindi un buona strategia di comunicazione?

È una domanda per la quale non ho una risposta chiara e univoca. Perché la reazione normale di fronte ai dati è la preoccupazione e la paura. Preoccupazione e paura dalle quali deve seguire una reazione: bisogna agire come un pompiere, come un soccorritore, come l’autista di un’ambulanza: sanno che sta accadendo qualcosa di pericoloso ma non si fanno paralizzare dal panico e agiscono. Dobbiamo comprendere la situazione, comprendere quello che bisogna fare e agire di conseguenza. Perché in questo momento il nostro obiettivo principale deve essere evitare le conseguenze del consumo dei combustibili fossili.

Quello che vediamo però è che le persone non comprendono realmente la gravità della situazione: la reazione non è il panico, ma l’indifferenza.

Alla base di questa mancata comprensione, oltre come detto alle campagne di disinformazione, ci sono anche dei limiti cognitivi? Dopotutto abbiamo a che fare con fenomeni complessi.

Sì, è uno dei temi del mio libro: non si tratta solo di dati sul clima, ma di comprendere una nuova realtà, di ragionare usando nuovi concetti, nuovi paradigmi. Quanto ci è voluto perché la gente comprendesse che cosa sono la democrazia o i diritti delle donne?

È anche una questione generazionale: sono spesso i giovani a comprendere maggiormente le scoperte scientifiche, mentre gli adulti rimangono maggiormente attaccati alla vecchia visione del mondo. Penso che quando i ragazzi dei Fridays For Future potranno votare e inizieranno a lavorare le cose cambieranno, avremo finalmente delle misure efficaci.

A cosa è dovuto questo gap generazionale?

È una questione di comprensione della scienza e di percezione del tempo. Per una persona di sessant’anni è razionale che il proprio fondo pensione investa in una compagnia petrolifera che darà subito un profitto. Per un ventenne no, perché quando il ventenne andrà in pensione quella compagnia petrolifera avrà mandato in rovina il pianeta – oppure avremo cambiato politica energetica e quella compagnia petrolifera non farà più profitti.

La valutazione è completamente differente, quello che è razionale per una generazione è senza senso per l’altra.

L’esempio del fondo pensione parte da un assunto egoistico: si ragiona pensando a quel che è meglio per me. È difficile presentare in un dibattito pubblico il punto di vista di tutta l’umanità o dell’ambiente?

È vero, gli argomenti egoistici sono molto presenti ma la sfida che ci attende è così importante che abbiamo bisogno di entrambi i punti di vista, perché una cosa non esclude l’altra. E questo vale anche per le possibili soluzioni: ridurre i consumi e cambiare mentalità non esclude impiegare nuove tecnologie che possano aiutare a proteggere la natura.

Nel mio libro cerco di combinare entrambi gli argomenti, perché dove ci ha portato la “razionalità” delle università e dell’economia? Al collasso del nostro pianeta. Forse sarebbe più razionale considerare sacri i nostri fiumi e le nostre montagne: qual è la razionalità di minare le basi della nostra civiltà?

Cerco anche di sviluppare un nuovo rapporto con il tempo una relazione che sia personale: provate a calcolare fino a che anno vivranno le persone alle quali volete bene? I miei figli conosceranno e ameranno persone che probabilmente saranno vive nel 2150… Cerco di trovare nuovi argomenti, lavorando non solo con il linguaggio della scienza ma anche, ad esempio, su quello della mitologia.

Arte, letteratura, poesia possono aiutare a comprendere la situazione?

È quello che mi ha detto uno scienziato: i cambiamenti di paradigma non avvengono semplicemente perché qualcuno ha trovato una formula, ma perché nuove idee vengono filtrate e formulate attraverso l’arte, la letteratura, persino la musica.

Pensiamo a un termine come “acidificazione degli oceani”: credo che in questo momento sia l’espressione più importante del mondo perché indica il più grande cambiamento negli oceani da milioni di anni. Ma è un termine che le persone non incontrano nella letteratura o nella poesia, è un termine poco familiare, strano, difficile da usare. E noi siamo guidati dalle parole e dal linguaggio.

Quale rapporto c’è tra uno scrittore e uno scienziato?

Per leggere documenti come i report dell’Ipcc ci vuole un po’ di tempo per comprendere il gergo, per avere un’immagine generale dei contenuti, figuriamoci per avere un’opinione del documento e dei vari scenari presentati.

All’inizio ero un po’ intimorito, pensavo che toccasse agli scienziati parlare di scienza e che io, non avendo un dottorato in climatologia, non dovessi interferire in un campo che non conosco. Ma a Potsdam ho incontrato un ricercatore climatico che mi ha spiegato che è l’esatto contrario, che è mio dovere non solo comprendere, ma anche parlare, usare le mie abilità di narratore per raccontare la scienza come gli scienziati non sanno fare. Quel ricercatore ha poi fatto la revisione del mio libro, controllando le mie affermazioni e segnalandomi le ultime scoperte.

Ne abbiamo accennato: in questa attività di narrazione della scienza, quanto può essere utile la mitologia?

Molto. Innanzitutto è una questione di scala: il livello degli oceani potrebbe alzarsi di uno o due metri, è qualcosa che va al di là della storia umana, è qualcosa che è più vicino alla mitologia perché la mitologia ha luogo quando cambiano i fondamenti del nostro mondo, è il racconto di creazioni, distruzioni, di trasformazioni radicali.

Di fatto la mitologia è l’unico sistema che ho per rapportare il linguaggio di cui disponiamo alla scala degli eventi che stiamo per affrontare. I cambiamenti climatici non sono eventi normali, sono Prometeo, sono il vaso di Pandora, sono Mosé che divide le acque del Mar Rosso. Siamo degli dei tragici che discutono di come il nostro potere stia minando le basi del futuro dei nostri figli e nipoti.

Ancora: pensiamo ai ghiacciai che alimentano i fiumi da cui dipende la nostra esistenza: viene naturale spiegare il loro ruolo riprendendo il mito della vacca sacra dalle cui mammelle nascono fiumi di latte che dà la vita.

I miti ci possono aiutare a comprendere la scala temporale degli eventi che, come afferma nel libro, avvengono velocemente dal punto di vista geologico ma lentamente per l’uomo.

Sì. È la tragedia della nostra epoca: la nostra immaginazione non ci sostiene, riusciamo solo a pensare al prossimo anno o poco più in là e dobbiamo trovare un modo per connetterci con una diversa scala temporale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
andri snær magnason chiassoletteraria crisi climatica
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved