KAMKE T. (GER)
0
STRICKER D. (SUI)
2
fine
(4-6 : 6-7)
dante-le-ruspe-e-il-fanciullino-pelu
Ragazzaccio
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
1 ora

‘Taac’, il Milanese Imbruttito sbarca al cinema

La grande popolarità della pagina social ha portato un film con Germano Lanzoni, Claudio Bisio e Paolo Calabresi. Dal 7 dicembre.
Spettacoli
17 ore

Tra jazz, nuove musiche e Florian Favre Trio

Il pianista a Jazz in Bess il 4 dicembre per la rassegna di Rete Due, con Manu Hagmann (contrabbasso) e Arthur Alard (batteria)
Spettacoli
17 ore

‘Liricomincio’ al Sociale, il ritorno di Ale e Franz

Cavalli di battaglia, pezzi inediti, situazioni riviste e riadattate. 25 anni di storia in scena martedì 30 novembre alle 20.45 a Bellinzona (con band)
Cinema
18 ore

‘Lede dignità’: gli eredi di Aldo Gucci contro ‘House of Gucci’

La produzione ‘non s’è curata d’interpellare gli eredi prima di descriverlo’ e, ‘ancor più censurabile’, ha trasformato Patrizia Reggiani in ‘una vittima’
Streaming
19 ore

I Simpsons vanno in piazza Tienanmen e Disney+ li oscura

Sul servizio streaming di Hong Kong non v’è traccia dell’episodio. Il gigante dell’intrattenimento non dà spiegazioni. Nemmeno il governo locale
Spettacoli
20 ore

Emma Dante e la catartica danza della misericordia

Nello spettacolo andato in scena al San Materno di Ascona ci sono tutto l’amore e la violenza delle famiglie immaginate da Emma Dante
Culture
1 gior

The Deep NEsT: è la volta di Doris Femminis

Dopo Aldina Crespi il professor Vecchioni, Diego Passoni e Giulia, tocca alla scrittrice ticinese accomodarsi nel nido di Bandecchi e La Rosa
L’intervista
1 gior

Gardi Hutter, c’è del comico nella catastrofe

‘L’esperta della morte allegra’ in scena il prossimo 3 dicembre al Cinema Teatro di Chiasso in ‘Gaia Gaudi’, spettacolo ‘intergenerazionale’ sul trapasso
Architettura
1 gior

Aurelio Galfetti, ‘Costruire lo spazio’ a Mendrisio

Mercoledì primo dicembre al Teatro dell’Architettura la presentazione dei tre saggi raccolti nel volume edito da Mendrisio Academy Press
Arte
1 gior

Dopo 25 anni, ‘Nudo maschile in piedi’ attribuito a Lucian Freud

Secondo alcuni, il dipinto sarebbe addirittura un autoritratto che l’artista voleva nascondere per imbarazzo, forse destinato a Francis Bacon
Culture
1 gior

Casa della Letteratura, Alberto Nessi con Zeno Gabaglio

È l’evento che giovedì 2 dicembre alle 18.30 chiude a Lugano la stagione 2021. Introduce e modera Fabiano Alborghetti
Covid e Cultura
1 gior

Sì alla Legge Covid-19: ‘La Taskforce Culture è soddisfatta’

Alla fiducia popolare segua, da parte del Parlamento, l’estensione delle misure di compensazione e lo scudo protettivo a sostegno del settore culturale
La recensione
1 gior

Osi al Lac: il romanticismo tedesco

François Leleux non oltre una piatta lettura delle tre opere in programma. Serva da stimolo per un cambiamento di rotta. Ma Sergej Krylov è poesia
Culture
1 gior

Dalla mostra al romanzo, da ‘Real bodies’ a ‘Guasti’

‘Real bodies, i corpi del mistero’, mostra a Lugano dal 16.12, è lo spunto per la lettura del romanzo di Giorgia Tribuiani, nato da un’analoga esposizione
LongLake Festival Lugano
10.06.2021 - 22:400
Aggiornamento : 23:16

Dante, le ruspe e il fanciullino Pelù

Il Sommo Poeta, Firenze, Greta e il Molino: il rocker-scrittore si è raccontato come in ‘Spacca l'infinito’. La musica non c'era, ma è stato come se ci fosse

A Lugano si parla di Dante e c’è il Verga. Gianluca. Sul palco ci sono il presentatore e il rocker, ma non c’è l’asta del microfono e, soprattutto, il rocker è seduto e alle sue spalle non c’è nessuno che suoni. Ma il distanziamento sociale non c'entra. Per volere di Tortuga Magazine, dal LongLake Festival è transitato il Piero Pelù scrittore, ma che di musica non ha lesinato nella buona ora e più di dialogo sul suo ‘Spacca l’infinito’ (Giunti, Firenze 2021), liberamente tratto da “Spacca l’infinito e rubagli un minuto al mondo” (‘Gigante’, Sanremo 2019, l’ultimo festival col pubblico in sala), sottotitolo ‘Il romanzo di una vita’. Sinossi telegrafica del romanzo di una vita: Piero scende dal palco, si siede su di una panchina e arriva il ragazzino “rompiballe che lo interroga, anche infastidendolo” (cit. il Verga); ma il ragazzino non è il primo rompiballe che passa, è Piero Pelù nato a Firenze il 10 febbraio del 1962, più tardi cantautore italiano. «La parte più infantile di noi è un grande valore aggiunto», dice il Pelù al Verga; «È importante mantenere un dialogo col bimbo che siamo stati. I bambini hanno uno sguardo disincantato sul mondo, disinteressato, e a volte dicono verità meravigliose che noi adulti ci scordiamo, impegnati come siamo a sminuirci se usiamo la chiave del bambinesco, una chiave naïf, snobbata come quell’arte che ci ha dato Ligabue» (il pittore, per non far confusione tra rocker).

Il fanciullino è solo una parte del racconto del Pelù letterario (rewind) che arriva al LongLake dopo avere letto Dante nella sua Firenze con Aldo Cazzullo del Corriere della Sera, autore di ‘A riveder le stelle’, forse in tour col rocker per una doppia interpretazione del Sommo Poeta. L’antefatto del potenziale tour letterario è una parte di ‘Spacca l’infinito’: sono i cinque anni di liceo classico del teenager Pelù, «un incubo durato 1'825 giorni (il conto glielo fanno in platea, ndr) dal quale salvo Leopardi, Ungaretti e le terzine più musicali di Dante, che al tempo mi convinsero che l’italiano è lingua musicale e adattabile a qualsiasi genere». E i Litfiba ringraziano. «Ho fatto tesoro di quelle letture e i miei sogni di studi d’arte li ho messi in pratica nelle copertine dei dischi, nei video che ho diretto, nelle scenografie, nei costumi di scena».

Tolleranza

A un intrattenitore come il Pelù riesce facile descriverti la Firenze degli anni '70, una città «tutto sommato felice in un’epoca in cui i ragazzi italiani s’ammazzavano per strada, a destra e sinistra»; Firenze che negli anni di piombo era «una specie di Woodstock, piena di gente che faceva viaggi psichedelici dai quali qualcuno non è mai rientrato, e che come tutte le altre città ha vissuto la deriva dell’eroina che ai Litfiba portò via il grande Ringo De Palma»; Firenze città «dalla grande apertura mentale e culturale, frutto di decenni di antifascismo», Firenze «tollerante, perché laddove la tolleranza manca si scade nello scontro sociale che non ha futuro. Perché l’intolleranza chiama la violenza e la violenza chiama le ruspe. E le ruspe non sono mai una soluzione».

La Lugano che applaude (vuoi darle torto?) ascolta il Pelù viaggiatore – «Ho amato Salgari, anche io ho scritto ‘Istanbul’ o ‘Tziganata’ parlando di luoghi in cui non ero mai stato, a volte la fantasia riesce a essere migliore della realtà che vai a scoprire» – il Pelù ‘Thunberg’, quello del Clean Beach tour che a Sanremo, tra un ‘Gigante’ e l’altro, puliva la spiaggia – «Ho dedicato la canzone a Greta non perché è stata la prima a dire queste cose, ma perché ha rinnovato il messaggio alle generazioni nate dal consumismo più estremo» – e altri piacevolissimi Pelù da recuperare tra le pagine. Verso la fine, il Verga riporta il Pelù alle origini, non senza un pensiero alla categoria che più ha pagato la pandemia: «Il tour di ‘Pugili fragili’ (l’ultimo album, ndr) era pronto e mi son sentito talmente frustrato da mettere in piedi un romanzo, da offrirmi per fare l’interprete di Dante e partecipare a un film di Claudio Amendola, ‘I cassamortari’ (in uscita, ndr), e ora riesco a recuperare il tour elettrico, il Gigante Tour, con Finaz», al secolo Alessandro Finazzo, chitarrista della Bandabardò. Il saluto a Erriquez, leader del gruppo folk fiorentino morto a febbraio, è l’ultimo Pelù al LongLake, che saluta alla Pelù: «Rock and roll, ragazzacci». A pensarci ora, la musica non c’era, ma non se n'è accorto nessuno.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved