BUF Sabres
Seattle Kraken
01:00
 
MON Canadiens
VAN Canucks
01:30
 
WIN Jets
ARI Coyotes
01:30
 
PHI Flyers
0
NY Islanders
0
fine
ellen-birath-dinamite-svedese-alla-festa-del-jazz-cat
Ellen Birath, tra Ella e Louis
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
5 ore

Tra jazz, nuove musiche e Florian Favre Trio

Il pianista a Jazz in Bess il 4 dicembre per la rassegna di Rete Due, con Manu Hagmann (contrabbasso) e Arthur Alard (batteria)
Spettacoli
5 ore

‘Liricomincio’ al Sociale, il ritorno di Ale e Franz

Cavalli di battaglia, pezzi inediti, situazioni riviste e riadattate. 25 anni di storia in scena martedì 30 novembre alle 20.45 a Bellinzona (con band)
Cinema
7 ore

‘Lede dignità’: gli eredi di Aldo Gucci contro ‘House of Gucci’

La produzione ‘non s’è curata d’interpellare gli eredi prima di descriverlo’ e, ‘ancor più censurabile’, ha trasformato Patrizia Reggiani in ‘una vittima’
Streaming
8 ore

I Simpsons vanno in piazza Tienanmen e Disney+ li oscura

Sul servizio streaming di Hong Kong non v’è traccia dell’episodio. Il gigante dell’intrattenimento non dà spiegazioni. Nemmeno il governo locale
Spettacoli
8 ore

Emma Dante e la catartica danza della misericordia

Nello spettacolo andato in scena al San Materno di Ascona ci sono tutto l’amore e la violenza delle famiglie immaginate da Emma Dante
Culture
1 gior

The Deep NEsT: è la volta di Doris Femminis

Dopo Aldina Crespi il professor Vecchioni, Diego Passoni e Giulia, tocca alla scrittrice ticinese accomodarsi nel nido di Bandecchi e La Rosa
L’intervista
1 gior

Gardi Hutter, c’è del comico nella catastrofe

‘L’esperta della morte allegra’ in scena il prossimo 3 dicembre al Cinema Teatro di Chiasso in ‘Gaia Gaudi’, spettacolo ‘intergenerazionale’ sul trapasso
Architettura
1 gior

Aurelio Galfetti, ‘Costruire lo spazio’ a Mendrisio

Mercoledì primo dicembre al Teatro dell’Architettura la presentazione dei tre saggi raccolti nel volume edito da Mendrisio Academy Press
Arte
1 gior

Dopo 25 anni, ‘Nudo maschile in piedi’ attribuito a Lucian Freud

Secondo alcuni, il dipinto sarebbe addirittura un autoritratto che l’artista voleva nascondere per imbarazzo, forse destinato a Francis Bacon
Culture
1 gior

Casa della Letteratura, Alberto Nessi con Zeno Gabaglio

È l’evento che giovedì 2 dicembre alle 18.30 chiude a Lugano la stagione 2021. Introduce e modera Fabiano Alborghetti
Covid e Cultura
1 gior

Sì alla Legge Covid-19: ‘La Taskforce Culture è soddisfatta’

Alla fiducia popolare segua, da parte del Parlamento, l’estensione delle misure di compensazione e lo scudo protettivo a sostegno del settore culturale
La recensione
1 gior

Osi al Lac: il romanticismo tedesco

François Leleux non oltre una piatta lettura delle tre opere in programma. Serva da stimolo per un cambiamento di rotta. Ma Sergej Krylov è poesia
Culture
1 gior

Dalla mostra al romanzo, da ‘Real bodies’ a ‘Guasti’

‘Real bodies, i corpi del mistero’, mostra a Lugano dal 16.12, è lo spunto per la lettura del romanzo di Giorgia Tribuiani, nato da un’analoga esposizione
Musica
1 gior

Al Jazz Cat Club le magie musicali di ‘Mr. Beautiful’

George Cables, leggendario pianista, in quartetto lunedì 29 novembre al Jazz Cat Club di Ascona. Con lui, al sax, Piero Odorici, che abbiamo incontrato
Jazz Cat Club
20.05.2021 - 17:450
Aggiornamento : 18:22

Ellen Birath, dinamite svedese alla festa del Jazz Cat

Domenica 23 maggio al 'Gatto' con il sassofonista irlandese Paddy Sherlok nell’ambito del Jazz Cat Spring Fest (venerdì 21 al Sociale Karima, e sabato Faraò).

“Välkommen tillbaka till Ascona, Ellen!”. Il bentornato ad Ascona, in svedese, oggi lo diamo a Ellen Birath. L’esplosiva e carismatica cantante originaria di Lund, nel sud della Svezia, parigina d’adozione, aveva infiammato JazzAscona negli scorsi anni e ora torna al Teatro del Gatto con uno spettacolo dedicato a Ella Fitzgerald e Louis Armstrong, che porta in scena assieme al suo compagno di avventure di lungo corso, il sassofonista irlandese Paddy Sherlok.

I due concerti (domenica 23 maggio, ore 19 e in replica 21) si svolgono nell’ambito del Jazz Cat Spring Fest, rassegna con cui il Jazz Cat Club rilancia le sue attività dal vivo e che ha in serbo tre altri appuntamenti: questa sera, giovedì 20 maggio (ore 19 e 21) al Teatro del Gatto con il bluesman Christian Willisohn; venerdì 21 maggio (ore 20.45) al Teatro Sociale di Bellinzona con la cantante Karima; sabato 21 al Sociale (ore 20.45) con l’acclamato jazzista italiano Antonio Faraò e il suo trio.

Ellen Birath e la musica: una storia d’amore nata come?

Sin da piccola, ascoltando di tutto: la classica di mio nonno, i dischi dei Pink Floyd e i Led Zeppelin di mio padre, il jazz, che ho scoperto grazie a una compilation di Billie Holiday di mia madre, il glam rock di David Bowie, dei Queen e dei T Rex, per i quali andavo matta. Per farla breve, a 11 o 12 anni ho cominciato a sognare di voler fare la cantante: avevo un’insegnante che mi diceva che ero brava, così, visto che non sapevo fare bene nient’altro, la musica e il desiderio di poter far parte di quel mondo sono diventati la mia ossessione. Ho cominciato a seguire lezioni di piano, a 15 ho scritto la mia prima canzone e al liceo ho studiato ingegneria del suono essendo troppo timida per salire sul palco. Quando poi ho compiuto 18 anni mi sono trasferita a Parigi, dove ho finalmente osato fondare la mia band e diventare musicista a tempo pieno.

I tuoi gusti musicali sono dunque molto ampi, e tutto confluisce nel jazz...

Penso decisamente che tutto confluisca nel jazz in qualche forma. Il jazz è la musica del popolo, o almeno dovrebbe esserlo, anche se a volte può sembrare un po’ elitaria. Personalmente non potrei mai ascoltare un unico stile di musica, perché non è così che funziona. La musica mescola all’infinito le culture, prende in prestito suoni e melodie, adatta i ritmi tradizionali. La musica jazz è un mix di elementi diversi, è questo che la rende così immensa ed eccitante.

A Parigi che cosa hai trovato di speciale?

A Parigi dovevo restare per sei mesi, e ora sono più di 12 anni che ci abito! Mi sono innamorata della sua bellezza, della sua luce, ma forse in definitiva soprattutto di quel senso di libertà e di anonimato che ho trovato lì. Una vera scoperta per una come me, che veniva da una piccola cittadina svedese dove tutto può apparire abbastanza limitato e fissato una volta per tutte, come se ci fosse un’unica via percorribile. A Parigi tutto è possibile!

Il sassofonista e cantante irlandese Paddy Sherlock è stato l’incontro decisivo, vero?

È successo che il giorno in cui Paddy venne a suonare nel bar in cui lavoravo come barista, mia sorella mi spinse letteralmente sul palco a cantare con lui... È così che ci siamo incontrati. Paddy è stata la prima persona a dirmi che credeva che potessi fare musica a livello professionale. Mi ha convinto a credere nei miei mezzi, spinto a mettere insieme la mia band quando avevo 21 anni, fatto avere un ingaggio regolare al Coolin a Parigi, subito dopo avermi portata a suonare al mio primo festival, ad Ascona nel 2012, dove ho incontrato alcuni dei musicisti con cui suono ancora oggi.

Domenica tu e Paddy presentate uno spettacolo dedicato a Ella & Louis. Come vi siete confrontati con due artisti così immensi e iconici del jazz? E cosa dobbiamo aspettarci?

Il fatto è che non cerchiamo mai d’imitarli, vogliamo solo celebrare e onorare questo repertorio che comprende veramente alcune delle più belle canzoni mai scritte. Amiamo sinceramente Ella e Louis e la magia che hanno saputo creare. Per noi è stato un modo meraviglioso di lavorare insieme come amici. Lo spettacolo regalerà al pubblico emozioni e speriamo anche qualche risata. Io e Paddy cerchiamo sempre di fare le cose con generosità, senza prenderci troppo sul serio, con un pizzico di umorismo, uno degli ingredienti più importanti, credo, in una performance dal vivo. Specialmente dopo un anno come quello passato…

Jazz Cat Spring Fest dal 20 al 23 maggio. Programma e info: www.jazzcatclub.ch


Ellen Birath con Paddy Sherlok

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved