e-cannes-non-dorme-discutendo-di-cinema
Oliver Stone (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
2 ore

Cyrille Aimée, gran finale di stagione al Jazz Cat Club

Dopo ben tre rinvii, lunedì 23 maggio ad Ascona per chiudere la 14esima stagione
Cinema
2 ore

Oscar 2023, cambiano le regole: i film devono uscire nelle sale

Il Board dell’Academy ha cambiato alcune regole. Nella categoria della miglior canzone originale abbassato da cinque a tre i brani presentabili
Spettacoli
2 ore

La Venere nera, thriller gotico a Losone

Basato sul racconto ‘La Venere d’Ille’ di Prosper Mérimée, sabato 21 maggio alle 20.30
Spettacoli
5 ore

LuganoMusica nel segno di György Ligeti e dei giovani

Presentata la stagione musicale 2022-23 del Lac, da Maurizio Pollini e la Concertgebouw ai giovani direttori Tjeknavorian e Mäkelä
Cinema
5 ore

Cannes festeggia i suoi 75 anni inneggiando al cinema

Brillano ‘Coupez!’ di Michel Hazanavicius, scelto da Thierry Fremaux per inaugurare l’edizione, e ‘For the Sake of Peace’, prodotto da Forest Whitaker
Società
6 ore

Roma, i carabinieri chiudono il Piper: ‘Risse e violenze’

Aperto nel 1965 nel quadrante Nord della capitale, ha rappresentato la risposta in salsa romana ai locali della ‘Swinging London’.
Musica
11 ore

L’Osi in San Biagio con Martijn Dendievel e Johan Dalene

Il 25enne direttore d’orchestra belga e il 21enne violinista svedese, il 16 giugno alle 20.30, si cimentano con Mozart e Mendelssohn
Musica
12 ore

Tra il Convento e Curzútt, in arrivo Monte Carasso in Jazz

Il 25 maggio all’Antico Convento delle Agostiniane i parigini ALT; il 2 giugno nel nucleo di Curzútt Danilo Boggini Hot Club de Suisse e i Lost in Swing
Spettacoli
13 ore

Festival Master Accademia Dimitri, la seconda settimana

Altre due tavole rotonde internazionali di teatro e altri spettacoli, a partire da domani
Culture
15 ore

La vita in fuga di Ulas Samchuk, la morte per fame dell’Ucraina

Un contributo di Carlo Ossola sul romanzo del 1934 ‘Maria. Cronaca di una vita’, la cui traduzione italiana sarà presentata giovedì 19 maggio al Lac
Spettacoli
16 ore

Netflix licenzia per far fronte al rallentamento della crescita

Si tratta di circa 150 dipendenti, la maggior parte negli Usa. Poche settimane fa l’azienda aveva annunciato per la prima volta una perdita di abbonati.
Culture
1 gior

Peter Sloterdijk, sulla fobocrazia nell’Aula Magna Usi

In presenza, giovedì 19 maggio alle 20.30 a Lugano, la conferenza ‘Paura di uscire dalla fobocrazia’
Spettacoli
1 gior

A Chiasso il Mullener-Hernandez-Giovanoli Trio

‘Le Stanze dell’arte’ vanno in archivio all’insegna del jazz giovedì 19 maggio alle 20.30 nel Cinema Teatro
Spettacoli
1 gior

‘Le robe di Adriano’, un libro sul Molleggiato

Per i 65 di carriera di Celentano, con prefazione di Vincenzo Mollica e interventi di Mogol e Teocoli
Spettacoli
1 gior

Newark sarà la nuova Hollywood, Lionsgate ci farà gli Studios

La città portuale del New Jersey diventerà presto un hub per produzioni televisive e cinematografiche
Spettacoli
1 gior

Il ticinese Nolan Quinn vince lo Swiss jazz award

Il premio gli verrà conferito il 25 giugno nell’ambito della 38esima edizione di JazzAscona
Spettacoli
1 gior

Cannes 75, il cinema torna in sala

Un Fuori concorso con ‘Top Gun’ e George Miller, un Concorso con i Dardenne, David Cronenberg, Kelly Reichardt, Ethan Coen
Culture
2 gior

Scuola di Musica Conservatorio, torna la ‘Passeggiata musicale’

A Riva San Vitale, Locarno, Lugano e Bellinzona, da giovedì 26 maggio a sabato 11 giugno.
Spettacoli
2 gior

Una locomotiva pardata per legare Festival e Ffs

Inaugurata alle Officine di Bellinzona la locomotrice che per un anno porterà Locarno in giro per la Svizzera
Spettacoli
2 gior

Giornata della lettura ad alta voce

Il 18 maggio si terrà la quinta edizione di questa popolare iniziativa
Spettacoli
2 gior

Eric Clapton ha il Covid: niente concerti a Zurigo e Milano

‘SlowHand’ è risultato positivo dopo l’esibizione alla Royal Albert Hall di Londra. I concerti dovrebbero essere recuperati entro l’anno
Scienze
2 gior

Astronomia, osservata la riaccensione di una stella

Rilevata per la prima volta una violenta esplosione di raggi X avvenuta sulla superficie di una nana bianca
Spettacoli
2 gior

Eurovision, provaci ancora Marius

Marius Bear è un talento che va preservato. E ‘Boys Do Cry’ non ha colpe. Anzi
Sulla Croisette
14.07.2021 - 18:02

E Cannes non dorme, discutendo di cinema

Scontri fatali tra la denuncia e l'horror, Oliver Stone torna su JFK, e una sfida al movimento Me Too

di Ugo Brusaporco

Doveva succedere, proprio il 14 luglio, festa nazionale, che molti giovani francesi, che lavorano qui al Festival neppure ricordano. Il più preparato ha detto: “Questa è la festa per la Bastiglia, quando hanno cominciato a tagliare le teste a tutti quelli che erano dentro: bisognerebbe farlo ancora e far rotolare la testa di Macron”. Al di là della confusione storica, anche qui a Cannes monta la rabbia per una situazione economica che si fa duramente sentire, anche nel giorno della festa nazionale. Ma torniamo al “doveva succedere”. Era chiaro che con 24 film in concorso, e con il desiderio da parte del direttore del Festival di offrire un panorama a 360 gradi dello stato del cinema di oggi, una discussione, anche feroce, l'avrebbe suscitata il mettere in concorso, nello stesso giorno, due film agli antipodi proprio come idea di cinema e distanza culturale. Due film come l’atteso ‘Ghahreman’ (Un eroe), diretto dal maestro iraniano Asghar Farhadi, e ‘Titane’, diretto dalla trentenne parigina Julia Ducournau. Scontro fatale, che spinge a riconoscere l'unicità e il coraggio di un Festival che ama il cinema, come questo.


‘Ghahreman’ (Un eroe), di Asghar Farhadi (foto: AmirhosseinShojaei)

Dalla denuncia all'horror

Asghar Farhadi è un decano del festival e porta con questo suo ultimo film un suo personale contributo sociale e civile alla crescita del suo Paese, attraverso una presa di posizione precisa verso l’incompetente influenza dei media, il mafioso sistema delle usure, la condizione delle donne segnate dai rigori delle tradizioni famigliari. Al centro della vicenda è un uomo finito in carcere per debiti, che aveva aperto un’attività prendendo dei prestiti, e il suo socio fuggito con i soldi lasciandolo a pagare i debiti; tra entrate e uscite dal carcere, trova l’amore di una 37enne considerata come disgrazia in famiglia, rischiando di restare zitella; ma ciò che è più importante è che s'inventa una storia per pagare il debito, storia che si mostra decisamente tragicomica. Farhadi è autore solido, il suo cinema ha un respiro perfetto, puntuale, la narrazione ha una precisa linearità e la guida degli attori è da applausi. Già si vocifera, non casualmente, di un suo premio nel Palmarès. Ma è proprio il confronto con l'altro film in concorso ‘Titane’, annunciato come un horror, che fa nascere problemi che vanno al di là del genere cinematografico, per affermare, urlando, il peso autoriale femminile rispetto a quello maschile. Il cinema non è neutro, né bipartisan, è espressione di una mente, di un desiderio, di un sogno, del peso della realtà. ‘Titane’ nega subito qualsiasi facile identità, reclamando invece una precisa maternità autoriale. Julia Ducournau compone un film dove l'identità sessuale è profanata, dove lo stesso mettere al mondo esalta il miracolo ermafrodita, un film dove immagini e suoni lasciano il sapore del sangue che scorre, dove l'ignoranza generale è presa in giro per il suo eunucale esistere. Un film dove la trama si scioglie in emozione, dove la grandezza di un attore come Vincent Lindon viene celebrata e dove si scopre una grande attrice al debutto come l'artista multimediale Agathe Rousselle.


‘Titane', di Julia Ducournau (foto: Carole Bethuel)

Non affidare la Storia al falso

Il cinema non è quello che Netflix vende, ma quello che vive a Cannes. Trent’anni dopo ‘JFK’, Oliver Stone ritorna su quell’ omicidio irrisolto che ancora oggi segna il destino di un paese come gli Stati Uniti d’America, quello del 35esimo presidente John Fitzgerald Kennedy, e lo fa in base a nuovi documenti e testimonianze emerse proprio dopo l’uscita del suo film nel 1991. Servendosi di narratori vincitori dell'Oscar come Whoopi Goldberg e Donald Sutherland, nonché di un distinto team di esperti medici e balistici, storici e testimoni, Stone presenta prove per convincerci che nel caso Kennedy siamo passati dalla “teoria della cospirazione” alla sicurezza, che si è trattato di una vera “cospirazione”. Si tratta di un documentario, qui fuori concorso, che demolisce tutte le prime indagini fatte da importanti commissioni come la Warren, arrivando a concretizzare il fatto che il presunto omicida di Kennedy, Lee Harvey Oswald, sia estraneo al fatto, come dimostrano le ultime cartelle sul caso rese disponibili in quanto desecretate. Carte che portano dritte a una collusione tra criminali anticastristi, Cia, Fbi, e altre associazioni irritate dalle scelte di politica estera di JFK. C’è in Stone il chiaro intento pedagogico, didattico, di non affidare alla Storia il falso: quel giorno, quel 22 novembre 1963, sul presidente americano spararono da diversi punti, Oswald non discese mai dalle scale del palazzo da cui le indagini hanno fatto partire i colpi, il fucile mostrato non era lo stesso che Oswald possedeva e che si vede nelle fotografie, era della stessa marca ma di un altro modello che egli non aveva mai avuto e che su cui non c'erano le sue impronte. Ma allora perché? Perché non fu fatta l’autopsia al corpo di Kennedy nell'ospedale in cui era stato portato subito e dove era morto, ma solo dopo in una sede della Marina con esperti che non erano esperti? E perché era mostrato un cervello integro spacciandolo per quello di Kennedy quando brandelli della sua materia grigia erano sparsi sul sedile dell’auto e sua moglie Jacqueline ne aveva raccolto un pezzo sul cofano per darlo ai chirurghi dell'ospedale? Si resta sconvolti di fronte alle prove. Oliver Stone ha colpito ancora.

Roth e dintorni

Ancora fuori concorso, ‘Tromperie’ (Inganno) di Arnaud Desplechin, altro film che fa discutere, soprattutto il mondo anglosassone che ha visto nel film una sfida al movimento Me Too. Il fatto è che la pellicola, il cui titolo internazionale è ‘Deception’, perché tratto dall’omonimo romanzo di Philip Roth, ha come peccato originale proprio Roth ritenuto misogino dal movimento, e non a caso anche la sua biografia è stata mandata al macero, non solo per le colpe dell’autore, Blake Bailey, ritenuto colpevole di almeno due stupri, ma come preciso segnale contro tutta la sua ampia bibliografia. Il romanzo, in parte autobiografico, è stato dato alle stampe nel 1990, il film situa l'azione nel 1987 a Londra. Incontriamo il cinquantenne Philip (un bravissimo Denis Podalydes), famoso scrittore americano che qui vive in esilio. Scopriamo che ha un’amante ben più giovane di lui (la straordinaria Léa Seydoux, da sola vale la visione del film, da notare che è presente in quattro film a Cannes quest'anno) che viene regolarmente a trovarlo nel suo ufficio, diventato rifugio per i due amanti; qui fanno l'amore, litigano, si riconciliano e parlano per ore di tutto: delle donne che segnano la vita di lui – una studentessa diventata folle, un’amica distrutta da un cancro mortale – parlano del sesso, della differenza che c’è nel fare l’amore con un circonciso, si confrontano sull'antisemitismo, che lui come ebreo sente particolarmente forte e vivo più in Inghilterra che negli Usa, discutono di letteratura, e della fedeltà a se stessi e a i loro coniugi. Sono entrambi sposati, lei ha anche un figlio.

Arnaud Desplechin dà vita a un film interessante, conscio che proprio ‘Deception’ è solitamente considerato uno degli sforzi letterari più deboli di Roth. Forse proprio per la sua ombra pesante nel gioco narrativo, il regista cerca di affrancarsi dallo scritto dell’amato scrittore, e proprio il cinema lo aiuta. Più che in altre occasioni, si sente come sia riuscito ad abbattere le barriere tra letteratura, teatro, cinema. Non è poco. Molto interessante è l'inserimento di una scena non presente nel libro, che vede lo scrittore al banco degli imputati in un processo in cui lo si accusa di disprezzare le donne, un tentativo del regista, probabilmente, di evitare al film di essere giudicato come i libri di Roth o, forse, per difendere la memoria di uno dei più noti e premiati scrittori statunitensi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cannes festival metoo oliver stone philip roth
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved