09.08.2021 - 19:21

'Le rovine del tempo' al Cima Norma Art Festival

A Torre/Blenio la 2ª edizione della manifestazione, che dal 14 agosto al 3 ottobre 2021 mette al centro un'immagine che ha accompagnato l'uomo sin dall'antichità

le-rovine-del-tempo-al-cima-norma-art-festival
Rovine intese anche come luoghi da cui ripartire

Nell'edificio industriale in disuso, oggi sede della Fondazione La Fabbrica del Cioccolato, torna il Cima Norma Art Festival con la sua manifestazione artistica interdisciplinare dedicata alle metafore del nostro tempo. Dal 14 agosto al 3 ottobre 2021 a Torre/Blenio, la 2ª edizione della manifestazione mette al centro le rovine, immagine che ha accompagnato l'uomo sin dall'antichità. ‘Le rovine del tempo’ è dunque il tema di questo 2021: le rovine del Novecento con le sue due guerre, le macerie e i rifiuti prodotti dal modello tardocapitalista, padre della crisi ecologica. Rovine intese anche come luoghi da cui ripartire. E al centro del Cima Norma di quest'anno c'è ‘Archifossile’, l'esposizione personale di Tarik Hayward, artista romando che da anni indaga con il proprio lavoro il tema delle rovine. Lo accompagna ‘Una memoria di ombre e di pietre’, montaggio di sequenze di film sul medesimo tema, a cura di Elio Schenini. Dal 9 al 23 agosto, ‘Rovine del nostro tempo’, e la mostra fotografica di Gian Paolo Minelli

Andando per eventi. Il 14 agosto alle 19, l'apertura con ‘Sonic Boom’, la performance di Hayward e Anne Rochat nata da una residenza in Cina; alle 21 il concerto di Monte Mai, trio svizzero-inglese formato nel 2019 da Fabio Pinto, Fabio Besomi e Anaïs Schmidt. Mercoledì 18 agosto, ‘Ricomposizioni’, conferenza di Martino Pedrozzi con proiezione del documentario ‘Essere felici’ (2020) di Vasco Dones e Franco Cattaneo. Venerdì 20 agosto alle 20, ‘Appunti dall’Olocene’, una lettura dal romanzo ‘L’uomo nell’Olocene’ di Max Frisch adattata da Flavio Stroppini e Monica de Benedictis, con Margherita Saltamacchia e Rocco Schira. Sabato 21, sempre alle 20, ‘La città e i suoi fantasmi’, escursione poetica con Yari Bernasconi; alle 21, Cyril Cyril in concerto, il duo ginevrino composto dal chitarrista e cantante Cyril Yeterian e dal batterista e percussionista Cyril Bondi. Il Cima Norma Art Festival è completato il 2 ottobre alle 19 da ‘Spo2’, performance di Anne e Jean Rochat su musica di Laurent Bruttin.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved