dante-le-ruspe-e-il-fanciullino-pelu
Ragazzaccio
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
36 min

Arzo, un ciclo d’incontri accompagna il Festival di narrazione

Big Data, stereotipi, frontiera e il G8 di Genova. Dal 18 al 21 agosto, parallelamente al Festival, alla Corte dei Miracoli di Arzo
Culture
40 min

La storia del Grigioni italiano attraverso le teche Rsi

Sabato 20 agosto a Roveredo, nella Sala patriziale del comune. Modera Fabrizio Casati; sul palco, a commentare i filmati, Bruno Bergomi e Federico Jolly
Musica
1 ora

Vent’anni di Vallemaggia Magic Blues con tanto di record

Il 20esimo ha battuto per spettatori pure il 18esimo zeppo di star. A Gordevio in 1’700 per Philipp Fankhauser. Il Producing team è già al lavoro sul 2023
Locarno 75
2 ore

Il deserto di Adnane Baraka, tra mistero e complessità umana

Il regista unisce nomadi e scienziati che cercano tracce sull’origine della vita, e il documentario sulla ricerca diventa esperienza poetica e metafisica
Culture
2 ore

Spider-Man, compie 60 anni il più giovane dei supereroi Marvel

Creato nell’agosto del 1962 da Stan Lee, con la collaborazione geniale del disegnatore Steve Ditko, ha ritrovato nuova gloria al cinema con Sam Raimi
Spettacoli
3 ore

L’India rifà ‘Forrest Gump’, e c’è chi grida al boicottaggio

Centinaia di integralisti riuniti davanti ai cinema hanno cercato di impedire l’accesso al pubblico nell’Uttar Pradesh: ‘Ridicolizzate le divinità indù’
Locarno 75
5 ore

Zsuzsi Bánkuti è la nuova responsabile di Open Doors

Dalla guida ad interim a quella in prima persona: ‘Non vedo l’ora di scoprire e promuovere nuovi talenti provenienti da questa vibrante regione’
Spettacoli
6 ore

Anne Heche senza speranza: ‘È cerebralmente morta’

A una settimana dal terribile incidente, l’annuncio della famiglia. ‘Donerà gli organi’
Open Doors
8 ore

L’epopea dei profughi cubani che incrina il mito rivoluzionario

‘La opcíon cero’ di Marcel Beltràn è una testimonianza cruda dell’esodo dall’Isola delle Grandi Antille. ‘Una storia reale che non dà risposte’.
Culture
8 ore

È morto il fumettista Sempè, ‘padre’ del Piccolo Nicolas

Creò il celebre personaggio con René Goscinny, uno dei padri di ‘Asterix’. Firmò copertine del New Yorker e di Paris Match: tutta la Francia lo piange
Locarno 75
10 ore

Il sesso, i sessi, in concorso

Valentin Merz e ‘De noche los gatos son pardos’, premio LGBT (se ci fosse), e ‘Piaffe’, fiction d’esordio di Ann Oren
L’intervista
13 ore

La confessione di Costa-Gavras

L’esordio noir, il film politico, la crisi greca, i silenzi di ‘Amen’. E il Collège in cui insegna a leggere il cinema. Il Pardo alla carriera si racconta
Locarno 75
20 ore

Canta in Piazza la lotta femminile di Annie Colère

Il film di Lenoir, in Piazza oggi, racconta le battaglie delle donne per il diritto all’aborto: una storia che invita alla rivolta cosciente e civile
LongLake Festival Lugano
10.06.2021 - 22:40
Aggiornamento: 23:16

Dante, le ruspe e il fanciullino Pelù

Il Sommo Poeta, Firenze, Greta e il Molino: il rocker-scrittore si è raccontato come in ‘Spacca l'infinito’. La musica non c'era, ma è stato come se ci fosse

A Lugano si parla di Dante e c’è il Verga. Gianluca. Sul palco ci sono il presentatore e il rocker, ma non c’è l’asta del microfono e, soprattutto, il rocker è seduto e alle sue spalle non c’è nessuno che suoni. Ma il distanziamento sociale non c'entra. Per volere di Tortuga Magazine, dal LongLake Festival è transitato il Piero Pelù scrittore, ma che di musica non ha lesinato nella buona ora e più di dialogo sul suo ‘Spacca l’infinito’ (Giunti, Firenze 2021), liberamente tratto da “Spacca l’infinito e rubagli un minuto al mondo” (‘Gigante’, Sanremo 2019, l’ultimo festival col pubblico in sala), sottotitolo ‘Il romanzo di una vita’. Sinossi telegrafica del romanzo di una vita: Piero scende dal palco, si siede su di una panchina e arriva il ragazzino “rompiballe che lo interroga, anche infastidendolo” (cit. il Verga); ma il ragazzino non è il primo rompiballe che passa, è Piero Pelù nato a Firenze il 10 febbraio del 1962, più tardi cantautore italiano. «La parte più infantile di noi è un grande valore aggiunto», dice il Pelù al Verga; «È importante mantenere un dialogo col bimbo che siamo stati. I bambini hanno uno sguardo disincantato sul mondo, disinteressato, e a volte dicono verità meravigliose che noi adulti ci scordiamo, impegnati come siamo a sminuirci se usiamo la chiave del bambinesco, una chiave naïf, snobbata come quell’arte che ci ha dato Ligabue» (il pittore, per non far confusione tra rocker).

Il fanciullino è solo una parte del racconto del Pelù letterario (rewind) che arriva al LongLake dopo avere letto Dante nella sua Firenze con Aldo Cazzullo del Corriere della Sera, autore di ‘A riveder le stelle’, forse in tour col rocker per una doppia interpretazione del Sommo Poeta. L’antefatto del potenziale tour letterario è una parte di ‘Spacca l’infinito’: sono i cinque anni di liceo classico del teenager Pelù, «un incubo durato 1'825 giorni (il conto glielo fanno in platea, ndr) dal quale salvo Leopardi, Ungaretti e le terzine più musicali di Dante, che al tempo mi convinsero che l’italiano è lingua musicale e adattabile a qualsiasi genere». E i Litfiba ringraziano. «Ho fatto tesoro di quelle letture e i miei sogni di studi d’arte li ho messi in pratica nelle copertine dei dischi, nei video che ho diretto, nelle scenografie, nei costumi di scena».

Tolleranza

A un intrattenitore come il Pelù riesce facile descriverti la Firenze degli anni '70, una città «tutto sommato felice in un’epoca in cui i ragazzi italiani s’ammazzavano per strada, a destra e sinistra»; Firenze che negli anni di piombo era «una specie di Woodstock, piena di gente che faceva viaggi psichedelici dai quali qualcuno non è mai rientrato, e che come tutte le altre città ha vissuto la deriva dell’eroina che ai Litfiba portò via il grande Ringo De Palma»; Firenze città «dalla grande apertura mentale e culturale, frutto di decenni di antifascismo», Firenze «tollerante, perché laddove la tolleranza manca si scade nello scontro sociale che non ha futuro. Perché l’intolleranza chiama la violenza e la violenza chiama le ruspe. E le ruspe non sono mai una soluzione».

La Lugano che applaude (vuoi darle torto?) ascolta il Pelù viaggiatore – «Ho amato Salgari, anche io ho scritto ‘Istanbul’ o ‘Tziganata’ parlando di luoghi in cui non ero mai stato, a volte la fantasia riesce a essere migliore della realtà che vai a scoprire» – il Pelù ‘Thunberg’, quello del Clean Beach tour che a Sanremo, tra un ‘Gigante’ e l’altro, puliva la spiaggia – «Ho dedicato la canzone a Greta non perché è stata la prima a dire queste cose, ma perché ha rinnovato il messaggio alle generazioni nate dal consumismo più estremo» – e altri piacevolissimi Pelù da recuperare tra le pagine. Verso la fine, il Verga riporta il Pelù alle origini, non senza un pensiero alla categoria che più ha pagato la pandemia: «Il tour di ‘Pugili fragili’ (l’ultimo album, ndr) era pronto e mi son sentito talmente frustrato da mettere in piedi un romanzo, da offrirmi per fare l’interprete di Dante e partecipare a un film di Claudio Amendola, ‘I cassamortari’ (in uscita, ndr), e ora riesco a recuperare il tour elettrico, il Gigante Tour, con Finaz», al secolo Alessandro Finazzo, chitarrista della Bandabardò. Il saluto a Erriquez, leader del gruppo folk fiorentino morto a febbraio, è l’ultimo Pelù al LongLake, che saluta alla Pelù: «Rock and roll, ragazzacci». A pensarci ora, la musica non c’era, ma non se n'è accorto nessuno.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
longlake festival lugano piero pelù ruspe tolleranza
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved