graffiti-lungo-la-costa-inglese-potrebbe-essere-banksy
Al Merrivale Model Village (facebook official)
Street art
09.08.2021 - 15:03
Aggiornamento: 16:06
Ansa, a cura de laRegione

Graffiti lungo la costa inglese: potrebbe essere Banksy

La firma nel parco in miniatura del Norfolk, il destino umano su di un muro di Lowestof: 'È lui, o qualcuno in grado d'imitarlo alla perfezione’, dicono gli esperti.

Banksy avrebbe lasciato più volte la sua firma lungo la costa orientale dell'Inghilterra negli ultimi giorni. Secondo il sito della Bbc, ci potrebbe essere proprio l'elusivo artista dietro il modello di un cottage trovato dai gestori del Merrivale Model Village di Great Yarmouth, un parco in miniatura del Norfolk. Sul piccolo edificio, infatti, campeggia la firma dello 'street artist' più famoso del mondo e la scritta “go big or go home” (fai le cose in grande o lascia perdere), affiancata dall'icona ricorrente (nelle creazioni di Banksy) del piccolo roditore.

Sul profilo Facebook del parco divertimenti si legge: “È un modello che non avevamo mai visto prima d'ora, piazzato tra i nostri piccoli cottage” e ancora “sembra che sia stato imbrattato dai vandali”. Non si ha ancora la conferma dell'autenticità dell'opera, che di solito viene comunicata dal sito o dai profili social dell'artista. Ma quello del parco in miniatura non sarebbe l'unico raid artistico compiuto dal writer negli ultimi giorni nell'East Anglia. Graffiti sono apparsi sempre a Great Yarmouth nel Norfolk, nella vicina Gorleston, e a Lowestoft nel Suffolk. Fra le raffigurazioni, un bambino che scava vicino a un marciapiede, persone che ballano su una pensilina dell'autobus e la tipica ‘claw crane’, la gru che afferra pupazzi e altri premi nelle macchinette delle sale giochi.

A detta degli esperti, si tratterebbe proprio di opere del grande Banksy, o di qualcuno in grado d'imitarlo alla perfezione.


A Lowestoft (Keystone)

 

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
banksy graffiti inghilterra street art
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved